Categorie
storia della religione

Le Apocalissi nel 21° secolo

(Pubblicato su GralsWelt 45/2007)

Secoli prima di Cristo: il primo annuncio degli ultimi tempi

Tra il 1.500 e il 600 a.C aC - qui archeologi e filologi sono molto distanti nelle loro date - proclamava il portatore di verità persiano Zarathustra (in greco: Zoroastro. cfr. "Un veritiero persiano" sotto "Storia religiosa") il dio supremo Ahura Mazda, il creatore di tutte le cose, dal quale emana solo il bene.

Ma nel mondo l'uomo è esposto a due forze motrici: una è "spenta" (santa, virtuosa) e assegnata ad Ahura Mazda, l'altra è "angra" (malvagio, ostile) ed emana da Ahriman, lo "spirito malvagio". Il bene e il male si affrontano finché alla fine dei giorni Ahura Mazda impone un giudizio finale in cui il bene e il male ricevono la giusta ricompensa. Questa è la grande decisione verso la quale si sta precipitando il corso del mondo.

Zarathustra fu quindi il primo ad annunciare un'apocalisse. Da allora, i credenti delle più diverse religioni aspettano il "Giorno del giudizio": buddisti, indù, indiani Hopi, ebrei, cattolici, aderenti al New Age, occultisti, ortodossi, pagani, protestanti, sciiti, sunniti, testimoni di Geova ecc.

Nel corso dei secoli, profezie, teologie, visioni e fantascienza sono state utilizzate per rappresentare i probabili eventi della fine dei tempi in molte varietà, a seconda dell'atteggiamento religioso dei loro autori e del gusto del tempo. La letteratura corrispondente è imprevedibile, ma segue sostanzialmente lo stesso schema.

Ora si vorrebbe supporre che queste apocalissi siano nozioni medievali che non hanno risonanza nella nostra epoca postindustriale. Ma questo è un errore. Ad esempio, nelle tre religioni mondiali abramitiche che sono più importanti per noi in Europa – ebraismo, cristianesimo e islam – ci sono attualmente gruppi fondamentalisti che già si aspettano eventi della fine dei tempi nel prossimo futuro, si stanno preparando per loro e stanno persino provando per influenzarli. I seguaci dei moderni profeti del tempo della fine sono così numerosi e così influenti da essere anche politicamente efficaci.

Apocalittico ebraico: Sulla strada per il dominio del mondo di Yahweh

Molto prima della scrittura del Nuovo Testamento, c'era l'apocalittico nella Bibbia ebraica che ebrei, cristiani e persino musulmani usano come fonte fino ad oggi. Il focus è sul libro di Daniele, che parla della risurrezione dei morti, del Giudizio Universale e del governo ultimo del mondo di Yahweh:
“Il dominio, la potenza e la gloria di tutti i regni sotto tutto il cielo sono dati al popolo dei santi dell'Altissimo. Il suo regno è eterno e tutte le potenze lo serviranno e gli obbediranno». (Daniele 7:27).

Il libro di Daniele fu scritto probabilmente nel II secolo aC, cioè dopo la cosiddetta cattività babilonese; ma le sue profezie sui tempi della fine sono ancora rilevanti, ad esempio, per gli ebrei rigorosamente religiosi nel 21° secolo.
L'apocalittico ebraico (che nel corso dei secoli non è mai scomparso del tutto) ha ricevuto nuovo impulso dal rabbino Abraham Isaak Kook (1865-1934) e da suo figlio Tzvi Yehuda Kook (1891-1982), venerati come santi. Oggi esistono diverse varietà di aspettativa ebraica del Messia, che differiscono, ad esempio, se il processo predeterminato debba essere accelerato attraverso l'azione umana attiva - inclusa la violenza - o se il credente debba attendere umilmente l'inarrestabile - perché Dio ha voluto - sviluppo.
I gruppi fondamentalisti della religione ebraica concordano in una certa misura sulle seguenti convinzioni:
* Tutti gli eventi storici significativi sono più o meno fasi di una storia di salvezza (escatologia) culminata nell'apparizione del Messia · La storia segue gli eventi primari descritti nelle Sacre Scritture e in altre tradizioni.
Gli eventi più importanti per l'escatologia ebraica moderna, per il futuro di Israele e dell'ebraismo nel contesto della profezia biblica del tempo della fine sono così specificati anche come segue:
* la riconquista della Terra Santa · la dichiarazione di Gerusalemme a capitale di un impero israeliano e la costruzione del Terzo Tempio;
* l'istituzione di un regno sacro in Israele;
* l'apparizione del Messia.
* Anche dopo l'apparizione del Messia, gli ebrei rimangono tali "popolo eletto di Dio". Il resto del popolo non è costretto ad accettare la fede ebraica. Ma tutti i popoli riconoscono Yahweh come il Dio supremo.
* Il paradiso terrestre è eterno sotto il dominio di Yahweh, non – come nel cristianesimo – limitato al “regno millenario”. Anche l'attesa ebraica della fine dei tempi è legata a un paesaggio specifico. (7, pag. 231).

