Categorie
economia e affari sociali

L'inizio del 21° secolo

(Pubblicato su GralsWelt 41/2006)

Tentativo di apertura del bilancio per il terzo millennio.

“Nell'era emergente, le battaglie tra le culture sono la più grande minaccia alla pace mondiale e un ordine internazionale basato sulla cultura è la difesa più sicura contro la guerra mondiale. Il futuro della pace e della civiltà dipende dalla comprensione e dalla cooperazione tra i leader politici e intellettuali delle grandi culture mondiali. Nello scontro di culture, Europa e America dovranno marciare insieme o saranno sconfitte separatamente. Nella lotta più ampia, la "vera lotta" globale tra civiltà e barbarie, sono le grandi culture mondiali con le loro grandi conquiste in religione, arte e letteratura, filosofia, scienza e tecnologia, moralità e compassione che devono anche unirsi, altrimenti anche loro saranno battuti separatamente”.
Samuel Huntington (8, p. 531).

L'inizio del 21° secolo era una falsa partenza: un atto di terrorismo ritenuto impossibile ha scosso gli USA e l'intero mondo civile l'11 settembre 2001; è stato il motivo di due guerre in regioni lontane dall'America (Afghanistan e Iraq), e la pace non è ancora in vista.

Non solo gli Stati Uniti, ma l'intero Occidente si è sentito minacciato da islamisti fanatici dall'11 settembre. La storia si ripete e il nuovo secolo inizia - come i due precedenti - con inimicizia e guerra? Ci sono minacce di infiltrazione islamica (3, p. 57 segg.) e di “scontro di culture”? (8°).

Due secoli di guerra

Il XIX secolo iniziò con guerre crudeli che colpirono tutta l'Europa - dalla Spagna alla Russia, dall'Italia alla Danimarca - ea rigor di termini erano già guerre mondiali, poiché si combattevano anche nella regione del Pacifico, nei Caraibi e in Sud Africa.

Poi è seguito uno zeitgeist più pacifico e ci sono stati approcci all'umanità: le guerre - ancora "un mezzo legittimo dopo il fallimento della politica" - dovrebbero essere condotte "più equamente" e la popolazione civile, che aveva sofferto terribilmente durante le guerre napoleoniche, dovrebbe essere risparmiato.
La Croce Rossa (1863), la Convenzione di Ginevra (1864), la Convenzione dell'Aia sulla guerra terrestre (1899) e altri trattati internazionali hanno dato speranza per il futuro.

Venne superata anche l'immagine odiosa del nemico del periodo rivoluzionario. I nemici disumani divennero avversari rispettati. Esempi di ciò sono il modo in cui i vincitori francesi hanno affrontato (combattenti per la libertà o terroristi?) Abd el Kader (cfr. "Combattenti per la libertà, musulmani, uomo" in "Kurz, giusto, kurios" pagina 442), e il suo coinvolgimento personale in un pogrom a Damasco contro i cristiani per la loro salvezza.

O il discorso del principe Federico Carlo di Prussia ai suoi soldati all'inizio della guerra franco-prussiana nel 1870:

"Soldati della Seconda Armata! Stai calpestando il suolo francese. L'imperatore Napoleone dichiarò guerra alla Germania senza una buona ragione. Il popolo francese non è stato consultato... Non c'è motivo di inimicizia. Tenetelo presente nei confronti dei pacifici cittadini francesi, mostrate loro che nel nostro secolo due popoli civili, anche in guerra, non violano i limiti dell'umanità». (9, p. 118).

Se confrontata con la propaganda di guerra del XX (e XXI) secolo, si tende a pensare che la cultura europea abbia raggiunto un picco morale (non scientifico-tecnico) nella seconda metà del XIX secolo.

A quel tempo in America imperversava la prima "guerra moderna", che in Europa era appena notata. Durante la guerra civile americana (1861-1865), il generale William Sherman (1820-1891) saccheggiò gli stati del sud con 60.000 soldati:

"Ogni città e stazione è stata rasa al suolo, saccheggiata, bruciata e ogni proprietà e raccolto distrutto nel raggio di cento chilometri". (2, p. 218).

Nel complesso, alla fine del 19° secolo, prevaleva l'ottimismo: le scienze naturali e la tecnologia avevano fatto progressi inimmaginabili e sembrava che fosse questione di tempo prima che la fame, le malattie, la povertà scomparissero nel mondo...

