Categorie
storia della religione

Il Tempio di Gerusalemme

(Pubblicato su GralsWelt 26/2002)

TERRA SANTA

Una striscia di terra al passaggio dall'Africa all'Asia, l'unico ponte terrestre tra questi grandi continenti, è stata per migliaia di anni un punto di passaggio e di collegamento tra popoli, paesi, nazioni, culture: Palestina.

Il commercio e gli scambi culturali si arricchirono, le campagne di guerra devastarono il Paese, che come la maggior parte dei Paesi di transito, stretti tra imperi più grandi, trovò una pace solo temporanea. Oggi, gli interessi dei diversi gruppi si scontrano nuovamente. Non sono affatto solo gli israeliani e i palestinesi a non riuscire a trovare un accordo in un Paese che non ha abbastanza acqua per la sua popolazione, cresciuta notevolmente negli ultimi decenni. Sullo sfondo ci sono Stati più grandi che perseguono i propri interessi e non agiscono affatto in modo altruistico come dicono.

Nell'attuale sanguinoso conflitto, inoltre, entrambe le parti sono interessate a qualcosa di diverso dalla terra concretamente accessibile e coltivabile, con acqua sufficiente. Le passioni religiose pesano su questo tratto di terra come in nessun altro luogo al mondo. C'è infatti Gerusalemme, la città sacra alle tre religioni abramitiche (o monoteiste): ebraismo, cristianesimo e islam. Per i musulmani è il terzo luogo più importante; per i cristiani è la città dove si sono svolti gli eventi più importanti della predicazione cristiana; per gli ebrei il Tempio distrutto di Gerusalemme è il simbolo più importante della loro fede, che un giorno risorgerà nel suo antico splendore.

"Come l'ombelico si trova al centro del corpo umano,
Così la terra d'Israele, in mezzo al mondo, è l'ombelico del mondo.
Gerusalemme è il centro della terra d'Israele,
e il tempio nel centro di Gerusalemme,
e il Santo dei Santi nel tempio,
e l'Arca dell'Alleanza al centro del Santo dei Santi,
e l'altare davanti al Santissimo Sacramento,
sono il centro del mondo che è stato fondato qui".
Midrash Tanchuma, Qedoshim (traduzione dall'inglese dopo (7))

I TRE TEMPLI 

Il Tempio di Salomone
Quando il re Davide (1003-964 a.C. circa) fece portare l'Arca dell'Alleanza nella Gerusalemme appena conquistata e la fece sistemare in una tenda, voleva utilizzare questo importantissimo oggetto di culto nella sua nuova capitale per consolidare il dominio della sua regalità sulle varie tribù ebraiche. La "Tenda Santa" descritta dettagliatamente nella Bibbia (Esodo 36:8 - 38) probabilmente non esisteva in questa forma, come ipotizzano i ricercatori (4, p. 666), e la tenda eretta da Davide sul Monte del Tempio di Gerusalemme per custodire l'Arca dell'Alleanza (2 Sam 6:17) era più semplicemente attrezzata della Tenda Santa, che Lutero chiamava "Tabernacolo".

Era anche chiaro che l'Arca dell'Alleanza non poteva rimanere in una tenda per un tempo indefinito, e già durante la vita di Davide era prevista la costruzione di un tempio, la cui esecuzione fu lasciata al figlio Salomone.
Questo Tempio di Salomone era molto apprezzato sia negli ambienti culturali ebraici che in quelli cristiani, molto più di altri edifici dell'antichità, decisamente più grandiosi. In questo tempio, infatti, veniva venerato il Dio degli ebrei, dei cristiani e dei musulmani. Qui si trovava il "Santo dei Santi", una stanza buia in cui solo il sommo sacerdote poteva entrare una volta all'anno (nel Giorno dell'Espiazione = Yom Kippur) per chiedere perdono a Dio. Secondo la tradizione, Dio era presente in questo Santo dei Santi; in altre parole, era possibile un contatto diretto tra l'uomo e Dio. Gli studiosi di religione vedono un parallelo con i templi egizi, dove il faraone poteva parlare con il suo Dio.
Oltre alla funzione cultuale, il Tempio aveva anche una funzione politica. Come "cappella reale", doveva diventare il centro religioso delle due parti dell'impero, Israele e Giuda.

