Categorie
storia della religione

Minaccia del fondamentalismo religioso

Pubblicato in GralsWelt 22/2001) 
11 SETTEMBRE 2001: 
In Grail World 14/2000 ho scritto sotto il titolo "Dov'è la speranza per i poveri del mondo?Il "nuovo" punto di vista è che dopo il crollo del comunismo, che molte persone che vivono in condizioni di povertà disperata speravano potesse risolvere i loro problemi, si è creato un vuoto che in alcuni Paesi può essere occupato dall'Islam come nuovo faro di speranza. 
Ora dobbiamo familiarizzare, sconvolti, con il fatto che i musulmani fondamentalisti di molte nazioni si aspettano dall'Islam non solo uno stato ideale e giusto, ma affrontano anche l'Occidente e la sua civiltà con un odio abissale; perché dal punto di vista musulmano 
* il mondo islamico è stato oppresso e sfruttato per secoli dalle potenze coloniali occidentali, 
* La civiltà occidentale, occidentale e cristiana vuole distruggere l'Islam, 
* l'Occidente è "senza Dio" e quindi il nemico naturale del "vero credente", cioè del musulmano, 
* Maometto è stato l'unico fondatore di una religione che è diventato fondatore e sovrano di un impero che era uno Stato ideale - perché fondato sulle leggi rivelate da Allah secondo la loro convinzione - e che rimane esemplare per tutti i tempi.
L'Islam non distingue tra legge religiosa e legge civile, perché i comandamenti dell'Islam regolano tutti gli ambiti della vita.
Inoltre, la conversione di un musulmano a un'altra comunità religiosa è considerata dai musulmani più rigidi un crimine degno di morte. In pratica, quindi, non ci sono praticamente convertiti.
 
ORIENTE E OCCIDENTE 
Non si può negare che la maggior parte degli Stati islamici abbia sofferto del colonialismo sia occidentale che islamico (ad esempio, la Turchia).
Tuttavia, non si può giustamente attribuire tutti i problemi degli attuali Stati islamici, tra i quali non c'è quasi nessuna democrazia, al colonialismo e "assolvere" il popolo, la religione e il governo da ogni responsabilità. (Laddove "assolvere" qualcuno da ogni responsabilità implica, in ultima analisi, una violazione della sua dignità umana. Significa fondamentalmente non concedergli l'autodeterminazione spirituale).
 
Si può anche vedere un pericolo per le religioni nella civiltà occidentale, che è costruita sul secolarismo, sulla democrazia e sulla prosperità economica; perché nessuna religione è democratica per origine.
La vita moderna si allontana sempre più dalle credenze tradizionali. I musulmani temono, non senza ragione, che sotto l'influenza dell'Occidente molti credenti "ortodossi" possano diventare "tiepidi" nei confronti dell'Islam come gli europei o gli americani lo sono nei confronti delle confessioni cristiane.
L'atteggiamento di molti imam è di conseguenza difensivo, tanto che le riforme sono difficilmente applicabili negli Stati islamici a meno che non possano fare riferimento al Corano.
 
Inoltre, le religioni monoteiste tendono comunque a essere intolleranti e il principio di "un solo Dio, una sola (vera) fede, una sola (legittima) chiesa" ha giustificato molti, troppi atti di violenza.
La tolleranza religiosa, il rispetto per le altre religioni, era più comune nei culti politeisti, ad esempio nell'antichità, che nel Medioevo europeo, caratterizzato dal monoteismo.
 
Anche l'Antico Testamento della Bibbia, che è alla base dell'ebraismo, una delle più antiche religioni monoteiste *), è pieno di avversione verso gli "idolatri" e i "pagani".
Anche il cristianesimo ha dimenticato abbastanza spesso l'amore per il prossimo predicato da Gesù e ha praticato l'odio del Vecchio Testamento.
L'Islam, che secondo il suo stesso calendario vive oggi nel XIV secolo **), oscilla tra la moderazione e l'odio verso i miscredenti, che devono essere convertiti o distrutti per ordine di Allah. Entrambi possono essere dimostrati dal Corano ***).
Poiché non esiste un'interpretazione vincolante del Corano e della Sharia ****) per ogni credente, esistono molti gruppi i cui predicatori giungono a interpretazioni molto diverse. Ciò che sembrano avere in comune è l'obiettivo di diffondere l'Islam nel mondo.
 