Poi, nel 20° secolo, un modello sembrava ripetersi. La sua prima metà portò la più grande e la più terribile di tutte le guerre. Già durante la prima guerra mondiale armi con gittata sconosciuta e potenziale distruttivo offuscarono la distinzione tra combattenti e civili. La propaganda di guerra ha bollato l'avversario come un nemico inferiore e ha reso impossibile una conclusione onorevole della pace.

Dalla seconda guerra mondiale, tutte le parti si sono sentite giustificate a massacrare soldati e civili allo stesso modo. Le città - con o senza importanza militare - furono bombardate e il "principio della terra bruciata" - già usato contro Napoleone I - divenne un'arma regolare.

Dopo le devastazioni della seconda guerra mondiale, seguì un periodo più lungo senza grandi guerre. Le Nazioni Unite hanno acquisito influenza e l'integrazione economica di molti stati, ad esempio nell'Unione Europea, ha disinnescato vecchi conflitti.

Soprattutto, lo sviluppo delle armi con la bomba atomica aveva raggiunto un livello tale da rendere probabile che entrambe le parti sarebbero crollate in un conflitto tra grandi potenze.

Purtroppo non sono mancate guerre più piccole, spesso estremamente crudeli, la maggior parte delle quali si sono svolte così lontano dalle aree metropolitane dell'Europa e del Nord America da non essere percepite nella loro piena drammaticità.

Alla fine della storia ?

Se si intende la storia meno come un elenco di eventi per lo più catastrofici, ma si cerca di trovare in essa una sorta di evoluzione, si può postulare che l'evoluzione sociale stia anche lottando per un culmine o addirittura un punto finale.

Nel 19° secolo, Georg Wilhelm Hegel e anche Karl Marx si aspettavano che lo sviluppo della società umana sarebbe giunto al termine quando si fosse realizzata la forma ideale di società che meglio rispondeva ai bisogni e ai desideri delle persone: Per il filosofo Hegel (1770 – 1831) era questo lo stato liberale, per il comunista Marx (1818 – 1883) era la società comunista.

Verso la fine del 20° secolo, Francis Fukuyama (4) sostenne la tesi che questa “fine della storia” fosse stata quasi raggiunta, poiché la democrazia liberale era ormai riconosciuta a livello mondiale come l'unica forma corretta di governo. Questo "governo umano finale", sebbene ancora pieno di imperfezioni, diventerebbe universale; supererebbe le sue debolezze, si avvicinerebbe sempre di più all'ideale e farebbe sparire forme primitive di governo come la monarchia, la teocrazia (governo sacerdotale) o la dittatura militare come reliquie di un'epoca passata.

Non sarebbe la fine della storia: le persone continueranno a vivere, agire, lottare, inventare, migliorare la società, lo stato e l'ambiente. Ma la forma ideale di governo sembra essere stata trovata, ei suoi successi sarebbero così convincenti che nessuno, nessun popolo, nessuno Stato, potrebbe fermare il suo corteo trionfale, che porterà alle migliori condizioni di vita possibili per tutti i popoli.

Con questa opinione, Fukuyama è pienamente in linea con la tendenza dell'opinione pubblica occidentale. Ciò si aspetta dalle democrazie, sostenute da un ulteriore progresso scientifico e tecnico, le soluzioni per (quasi) tutti i problemi.

Gli americani in particolare non riescono a capire che altri popoli hanno optato da poco per una democrazia in stile americano, che dovrebbe dare loro un tenore di vita come quello degli USA. Questo emerge, ad esempio, dalle parole di Thomas Donelly:

“Consideriamo i nostri valori universali. E gli americani hanno storicamente avuto un grande successo nell'esportare i loro beni". (14, pag. 5).

Nel primo decennio del 21° secolo

Prima che la democrazia liberale possa iniziare il trionfo sperato nel 21° secolo, ci sono ancora una serie di difficoltà da superare, che dobbiamo considerare:

* La terra finita:
Per decenni, la natura finita del nostro pianeta è diventata uno slogan che i politici apparentemente non vogliono più sentire. Per quanto inconfutabile possa essere il fatto che il nostro spazio vitale e le sue risorse siano limitate, questa consapevolezza spesso rimane irrilevante per le decisioni economiche e politiche. I fatti, tuttavia, possono solo sembrare discussi e i problemi globali possono essere risolti solo se questo fatto viene preso in considerazione nella pratica.