"L'esterno del tempio aveva tutto per stupire il cuore e gli occhi. Il tempio, infatti, era tutto ricoperto di lastre d'oro e, quando il sole sorgeva, emanava una luce come di fuoco, tanto che chi guardava, anche se volutamente, distoglieva lo sguardo come dai raggi del sole. In effetti, gli stranieri che si avvicinavano a Gerusalemme avevano l'impressione di una cima innevata; infatti, dove mancava l'oro, era di un bianco brillante". Lo storico ebreo Flavio Giuseppe (I secolo d.C.) sul tempio di Erode, citato da (3, p. 32).

La costruzione del tempio, non troppo grande, che si suppone fosse il doppio del tabernacolo e quindi circa 33 x 11 m (4, p. 663), fu un'impresa per il piccolo regno che mise a dura prova il suo potere economico. Gli ambiziosi progetti edilizi di Salomone richiedevano un lavoro faticoso, anche ai suoi stessi sudditi, mentre Davide aveva solo obbligato i popoli sottomessi ai lavori forzati. Questo sovraccarico delle capacità dei suoi popoli, che dovettero costruire un palazzo oltre al tempio, gettò le basi per la disgregazione del regno dopo la morte di Salomone.

Come riporta la Bibbia nel Primo Libro dei Re, per la costruzione fu necessario l'aiuto del re fenicio Hiram, che inviò costruttori e artigiani oltre al legno di cedro. Con grande stupore degli israeliti, i fenici, tecnologicamente superiori, sapevano, ad esempio, tagliare la pietra: "Per la costruzione della casa furono utilizzate pietre già sbozzate nella cava...". (1 Re 6:7).

Numerose leggende si intrecciano intorno alla costruzione di questo tempio. Per esempio, nell'esoterismo massonico, il costruttore di templi fenicio Hiram-Abi, "il figlio della vedova", con le sue vaste conoscenze tecniche, gioca un ruolo importante.

La fine di questo leggendario primo tempio avvenne con la conquista babilonese nel 586 a.C. La città di Gerusalemme fu distrutta insieme al tempio e la maggior parte della popolazione fu deportata a Babilonia.

Il Tempio di Serubbabele
Fu una fortuna per gli ebrei che il tollerante Ciro II diventasse re dei persiani nel 559 a.C.. Sconfisse i Medi e conquistò l'Impero babilonese. Permise agli ebrei deportati di tornare in patria intorno al 538 a.C. e ordinò persino la ricostruzione del Tempio.

Il Regno del Nord, che non è centrale nella Bibbia e che è stato più importante per secoli, è stato il più importante del mondo. Israele era già stata distrutta dagli Assiri nel 722 a.C.. I suoi abitanti deportati scomparvero dalla storia come "le dieci tribù perdute di Israele". Solo il Regno del Sud Giuda potrebbe risorgere come provincia persiana, con Gerusalemme come capitale. Tuttavia, la sua costruzione richiedeva tempo e difficoltà. Sotto il governatore Zorobabele, il Secondo Tempio fu costruito e consacrato nel 515 a.C.. La vita religiosa si è rimessa in moto. Il Secondo Tempio aveva probabilmente le stesse dimensioni del Tempio di Salomone, ma mancava l'Arca dell'Alleanza e l'arredamento non poteva essere paragonato al precedente splendore. Così, nessuno è stato in grado di riprodurre i pilastri d'ingresso Jachin e Boaz, fusi da Hiram-Abi con il miglior bronzo, il famoso mare di bronzo (1 Re 7,23; 2 Re 25,13) e molti altri oggetti di culto di grande valore.
Solo decenni dopo, quando Neemia*), che lavorava alla corte persiana, fu inviato come governatore nella provincia persiana di Giuda, le mura di Gerusalemme poterono finalmente essere restaurate.

Ma ora sono sorte tensioni religiose. La conquista e la distruzione di Gerusalemme da parte dei Babilonesi avevano lasciato un profondo trauma. Molti, secondo l'antica tradizione profetica, incolpavano di questo il popolo, che si era presumibilmente allontanato dalla vera fede. Infatti, le ribellioni sconsiderate dei re Jaiakim e soprattutto Zidkia contro i Babilonesi avevano provocato la loro vendetta.
Nella diaspora, molti ebrei erano entrati in contatto con altri insegnamenti. I vittoriosi persiani erano poi seguaci di Zarathustra, la cui filosofia arricchì la religione ebraica ma sfidò il sacerdozio ortodosso del tempio. Inoltre, c'erano molti matrimoni tra ebrei e non ebrei; e questi ultimi erano sospettati di adorare ancora vecchi dei, come Baal.