Dal punto di vista sionista, gli ebrei rimasero in esilio fino al 1948, anno in cui fu fondato lo Stato di Israele. Finalmente, dopo due millenni, Yahweh ha mantenuto la sua promessa e ha riportato il suo popolo in "Terra Santa". Ora questo popolo eletto deve prendere possesso della "Terra Promessa" contro ogni previsione, fare di Gerusalemme la capitale di un nuovo regno israeliano e ricostruire il Tempio distrutto dai romani.
I fondamentalisti ebrei profondamente religiosi vivono con questa convinzione in Israele così come nella diaspora. Nell'odierno stato laico di Israele formano solo una minoranza. Tuttavia, lei è rappresentato da alcuni membri della Knesset.

Christian Apocalyptic: La battaglia per la verità

Da duemila anni ci sono cristiani convinti in ogni secolo che credono che l'ultimo giorno sia vicino e immaginano gli eventi del tempo della fine da aspettarsi. Diverse interpretazioni cristiane della fine dei tempi, che iniziano per lo più dall'apocalisse di Giovanni nel Nuovo Testamento, hanno trovato attenzione anche nel XX secolo. Una versione poetica moderna è offerta, ad esempio, da Vladimir S. Soloviev nella sua "Narrativa dell'Anticristo" (6).

Fino al 1991, la fine dell'Unione Sovietica, la Guerra Fredda è stata al centro di esegesi apocalittiche. I sovietici erano considerati l'impero dell'Anticristo e la Grande Apocalisse potrebbe essere interpretata, ad esempio, come la descrizione di una guerra nucleare (4). Questa immagine del nemico è cambiata. Dall'11 settembre 2001, l'oppositore della “vera fede” è stato inserito tra i fondamentalisti cristiani nel fondamentalismo islamista terrorista.

La battaglia di Armaghedon
Lo scenario cristiano del tempo della fine, anch'esso variato per secoli, appare brevemente riassunto come segue:
* I problemi in molte parti del mondo si stanno accumulando: guerre, disastri naturali, carestie, epidemie, povertà, inflazione. I responsabili sono sempre meno in grado di affrontare le sfide.
* Emerge un leader carismatico, con un carisma straordinario e un potere irresistibile. I tiepidi ei falsi credenti sono sedotti dalle parole ipocrite di questa personalità.
* L'obiettivo di questo “anticristo” è l'unificazione del mondo (con la capitale Gerusalemme) sotto gli auspici del materialismo, con il rifiuto del cristianesimo.
* Quando l'Anticristo crede di essere quasi arrivato, appare il Cristo ritornato e, con l'aiuto divino, raccoglie il bene intorno a sé.
* Segue poi la grande battaglia finale della luce contro le tenebre, la “Battaglia di Armaghedon”. Questa battaglia infuria sia spiritualmente che terrena.
* I malvagi saranno distrutti e Satana legato. La terra sarà purificata e le persone sopravvissute e purificate di tutte le nazioni (inclusi gli ebrei) si convertiranno al vero cristianesimo e costruiranno un nuovo mondo sotto la guida di Cristo.
* Segue il regno di mille anni, dopo il quale si scatena Satana. Ma non può più sedurre l'umanità che è ormai maturata, e rimane impotente per sempre. (3).

