Categorie
economia e affari sociali

Addio all'economia (sociale) di mercato?

(Rilasciato a luglio 2020)

"I politici stanno cercando di salvare il mondo di ieri con il denaro della banca centrale creato artificialmente - e quindi si stanno perdendo il futuro".                    Gabor Steingart (4)

Nel corso della crisi del corona, tutte le regole economiche vengono gettate in mare a Bruxelles, presieduta dal Cancelliere federale, e tutta l'esperienza passata, secondo la quale l'inflazione deve seguire un eccesso di denaro, viene dichiarata non valida.

Carino Isacco Newton (1642-1727), in qualità di maestro di zecca reale, espresse il parere:
"Se la quantità di moneta in circolazione raddoppia, ma tutto il resto rimane invariato, i prezzi raddoppiano.
"
Da scienziato rigorosamente logico, difficilmente sarebbe stato in grado di comprendere l'"economia post-fattuale" e la "Teoria Monetaria Moderna" (MMT) di oggi[io]. 

Ludovico Erhard (1897-1977), il padre dell'"economia sociale di mercato", ha lanciato invano un monito il 21 marzo 1962:
"C'è ancora tempo, ma è giunto il momento di esercitare la riflessione e di sfuggire all'illusione. Come se fosse possibile che un popolo voglia consumare più di quanto lo stesso popolo possa o sia disposto a produrre in valori reali".

Coloro che fanno male nell'UE ora hanno diritto ad aiutare! Questi sono ad es. T. concesso incontrollato e senza essere costretto a fare le necessarie riforme. Solo gli ottimisti incorreggibili credono che paesi economicamente deboli come la Grecia, l'Italia o la Spagna ripagheranno mai i loro debiti (senza interessi).

Aiuto corona deciso:

Originariamente 750 miliardi di EUR, di cui 250 miliardi di EUR in prestito e 500 miliardi di EUR in regalo.

Obiezione dei "quattro frugali": Danimarca, Paesi Bassi, Austria, Svezia, successivamente integrati dalla Finlandia.

Nei colloqui dietro le quinte, è stata trovata una soluzione attraverso la corruzione:

Sconto annuale per:
Danimarca 1.069 milioni ) messi insieme
Paesi Bassi 300 milioni ) 1.797 milioni
Austria 428 milioni ) all'anno

Decisione:
Si resta a 750 miliardi, di cui 390 miliardi in prestito (per il 2021-27), ovvero "solo" 360 miliardi invece di 500 miliardi in regalo.

A questo si aggiunge il bilancio record dell'UE 2021-27 di 1.100 miliardi di euro in 7 anni.

Si spera che il secondo aiuto che un po' di paura non sarà necessario.

L'approvazione del Parlamento Ue è ancora in attesa. Questo ha il coraggio di chiedere qualcosa di più di semplici riparazioni estetiche?

Per confronto:
Bilancio federale 2019 (in euro): 326,4 miliardi di euro
Prodotto interno lordo (PIL) RFG 2019: 3.440 miliardi di euro
Debito pubblico della RFT: oltre 2.000 miliardi[2]

I 750 miliardi promessi sono molto più del doppio (230 %) del bilancio federale per il 2019, o ben più di un quinto (21%) del prodotto interno lordo tedesco per il 2019.

La donazione di 360 miliardi è ancora significativamente superiore al budget federale per il 2019.

Speriamo che i nostri amici e partner nell'UE non pensino che i tedeschi pagheranno tutto!

Secondo politici e media filogovernativi, la Germania può fare tutto allo stesso tempo: accogliere i richiedenti asilo, contenere la crisi del Corona, attuare la transizione energetica come modello per il resto del mondo, salvare l'euro e l'UE!

Nel introduzione dell'euro e anche dopo è stato più volte assicurato che non ci sarebbe stata alcuna responsabilità solidale, nessun debito o unione di trasferimento.

"L'euro sarà stabile come il D-Mark"
ha promesso l'omonimo dell'euro, ministro delle Finanze Teo Waigel, responsabile dei negoziati per l'introduzione dell'unione monetaria.
Dopo meno di 20 anni dall'euro, tutto questo è dimenticato!

Ora la Commissione Ue può accendere prestiti per i quali non c'è ancora il controfinanziamento. Resta da vedere fino a che punto le nuove tasse previste saranno sufficienti. (Una tassa sulla plastica sulla plastica non riciclabile sarà introdotta nel 2021. Una tassa digitale e una CO2- seguirà la tassa di frontiera).

