Categorie
storia/storia

Quello era il selvaggio West, parte 1

(Pubblicato su Grail World 27/2003)

Oggi, all'inizio del 21° secolo, il Nord America è considerato la principale potenza mondiale e gli ideali americani servono da modello per molte persone. La storia degli "Stati Uniti d'America" sembra essere stata ampiamente elaborata storicamente: sappiamo quanto fosse stata sanguinosa una volta la battaglia per il "Nuovo Mondo" e ci rammarichiamo per il destino dei circa 25 milioni di nativi americani originariamente , la cui notevole cultura nel corso dell'epoca venne quasi completamente distrutta in pochi secoli.

Dopo la loro macabra distruzione, il mondo indiano ha goduto di una popolarità crescente dal 20° secolo in poi. Innumerevoli romanzi e film hanno idealizzato l'audacia, la vicinanza alla natura, il coraggio o il concetto di onore delle singole tribù e (presunti) rapporti su importanti profezie indiane hanno fatto il giro del mondo.

Tuttavia, molte delle descrizioni di ciò che accadde nel "selvaggio West" rimasero superficiali e furono assegnate alla sorte degli "indiani" (questo termine risale all'erronea opinione di Colombo, che li riconosceva come "abitanti dell'India". creduto) non quasi equo.

Per la serie in sette puntate del mondo del Graal "That was the Wild West", Siegfried Hagl si è occupato intensamente della cultura indiana e della storia del Nord America e ha potuto vivere le scene più importanti di questa storia nel corso di diversi viaggi più lunghi attraverso Gli stati uniti.

Lascia che ti portiamo all'interno di questo paese e impariamo di più sullo scontro epocale tra il sentimento "rosso" e quello "bianco".

La conquista del nuovo mondo

Quando parliamo di "selvaggio West", potremmo pensare in particolare agli indiani Sioux (Dakota) del XIX secolo che galoppavano attraverso la prateria su veloci mustang e, quando non cacciavano bufali, sparavano a cowboy, carrozze o persino ferrovie attaccate.

Tuttavia, questa cultura indiana delle pianure fu una conseguenza di breve durata dell'invasione dei bianchi, poiché i cavalli arrivarono per la prima volta in America con gli spagnoli. Dopo una rivolta dei Pueblo (1680-1682) che catturò e bruciò Santa Fee, molti cavalli fuggirono; la base per le mandrie di mustang che in seguito pascolarono nelle Grandi Pianure in modo che gli indiani potessero montarsi da soli.

il molte tribù indiane erano molto diversi, avevano lingue e culture diverse. Si parla di "cinquecento nazioni indiane" nel solo Nord America. Una classificazione molto approssimativa dovrebbe almeno distinguere tra gli "indiani della foresta" a est, gli "indiani della prateria" nelle Grandi Pianure e gli "indiani Pueblo" nel sud-ovest. Useremo questo sommario approssimativo qui per non sovraccaricare questo lavoro con troppi dettagli.

Molto prima che cercatori e coloni si riversassero a ovest attraverso i fiumi Mississippi e Missouri e venissero costruite ferrovie che collegassero le coste orientali e occidentali (i soggetti della maggior parte dei film dei nativi americani), la civiltà europea e la cultura dell'età della pietra dei nativi americani si erano scontrate molte volte.
Questi scontri, molto prima della guerra civile americana, furono più importanti per la storia dei nativi americani e per la storia del Nord America rispetto alle ultime lotte disperate nelle Grandi Pianure, nelle Montagne Rocciose (Montagne Rocciose) o nel New Mexico.

Con questa serie di Grail World vogliamo dare una panoramica della storia del "selvaggio West", in cui vinse la civiltà più sviluppata, mentre la cultura scomparsa, che all'epoca era liquidata come inferiore, fu glorificata solo postuma. Il focus è sugli indiani, a cui è stato permesso di adattarsi o adottare la cultura bianca solo nel 20° secolo. Ma a quel punto i "rossi" erano stati a lungo decimati, repressi, disperati e la loro cultura era stata distrutta.

I bianchi stanno arrivando

spagnoli e portoghesi furono i primi a rivendicare il “Nuovo Mondo”. Il suo interesse si concentrò sull'America centrale e meridionale, che fu in gran parte conquistata prima che i primi coloni si stabilissero in Nord America.

Gli spagnoli, spinti da un'incredibile voglia di conquista, si erano stabiliti in Florida subito dopo la sua scoperta da parte di Ponce de Leon nel 1513, gran parte dell'"Occidente".[1] vagò (Coronado 1540-42), scoprì il Grand Canyon e il fiume Mississippi e conquistò Santa Fee nel 1605.