* Crescita economica:
Nel mondo del Graal è stato più volte sottolineato che la crescita materiale continua non è possibile in uno spazio limitato. Ma quasi tutti i governi - sia nei paesi ricchi che in quelli poveri - non vogliono avere nulla a che fare con questa legge naturale e sperano che le cifre della produzione continuino a crescere. Tuttavia, l'inquinamento ambientale, lo sfruttamento eccessivo e le risorse disponibili porranno dei limiti alla crescita materiale, che non può essere spinta troppo oltre dal progresso tecnico. La strada dall'economia in crescita di oggi a una "economia di equilibrio ecologico", che quasi nessuno sta cercando attualmente, deve essere intrapresa presto.

* Transizione energetica:
Nel 21° secolo, è probabile che le forniture di petrolio e gas si esauriscano o si esauriscano. L'approvvigionamento energetico, come base per la prosperità, deve essere riorganizzato con altre fonti energetiche (energie rinnovabili, ad es. energia solare). In linea di principio, sono disponibili le tecnologie necessarie. Tuttavia, questa inevitabile transizione richiederà tempo e capitali, interesserà tutti i settori dell'economia e influenzerà la politica.

* Aumento della popolazione:
La popolazione mondiale per il momento continua a crescere e l'aumento della densità demografica sta esacerbando molti problemi che già sembrano quasi insolubili. C'è controversia sui limiti della capacità di carico del nostro pianeta e gli ottimisti stanno dando il tono in pubblico, sostenendo che la nostra terra può trasportare anche 15, 20 o più miliardi di persone. Nel mondo del Graal abbiamo sotto il titolo "Una nuova scienza" (cfr. "Quante persone può prendere la terra" sotto "Ecologia") ha parlato della ferologia e dei suoi approcci impopolari per esplorare scientificamente la capacità di carico degli ecosistemi.

* Conservazione degli habitat:
Si parla molto di ecologia, e c'è anche un ampio consenso sul fatto che la protezione dell'ambiente sia essenziale per garantire l'abitabilità a lungo termine del nostro pianeta. Tuttavia, il consenso viene immediatamente messo in discussione quando si tratta dell'attuazione di misure pratiche: conservazione della biodiversità attraverso regioni naturali sufficientemente grandi, conservazione delle foreste, protezione del clima, smaltimento dei rifiuti rispettoso dell'ambiente, uso attento delle risorse (ad es. nessuna pesca eccessiva), ecc. Gli stati nazionali parlano delle misure necessarie, ma quando è necessaria un'azione comune, si può al massimo concordare sul minimo comune denominatore. Finché la popolazione continua a crescere e la crescita economica illimitata è considerata indispensabile, le necessità ecologiche difficilmente possono essere applicate politicamente.

* Debito pubblico:
Democratici e governanti autoritari sembrano essere d'accordo su un punto: nessuno dei due riesce a presentare un bilancio nazionale in pareggio e invece accumula debiti su debiti. In prima linea in questa irresponsabile politica del deficit c'è il governo degli Stati Uniti, che attualmente richiede 1 milione di dollari di credito al minuto per finanziare i rifiuti sponsorizzati dallo stato e ingoia circa 70 % dei risparmi mondiali. Molti consumatori stanno emulando i governi, ad esempio negli Stati Uniti, dove il consumatore tipico è indebitato con un anno di stipendio.
Questo debito sarà mai ripagato? O le crisi valutarie che hanno spazzato via le democrazie e innescato guerre in passato rimarranno inevitabili? (6).

* Divario nord-sud:
Il divario tra paesi poveri e ricchi si è ampliato nel XX secolo; anche l'aiuto allo sviluppo spesso non ha avuto successo. Attualmente, i paesi dell'OCSE e le Tigri, che rappresentano 20 % della popolazione, rivendicano 80 % dei beni del mondo. (12, pag. 13). Per quanto tempo ancora lo tollererà la stragrande maggioranza delle persone svantaggiate?