Il grande vincitore è la Francia, che ha lottato per l'unione del debito sin dall'introduzione dell'euro.

Ancora gli euro perdono valore si presenta prezzo dell'oro (per oncia troy):
Quando l'euro è stato introdotto nel 2001: circa 390 euro
Luglio 2020: circa 1.600 euro
Economisti come Günter Hannich hanno previsto questa esplosione del prezzo dell'oro a causa dell'euro (e del dollaro) mal costruito.

Un paio I dati sulla situazione finanziaria di alcuni importanti paesi dell'UE:
(Esclusa la Gran Bretagna che praticamente non è più nell'UE).

debito nazionale in % del prodotto interno lordo 2019 (dovrebbe essere inferiore a 60%):

Danimarca: 35.3

Germania: 63,9

Finlandia: 61.3

Francia: 98,5

Grecia: 181,8

Italia: 131,8

Paesi Bassi: 49.1

Austria 78.6

Polonia: 50.6

Portogallo: 125,7

Svezia 40.8

Spagna: 98,4 (laenderfiles.de)

Francia, Grecia, Italia, Portogallo e Spagna sono sovraindebitati e si aspettano aiuto. Da soli, difficilmente possono dare un contributo sufficiente alla pulizia dei loro paesi. Le riforme necessarie con urgenza vengono rifiutate per motivi interni, purché ci si aspetta che altri (soprattutto la Germania) colmino i buchi di bilancio!

risorse uno pro capite nel 2019 in US$

Danesi: 58.748

Tedeschi: 35.313

finlandesi 55.532

Francese: 101.942

Greci: 40.000

Italiani: 91.889

Olandesi 31.057

Austriaci: 94.070

Polonia; 22.600

Portoghese: 44.025

Svezia: 41.582

Spagnoli: 95.360 (https.de.wikipedia.org ).

Tanto per la Germania “ricca” costantemente invocata dalla stampa e dalla politica!

Secondo i media, la ricchezza dei tedeschi consiste in gran parte in diritti all'assicurazione, prestazioni sociali e altri aiuti statali. Che si spera possa ancora essere pagato in pochi anni.

Perché la Germania deve sostenere i più ricchi francesi, greci, italiani, portoghesi e spagnoli? Presumibilmente per non dover dichiarare bancarotta e uscire dall'euro.

mediareddito (PIL: abitanti) all'anno in EUR:

Danimarca: 56.490

Germania: 43.341

Finlandia: 44.288

Francia 37.874

Grecia: 18.151

Italia: 30.782

Paesi Bassi: 47.521

Austria: 45.824

Polonia: 13.577

Portogallo: 20.616

Svezia 49.879

Spagna: 27.146 (www.laenderdaten.info. reddito medio mondiale).

benefici sociali in percentuale del PIL 2018:

Danimarca: 28.0

Germania: 25.1

Finlandia 28.7

Francia: 31.2

Grecia: 23.5

Italia: 27.9

Paesi Bassi: 16.7

Austria: 26.6

Polonia: 21.1

Portogallo: 22.6

Svezia: 26.1

Spagna: 23,7 (www.OECD.org.social benefits in percentuale del PIL).

L'Unione europea manca ancora di una politica estera, economica e di difesa comune. Per la zona euro in particolare, gli adeguamenti dell'orario di lavoro, delle leggi, dell'età pensionabile, delle prestazioni sociali, delle tasse, ecc. sono attesi da tempo. Perché una moneta comune richiede le stesse condizioni economiche.

Pertanto, i confronti tra i singoli stati sono difficili.

Ad esempio, secondo la lettura della nostra stampa, i meridionali dovrebbero possedere più case e quindi avere più beni perché gli affitti sono troppo alti. Il denaro viene messo da parte anche lì per i momenti di bisogno perché lo stato non aiuta così come in Germania.

Dal momento che i tedeschi sono il paese più grande in termini di popolazione e hanno uno dei redditi più alti (non il più alto), dovrebbero pagare di più!

Conclusione:
La graduale transizione dall'economia di mercato alla cattiva gestione (socialista?) controllata dallo stato è iniziata in tutta Europa. Le riforme e gli investimenti in futuro non si concretizzano o vengono rimandati. L'UE resterà indietro economicamente su scala mondiale. I nostri figli e nipoti devono sopportare le conseguenze di questa politica.

