Categorie
commemorazioni

Legge della giungla o piano di Dio?

Per il doppio anniversario di Darwin nell'anno 2009: Il bicentenario e i 150 anni di "Sull'origine delle specie"

(Pubblicato su GralsWelt 51/2009)

Il 12 febbraio 2009 ricorre il 200° compleanno di Charles Darwin (1809-1882), uno degli scienziati più influenti di tutti i tempi per la nostra visione del mondo. Il 24 novembre 1859 - centocinquanta anni fa - fu pubblicata l'opera epocale di Darwin "Sull'origine delle specie per mezzo della selezione naturale". Questo lavoro fondamentale rese Darwin improvvisamente famoso e famoso.

Le sue tesi contraddicevano la storia della creazione della Bibbia. Promuovevano il pensiero materialistico, aiutavano le scienze naturali a emanciparsi dalle religioni, ampliavano il divario tra scienza e chiesa e chiedevano un profondo ripensamento che fu doloroso per molti.

La teoria della selezione di Darwin
C'erano tre presupposti molto semplici che tutti potevano capire che hanno causato un cambiamento nel modo di pensare dei biologi:
· Gli individui in una popolazione non sono mai esattamente gli stessi. Ci sono sempre (lievi) differenze, le variazioni.
· Ogni essere vivente produce più prole di quella che può adattarsi al suo ambiente naturale. Una gran parte non può quindi raggiungere l'età riproduttiva.
· Gli individui più adatti, cioè i “più adatti” hanno maggiori possibilità di trasmettere le loro caratteristiche ereditarie alla prole. In questo modo, la selezione naturale (selezione) assicura che si riproducano principalmente le forme di vita che si adattano meglio al loro habitat, mentre quelle meno idonee vengono eliminate. Questo è il tanto citato slogan "sopravvivenza del più adatto", tradotto non molto felicemente come "sopravvivenza del più adatto".

Secondo la teoria di Darwin, gli esseri viventi che erano sempre meglio adattati ai loro habitat si sono sviluppati nel corso di molte generazioni nell'interazione di variazione e selezione. In piccoli e minuscoli passi evolutivi si sono formate nuove specie, fino a quando finalmente l'intera, immensa abbondanza di vita che oggi ammiriamo è nata da una semplice "creatura primordiale" (l'Eobiont). Questa evoluzione continua; non ci sarà fine finché la nostra terra rimarrà abitabile.

Non appena è stato pubblicato, "The Origin of Species" ha innescato accese discussioni ideologiche, che ruotavano attorno a un argomento che Darwin aveva appena affrontato:

L'uomo come prodotto della materia
Alla fine della sua opera "Origin of Species" Darwin indicò con una sola frase che anche l'uomo dovrebbe essere considerato parte della natura: "Nuova luce cadrà sull'origine dell'uomo e sulla sua storia".

Anni prima che Darwin pubblicasse un'altra opera fondamentale, On the Descent of Man, nel febbraio 1871, si accese la critica all'origine della specie umana. La Bibbia ci dice che l'uomo è venuto direttamente dalla mano di Dio; non c'era dubbio per i credenti nelle religioni abramitiche.

Ora l'uomo è deposto dal suo trono come “corona della creazione” ed è forzata una nuova autocomprensione dell'uomo come parte della natura. Nella visione del mondo darwiniana, l'uomo non può rivendicare un rango più alto di quello di un primate altamente sviluppato con un cervello particolarmente grande. Non ci si dovrebbe aspettare standard elevati di moralità o un pronunciato senso di responsabilità da una "scimmia intelligente". La spietatezza e la prontezza all'uso della violenza, invece, possono essere spiegate e giustificate come conseguenza della lotta per l'esistenza.

I fedeli cristiani sono rimasti sconvolti da questa "distruzione del piano divino". La filosofia naturale e la religione erano in guerra tra loro. A cosa dovrebbe mirare l'uomo? Secondo la "Sacra Scrittura" o secondo la "legge della giungla", la "battaglia nella natura"? Il suo sentimento, il suo buon senso si ribellarono al nuovo e trovarono appoggio nelle chiese.

La disputa del sec
Centocinquanta anni dopo la prima pubblicazione di "Origin of Species" di Darwin, la controversia sulla teoria dell'evoluzione non si è del tutto placata.
Da allora sono state fatte molte ricerche e nuove intuizioni, come la teoria dell'ereditarietà, hanno cambiato radicalmente gli approcci di Darwin.
Ai tempi di Darwin, l'eredità dei tratti acquisiti era data per scontata, cosa che è stata smentita. Oggi si parla di "teoria sintetica dell'evoluzione" in cui sono contenuti i seguenti fattori evolutivi:
· Mutazioni casuali (cambiamenti genetici) come causa importante delle variazioni postulate da Darwin.
· Ricombinazione (nuova combinazione) di fattori ereditari nella riproduzione sessuale. Specie vegetali e animali sono state allevate per molti secoli; tuttavia, le leggi sull'ereditarietà non furono scoperte fino al XIX secolo.
· Selezione (Auslese), cioè diverso successo riproduttivo degli individui di una popolazione a causa della diversa idoneità.
· Deriva genetica (fluttuazioni casuali non basate sulla selezione).
· Isolamento o separazione. Le popolazioni della stessa specie vengono separate (ad esempio sulle isole) e poi si evolvono in nuove specie.
Ci sono anche altri approcci che non sono condivisi da tutti i ricercatori. Apparentemente, anche le influenze culturali come il cibo o le esperienze traumatiche dell'infanzia possono modificare in modo permanente il materiale genetico nel cervello. (1 e 2).