* Globalizzazione:
Il mondo come grande mercato può essere nell'interesse delle multinazionali. Sono felici del movimento senza ostacoli dei capitali, dell'accesso illimitato al mercato, della libera scelta del luogo che consente loro di produrre dove vengono sostenuti i costi più bassi. Il capitale, le conoscenze tecniche e scientifiche, il lavoro altamente qualificato sono estremamente mobili e trasferibili ovunque. Con l'economizzazione del mondo, le corporazioni globali diventano indipendenti dalle misure statali e dai classici strumenti di controllo degli stati nazione, ad es. Le politiche monetarie, fiscali o doganali falliscono, così come gli sforzi sindacali che vanno a vuoto. C'è il pericolo che domini il "turbo capitalismo", con una disumana ricerca del profitto "a qualsiasi prezzo", invece di un'economia sociale di mercato con l'obiettivo che tutti dovrebbero stare meglio. I concetti morali della religione difficilmente riusciranno a frenare tali eccessi, poiché hanno perso gran parte della loro reputazione, almeno in Occidente. C'è speranza che prevalga una “etica mondiale”, suggerita dal segretario generale dell'Onu, Kofi Annan, in cui tutte le nazioni si impegnano ad agire responsabilmente sulla base di un codice etico comune a beneficio di tutti.
Ogni individuo sperimenta gli effetti della globalizzazione. Come consumatore, può godere di Internet, dei viaggi a lunga distanza e di prodotti a basso prezzo da tutto il mondo (a patto che i cartelli non dominino il mercato); come imprenditore o dipendente, sente la pressione della concorrenza internazionale e potrebbe doversi preoccupare della continua esistenza della sua azienda o del suo lavoro, che può migrare verso paesi a basso salario.

* Droghe:
L'alcolismo e le droghe mettono in pericolo lo sviluppo sociale in molte regioni. In alcuni paesi, come l'Afghanistan, la produzione di droga è uno dei rami più importanti dell'economia, contro il quale per il momento si può agire in modo efficace solo dal lato dei consumatori. Nei paesi consumatori, i responsabili agiscono impotenti. I loro approcci alla riduzione del consumo di droga attraverso l'istruzione, il proibizionismo e la riabilitazione erano altrettanto inefficaci della campagna di Gorbaciov contro l'abuso di alcol in Russia, che invece contribuì alla sua caduta. La criminalità organizzata, che fa miliardi di profitti dal traffico di droga, trae profitto da queste condizioni devastanti.

* Corruzione:
La corruzione è in aumento anche nelle società occidentali. Nei paesi orientali e meridionali è un'usanza sociale naturale che si è affermata in alcuni casi da secoli. I danni causati dalla corruzione delle istituzioni statali rallentano lo sviluppo economico generale e possono raggiungere livelli pericolosi. Finora non c'è stata quasi una democrazia senza corruzione; resta da sperare che non raggiunga proporzioni tali da mettere in pericolo la democrazia.

* Controforze all'occidentalizzazione:
Allo stesso tempo, vediamo la diffusione dei valori occidentali nella globalizzazione dell'economia, che dovrebbe portare sviluppo e progresso a tutti i paesi, ad es. B. attraverso la democrazia e le libertà civili. Ma non tutte le nazioni vogliono adottare lo stile di vita occidentale. In molti paesi, l'esistenza di strutture globali (ad es. Internet) e la tecnologia moderna non equivale alla conformità con i valori culturali occidentali. Molti popoli attingono a tradizioni antiche, religioni tradizionali e culture premoderne; anche religioni tribali che si credeva fossero scomparse, come Woodoo (cfr. “Una nuova grande religione' sotto "Storia religiosa") sono tra questi.
Ci si può aspettare emozioni anti-occidentali se alcuni politici ritengono che la globalizzazione dovrebbe essere introdotta con la forza:

“Affinché la globalizzazione funzioni, gli Stati Uniti non devono esitare ad agire come l'invincibile superpotenza mondiale che sono. La mano invisibile del mercato non funziona senza il pugno visibile. McDonald's non può prosperare senza McDonnal-Douglas, il produttore dei caccia F-15. Il pugno visibile assicura la vittoria ai prodotti tecnologici della Silicon Valley in tutto il mondo. Quel pugno sono le forze di terra, la marina, l'aeronautica e il corpo dei marine degli Stati Uniti". (Thomas Friedman, ex assistente del Segretario di Stato Madelaine Albright) (16).