Per gli abitanti dell'Europa centrale, la strada per il Nord America ancora in gran parte sconosciuto divenne chiara solo quando l'Armata spagnola fu distrutta nel 1588 e non furono più solo pirati e avventurieri ad avventurarsi nel Nord Atlantico. Vari rami isolati del francese, inglese, olandese, ciascuno rivendicando vasti territori per se stesso.

Quasi fin dall'inizio, tutte le tribù indiane hanno avuto problemi con i bianchi, i cui diversi gruppi e nazionalità si sono combattuti; L'unica cosa che tutti i bianchi avevano in comune era il desiderio di terra. Le tribù della costa orientale avevano inizialmente accolto e aiutato i nuovi arrivati.
Ben presto scoprirono, tuttavia, che sostenendo un gruppo di bianchi si opponevano agli altri. Non importa da quale parte scegliessero, erano sempre le terre indiane che perdevano e diventavano proprietà dell'uomo bianco.

Le guerre tra indiani e bianchi scoppiarono per una serie di motivi. L'armamento primitivo delle tribù non poteva resistere agli attacchi con armi più moderne. I nativi americani che non morirono in questi combattimenti furono colpiti da malattie a cui non avevano sviluppato l'immunità: morbillo, pertosse, vaiolo, varicella, tifo e colera.

Nonostante queste afflizioni, alcuni membri della tribù continuarono a combattere per il loro territorio. Furono conquistati, catturati e portati su navi verso le Indie occidentali, dove furono venduti come schiavi. Questo avvenne nello stesso momento in cui i primi schiavi neri arrivarono in Nord America (1619 su una nave olandese che attraccava a Jamestown. Nei Caraibi, gli spagnoli avevano iniziato a importare schiavi neri già nel 1510, sostituendo quelli su alcune isole aborigeni quasi sterminati) .

Il commercio porta il cambiamento

Quando si esplora il Nord America, il primo persone francesi in anticipo. Appena dodici anni dopo il primo viaggio di Colombo, i pescatori bretoni iniziarono a catturare il merluzzo al largo della Nuova Scozia. Si avventurarono anche nell'entroterra e scoprirono che preziose pellicce potevano essere scambiate con gli indiani per ferramenta.

Questo lucroso commercio trovò il sostegno della corona francese e dal 1603 fu fondato un impero coloniale francese. I francesi avventurosi furono i primi cacciatori di pellicce, trapper (trapper), ranger, commercianti di pellicce in Nord America. Questi "viaggiatori" penetrarono nei grandi laghi, fondarono insediamenti e fecero proselitismo.
Già dal 1632 i “Black Robes” (gesuiti in abito nero) battezzavano già i convertiti[2] tra le tribù a ovest del Lago Superiore, un secolo prima che i coloni britannici avessero notizie precise sulla terra al di là degli Appalachi.

In un viaggio avventuroso, René Robert de La Salle percorse il Mississippi nel 1681-1682. I francesi rivendicarono una vasta area dal Golfo di San Lorenzo attraverso i Grandi Laghi e lungo il Mississippi fino al Golfo del Messico con la città di New Orleans come colonia "Louisiana" (sul Mississippi) o "Nuova Francia" (Canada ).

Il calumet
Il calumet era di particolare importanza nelle cerimonie indiane. Consisteva nella ciotola della pipa e della pipa - cerimoniale più importante - per lo più in legno.
La coppa della pipa può essere realizzata in diversi materiali: legno, pietra, osso, metallo. La più ricercata per questo scopo era una roccia sedimentaria morbida (Catlinite, durezza Mohs 2,5) fratturata nelle "fratture sacre" da argilla incrostata insieme nel corso di milioni di anni. Lo strato rossastro, spesso solo pochi centimetri, è inglobato in strati molto più spessi di quarzite dura (durezza 7,5), quindi l'estrazione con strumenti semplici è difficile.
La cava più importante era nel Minnesota vicino all'odierna Pipestone (circa 25 miglia, circa 40 km, a nord della I-90 a Sioux Falls). Per secoli, gli indiani hanno estratto questa pietra da pipa, che è arrivata in America centrale come merce importante. Nel 18° secolo, i Sioux ottennero il controllo di questo "luogo sacro" dove la pace era un dovere per tutti.
Diverse leggende riportano che l'uso della pietra del fischietto risale originariamente all'istruzione di un fenomeno soprannaturale.
Il calumet era di importanza rituale per quasi tutti i nativi americani del Nord America, dal Canada all'America Centrale, sebbene le forme dei rituali variassero da tribù a tribù. Si fumava il "Kinnikinnik" (quello che è misto), una miscela di tabacco (che coltivavano molte tribù di nativi americani), corteccia di ontano rosso, corniolo rosso, salice rosso e altri componenti vegetali. Kinnikinnik ha un effetto leggermente inebriante e l'uso del calumet dovrebbe, tra le altre cose, stabilire connessioni con forze o esseri superiori.
Le cave di Pipestone sono oggi un "Monumento Nazionale" visitabile. I nativi americani hanno il diritto di estrarre la pietra tenera con metodi simili a quelli usati secoli fa e di fabbricare fischietti da vendere ai turisti.
Letteratura: Murray, Robert A. "Pipes on the Plains", National Park Service, Washington, 1993.