Come nei secoli passati, oggi ci sono credenti che si aspettano questo tempo della fine nel prossimo futuro e stanno cercando di prepararsi ad esso attraverso la vita cristiana e la purificazione interiore. Purtroppo, alcuni non sono soddisfatti di questa preparazione spirituale. Si sentono chiamati a promuovere il grande evento promesso da Dio stesso attraverso l'attivismo terreno, e ad esempio ad anticipare alcuni degli eventi profetizzati almeno in parte, anche violentemente.
Poiché Gerusalemme e la conversione degli ebrei fanno parte dello scenario del tempo della fine, alcuni fondamentalisti cristiani hanno una relazione ambivalente con l'ebraismo: sebbene anche gli ebrei debbano convertirsi al cristianesimo, Israele e la sua città più importante sono necessarie per la fine. eventi temporali e devono essere conservati fino a quel momento. Per i musulmani, questo ha l'effetto di mostrare solidarietà ai cristiani con l'ebraismo.

George W. Bush: La politica "per Dio"?
Quando il presidente americano George W. Bush parla di "asse del male", sembra basarsi su una convinzione religiosa, che Gerhard Schröder riporta nelle sue memorie:
“Ciò che mi ha infastidito nonostante l'atmosfera rilassata e in una certa misura mi ha insospettito: nelle nostre conversazioni uno a uno, è stato sempre più chiaro quanto questo Presidente si considerasse 'timorato di Dio' e in armonia con ciò che considerata la massima autorità. Questo mi ha tenuto occupato durante la sua visita. Capisco bene quando qualcuno è una persona molto religiosa e allinea la propria vita privata alla comunione con Dio, in questo caso nella preghiera. Il problema che ho con una tale posizione inizia quando si ha l'impressione che le decisioni politiche siano il risultato del parlare con Dio. Chi legittima le decisioni politiche in questo modo non può permettere che vengano modificate o addirittura relativizzate attraverso la critica o lo scambio di idee con gli altri. Se avesse permesso che ciò accadesse, violerebbe un mandato di Dio che ha ricevuto in preghiera. Questa affermazione assoluta, che ho incontrato più e più volte nel 2002 non solo nelle conversazioni con il presidente americano ma anche nelle sue dichiarazioni pubbliche, ha aumentato il mio scetticismo politico, indipendentemente dalla mia simpatia personale per l'America e il suo presidente". (5, pag. 200).

Un amico di famiglia del presidente George W. Bush - che si descrive come un "cristiano nato di nuovo" - è il reverendo Franklin Graham, figlio del leggendario predicatore Billy Graham, soprannominato "la mitragliatrice di Dio". In un'intervista alla NBC due mesi dopo l'11 settembre 2001, Franklin Graham ha dichiarato:
“... la credenza di Maometto è una 'religione molto malvagia e malvagia'. Nel suo libro del 2002 The Name ha scritto che "il Dio dell'Islam non è il Dio della fede cristiana". I due sono diversi come la luce e l'oscurità. Dopo che il predicatore stellare è stato invitato dal Pentagono nell'aprile 2003 a tenere lì le preghiere del venerdì e a fornire supporto spirituale ai soldati statunitensi in Medio Oriente, ci sono state aspre proteste da parte dei musulmani americani e i politici liberali hanno votato per Graham in modo estremamente imbarazzante per la "Corte Cappellano'." (7, p. 143).
Graham non era e non è l'unico evangelico nella stretta cerchia del presidente. (7, p. 176).

Tentativi missionari cristiani discutibili in Iraq
I tentativi di conversione delle società missionarie cristiane in Iraq suscitano anche la rabbia dei musulmani. Nel primo anno di occupazione furono distribuiti decine di migliaia di opuscoli “Cristo vi ha portato la pace” e un milione di Bibbie in arabo.
Molti musulmani sono convinti che l'apostasia dall'Islam sia un crimine punibile con la morte. Le vittime di questa missione condotta dai fondamentalisti cristiani americani sono tra gli altri i cristiani iracheni.