* Limitazione della libertà:
Anche nelle democrazie occidentali, i diritti fondamentali che vengono dati per scontati, come il diritto alla libertà di espressione, vengono ora lesi. Una forte pressione pubblica minaccia chiunque venga offerto "correttezza politica" si discosta da questo, e anche negli stati il cui stato di diritto democratico nessuno metterebbe in discussione, sono emerse leggi che criminalizzano l'espressione di opinione. (3, p. 29 segg.).
Anche la capacità di indottrinamento delle masse, come già denunciato da Korad Lorenz (10, p. 84 s.), non è stata affatto superata dal rovesciamento dei regimi autoritari. Proprio come l'economia non vuole consumatori critici, la propaganda politica non può desiderare elettori indipendenti. Ai media piace rappresentare solo la linea del “politically correct” (cfr. “Sua Maestà Imperiale il Mangiauomini” in “Kurz, just, kurios” pagina 274). Solo pochi osano usare la libertà dell'informazione - in molti paesi solo teoricamente esistente - e diffondere tutti i fatti (per non dire: tutta la verità). Ma la democrazia vive di e con la libertà, e la libertà richiede coraggio. Quando viene punito il coraggio di dire la verità, quando viene impedita la capacità di smascherare la menzogna, la democrazia inizia a fallire.

* La fine degli stati nazione?
Se si crede all'opinione pubblicata, allora nel corso della globalizzazione il tempo degli stati nazione è finito, il futuro appartiene alle grandi associazioni come l'UE, il NAFTA o l'ASEAN. Tuttavia, lo sviluppo nel XX secolo è stato l'opposto:
Numero di paesi nel mondo: 1900 (era coloniale): 46; 1950: 80; 1999:193(1).
Le unità statali più grandi hanno mostrato tendenze a disgregarsi, come illustrato dalla disgregazione dell'Unione Sovietica o della Jugoslavia. Le numerose guerre in Africa sono in parte dovute anche alla mancanza di volontà di adattare i confini di stato arbitrariamente tracciati dagli europei durante il periodo coloniale alle esigenze della popolazione africana.

* Spostamento dei pesi politici mondiali:
Nel corso del 21° secolo, è probabile che due nuove potenze abbiano voce in capitolo su ciò che sta accadendo: Cina e India. Entrambi hanno una popolazione di oltre 1 miliardo di persone, hanno armi nucleari e stanno lottando per mettersi al passo con lo sviluppo economico occidentale. Per ora, nessuna delle due nazioni è un peso massimo economico; Ad esempio, intorno al 1990 la Cina aveva all'incirca lo stesso prodotto nazionale lordo del Belgio. Ma tali giochi numerici non esprimono il peso reale di questi Stati, la cui potenza economica potrebbe già avvicinarsi a quella degli USA nel nostro secolo e addirittura superarla. In passato, tali drastici cambiamenti nell'importanza economica, politica e militare hanno portato a conflitti armati.
Per quanto spiacevole possa essere il pensiero per i “bianchi” (europei e nordamericani), il loro ruolo dominante nella politica mondiale cesserà nel corso del 21° secolo; perché meno di 10 % della popolazione terrestre (attualmente ben al di sotto dei 20 %, all'inizio del XX secolo 25 %) non saranno in grado di controllare il resto dell'umanità.

Il mondo nel 21° secolo
Se non sarà possibile tenere sotto controllo i problemi descritti, allora - nonostante tutte le assicurazioni dei politici - gli sviluppi sfuggiranno di mano e porteranno a scontri tra Stati, etnie e religioni, che si spera non degenerino in terrore e guerra . La situazione economica delle persone che si sentono svantaggiate dà spesso luogo a focolai di violenza. Ad esempio, prospera "nella palude della disperazione senza speranza, della miseria sociale, del fondamentalismo islamico". (13, p. 152).
Né dovremmo, come alcuni politici, presumere che i diritti fondamentali sanciti dalla Carta delle Nazioni Unite siano già una cosa ovvia nella mentalità dell'umanità. Ci sono ancora convinzioni molto contrastanti. Da un lato, le istanze fondate sulla filosofia illuministica (meno sul cristianesimo, anche se si parla spesso di “valori cristiani fondamentali”). D'altra parte, dogmi religiosi radicati:
* Stato-nazione secolare o ordine divino.
* Diritti umani individuali o dovere religioso.
* In Europa, gli immigrati islamici devono scegliere tra l'integrazione o la formazione delle proprie comunità etnico-religiose. (7, p. 144).
Per disinnescare queste tensioni, diventa essenziale affrontare il concetto di libertà. Alcuni popoli potrebbero non intendere la libertà come un ordine democratico, ma come libertà di vivere i propri valori: religiosi, tradizionali, politici, etici; forse anche quei valori per i quali c'è poca comprensione in Occidente, o che sarebbero incostituzionali nel nostro Paese. Qui sorge il problema che “la libertà dell'uno può portare alla soppressione della libertà dell'altro”.
Le culture del mondo sono state modellate dalle religioni per secoli. Le credenze religiose sono più profonde di qualsiasi altra cosa e l'influenza degli insegnamenti religiosi non può essere ignorata impunemente. Questo è ciò che dimostrano le esperienze del 20° secolo, da cui dobbiamo imparare:

