Categorie
ecologia

Quante persone può prendere la terra?

(Pubblicato in GralsWelt 43/2007).

UNA NUOVA SCIENZA: LA FEROLOGIA
Da diversi anni esiste una nuova branca dell'ecologia, scientificamente chiamata ferologia, che si occupa della capacità di carico degli ecosistemi. In particolare, la ferologia si interroga sul numero di persone che possono “portare” permanentemente la nostra terra oi singoli paesaggi. Con tali domande, i ferologi osano affrontare un tabù nella nostra società.

Di conseguenza, vengono attaccati da tutte le parti e occasionalmente sono persino accusati di disumanità e razzismo, anche dagli ambientalisti.

Quali sono le domande ferologiche che riescono a suscitare il dispiacere dei gruppi sociali più diversi?

QUANTE PERSONE PORTA LA TERRA?
Al più tardi, dal momento che i viaggi nello spazio hanno fornito fotografie della Terra dallo spazio, dovrebbe essere chiaro a tutti che il nostro pianeta è spazialmente limitato e che le sue risorse non possono essere infinitamente grandi. Inevitabilmente deveLimiti di crescita materiale" dare; ovvero limiti alla crescita economica, alla produzione di cibo e materie prime, ai consumi energetici, allo smaltimento dei rifiuti, e anche ai “luoghi di vita” delle persone.

Questo ci porta alla preoccupazione fondamentale dei ferologi. Vogliono determinare quante persone sembrano essere sane per la nostra terra in quali condizioni al contorno, a condizione che il nostro pianeta natale sia permanentemente abitabile e le sue società rimangano economicamente e politicamente stabili.

Per molti decenni ci sono state varie stime o calcoli e, a seconda della fonte, si possono trovare 10, 20 anche 50 miliardi (o più) di persone come limite superiore per la popolazione mondiale.

Uno, basato sul futurologo, ha guadagnato un certo grado di notorietà Herman Kahn (1922-1983) propagò la "Società del 20 x 20": Secondo l'ottimismo degli anni '70, sul nostro pianeta potrebbero vivere 20 miliardi di persone con un reddito medio pro capite di 20.000 $ all'anno (secondo il potere d'acquisto dell'epoca ) avrebbe dovuto.

Quando si studiano tali previsioni, a volte si ha l'impressione che un futurologo debba solo cercare l'area terrestre della terra in un atlante. Questo viene poi moltiplicato per le rese per ettaro delle migliori aree agricole, e il risultato è quanto cibo potrebbe essere disponibile per l'umanità in futuro.

Le obiezioni a previsioni ovviamente eccessivamente ottimistiche sono state, o sono, respinte sottolineando che i due terzi della terra sono coperti da acqua e le possibilità di piscicoltura, allevamenti marini, insediamenti sottomarini, ecc. non sono nemmeno state considerate. La gente odia parlare della pesca eccessiva dei mari e dell'inquinamento delle acque poco profonde e delle aree della piattaforma continentale (dove viene catturata gran parte del pesce utile e la maggior parte dei giovani crescono).

Il fatto che le persone “non vivono di solo pane”, ma hanno bisogno di acqua pulita (che da tempo scarseggia in molti paesi), case, strade, asili, scuole, ospedali, luoghi di lavoro, luoghi di culto, teatri, biblioteche, ecc. , insieme alle relative aree territoriali, è qualcosa che ancora oggi è necessario soppresso abbastanza spesso.

"The Limits to Growth" (5) è stato reso noto a un pubblico più ampio solo nel 1972. In questo lavoro, per la prima volta a mia conoscenza, è stato affermato che il crollo che sarebbe inevitabile se la crescita continuasse senza freni non deve necessariamente essere innescato da una carenza di materie prime, ma che probabilmente lo smaltimento crollerà prima: ovvero quando diamo più rifiuti ai cicli naturali e inquinanti di quanti ne possano gestire.

Questa pubblicazione di tendenza - "The Limits to Growth" - è stato l'impulso per l'inizio del movimento ecologico, che da allora ha spinto per la natura e la protezione dell'ambiente in molti modi. Tuttavia, anche il "Movimento verde" ha difficoltà a seguire le richieste ferologiche, nonostante tutte le intuizioni sulle connessioni ecologiche.

GLI OBIETTIVI DEI FEROLOGI
Da un punto di vista ferologico, l'umanità deve perseguire i seguenti obiettivi:
* Occorre preservare la ricchezza delle specie, cioè la diversità biologica del mondo. Per questo sono necessari paesaggi naturali sufficientemente ampi.
* Le risorse della terra devono essere conservate e assicurate per il futuro. il non rinnovabile Le fonti di energia, principalmente petrolio e gas naturale, dovrebbero essere conservate il più possibile e sostituite con energia rinnovabile (ad esempio l'energia solare) il prima possibile. Anche quelle materie prime non rinnovabili le cui riserve dureranno a lungo (ad es. carbone, minerali) dovrebbero essere utilizzate con parsimonia.
il risorse rinnovabili richiedere attenzione e considerazione. In nessun caso, ad esempio, i fondali di pesca dovrebbero essere esauriti, le aree agricole distrutte a causa di uno sfruttamento eccessivo o di un'eccessiva fertilizzazione o l'abbattimento delle foreste pluviali.
* La scarsità di risorse deve essere evitata perché porta (quasi inevitabilmente) a lotte per la distribuzione, cioè a guerre e instabilità politica.
* La pressione sugli ecosistemi terrestri, da rifiuti, gas di scarico, tossine, deve essere ridotta a un livello sopportabile per l'ambiente.