A causa della loro volontà di mantenere stretti contatti con i nativi e di sposare frequentemente donne indiane, i francesi di solito andavano d'accordo con gli indiani. Le irritazioni occasionali non duravano a lungo. Gli indiani si erano resi conto che, strappati dall'età della pietra e provvisti improvvisamente di moderni strumenti (coltelli d'acciaio, accette e calderoni, armi da fuoco e munizioni, tessuti, vernici, coperte, alcol, ecc.), avrebbero beneficiato di questi beni commerciali portati a loro dai francesi, divenne dipendente.

Ci furono difficoltà con i fiduciosi Irochesi, i famosi "Cinque Nazioni". Sorprendentemente, il loro ordine tribale democratico divenne in seguito un modello per l'Unione americana. Ignari della situazione, i commercianti francesi avevano stabilito i primi contatti con gli Algonquin (Algonquin) e gli Uroni, armando così i nemici degli Irochesi. Da allora, gli Irochesi furono ostili ai francesi e, con l'aiuto degli olandesi, cercarono di scacciarli. Nel 1665 le truppe francesi dovettero correre in aiuto della colonia. Gli Irochesi furono schiacciati, i loro villaggi e campi furono bruciati. (Leggi questo in “Breve, conciso, curioso” pagina 265 “Un profeta in Nord America”).

Gli inglesi nel nuovo mondo

Gli insediamenti nel New England, sulla costa orientale, non andavano d'accordo con gli indiani e con i francesi. L'eccezione erano i quaccheri, la cui pace era onorata dagli indiani. Un indiano scrive quanto segue sui primi contatti con gli inglesi:
"Le prime esperienze che gli Algonchini ebbero con gli inglesi mostrarono esattamente che tipo di predatori dalla pelle bianca fossero: quando gli indiani accolsero il primo pirata (Sir Humphrey Gilbert, 1584) con i suoi coloni, gli diedero mais, tabacco e fagioli e gli mostrarono come piantarli, quando mancava una tazza di peltro, li ringraziavano uccidendo degli indiani. Hanno nuovamente accolto il secondo corsaro (Sir Walter Raleigh) ei suoi coloni bianchi, hanno fornito loro cibo e carne e li hanno aiutati a costruire la loro colonia "Roanoke Island". Poi un capo indiano trovò un pezzo di latta inchiodato a un albero con strani segni su di esso. Lo tolse per farne una ciotola per pipa. Colpirono il vecchio capo e lo condannarono a morte per disonore e disprezzo per il re inglese. Lo appendevano al ramo di una quercia viva e ringraziavano Dio per aver reso loro possibile questo atto, proprio come ringraziavano Dio quando volevano uccidere e avevano ucciso. Gli indiani si sono tolti la vita e hanno bruciato le loro case”.
(Flying Hawk, Oglalla-Sioux; 4, p. 70).

I coloni che sbarcarono nella baia di Chesapeake nel 1607 e fondarono la Virginia con Jamestown (vicino all'odierna Williamsburg) dovettero presto combattere gli indiani a causa del loro comportamento arrogante.

Poi fu grazie alla figlia del leggendario capo "Pocahontas" (1596-1617) della tribù Powhatan che ci furono anni più pacifici. Il governatore di Jamestown la fece derubare, ma si innamorò di un inglese che la sposò. Venne a Londra con suo marito, fu riconosciuta come una "principessa indiana" e ricevuta dalla regina Elisabetta. Pocahontas morì di vaiolo a Londra all'età di 21 anni.