“Secondo un conteggio, ci sono stati 32 conflitti etnici durante la Guerra Fredda, comprese guerre di faglia tra arabi e israeliani, indiani e pakistani, musulmani e cristiani in Sudan, buddisti e tamil in Sri Lanka, sciiti e maroniti in Libano. Circa la metà di tutte le guerre civili negli anni '40 e '50, ma circa tre quarti di tutte le guerre civili nei decenni successivi, furono "guerre di identità", cioè guerre combattute per l'identità culturale". (8, p. 415).

La convivenza di musulmani e membri di altre religioni sembra problematica:

“Più del cristianesimo, l'Islam è una religione assolutista. Unisce religione e politica e traccia una chiara linea di demarcazione tra le persone di Dar al-Islam e quelle di Dar al-harb. Di conseguenza, confuciani, buddisti, indù, cristiani occidentali e cristiani ortodossi hanno meno difficoltà ad adattarsi e a convivere gli uni con gli altri di quanto non abbiano difficoltà ad adattarsi e a vivere con i musulmani”. (8, p. 431).

Sia il cristianesimo che l'Islam sono denominazioni con rivendicazioni universali. Storicamente, l'Islam è l'unica cultura che per due volte ha seriamente minacciato la sopravvivenza dell'Occidente: tra il VII e il IX secolo, i Mori invasero il Mediterraneo e conquistarono la penisola iberica e la Sicilia. Solo con difficoltà potrebbero essere fermati in Francia nel 732. Dal XII secolo i turchi distrussero Bisanzio, minacciarono l'Europa centrale e assediarono Vienna due volte (1529 e 1683). Fin dall'inizio, i confronti tra l'Occidente cristiano e l'Oriente islamico sono stati sul potere e sui valori; sul confronto tra due visioni del mondo, delle cui differenze dobbiamo essere consapevoli. Non possiamo quindi evitare di chiarire se l'Islam possa essere allineato alle costituzioni occidentali, ovvero – in termini politicamente scorretti – se sia possibile l'integrazione dei musulmani severi nelle forme di governo occidentali.
Le chiese cristiane hanno sofferto un difficile processo di sviluppo durato secoli, fino a quando hanno dovuto rinunciare gradualmente alla loro pretesa di universalità, smettere di combattere la modernità, tollerare le altre religioni e accettare la separazione tra Chiesa e Stato. Le religioni non europee, come l'Islam, sono solo all'inizio di un corrispondente sviluppo, per il quale, si spera, avranno bisogno di meno tempo dei cristiani.

speranza per il futuro

L'elenco dei compiti che l'umanità deve affrontare nel 21° secolo è lungo. Ma le opzioni disponibili sono più grandi che mai:
* La scienza e la tecnologia hanno ampliato il campo d'azione in un modo che era tutt'altro che prevedibile all'inizio del 20° secolo, nonostante tutto l'ottimismo sulla tecnologia.
* L'assistenza sanitaria e la qualità della vita (alimentazione, vestiario, alloggio, sicurezza, pensioni, ecc.) hanno raggiunto livelli nei paesi industrializzati mai goduti dalle masse. Il divario con i paesi in via di sviluppo dovrebbe ridursi nel 21° secolo.
* Un'economia di libero mercato non deve necessariamente portare allo sfruttamento dei lavoratori, ma può aumentare la prosperità di tutti. Questa è una delle eredità di Adam Smith. (cfr. "Breve, conciso, curioso" p. 196 "Un libro cambia il mondo"). Il padre dell'economia di mercato non era un sostenitore della libertà sfrenata, che permetteva al guadagno individuale o di gruppo di avere la precedenza sull'umanità. Jean Ziegler denuncia tali eccessi del nostro tempo:

“L'ordine omicida del mondo deve essere rovesciato. “Un'orda di inferociti commercianti di azioni, speculatori e banditi finanziari ha creato un mondo di disuguaglianza e terrore. Dobbiamo porre fine a loro". (13, p. 134).

