Categorie
ecologia

La lotta per l'elisir blu della lunga vita

Pubblicato in GralsWelt 51/2008

Il cibo sta diventando scarso?

Nell'aprile 2008, il governo di Tahiti, uno dei paesi più poveri dell'America centrale, è stato costretto a dimettersi da una manifestazione su larga scala che si è quasi trasformata in una rivolta popolare. Il motivo di queste proteste è stato il forte aumento dei prezzi dei generi alimentari. Un giornalista è arrivato al punto di affermare che questi aumenti dei prezzi degli alimenti di base, che ora hanno causato e continueranno a causare disordini in altri paesi poveri, sono stati una sorpresa.

“All'inizio degli anni '90, dobbiamo decidere misure coerenti per fermare la crescita della popolazione, combattere la povertà e proteggere l'ambiente. Altrimenti lasceremo ai nostri figli solo un'eredità avvelenata".

Rapporto sulla popolazione mondiale 1990 (1, p. 23)

Sorpreso?

Da decenni si fa notare che con l'aumento della popolazione mondiale, la terra arabile disponibile pro capite sta diminuendo (cfr.Un'impronta schiacciante") ed è quindi prevedibile che la produzione alimentare non sarà più in grado di soddisfare la domanda nel prossimo futuro. Questo problema è aggravato dalla produzione di combustibili da canna da zucchero, grano, mais, riso o olio vegetale; tutti alimenti importanti che possono essere usati sia per "carburante" che per "pane". A parte la follia della disboscamento su larga scala delle foreste tropicali. Sulle radure z. B. Crescono le palme da olio, che forniscono olio adatto ai motori diesel[io].

Basta "l'oro blu"? (8)

Tra qualche anno saremo “sorpresi” da un'altra carenza in molte parti del mondo: il consumo di acqua è aumentato drasticamente negli ultimi decenni, e se la domanda continuerà a crescere, ci sarà carenza dei più importanti alimenti di tutto, acqua!

"Pioggia Pioggia, Benedizioni del cielo!
Portaci freschezza, spegni la polvere
E rinfresca erba e foglie.
Pioggia Pioggia, Benedizioni del cielo!
rinfresca i miei fiorellini,
che sbocciano al sole.
Pioggia Pioggia, Benedizioni del cielo!
Prenditi cura anche del ruscello,
che possa frusciare di nuovo!

August Heinrich Hoffmann von Fallersleben (1789-1874)

Già nel 1980 Global 2000 avvertiva:

“L'acqua dolce, un tempo una risorsa abbondante nella maggior parte del mondo, diventerà sempre più scarsa nei prossimi decenni per due ragioni. In primo luogo, ci sarà un maggiore consumo netto dalle torri di raffreddamento, ma soprattutto dai sistemi di irrigazione artificiale, quindi le scorte totali diminuiranno. In secondo luogo, l'inquinamento e l'impatto delle centrali idroelettriche limiteranno fortemente l'uso di acqua dolce e, con esso, la fornitura di acqua dolce. Il deterioramento delle condizioni del bacino idrografico, non ultimo il risultato della deforestazione, aumenterà la volatilità dell'acqua, accelererà l'erosione del suolo, influirà sui progetti di sviluppo idrico e ridurrà la qualità dell'acqua. Sembra inevitabile che la funzione di torrenti e fiumi come habitat per gli organismi acquatici venga sempre più sacrificata ai fini dell'irrigazione artificiale, del consumo umano e della produzione di energia. Questo vale soprattutto per i paesi sottosviluppati”. (2, p. 725).

Nel 1992/93 la stampa scopre il tema della “guerra per l'acqua” (1, p. 12; 6). Perché i sistemi fluviali vitali spesso scorrono attraverso più stati[ii], che spesso combattono per l'acqua, anche i conflitti armati sembrano inevitabili. Il conflitto per l'acqua più noto riguarda le acque del Giordano, che lo Stato di Israele controlla dall'occupazione delle alture del Golan nella Guerra dei Sei Giorni (1967).