I signori persiani erano tolleranti in termini religiosi e Neemia fu in grado di avviare un ritorno alla Legge mosaica per alleviare le tensioni religiose.
Poi Esdra, nato intorno al 397 a.C. nell'esilio babilonese, apparve a Gerusalemme intorno al 458 a.C.; sacerdote e scriba. Su incarico dei persiani, egli doveva continuare l'opera di Neemia e porre fine ai disordini religiosi. Esdra promuoveva la fede in Yahweh e richiedeva una stretta osservanza delle leggi religiose. Gli ebrei dovevano separarsi dalle donne non ebree e ai non ebrei era vietato l'accesso al Monte del Tempio. Coloro che si opponevano a questa vittoria dell'Ortodossia venivano minacciati con la privazione dei beni, l'esilio e persino la morte.

Nel conflitto con l'ellenismo, nel II secolo a.C. si formarono gli Asidaioi o Chassidim, un gruppo religioso dedito alla rigorosa osservanza delle leggi degli antenati. Queste persone "pie" o "riverenti" continuarono l'opera iniziata da Esdra. Anche ai nostri giorni si parla di sefarditi, gli ebrei più intellettuali espulsi dalla Spagna e dal Portogallo nel XV e XVI secolo, e dell'ebraismo strettamente religioso, a volte mistico, dei chassidim, a cui gli ebrei della Germania e dell'Europa orientale appartenevano ancora nel XX secolo. Oggi l'influenza dei chassidim ortodossi sulla politica dello Stato di Israele non è da sottovalutare.

Il Tempio di Erode
La vittoria dell'Ortodossia rafforzò il sacerdozio del Tempio, impose l'unità religiosa interna e isolò ritualmente gli ebrei dai non ebrei. D'altra parte, la provincia di Giuda non poteva chiudersi alle influenze esterne a causa della sua mancanza di forza militare. Dopo la distruzione dell'Impero persiano da parte di Alessandro Magno (356-323 a.C.), Giuda passò sotto il dominio egiziano (tolemaico), greco (seleucide) e infine romano. Nel mezzo, ci fu un breve periodo di indipendenza dovuto al successo della rivolta dei Maccabei, motivata da ragioni religiose.**) Quando nacque Gesù, Erode il Grande (73 - 4 a.C.)***) era re della Giudea con il sostegno dei Romani.

Nel tumulto bellico dei secoli, il Secondo Tempio fu saccheggiato e danneggiato più volte; un restauro vicino a una nuova costruzione era dovuto. Così, sotto Erode, fu costruito l'imponente edificio del tempio dove un tempo insegnava Gesù.
Alcuni parlano del Tempio di Erode come del "Terzo Tempio" dove predicò il Messia, ma nel censimento ebraico, a prescindere dalle varie ristrutturazioni e dalle generose ricostruzioni ed espansioni di Erode, si tratta ancora del Secondo Tempio.
Il Tempio di Erode, un edificio molto ammirato dell'antichità, rimase in piedi solo fino all'anno 70, quando il comandante romano Tito conquistò Gerusalemme per sedare una rivolta ebraica scoppiata nel 66. Nel frattempo, i legionari infuriati bruciarono la città e il tempio contro la volontà del comandante.

Il Terzo Tempio
Dalla distruzione del Tempio erodiano, nel corso dei secoli ci sono stati vari tentativi di ricostruzione, tutti falliti (cfr. ad es. 3). Con la conquista di Gerusalemme da parte di Israele nella Guerra dei Sei Giorni (1967), le speranze secolari degli ebrei ortodossi per la restaurazione del Tempio acquistarono nuova forza. Nell'esoterismo ebraico si trovano profezie bibliche ed extrabibliche che annunciano la ricostruzione del Tempio nell'era del Messia e che impegnano i fedeli a impegnarsi pienamente nella ricostruzione (cfr. ad es. 3).
L'esatta ubicazione dell'antico tempio, e quindi del luogo in cui sarebbe stato costruito il futuro "Terzo Tempio", è nota solo approssimativamente. Spesso si presume che il Santo dei Santi fosse situato al centro dell'attuale Cupola della Roccia. Finché gli scavi archeologici sul Monte del Tempio non saranno fattibili, molte domande sul Monte del Tempio e sui passaggi sotterranei al suo interno dovranno rimanere senza risposta.