Ai musulmani manca anche l'esperienza di vivere tra persone di altre fedi.
Nei primi secoli islamici, le coste meridionali del Mediterraneo e la Spagna furono conquistate dall'Arabia e i nuovi sudditi furono in gran parte convertiti all'Islam.
Poi le tribù turche, i mongoli e i tartari invasero i Paesi islamici e presto adottarono la loro fede.
L'Islam resisteva - come nelle Crociate - o i nemici si convertivano.
In seguito l'Islam si diffuse in parti dell'India, del Sud-Est asiatico e fino alle Filippine attraverso la conquista o il lavoro missionario pacifico. Per lo più, l'Islam è diventato la religione dominante. Dal punto di vista dei musulmani, la sua rapida crescita dimostra l'opera visibile di Allah. Negli Stati islamici, i credenti rivendicavano privilegi rispetto a quelli di altre fedi che erano solo tollerati, ad esempio erano tassati più pesantemente.
È solo negli ultimi decenni che significative minoranze musulmane, ad esempio in Europa, hanno vissuto tra popoli con una diversa concezione della religione e dello Stato e hanno dovuto rendersi conto che il senso di superiorità nei confronti degli "infedeli" con cui sono stati cresciuti non è approvato in queste civiltà, e anzi viola il diritto vigente, e che l'integrità della vita anche di chi la pensa diversamente è una parte indispensabile della cultura occidentale. Queste civiltà "occidentali", inoltre, non considerano affatto il loro atteggiamento come un'espressione di debolezza, ma come una preziosa conquista culturale.
 
FONDAMENTALISMO RELIGIOSO 
Nel mondo occidentale si riteneva che il fanatismo religioso fosse stato superato verso la fine del XX secolo e il "Dio-Stato" fondamentalista dell'Iran era considerato un'eccezione. Si è ignorato che l'intolleranza religiosa è ancora virulenta, anche in piena Europa: 
In Irlanda del Nord, l'odio tra protestanti e cattolici, incomprensibile per gli osservatori non coinvolti, ha portato alla guerra civile per decenni, e in Jugoslavia, cattolici, ortodossi e musulmani si sono crudelmente massacrati a vicenda.
In India si sono verificate rivolte cariche di odio tra indù e musulmani, e l'odio religioso è scoppiato nello Sri Lanka, in Malesia o nelle Filippine.
Per non parlare della Palestina, dove da un lato gli arabi non riconoscono il diritto di vivere dello Stato di Israele, mentre dall'altro gli estremisti ebrei pretendono tutta la terra che un tempo era ebraica ai tempi della Bibbia e vogliono espellere i palestinesi. Estremisti e fondamentalisti che usano argomenti religiosi come pretesto per il nazionalismo e il razzismo, l'invidia e l'odio si trovano in tutti i continenti.
 
Al contrario, spesso si cerca invano l'influenza pacificatrice delle religioni che unisce i popoli, sebbene le linee guida corrispondenti siano contenute in tutte le religioni mondiali. Non sorprende che molte persone, soprattutto i più giovani, si allontanino dalle religioni e si chiedano se la storia del mondo non sarebbe stata più felice e pacifica senza i preti e le loro pretese di potere! 
LE RELIGIONI DEL MONDO
Religione: Credenti in milioni
Cattolici 1038
Protestanti 346
Ortodosso 216
Ebrei 14
Musulmani 1200
Indù 811
Buddisti 360
Scintoisti 107
Der Spiegel n. 41, 8.10.2001.  

SCONTRO DI CULTURE?
 
Nel corso dell'inarrestabile globalizzazione della terra, i popoli e le nazioni si stanno avvicinando, le diverse economie sono interconnesse e gli stessi principi economici si applicano praticamente in tutti i Paesi, mentre gli insegnamenti religiosi, i costumi e le tradizioni sono ancora molto diversi.
La cooperazione multinazionale può essere coronata dal successo solo se i valori fondamentali, come una sorta di "etica globale" (6), sono riconosciuti da tutti gli abitanti del mondo e diventano accettati a livello globale: Rispetto della dignità umana di ogni individuo, tolleranza religiosa, libertà civili, separazione tra Stato e Chiesa. La "Dichiarazione Universale dei Diritti Umani", proclamata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948, non è ancora una legge applicabile a livello mondiale, ma potrebbe essere una base di lavoro per essa.
Le Chiese cristiane hanno dovuto abituarsi alla diminuzione del loro potere in un processo lungo secoli e, sotto la pressione dell'Illuminismo, accettare finalmente Stati che garantiscono a tutti i diritti costituzionali, compresa la libertà religiosa.
Altre religioni elevate, come il buddismo, non hanno avuto molta influenza politica per la maggior parte del tempo.  
L'Islam è diverso: così come Maometto fu un tempo profeta e sovrano di uno Stato, l'Islam non conosce oggi alcuna separazione tra Stato e moschea, né alcuna differenza tra legge religiosa e legge statale; perché la legge divina rivelata da Allah al suo profeta è naturalmente al di sopra di qualsiasi ordinamento giuridico terreno-umano. L'obiettivo di ogni musulmano devoto deve quindi essere quello di far rispettare la legge islamica in uno Stato. Questo vale anche per gli Stati in cui i musulmani sono in minoranza!  
Non c'è dubbio che la stragrande maggioranza dei musulmani voglia vivere in pace e non sia aggressiva nei confronti di coloro che appartengono ad altre fedi. Ma non è nemmeno opportuno chiudere gli occhi di fronte ai fondamentalisti, come si è fatto per molti anni in Occidente per incomprensione umana: Nell'Islam esiste infatti uno zoccolo duro di esseri umani fanatici che, per convinzione e odio contro tutto ciò che è occidentale, invocano la jihad *****), giustificano i crimini, la violenza e il terrore con il Corano e si adoperano per la distruzione dello stile di vita occidentale e la diffusione dell'Islam su tutta la terra come loro obiettivo finale. Il bersaglio di questo odio sono soprattutto gli Stati Uniti, in quanto potenza leader del mondo libero. Agli occhi dei musulmani, gli Stati Uniti e l'Europa stanno continuando le politiche coloniali dei secoli passati, a scapito di molti milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo, e questa accusa è purtroppo in parte giustificata.
Anche in Occidente ci sono ipocriti che parlano di diritti umani ma li calpestano per avidità di denaro ******).
Il fatto che i fanatici musulmani usino la loro intelligenza e la loro buona educazione (occidentale) li rende ancora più pericolosi come criminali. Vediamo che è un errore fatale pensare che l'intelligenza e l'educazione scientifica garantiscano persone mentalmente sane.  
La maggioranza dei musulmani amanti della pace dovrà essere giudicata da persone di altre fedi se sostengono i fondamentalisti - sia segretamente con il denaro o solo mentalmente - o se professano i diritti umani e votano contro l'estremismo nei loro Paesi d'origine. Sono chiamati ad allontanarsi con decisione e questa palude malefica si prosciugherà.
Se i musulmani vogliono vivere nei Paesi occidentali, devono rispettare le loro costituzioni, il che può significare cooperare con le autorità locali nella prevenzione dei crimini con sfumature religiose.  
Allora sarà più facile per noi trovare un rapporto rispettoso con l'Islam e renderci conto che l'Islam è una "religione alta" che ha prodotto grandi persone e merita rispetto.    