Nella Repubblica Federale conosciamo la perequazione finanziaria statale, che è z. B. ha permesso alla città-stato di Berlino di astenersi dalle riforme e di attenersi alla sua cattiva gestione e cattiva amministrazione.

I corrispondenti pagamenti di compensazione devono ora essere effettuati in tutta Europa. Anche "Der Spiegel" la vede in questo modo, che ovviamente deve accogliere questa incisione nell'ordine finanziario europeo "politically correct":

“Ma di fatto il primo passo verso un'unione fiscale è stato fatto. Con una Commissione europea che diventa il tesoro e può riscuotere le proprie tasse digitali e altri tributi. Perché le obbligazioni devono essere rimborsate in qualche modo.

È una rottura tabù di cui c'era urgente bisogno. È inaccettabile che i singoli paesi in un'unione si sottraggano alle responsabilità e lascino il salvataggio del continente alle banche centrali”.
("Der Spiegel", n. 31, 2020, p. 8.)

La propaganda politica e i media governativi stanno facendo di tutto per renderci appetibili le decisioni di Bruxelles e per presentare le nuove tasse associate come "nessuna alternativa". I cittadini forse brontolano, ma prima pagano bene.

I politici pensano di guadagnare tempo, ma stanno scommettendo sul futuro.

Si può ancora fermare questo sviluppo?

Oppure andiamo con gli occhi ben aperti sull'economia statale (socialista) propagata dalla sinistra-verde, che finora è regolarmente finita in rovina!

Addendum 2020/21:
Anche nella Repubblica federale di Germania, il programma di aiuti Corona sta sprecando soldi in modo frivolo, probabilmente soprattutto per quanto riguarda il prossimo anno elettorale:
“Questa politica di salvataggio non renderà la Germania moderna e digitaleIo, solo povero.   (Gabor Steingart in “The Morning Briefing” dell'11/11/2020.)

Allo stesso modo, l'esteso BCE sua Programma di acquisto di obbligazioni PEPP (Programma di acquisto di emergenza pandemica) fino alla fine marzo 2022 e allarga il acquisti di obbligazioni per più 500 miliardi euro fuori. Il volume degli acquisti obbligazionari aumenta per decisione del Consiglio direttivo della BCE 1,85 trilioni Ciò corrisponde a cinque volte l'importo del bilancio federale 2019. (Gabor Steingart nel "Morning Briefing" del 12.11.20).

"Questo cambio di sistema dall'economia sociale di mercato degli anni '70, '80 e '90 sul capitalismo d'intervento di carattere asiatico è il cambiamento di sistema più silenzioso che l'Occidente abbia mai sperimentato. Non dobbiamo celebrare questo spostamento delle coordinate dal mercato allo stato, ma dovremmo riconoscerlo". 
(Gabor Steingart nel "Morning Briefing" del 3 maggio 2021).

La spesa sociale dell'UE nel confronto internazionale:

Azioni dell'UE secondo "The Pioneer Capital Briefing" del 2.5. 21:
Sulla popolazione mondiale: circa 6 %
Sul prodotto nazionale lordo mondiale: circa 15 %
Alla spesa sociale mondiale: circa 50%

(Leggi anche l'articolo sotto "Recensioni libri" sull'argomento "Il disastro globale", sotto "Giorni della memoria" il post "Arrendersi" all'8 maggio 2005 e il contributo "Tutto era meglio prima" in “Economia e affari sociali”).

Fonti:
(1) Focus online dal 21 luglio 2020.
(2) Notizia di Spaet del 22. 7. 2020.
(3) Internet/Eurostat/Commissione UE/OEC.
(4) "Un pericoloso gioco a tempo", The Pioneer, "Oltre l'ovvio", dal 28. 7. 2020.
(5) Gabor Steiningart, "La scomoda verità", Pinguino, 2020.

Note di chiusura:
[io] Un'altra teoria monetaria viene da Nicolaus Copernicus (1473-1543): "Se la moneta cattiva viene accettata come moneta a corso legale, la moneta buona sarà espulsa dalla circolazione".
L'unico "buon denaro" oggi è l'oro o altri metalli preziosi!
Come disse il banchiere J.P Morgan (1837-1913): "Solo l'oro è denaro, tutto il resto è credito".
[2] Il debito totale del governo federale, statale, municipale, ecc. ammontava a 2.252 trilioni di euro (2.252.000 miliardi) o 27.090 euro pro capite il 20 giugno 2021. (Ufficio federale di statistica).