* Il problema ambientale è stato riconosciuto e sono state adottate le prime, spesso esitanti, misure. Presto nessun governo potrà scusarsi per le mancanze in questo campo; per esempio. B. con l'argomento che non è stato ancora sufficientemente provato scientificamente che..
* Le guerre sono bandite in tutto il mondo e cresce la pressione sui responsabili per trovare comunque soluzioni pacifiche. L'influenza delle Nazioni Unite sulla politica mondiale è destinata ad aumentare. Una politica di pace che parta da lì deve affermarsi sempre di più e mettere al loro posto gli egoismi collettivi di tutti gli oppositori.
* I fatti concreti costringeranno i politici a imparare dalle dolorose esperienze dei secoli passati per dare priorità al benessere delle persone rispetto alle tattiche di partito e ai giochi di potere. L'Ue è riuscita – anche se a volte solo all'ultimo momento – a evitare le più grandi sciocchezze, almeno a trovare il minimo comune denominatore, e quindi a fare progressi a piccoli passi. Questo dà speranza anche per la politica mondiale.
* Nel mondo globalizzato sta crescendo un senso di interdipendenza. L'egoismo nazionale dello stato e del settore privato sarà sempre meno vincolante e dovrà cedere il passo alla considerazione reciproca, che è non da ultimo ancorata all'etica di tutte le religioni del mondo: la "regola d'oro" potrebbe trovare riconoscimento mondiale come componente comune della religione e filosofia di tutti i popoli.
* Le religioni del mondo devono finalmente cominciare a scoprire ciò che hanno in comune. Nessuna religione è completamente autonoma, nessuna è l'unico possesso della verità, nessuna è esente da errori, tutte contengono anche insegnamenti più antichi e le affermazioni fondamentali delle alte religioni sono più simili di quanto ammettano i loro sacerdoti. Ad esempio, cristiani e buddisti dovrebbero poter essere d'accordo: i cristiani dovrebbero accettare la dottrina della reincarnazione e rinunciare all'insegnamento paolino che i peccati possono essere perdonati solo attraverso il sangue versato sulla croce. L'accettazione del Sermone della Montagna non dovrebbe essere un problema per i buddisti. Il dialogo con l'Islam, che deve allontanarsi dai predicatori dell'odio che (presumibilmente secondo il Corano) diffamano la cultura e i valori occidentali e proclamano la “guerra santa”, potrebbe diventare più difficile. Probabilmente temono per la loro influenza se il pensiero occidentale si fa strada in Oriente.
* In passato, quasi ogni generazione era convinta di vivere al culmine (temporaneo) di un lungo sviluppo. Le persone del 21° secolo hanno la possibilità di affrontare le sfide globali con approfondimenti scientifici, maggiori possibilità tecniche ed esperienze politiche più fondate rispetto a tutte le generazioni precedenti.
Pertanto, dal 21° secolo ci si può aspettare di più che un accumulo di problemi globali: può diventare il secolo della speranza, al termine del quale la terra sarà un posto più pacifico, amichevole e migliore in cui vivere che in qualsiasi momento della storia .

Monetarismo o diritti umani?
Dal punto di vista di Jean Ziegler, due modelli di sviluppo si combattono, entrambi lavorano per conto delle Nazioni Unite:
“Due modelli di sviluppo sono oggi diametralmente opposti: quello del 'Washington Consensus' e quello dei diritti umani economici, sociali e culturali. Il "Washington Consensus" è una serie di accordi informali tra gentiluomini stipulati tra i banchieri di Wall Street, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti e le organizzazioni finanziarie internazionali negli anni '70 e '90. Contiene quattro ricette da utilizzare ovunque nel mondo, per qualsiasi paese, in qualsiasi momento: privatizzazioni e deregolamentazione, stabilità macroeconomica e restrizioni di bilancio. Il "consenso" vuole che tutte le barriere normative, statali o non statali, che impediscano la totale liberalizzazione dei mercati dei capitali scompaiano il più rapidamente possibile. Per la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e l'Organizzazione Mondiale del Commercio, le quattro ricette significano l'alfa e l'omega, la legge ei profeti per ogni attività economica Le quattro ricette sono espressione della dottrina monetaria.
I difensori dei diritti umani economici, sociali e culturali contraddicono la teoria del mercato autoregolato e onnipotente che da solo porta la salvezza, la teoria del "governo globale senza stato" di James Wolfensohn...
Le molte decine di organizzazioni speciali, programmi di aiuto allo sviluppo, fondi, commissioni, istituzioni finanziarie delle Nazioni Unite operano quotidianamente nei cinque continenti, soprattutto in Africa, Asia e America Latina, in una schizofrenia latente. L'Organizzazione Mondiale della Sanità combatte le epidemie, la FAO, il Programma Mondiale per la Fame e l'UNICEF cercano di riportare in vita le persone che muoiono di fame. L'UNDP (Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo) vuole costruire stati nazione che hanno viaggiato per il mondo e sono capaci di sviluppo. Ma allo stesso tempo, la Banca Mondiale, il Fondo Monetario Internazionale e l'Organizzazione Mondiale del Commercio stanno devastando le deboli strutture degli stessi Paesi del Terzo Mondo con le loro politiche di privatizzazione e deregolamentazione ultranazionali, antistatali e anticomunitarie”. (13, p. 167 segg.).