Da un punto di vista ferologico, queste richieste non possono essere soddisfatte con una popolazione mondiale di 6 o anche 7 miliardi di abitanti, e si devono cercare e trovare modi umani ed eticamente giustificabili che riducano la pressione demografica.
Anche la crescita economica richiesta da politici ed economisti di ogni orientamento si sta rivelando irragionevole; né le risorse della terra né la capacità pulente dei cicli naturali sono sufficienti.

Le preoccupazioni dei ferologi possono essere ridotte a due richieste fondamentali che molti gruppi della nostra società difficilmente potranno accettare:
* La popolazione mondiale deve essere ridotta con mezzi ragionevoli a un livello che il pianeta possa sopportare. Il limite superiore per la popolazione della terra dipende dal tenore di vita. È difficile da stimare ed è improbabile che superi i due miliardi.
* La follia della crescita deve finire. La crescita quantitativa può avvenire solo nei paesi in via di sviluppo.
L'ulteriore sviluppo dell'umanità può servire - si spera in un futuro non troppo lontano - a una crescita qualitativa che non abbia fabbisogni aggiuntivi significativi di energia e materie prime.

Dopo che la follia della crescita di oggi è stata smascherata come un errore, le persone trovano nuovi obiettivi per i quali dovrebbero usare la loro immaginazione, creatività e ingegno al massimo: i musicisti possono suonare sempre meglio, i cantanti cantano sempre meglio, gli attori trasmettono sempre di più, gli scrittori scrivono sempre meglio. L'agricoltura lavora a stretto contatto con la natura, senza pesticidi e fertilizzanti minerali. Le fabbriche producono nel rispetto dell'ambiente. I dispositivi tecnici stanno diventando più piccoli, più leggeri, più economici, facili da riparare e riciclabili. Il trasporto e il traffico sono limitati a quanto necessario.

Il sistema fiscale è fondamentalmente ridisegnato: il consumo di energia e materie prime è tassato, il lavoro umano rimane esentasse. Questa z. Ad esempio, le riparazioni che richiedono tempo sono utili e il lavoro non dichiarato inutile. L'economia è al servizio del popolo. La protezione dell'ambiente, l'uso sostenibile delle risorse, la riduzione al minimo dell'inquinamento ambientale hanno uno status costituzionale e le guerre devono essere evitate....

Quindi un ampio campo di lavoro per economisti, ecologisti, ingegneri, biologi, sociologi, politici, avvocati che definiscono le condizioni sociali desiderate e che pianificano, controllano e realizzano la transizione dall'odierna economia di crescita a un'economia ecologicamente equilibrata. Anche le religioni sono sfidate; perché che cosa rende meno giustizia alla volontà di Dio che la distruzione della Sua opera - la terra - da parte di noi umani?

Non mancheranno i problemi in questo sforzo, che richiede il massimo impegno, coraggio e flessibilità da parte di ciascuno; ma si tratta di mantenere l'abitabilità della nostra terra, un obiettivo che deve essere vicino al cuore di ogni essere umano e vale il massimo sforzo!

Quale gruppo sociale ha il coraggio di riconoscere i fatti inevitabili e di agire? Fatti di cui il maggior numero possibile di persone deve prendere coscienza il più rapidamente possibile affinché possa avvenire un cambiamento nella nostra comprensione del mondo, come prerequisito per la necessaria ristrutturazione della nostra economia e delle nostre vite. –

Puoi anche leggere gli articoli sotto "Ecologia".
“Perché cadiamo nella trappola della popolazione” e "Quanto sovraccarichiamo la nostra terra."

Letteratura:
(1) Gruhl, Herbert: "Un pianeta è saccheggiato", S. Fischer, Francoforte 1975.
(2) Hagl, Siegfried: "L'Apocalisse come speranza": Droemer-Knaur, 1984.
(3) Kahn, Herman: "Davanti a noi i bei anni", Fritz Molden, Vienna 1976.
(4) Kahn, Herman: "Il futuro del mondo", Firtz Molden, Vienna, 1979.
(5) Meadows, Dennis: "The Limits to Growth", DVA, Stoccarda, 1972.
(6) http://www.ecopo.ch/A2BULLETINS/bulletins1999.html.
(7) http://www.herbert-gruhl.de/hggsatz/epoc/epoc.html.