Dopo la morte di suo padre, il suo successore, Opechancanough, decise di porre fine al continuo attrito con i bianchi.

La prima grande guerra indiana

Nel marzo del 1622 iniziò la prima grande guerra indiana. Degli 80 insediamenti inglesi, 72 furono distrutti e 347 degli oltre 4.000 coloni sopravvissero. Poi gli indiani commisero un "errore" cruciale: invece di uccidere anche i coloni sopravvissuti, si accontentarono della vittoria e posero fine ai combattimenti. Quando il capo Opechancanough ha accettato un invito ai colloqui di pace - perché un indiano deve rispetto a coloro che sono sconfitti - i bianchi si sono avventati sugli indiani, uccidendone la maggior parte, e lui stesso è appena scappato.

Solo dopo 22 anni, all'età di novant'anni, poté attaccare di nuovo i bianchi. Ha inflitto loro pesanti perdite nella guerra del 1644, ma alla fine fu catturato e fucilato.

tattiche di guerra indiane
Andare in guerra era una tradizione in molte tribù indiane, quasi una "avventura sportiva". Un indiano ha guadagnato prestigio e influenza soprattutto come guerriero di successo (eccezionalmente anche come sciamano o oratore). Perché i campi - proprietà che significa prestigio - appartenevano solitamente alle donne, che li coltivavano anche. In molte tribù, come gli Irochesi, anche le donne elessero il capo. Le attività degli uomini erano principalmente la caccia e la guerra.
La guerra indiana era l'attacco a sorpresa, "mordi e fuggi" (mordi e sparisci), che non dovrebbe necessariamente infliggere grandi perdite all'avversario. Se venivano catturati cavalli o fatti prigionieri (che di solito venivano portati nella loro stessa tribù), l'attacco era un successo che portava gloria marziale.
Un coraggio speciale era toccare un nemico, chiamato "colpo di stato", senza ferirlo; con un nemico armato era tutt'altro che sicuro.
Le conquiste marziali erano visibilmente documentate; ad esempio da piume d'aquila, dal taglio e dalla pittura di cui l'esperto poteva leggere le gesta di chi le indossava. I capi indossavano cappotti di bufalo con le immagini dei loro successi.
Assedi prolungati, resistere sotto il fuoco o resistere a un assalto ravvicinato non erano il loro genere. Solo Tecumseh ha convinto i suoi indiani a rispondere a una carica alla baionetta con una grandinata coordinata di frecce che ha fatto crollare la carica dei soldati dell'esercito. (2, p. 424).
Dopo aver perso una battaglia, gli indiani hanno avuto difficoltà a continuare il combattimento. Anche se fossero sull'orlo della vittoria in una battaglia, si sarebbero ritirati quando c'erano troppi morti e feriti. Dopo un grande successo, hanno portato a casa con orgoglio il loro bottino per celebrare la vittoria, incuranti dell'esito della guerra. Per le truppe bianche erano difficili da valutare. A meno che i comandanti non ascoltassero il consiglio di coloro che avevano familiarità con gli indiani, gli indiani, abili nell'esplorazione e nel combattimento nella giungla, erano alleati inaffidabili.
Questo comportamento è in parte spiegato dal fatto che i piccoli popoli indiani non potevano permettersi grandi perdite umane; ogni singolo guerriero, ogni membro della tribù era importante per la sopravvivenza del gruppo. I generali bianchi avevano meno paura delle costose campagne, a volte esponendo spietatamente le loro truppe al fuoco nemico. In non pochi casi sono stati in grado di ribaltare situazioni difficili.
Nella lotta contro i soldati regolari, gli indiani di solito avevano successo solo se erano in grado di attaccare il nemico di sorpresa o attirarlo in una trappola. Una tipica trappola indiana era il "massacro di Vettermann" del 21 dicembre 1866 (se gli indiani venivano picchiati e c'erano molti morti, quella era una "vittoria" agli occhi dell'uomo bianco; se gli indiani ci riuscivano, veniva chiamata "massacro "):
Il capitano William J. Vettermann doveva precipitarsi da Fort Phil Kearny*) in aiuto di un gruppo attaccato di taglialegna. I cavalieri respinsero gli indiani e, contrariamente agli ordini espressi, si lasciarono tentare di inseguire gli indiani in fuga. Furono prontamente tese un'imboscata in cui stavano aspettando duemila Sioux, Cheyenne e Arapaho, guidati dal famoso "cavallo pazzo" (ca. 1840 - 1877). Nessuno degli 81 soldati è sopravvissuto. Questa sconfitta contribuì all'evacuazione da parte del governo di Fort Kearny e di altri due forti.
Nota:
*) Oggi un "National Historic Landmark" sulla I-90 (uscita 44), tra Sheridan e Buffalo (Wyoming).
Letteratura:
(1) Dillon, Richard H.: "Guerre indiane", Lechner, Limassol (Cipro), 1994.
(2) Steuben, Fritz: "Great Chief Tecumseh", Franckh'sche Verlagshandlung, Stoccarda, 1966.