Le acque della terra

La terra ha l'enorme quantità di acqua di 1,38 miliardi di km³. Di questi, tuttavia, solo 2,6 sono % d'acqua dolce. La maggior parte dell'acqua dolce è di difficile accesso, quindi abbiamo davvero solo l'acqua piovana, una risorsa rinnovabile, a nostra disposizione. Secondo "Water for People" (10), la piovosità totale sulla superficie terrestre è di ~ 110.000 km³/anno. Una parte significativa di esso evapora direttamente o indirettamente attraverso le piante. Nella pratica possono essere utilizzate solo l'acqua piovana che piove direttamente sui campi o sulle foreste commerciali e l'acqua di deflusso che rifluisce negli oceani attraverso i fiumi o come acque sotterranee.

Di quanta acqua ha bisogno una persona?

Una persona ha bisogno di ~ 2 - 10 litri di acqua potabile al giorno per sopravvivere. Il fabbisogno effettivo di acqua, compresi i servizi igienico-sanitari, è molto più elevato, soprattutto nei paesi sviluppati dove le persone hanno il lusso di sciacquare i bagni con acqua potabile:

Tabella 1: Consumo di acqua per persona + giorno escluse agricoltura e industria, 2006.
litri di terra d'acqua
  25 India
122 Belgio
129 Germania
145 Austria/Danimarca
188 Svezia
237 Svizzera
278 giapponese
295 USA
500 Dubai
Fonte: 15.

Molta acqua è necessaria anche per la produzione alimentare. Nutrire un uomo di modeste esigenze richiede:

Tabella 2: Fabbisogno idrico minimo per bere e nutrirsi a flecibo povero:
Fabbisogno per persona: 3 m³/giorno = 1.095 m³/anno
per 6,5 miliardi: ~ 7.150 km³/anno
Fonte: 9, pagina 39.

I seguenti dati sono forniti per il consumo effettivo di acqua dell'umanità:

Tabella 3: Popolazione in milioni e consumo d'acqua nel mondo in km³/anno, 1977:

Popolazione Energia Irrigazione Settore Totale +Famiglia Africa 405 11 60,8 16,2 88 Asia 2.290 68 1.400 129 1.597 Australia 20 7,9 13 8,1 29 Europa 404 176 116 224 516 Nord Am. 339 232 205 114 551 Sud em. 214 6,4 35 15,6 57
mondo    3.670  502    1.830         506      2.838[iii]

Con una popolazione mondiale di 3,67 miliardi di persone in quel momento, il consumo medio pro capite era di 773 m³/anno. (Africa 217 m³; Nord America 1.625 m³).
Nel 2000, il consumo di acqua nel mondo era di circa 5.000 km³/anno. Con 6 miliardi di persone pro capite ~ 833 m³/anno.
L'acqua piovana che irriga direttamente i campi e le foreste commerciali non è inclusa in queste cifre.
Fonti: 2, pagina 362; 10, pagina 13; http://www.geospot.de/wasserkonflikt/ressource.htm.

Il consumo di acqua è distribuito in percentuale come segue:
Tabella 4: Consumo di acqua nel mondo jn %                                                                famiglia del settore agricolo
Paesi con basso a
reddito medio 82% 10 % 8 %
paesi con alto
Reddito 30 % 59 % 11 %
UE 21 %              63 %       16 %

Mondo 70 % 22 % 8 %

Fonte: 10, pagina 228.

 Tra il 1940 e il 1990 il consumo mondiale di acqua è quadruplicato e nello stesso periodo la popolazione è raddoppiata[IV].

Oggi il consumo di acqua nei paesi industrializzati si è stabilizzato a livelli elevati.

I paesi in via di sviluppo si battono per redditi più alti e hanno bisogno di più acqua per farlo. Con l'aumento della popolazione, avranno bisogno di quantità d'acqua pro capite altrettanto elevate dei paesi sviluppati per la produzione di energia, l'industria e le famiglie.

Inoltre, la domanda di acqua in agricoltura aumenterà notevolmente, poiché le rese possono essere notevolmente aumentate attraverso l'irrigazione (Tabella 5). Attualmente, circa 60 % del terreno agricolo sono irrigati e per questo vengono utilizzati circa 70 % dell'acqua distribuita artificialmente.

 Tabella 5: Rese massime del raccolto dall'irrigazione:
Colture irrigate con sola pioggia: ~ 3.000 kg/ettaro
Granella irrigata in modo ottimale ~ 7.500 kg/ettaro [v]
Fonte: 10, pagina 205.