Crociata cristiana contro l'Islam
Dall'11 settembre 2001, i fondamentalisti cristiani hanno visto gli Stati Uniti combattere il diavolo, che ha rivelato la sua brutta faccia di talebano, terrorista o nemico dell'America. I decisori di alto rango come il generale William Boykin (accreditato con le atrocità di Abu Ghraib) predicano guerra contro i principi delle tenebre che minacciano la terra dei liberi (7, p. 131). Quindi, una moderna crociata sarebbe la risposta necessaria alla jihad.
I fondamentalisti militanti trovano nei testi biblici gli strumenti ideologici per il loro concetto di esercito religioso statunitense, che Viktor e Victoria Trimondi hanno trovato nel libro "Guerra di religioni" (qui sotto “Recensioni libri”) come segue:
* La milizia americana Christi conduce la sua "guerra santa" come combinazione di patriottismo e cristianesimo militante.
* Combatte come guerriera del bene contro il male, contro "l'asse del male".
* Alla fine combatte per Dio e contro il diavolo.
* La loro guerra è adeguatamente crudele e spietata.
* Uccide e prega.
* Ella attende la venuta di Gesù Cristo come Messia militante.
* Si basa su un Cristo guerriero come descritto nell'Apocalisse di Giovanni.
* Conduce una crociata contro l'Islam.
* È disposta a subire il martirio per la sua fede cristiana.
* Crede che sarà ricompensata con l'ingresso in paradiso. (7, p. 146 segg.).

È difficile immaginare che ministri militanti e generali evangelici possano incitare all'isteria crociata in un paese occidentale democratico come fecero nell'XI e XII secolo. Ma forniscono munizioni di propaganda per i musulmani fanatici che giustificano le loro invettive di odio e gli appelli alla jihad come risposta necessaria al presunto annientamento dell'Islam pianificato dall'Occidente.

Apocalittico islamico: la rivoluzione mondiale
Quando Maometto iniziò a proclamare la sua nuova fede, sperava nel sostegno degli ebrei; perché voleva ottenere una combinazione più completa di ebraismo e cristianesimo. Era amaramente deluso. Perché gli ebrei in particolare si rifiutarono di riconoscere Allah come il Dio supremo e inondarono i suoi profeti con la loro derisione. Maometto li fece soffrire crudelmente con il massacro del 624: uomini ebrei furono assassinati a Medina e donne e bambini ridotti in schiavitù.
Ci sono una serie di affermazioni antiebraiche nel Corano che servono a legittimare le azioni dei terroristi anti-israeliani.
Negli ultimi decenni, un hadith del Profeta intitolato ha ricevuto particolare attenzione "L'albero di Gharqad". Molti predicatori di odio si riferiscono a questo detto, che è anche nel programma di base di Hamas. A proposito della fine dei tempi si dice qui:
"Non verrà l'ora prima che i musulmani combattano gli ebrei (e i musulmani li uccidano) finché gli ebrei non si nascondono dietro alberi e rocce e gli alberi e le rocce dicono: 'O Mufango, servi di Dio, ecco gli ebrei, venite e uccideteli!' – eccetto l'albero di Gharqad, perché è l'albero degli ebrei”. (7, p. 386).

Questo rende l'assassinio degli ebrei una condizione preliminare per l'apparizione del redentore islamico, il Mahdi o Isa (Gesù), per un fondamentalista musulmano strettamente religioso.
Il conflitto in Medio Oriente – la disputa in corso tra palestinesi e israeliani su un paese troppo piccolo per la sua popolazione e con poca acqua – viene così trascinato nel vortice delle profezie della fine dei tempi; è stilizzato come una questione di destino per tutto l'Islam. Perché la rivoluzione mondiale islamista è considerata una parte essenziale (o sinonimo) della fine dei tempi!

Islamismo rivoluzionario
Le idee di base dell'islamismo rivoluzionario si basano su un modello escatologico-apocalittico, che Victor e Victoria Trimondi riassumono come segue:
* Il mondo esistente (soprattutto l'Occidente) è cattivo, malvagio, decadente e senza Dio per l'islamismo.
* Il mondo esistente, malvagio, secolare deve essere distrutto fino alle radici affinché possa sorgere un mondo nuovo, buono, santo. I valori di base del nuovo mondo santo corrispondono ai valori di base dell'Islam tradizionale.
* L'annientamento di tutte le condizioni sociali occidentali attualmente esistenti sta avvenendo attraverso la rivoluzione mondiale islamista.
* Il metodo con cui la rivoluzione mondiale islamista ottiene la vittoria è la “guerra santa” (jihad), che legittima ed esige violenza estrema, terrore e martirio (shahadat).
* Dopo la vittoria sul mondo empio esistente e il suo annientamento, sarà stabilito un mondo nuovo, perfetto e santo, una teocrazia musulmana globale (il Califfato), guidata dalle vere leggi dell'Islam. (7, p. 305).