IL FUTURO DELLA COLLINA DEL TEMPIO
Sul Monte del Tempio, dove un tempo sorgevano gli antichi santuari ebraici, oggi si trovano la Cupola della Roccia islamica (Moschea di Omar, del VII secolo) e la Moschea di Al-Aksa. I musulmani considerano la "Sacra Roccia" della Moschea di Omar come il luogo da cui Maometto fu catturato nei sette cieli. Un'altra leggenda vuole che Abramo abbia sacrificato qui. I santuari cristiani della "Terra Promessa" non si trovano sul Monte del Tempio.

Dopo la Guerra dei Sei Giorni, il moderato ministro della Difesa israeliano Moshe Dayan (1915-1981) lasciò il Monte del Tempio al controllo musulmano; un atto diplomatico di tolleranza che ancora oggi indigna sionisti ed ebrei ortodossi. A quanto si sa, negli ultimi decenni ci sono stati quattro tentativi di far esplodere la Cupola della Roccia da parte di ebrei ultraortodossi (1, p. 11). Tentativi di assassinio che, se fossero andati a buon fine, avrebbero profondamente indignato l'intero mondo islamico.
Agli ebrei rimase solo una parte del Muro occidentale del Tempio erodiano, il "Muro del Pianto", come luogo di preghiera e di memoria.

Oggi, sul Monte del Tempio, le rivendicazioni di due religioni si scontrano ferocemente, una parla della "I metri quadrati più esplosivi del mondo". (New York Times, 3, p. 9).
I musulmani invocano il potere del fatto, il fatto creato più di un millennio fa con la costruzione della Cupola della Roccia e della Moschea di Al-Aksa. La Cupola della Roccia, la cupola dorata che sovrasta la Santa Roccia creata non tanto per le funzioni di preghiera quanto per le processioni di pellegrinaggio, è uno degli edifici più apprezzati dall'umanità in termini di cultura e storia dell'arte.

Questi edifici, eretti dai musulmani molti secoli fa sul Monte del Tempio, ora ostacolano il desiderio di molti ebrei devoti di ricostruire il tempio ebraico, un tempo defunto, sul suo vecchio sito, nel modo più fedele possibile. Questo tempio era stato il centro della religiosità ebraica per un millennio. Dopo la sua distruzione, i fedeli ebrei, sparsi in tutto il mondo, hanno desiderato per due millenni il centro cultuale perduto e hanno sperato nella sua promessa profetica resurrezione. Dopo che lo Stato di Israele ha preso possesso di Gerusalemme, la realizzazione di questo antico desiderio sembrava a portata di mano.

Come può apparire un compromesso che soddisfi le speranze degli ebrei credenti senza ferire i sentimenti religiosi di più di un miliardo di musulmani, come prerequisito per il futuro pacifico della "Terra Santa" così spesso tormentata da guerre e distruzioni che tutte le parti cercano? Due religioni mondiali hanno la possibilità di dimostrare il potere pacificatore della loro fede e di dimostrare che servono l'unico Dio che è un Dio di pace.

Note di chiusura:
*) Neemia, proveniente da una famiglia di Gerusalemme, divenne eunuco alla corte persiana e coppiere del re nel 445 (1).
** ) Cfr. "Un capriccio influenza la storia del mondo" in "Breve, conciso, curioso" pag. 279.
***) Gesù nacque probabilmente nel 7 a.C. (cfr. 5, "Dall'inizio del nostro tempo", sotto "Storia"). Al momento della sua crocifissione (30 o 33 d.C.) Erode Antipa (20 a.C.-39 d.C.) era re di Giudea.

Letteratura:
(1) Andrews, Richard "Temple of Promise", Gustav Lübbe, Bergisch Gladbach, 1999.
(2) Freedman, David Noel/Robinson, Thomas L. "1000 domande alle Sacre Scritture", Das Beste, Stoccarda 1992.
(3) Liebi, Roger "Gerusalemme - Hindernis für den Weltfrieden?", Schwengeler, CH-9442 Berneck, 1995.
(4) Mertens, Heinrich A. "Handbuch der Bibelkunde", Bechtermünz, Augsburg 1997.
(5) Naredi-Rainer, Paul v. "Salomons Tempel", Dumont, Colonia 1994.
(6) Negev, Avraham "Archäologisches Bibellexikon", Hänssler, Neuhausen-Stuttgart, 1991.
(7) http://www.templemount.org/.