Nelle prime "guerre indiane" si manifestò una fatale debolezza del comportamento indiano, che in seguito divenne sempre più una disgrazia per gli indiani: non potevano o non volevano portare a termine una disputa in ogni circostanza ed erano quindi svantaggiati rispetto ai bianchi più spietati. Un indiano spiega questo comportamento come segue:
"Gli indiani non credono nella vita dopo morte, ma quella morte fisica è il passaggio a un'altra dimensione della vita. Pertanto nessun indiano potrebbe andare in battaglia senza prima aver familiarizzato con la possibilità di questo passaggio. Ciò avveniva in lunghe danze rituali, in cui si riconciliava anche con gli avversari che alla fine avrebbe ucciso, con i cavalli che avrebbe dovuto uccidere. Questi preparativi duravano spesso fino al totale esaurimento fisico. Poi hai indossato le più magnifiche insegne che hai posseduto, perché lo spirito vitale del cuoio, delle pelli, delle piume dell'aquila e del tacchino, delle conchiglie e del legno, gli spiriti di coloro i cui trofei portavi con te, il legno della sella , i tendini degli animali con cui venivano infilati gli archi - tutto questo era conservato come parte utile della vita da e per chi lo indossava, lo aveva accompagnato e apparteneva a chi lo indossava con tutti i precedenti rituali di perdono, come i suoi occhi, le sue mani , o i suoi pensieri.
Di conseguenza, i nativi americani non furono quasi in grado di affrontare un attacco improvviso con un'azione immediata e mirata. Non erano quindi in grado di prepararsi a un attacco spontaneo con il corpo e l'anima. Se possibile, si sono ritirati per prepararsi. E come con gli animali selvatici, un indiano lasciava andare un avversario che si arrese. Conosceva solo la vittoria istantanea, non la volontà di annientamento dell'uomo bianco. I bianchi, invece, si sono riposati prima di un combattimento e, quando è scoppiato, erano in ottime condizioni fisiche. Potrebbero decidere spontaneamente di uccidere qualcuno in un batter d'occhio e poi farlo con tutta la forza del loro corpo e della loro mente. La morte di un essere umano, il suicidio, era per loro qualcosa di indifferenza, quasi un gioco. Non uccidere un umano era per loro molto più difficile di qualsiasi altra cosa, e quando combattevano, sconfiggere il nemico non era abbastanza per loro e inseguivano i deboli fino a quando non avevano ucciso l'ultimo umano. Quindi la maggior parte delle loro vittorie si è conclusa con l'annientamento, quindi anche dopo aver perso le battaglie hanno comunque vinto tutte le guerre contro gli indiani". 
(The Cherokee Jess Moshulotubbe, 4, p. 73).

Fin dall'inizio gli indiani hanno ceduto alle pressioni dei bianchi, che erano tecnologicamente e psicologicamente superiori a loro. In primo luogo, le tribù della costa, ad esempio Delaware, Pekhot, Powhatan, furono sterminate in tutto o in parte e spinte nell'entroterra. Dovevano venire a patti pacificamente con le tribù che vivevano lì o conquistare nuove aree di insediamento.

Ben presto tutti gli indiani d'Oriente iniziarono a sentire questa pressione ea preoccuparsi per il loro futuro.


Leggi anche l'articolo “Storia religiosa”La religione degli indiani nordamericani„.

Note di chiusura:
[1] Nel 18° secolo il termine "Ovest" era inteso come il paese ad ovest dei Monti Appalachi e nel 19° secolo il paese ad ovest del Mississippi.
[2] convertire = qualcuno che si è convertito ad un'altra fede.
Letteratura:
(1) Cooke, Alistair "Storia d'America", Pawlak, Herrsching, 1975.
(2) Eckert, Allan W. "Quel fiume oscuro e sanguinante", Bantam, New York, 1995.
(3) Josephy, Alvin “500 Nazioni”, Frededing & Thaler, Monaco, 1996
(4) Stammel, HJ "Indiani", Bertelsmann, Gütersloh, 1977.