Il mondo come villaggio
La nostra terra attualmente trasporta 6,4 miliardi di persone (2005). Se si converte questa popolazione in un villaggio di 1.000 abitanti, composto nella stessa percentuale della popolazione mondiale, emerge il seguente quadro:
Popolazione totale del nostro villaggio: 1.000 persone.
Il villaggio è dentro due regioni diviso, in cui le persone vivono più o meno separatamente l'una dall'altra:
Regione I dispone di buone infrastrutture e adeguati a mezzi di sussistenza molto buoni. Qui vivono 200 persone che consumano 80 % del prodotto nazionale lordo totale.
Regione II è sottosviluppato. 800 persone vivono qui, a torto ea ragione.
Queste 800 persone hanno 20 % di prodotto nazionale lordo; cioè solo 1/16 dei beni sono a loro disposizione pro capite, oltre
che i residenti della Regione ho a loro disposizione.
In entrambe le regioni la popolazione è attualmente in aumento, ovvero:
In Regione I i ricchi crescono di 1 persona ogni anno.
In Regione II i poveri crescono di 14 persone ogni anno.
La metà del reddito totale di queste 1.000 persone va nelle mani di 60 persone; 55 di loro sono bianchi.
Questa struttura del reddito corrisponde a una situazione prerivoluzionaria che non può essere permanentemente stabile.

La popolazione è composta all'incirca da:

600 asiatici
138 europei
118 africani
85 latinoamericani
53 nordamericani
6 australiani/oceanici

Le principali religioni sono:

346 cristiani
195 musulmani
141 Non religiosi/atei
133 indù
63 Religione popolare cinese
59 buddisti
37 religioni della natura
17 nuove religioni
3 sikh
2 ebrei
4 altri

Letteratura:
(1) Barkholdt Bernhard, Stranieri, Monaco, 2001:
(2) Cooke Alistair, Storia d'America, Pawlak, Herrsching, 1975.
(3) Fallaci Oriana, Il potere della ragione, Ullstein, Berlino, 2004.
(4) Fukuyama Francis, La fine della storia, Kindler, Monaco, 1992.
(5) Fukuyama Francis, Lo scontro di civiltà, Droemer-Knaur, 1996.
(6) Hannich Günter, crollo del mercato azionario e crisi economica, Kopp, Rottenburg, 2001.
(7) Herzog Roman, Contro lo scontro di culture, Fischer, Francoforte, 2000.
(8) Huntington Samuel, Scontro di civiltà, Goldmann, Monaco, 2002.
(9) Koch Hansjoachim W., Gli eserciti tedeschi nel XIX e XX secolo, Vowinkel, Berg, 1999.
(10) Lorenz Konrad, Gli otto peccati capitali dell'umanità civilizzata, Piper, Monaco, 1973.
(11) Mander Jerry/Goldsmith Edward, Libro nero sulla globalizzazione, Goldmann, Monaco, 2004.
(12) Ruloff Dieter, Dal conflitto est-ovest allo scontro di civiltà, Istituto di scienze politiche, Zurigo, 1997.
(13) Ziegler Jean, Come fa la fame nel mondo, Bertelsmann, Monaco, 2002.
(14) Zimmermann Markus, I veri governanti a Washington, FZ-Verlag, Monaco, 2004.
(15) http://www.geistigenahrung.org/ftopic629.html.
(16) http://www.g.26.ch/texte_irak_02.html.