L'idea di una rivoluzione mondiale islamista è complessa e non può essere affrontata in poche parole d'ordine. Ma le cinque tesi citate riassumono principi e modelli di pensiero sostenuti oggi dai potenti gruppi islamisti. In ogni caso, queste tesi suggeriscono che un dialogo con i fondamentalisti islamici sarebbe promettente quanto una discussione sui diritti umani con un inquisitore medievale.

L'apocalisse islamista
Una vasta letteratura escatologica della cultura islamica cerca di descrivere gli ultimi giorni; è tanto diverso quanto le varie correnti dell'Islam, ma può essere facilmente confrontato con i corrispondenti approcci ebraici e cristiani, sebbene con il segno opposto.

Sulla strada di un dubbio scambio culturale, le correnti fondamentaliste delle religioni più diverse si orientano sulla stessa matrice apocalittica. Questo è già espresso nelle idee di base dell'islamismo rivoluzionario sopra menzionate. Inoltre, ci sono le seguenti idee sulla fine dei tempi, che sono molto diffuse nel mondo islamico e compaiono, ad esempio, nelle dichiarazioni di Osama bin Laden o nei discorsi di Mahmoud Ahmadinejad (1 e 10):
* La guerra tra l'Islam e l'Occidente è una guerra cosmica tra il bene e il male, Dio e Satana.
* La cultura giudaico-cristiana dell'Occidente e il secolarismo occidentale costituiscono insieme l'"impero del male".
* L'annientamento degli ebrei è un obiettivo primario.
* I musulmani attendono anche la venuta di una controparte dell'Anticristo, il “Dajjal” (un ebreo), che precederà il desiderato Redentore, il Mahdi o Isa.
* Agli occhi di molti musulmani, Hamas, Hezbollah, i talebani, bin Laden e al-Qaeda sono "guerrieri santi" nel Giudizio Universale che è già iniziato. (7, p. 421).

I politici occidentali che vogliono contrastare tali aberrazioni religiose con la solita diplomazia sono nella migliore delle ipotesi ingenui. Ma una risposta attraverso l'antiterrorismo fondamentalista cristiano o addirittura la guerra sarebbe fatale.

I fondamentalisti fanatici non costituiscono la maggioranza nella maggior parte dei paesi islamici; ma ottengono troppa, troppa approvazione. Spesso sono abbastanza potenti da influenzare le decisioni del governo. Attualmente non c'è quasi un governo in un paese islamico che oserebbe mettere in discussione il Corano. Questo da solo contiene abbastanza esplosivi ideologici, proprio come la Bibbia. (Di cui si può essere critici nei paesi occidentali, mentre per la maggior parte dei musulmani il Corano è "la parola increata di Allah".)

Le élite colte dei paesi islamici sanno, naturalmente, che le tante - a volte contraddittorie - apocalissi non sono adatte come istruzioni concrete per l'azione politica. Tuttavia, nessun governo in uno stato islamico può semplicemente ignorare le sensibilità della maggioranza dei credenti, che potrebbero essere stati agitati dai mullah fondamentalisti. L'età dell'Illuminismo è appena iniziata nei paesi islamici.

Sulla strada per "Eurabia"?
Nel frattempo (2006), circa 15 milioni di persone di religione musulmana vivono anche in Europa e la tendenza è in aumento. Di conseguenza, i valori occidentali e islamici sembrano scontrarsi in Europa. Un islamismo rivoluzionario ha compiuto attacchi terroristici anche in Europa. Alcuni degli assassini musulmani sono nati e cresciuti nell'Europa occidentale. Furono minacciati ulteriori attacchi.
Perché l'ostilità potrebbe fiorire sotto la civiltà libertaria e democratica dell'Occidente?
* È lo sfruttamento postcoloniale del cosiddetto terzo mondo che incita alla ribellione?
* Dobbiamo rassegnarci al fatto che l'integrazione dei musulmani nell'Europa occidentale, che è stata plasmata dall'Illuminismo, fallirà?
* Che l'Illuminismo non può prevalere nei paesi islamici?
* Vale anche l'appello di Cassandra (2) di Oriana Fallaci che stiamo andando verso l'"Eurabia"?
* Il fondamentalismo islamista è compatibile con le costituzioni europee?
* Abbiamo chiuso un occhio sui gruppi anticostituzionali che abusano della libertà religiosa per troppo tempo?