A livello globale, possiamo avere a nostra disposizione le seguenti quantità di acqua, che, tuttavia, variano notevolmente da regione a regione:

 Tabella 6: Acqua disponibile in tutto il mondo:
Acqua di deflusso accessibile: 6.780 km³/anno
Acqua piovana che sui campi e
Le foreste commerciali cadono: 18.200 km³/anno
Intero, per i bisogni umani
acqua disponibile: 24.980 km³/anno
Fonte: 7, pagina 9.

Dal volume d'acqua disponibile di ~ 24.980 km³/anno[vi] un limite superiore teoricamente possibile per la popolazione mondiale può essere calcolato:

Tabella 7: Possibile popolazione mondiale in base alla disponibilità acqua di 24.980 km³/anno:
Requisito minimo per persona per alimenti a basso contenuto di carne, esclusa l'industria 1.100 m³/anno
popolazione possibile 22,7 miliardi
Se il requisito minimo è raddoppiato
(con industria + migliore nutrizione) 2.200 m³/anno
Possibile popolazione 11,4 miliardi

L'acqua teoricamente disponibile non è l'unico criterio per una popolazione umana sulla terra compatibile con la natura, che già supera i limiti (cfr. "Quanti schiavi hai per lavorare per te" e "Un'impronta schiacciante", entrambi in "Ecologia").

L'acqua sta finendo?

In molte regioni densamente popolate del mondo c'è già carenza di acqua. Le precipitazioni sono distribuite in modo molto irregolare e variano tra ~ 0 mm/anno (Sahara) e >11,5 m/anno (Monte Waialeale, 1569 m, alle Hawaii).

Questa distribuzione ineguale è in qualche modo mitigata dall'esportazione di "acqua virtuale". Perché con ogni tonnellata di grano proveniente da paesi esportatori come il Canada o gli Stati Uniti, migliaia di tonnellate di acqua virtuale vengono esportate indirettamente. Tuttavia, i paesi industrializzati importano anche 4.000 litri di acqua virtuale per ogni bicchiere (200 g) di caffè macinato (vedi tabella nel riquadro).

Quando la scarsità d'acqua avrà un grave impatto?

Il rapporto delle Nazioni Unite sullo sviluppo idrico del 2003 (11):
"Entro la metà di questo secolo, lo stress idrico colpirà nel peggiore dei casi 7 miliardi di persone in 60 paesi e nel migliore dei casi 2 miliardi di persone in 48 paesi".

Un paese è considerato “a corto di acqua” se il volume d'acqua pro capite scende al di sotto di 1.000 m³ pro capite all'anno. 1.770 m³ pro capite all'anno viene definita "situazione idrica tesa". (9, pag. 39).

Secondo la tabella 3, il consumo mondiale di acqua, esclusa l'acqua piovana direttamente sui campi, nel 2000 è stato in media di 833 m³/persona + anno. Ciò che si nota in questa tabella è che le regioni ad alta densità di popolazione (Africa, Asia, Sud America) utilizzano relativamente poca acqua per l'industria e la produzione di energia. Questo cambierà con la rapida crescita industriale nei paesi in via di sviluppo; la domanda di acqua aumenterà più velocemente della crescita della popolazione.

Nella prossima battaglia per l'acqua, l'industria ha il potere maggiore, come afferma Edward O. Wilson: “Mille tonnellate di acqua dolce producono una tonnellata di grano del valore di circa US$ 200,- (a partire dal 2002). La stessa quantità di acqua produce 14.000 US$ nell'industria![vii]

La possibile popolazione di 11,4 miliardi di persone calcolata nella tabella 7 in base all'acqua disponibile supererebbe di gran lunga la capacità del bilancio idrico terrestre in molte regioni. Con l'aumento dei prezzi dell'energia, la desalinizzazione dell'acqua di mare è disponibile solo per pochi paesi ricchi, ad es. B. gli Stati del Golfo, sii abbordabile.

La carenza d'acqua è prevedibile!

Le controversie sull'acqua, persino le guerre per l'acqua e l'emigrazione di massa da paesi con carenza d'acqua non possono essere evitate.