Addendum 2014:   
Secondo uno studio della WZB del marzo 2014, si deve ritenere che circa la metà dei musulmani che vivono in Europa siano fondamentalisti. (WZB Discussion Papar SP VI 2014-101. Berlino. WZB.) 

Note di chiusura:  
*) In "Un portatore di verità persiano" abbiamo sottolineato che storicamente non è chiaro se Zarathustra, Akhenaton o Mosè siano stati i primi monoteisti.  
**) Il calendario maomettano inizia con la "Hijara", la fuga di Maometto dalla Mecca a Medina nel 622 d.C..  
***) Si confrontino, ad esempio, le Sure 9:5; 47:4; 61:4 con 2:59 e 46:31-34. All'inizio della sua opera missionaria, Maometto sperava di conquistare all'Islam cristiani ed ebrei. Quando questa speranza non si realizzò, la sua aggressività nei confronti di coloro che appartenevano ad altre fedi aumentò notevolmente. Questo spiega anche l'evidente differenza tra le sure pronunciate alla Mecca e quelle pronunciate a Medina.  
****) Sharia = legge islamica  
*****) Jihad = lotta santa. L'idea di una lotta per un obiettivo che è buono in senso religioso. Non deve necessariamente trattarsi di violenza e guerra. La Jihad è "considerata uno dei mezzi di diffusione dell'Islam". Di conseguenza, i non musulmani dovrebbero abbracciare l'Islam sia volontariamente, attraverso la saggezza e i buoni consigli, sia involontariamente, attraverso la lotta e la jihad" (7, p. 71). Alcuni Imam promettono il Paradiso a coloro che sono caduti durante la jihad: "In verità, se siete uccisi o morite sulla via di Allah, in verità il perdono di Allah e la misericordia sono migliori di ciò che raccogliete. In verità, se morite o siete uccisi, sarete riuniti ad Allah". (Sura del Corano 3, 151-152).
******) La stragrande maggioranza degli americani non è interessata alla politica estera. Pertanto, non si accorgono dei fallimenti della politica estera americana e non riescono a capire perché gli Stati Uniti siano impopolari in molti Paesi in via di sviluppo (non solo islamici).  

Letteratura:  
(1) "Il Corano", traduzione dall'arabo di Max Henning. Reclam, Stoccarda 1960.    
(2) Essad Bey "Mohammed", DTV Monaco 1991.    
(3) Glasenapp, Helmuth v. "Die fünf Weltreligionen", Diederichs, Monaco 1963.    
(4) Huntington, Samuel "Der Kampf der Kulturen", Europa-Verlag, Monaco 1997.    
(5) Kepel, Gilles "Die Rache Gottes, Radikale Moslems, Christen und Juden auf dem Vormarsch", Piper, Monaco 1991.
(6) Küng, Hans "Projekt Weltethos", Piper, Monaco 1996.    
(7) Laffin, John "Islam", Heyne, Monaco 1989.    
(8) Tworuschka, Monika e Udo "Religioni del mondo", Orbis, Monaco.