Poiché, secondo le teorie attuali, le mutazioni (cambiamenti nel materiale genetico) così importanti per l'evoluzione avvengono casualmente, l'odierna diversità degli esseri viventi è dovuta a un gioco d'azzardo; l'interazione tra mutazione e selezione. Se alcune mutazioni “accidentali” avessero preso un corso diverso in una fase importante dello sviluppo, l'evoluzione della vita avrebbe potuto prendere una strada completamente diversa.
Per molte persone questo punto di vista sembra in qualche modo illogico.

Non solo le persone religiose non vivono se stesse e il mondo come risultato di un incidente. Inutilità, inutilità e inutilità, le "proprietà" del caso non sembrano sufficienti per uno sviluppo positivo. Ogni ingegnere lo sa.

Tanti cercano le cause e il significato e lo scopo di tutto questo. Queste sono domande più ampie e più religiose che scaturiscono dalla coscienza umana. La tua risposta va oltre le possibilità della scienza.

critici della teoria evoluzionistica
La stragrande maggioranza degli scienziati accetta la teoria modificata dell'evoluzione come l'unica spiegazione logica per lo sviluppo della vita nel corso della storia naturale. Gli oppositori accusano questi evoluzionisti di attenersi alla loro ipotesi materialistica nonostante molte incongruenze, principalmente perché la teoria dell'evoluzione cerca di fare a meno del postulato di influenze "soprannaturali" o di un dio creatore. Pertanto gli scienziati sono spesso esposti all'accusa di ateismo.

Alcuni dei critici della teoria della selezione possono essere trovati nel campo dei fondamentalisti letteralisti, i creazionisti. Questi non credono in una legge naturale dello sviluppo della vita, ma negli atti individuali della creazione di Dio. Che sia ebreo, cristiano o musulmano, chiunque prenda alla lettera le sue Sacre Scritture deve credere nell'intervento divino diretto negli eventi naturali. Gli scienziati naturali accusano i creazionisti di una cecità teologica.

I rappresentanti della "Teoria del design intelligente (ID)" (cfr. "Un universo costruito", in "Scienza") - inclusi scienziati rispettati - hanno trovato in natura molte prove del fatto che gli esseri viventi devono essere "costruzioni" congegnate, che non può essere nato per puro caso. Una "intelligenza progettuale" (es. esseri naturali) dovrebbe quindi promuovere e controllare l'evoluzione. Tuttavia, la teoria dell'ID finora non è stata né dimostrabile né confutabile e quindi non è riconosciuta come una teoria scientifica in senso stretto.

Le discussioni a volte accese tra evoluzionisti, creazionisti e rappresentanti della teoria dell'ID continuano.

Il futuro del darwinismo
Charles Darwin morì all'età di 73 anni il 19 aprile 1882. È considerato uno degli scienziati più importanti. Cosa durerà del suo lavoro?

La storia dello sviluppo, l'evoluzione della vita dal semplice al complicato, rimarranno parte integrante delle nostre conoscenze. I meccanismi che hanno determinato il sorgere della vita organica sono controversi: è un “caso cieco” o un “principio superiore”?

La nostra attuale visione scientifica del mondo è impensabile senza Darwin. Ma la scienza si sta evolvendo e la biologia evolutiva cambierà, così come le nostre idee sulla storia naturale. È quindi incerto se, alla fine del 21° secolo, l'evoluzione basata su Darwin verrà ancora insegnata.

Forse un giorno la teoria darwiniana dell'evoluzione sarà superata come lo è oggi il cosmo di Tolomeo, ma rimarrà una parte della storia culturale occidentale. Secondo me, le persone dei secoli a venire vedranno nel grande inglese uno scienziato che ha fornito nuovi fatti e fornito importanti spunti di riflessione. E il nome di Darwin continuerà ad avere in futuro lo stesso rispetto di quello di Aristotele, la cui fisica è stata da tempo confutata.

Puoi anche leggere questo in "Scienza" "Darwin" Parte 1 – 7.

Letteratura:
(1) Der Spiegel, 29/2008, pag. 139.
(2) Der Spiegel, 32/2008, pag. 110.
(3) GralsWelt edizione 21/2008.