Fine dei tempi - punto di svolta: a che punto siamo oggi?

La crescita della popolazione mondiale è costante. Il riscaldamento globale sarà difficilmente controllabile. Molte risorse, in particolare l'acqua, stanno diventando scarse. La globalizzazione economica sta provocando grandi sconvolgimenti nel commercio mondiale, nell'industria e nei mercati dei capitali. I social network stanno diventando fragili. Una temuta battaglia per le materie prime e per i luoghi in cui vivere potrebbe scoppiare in qualsiasi momento sulla terra sovrappopolata. Le soluzioni ai problemi di politica economica e sociale offerte da decisori indifesi – o irresponsabili – falliscono o non sono all'altezza dei piani. Sempre più persone sono preoccupate per il futuro.

Come sempre nei momenti critici, i credenti cercano conforto nella loro religione. Alzano lo sguardo e chiedono l'aiuto dell'Altissimo.
In tempi di incertezza, sono regolarmente richieste profezie e interpretazioni profetiche delle Sacre Scritture. Se le considerazioni razionali non mostrano via di sfuggire al disastro imminente, temuto, sentito o profetizzato, rimane la speranza dell'intervento divino, del Giudizio Universale.
Nel corso dei millenni passati, le persone hanno trovato segni dell'avvicinarsi della fine dei tempi in ogni secolo. Spesso credevano anche di riconoscere l'Anticristo in una personalità significativa.
Finora sempre invano.
Sarà diverso nel 21° secolo?
O la nostra terra sarà lasciata alle leggi della natura senza alcun aiuto soprannaturale e meraviglioso dall'esterno?

Abd-ru-shin dice nella sua opera "Alla luce della verità" che le leggi della creazione provenienti da Dio includono il libero arbitrio dello spirito umano. Ecco perché l'uomo ha una grande libertà, che gli permette persino di ignorare i limiti della legge naturale. Ma più ampio è il confine, più drastica deve essere l'interazione che viene messa in moto.
Sia le persone che aspettano l'apocalisse che i non credenti dovrebbero potersi incontrare su una base: sulla base della ragione. Con uno sforzo onesto dobbiamo lottare per una pacifica convivenza di tutte le persone sul nostro pianeta. Economisti, ecologisti e politici non possono risolvere questo compito da soli. Anche le religioni hanno un dovere. In particolare dovrebbero essere particolarmente consapevoli della responsabilità che hanno nei confronti del "Creatore del cielo e della terra" abbigliamento, in cui credono i professori di tutte le religioni abramitiche.

A mio avviso, gli slogan ostili, confessionali, fondamentalisti, militanti, apocalittici non sono in alcun modo un contributo divino al futuro della terra, dell'umanità e di tutta la vita sulla terra.

Letteratura:
(1) Der Spiegel, 22/2006 del 29 maggio 2006.
(2) Fallaci Oriana, Il potere della ragione, List, Berlino 2004.
(3) Hagl Siegfried, L'Apocalisse come speranza, Droemer-Knaur, 1984.
(4) Philbert Bernhard, Christian Prophecy and Nuclear Energy, R. Brockhaus, Wuppertal 1980.
(5) Schröder Gerhard, Decisions, Hoffmann e Campe, Amburgo 2006.
(6) Soloviev Vladimir S., La storia dell'Anticristo, Vita Nuova, Tubinga 1946.
(7) Trimondi Victor e Victoria, War of Religions, Wilhelm Fink, Paderborn 2006.
(8) Urban Martin, Perché la gente crede, Eichborn, Francoforte 2005.
(9) www.iivs.de/~iivs01311/H.Krieg/Hamas.htm.
(10) www.iivs.de/~iivs01311/H.Krieg/Iran.htm.
(11) http://gimf1.wordpress.com/tag/article.
(12) Elmar Thevessen/Souad Mekhemmet, The Big Ditch – Religious Fundamentalists on the Advance, documentario ZDF (8 marzo 2007).