Tabella 8: Il fabbisogno idrico per la produzione di alcuni alimenti:
Cibo Fabbisogno di acqua in litri:
1 kg di caffè in polvere 20.000
1 kg di manzo 15.000
1 kg di agnello 10.000
1 kg di pollame 8.000
1 kg di formaggio 5.000
1 kg di zucchero 3.000
1 kg di riso 2.000 – 5.000
1 kg di olio di palma 2.000
1 kg di grano 1.000 – 1.500
1 kg di agrumi 1.000
1 kg di legumi 1.000
1 kg di pane 1.000
1 kg patate 500
1 litro di latte 2.000 – 4.000
1 litro di succo d'arancia 1.000
1 litro di birra 500
1 tazza di caffè 140
1 uovo 1.000
Fonti: 4, pagina 440; 5, pagina 17 segg.; 9, pagina 203.

Tabella 9: L'acqua del nostro pianeta blu:
Approvvigionamento idrico totale sulla terra: 1,38 miliardi di km³
Di cui acqua dolce 35,88 milioni di km³ (2,6 %)
Su un globo liscio, l'acqua coprirebbe la terra in modo uniforme a 2,7 km di altezza. L'acqua dolce da sola potrebbe coprire la terra con 70 m di profondità dell'acqua.
Fonti: 1, pagina 27; 9, pagina 54 seg.

1 km³ = 1 miliardo (10°9) m³ = 1 trilione (1012) litri
1 m³ = 1.000 litri

Letteratura:
(1) Barandat Jörg, Acqua - Confronto o cooperazione, Nomos, Baden-Baden, 1997.
(2) Global 2000 The Report to the President, Zweitausendeins, Francoforte, 1981.
(3) Heinrich Dieter/Herget Manfred, dtv Atlas on ecologia, dtv, Monaco, 1990.
(4) Furrier-Polkmann Frank, The Water Book, Lembeck, Francoforte a. M.; 2007
(5) Pearce Fred, Quando i fiumi si prosciugano, Antje Kunstmann, Monaco, 2007.
(6) Polkehn Klaus, Guerra per l'acqua?, Morgenbuch, Berlino, 1992.
(7) Rogers Peter P., Crisi idrica, Taylor & Francis, Londra, 2006.
(8) Shiva Vandana, La battaglia per l'oro blu, Red Dot, 2007.
(9) Villiers Marq de, Wasser, Econ, Monaco, 2000.
(10) Water for People - Water for Life, The United Nations World Water Report, UNESCO-WWAP, 2003.
(11) http://www.aktiongrundwasserschutz.de/information/worldwide/index.htm.
(12) http://www.bmu.de/gewaesserschutz/fb/trinkwasser_wasserwerk/doc/3260.php.
(13) http://www.uni-leipzig.de/~grw/lit/texte_100/130_2006/WaEiEin552006.pdf.
(14) http.//www.wasserverwaltungsseiten.de/wasserkompendium.htm.
(15) http://www.wasserkarawane.de/pdf_dokumente/Wasser%20weltweit.pdf.
(16) http://www.wikipedia.org/wiki/wasserverbrauch.

Note di chiusura:
[io] Esistono ora processi promettenti per la produzione di combustibili liquidi dal legno o, in futuro, anche dalle alghe. C'è speranza che la crisi petrolifera possa essere contenuta. Tuttavia, non immediatamente e non gratuitamente.
[ii] Ci sono oltre 300 sistemi fluviali in tutto il mondo che toccano diversi paesi.
[iii] La popolazione mondiale di 3,67 miliardi indicata in "Global 2000" per il 1977 sembra troppo piccola. Dal punto di vista di oggi, oltre 4 miliardi è più accurato.
[IV] http://www.mi.uni-hamburg.de/fileadmin/files/static_html/Globale_Umweltveraenderungen/Jacques/wasser.html.
[v] Tali rendimenti massimi richiedono cereali ad alte prestazioni, che a loro volta richiedono molta acqua e fertilizzazione artificiale. Spesso inaccessibile per gli agricoltori poveri nei paesi sottosviluppati!
[vi] Questa quantità di acqua dovrebbe essere al limite superiore. Un'altra fonte (cfr. nota 4) fornisce solo 9.000 km³ come quantità d'acqua direttamente disponibile. La popolazione massima della terra sarebbe allora di 8 miliardi con un tenore di vita modesto; con l'industria per richieste elevate solo a 4 miliardi!
[vii] Edward O. Wilson, "Il futuro della vita", Goldmann, Monaco di Baviera, 2004, p.62.