Categorie
storia/storia

Quello era il selvaggio West, parte 2

La minaccia bianca sta crescendo

 (Pubblicato su GralsWelt 28/2003)

Nella coscienza americana, la parola "confine" ha un significato speciale, quasi mistico. Il confine è il luogo della libertà vigilata, qui l'avventura e il successo invitano e si combatte per il progresso. Ad esempio, il presidente Kennedy ha parlato di una "nuova frontiera" quando gli Stati Uniti hanno dovuto superare la Russia nei viaggi spaziali ed essere i primi a sbarcare sulla luna. Nel "selvaggio West" i successi dei "Grenzer" arrivarono a spese degli indiani e della natura, un fatto che ancora oggi viene spesso soppresso.

Nella seconda parte della nostra serie in sette parti sugli indiani del Nord America, Siegfried Hagl descrive come nel corso della "conquista del Nuovo Mondo" (Parte 1 della serie) la minaccia rappresentata dai bianchi crebbe sempre più - e come gli indiani scommisero la loro grande opportunità di unire le forze in una dura guerra nella giungla tra inglesi e francesi sul lato destro.

Verso la fine del XVII secolo, i coloni inglesi (Virginia 1607, Massachusetts 1620, Maryland 1632, Pennsylvania 1683) si erano stabiliti nel "selvaggio West". I loro insediamenti si espansero e i possedimenti olandesi furono conquistati.
Con sgomento dei francesi, le cui colonie avevano pochi immigrati dalla Francia, nel 1700 i commercianti del New England stavano diventando feroci concorrenti nel commercio indiano estremamente redditizio. I prodotti inglesi erano di migliore qualità e meno costosi dei prodotti francesi. La leadership dell'industria inglese ha avuto un impatto, così come l'insufficiente sostegno ai francesi da casa e il saccheggio della Nuova Francia (Canada) da parte di funzionari coloniali corrotti.

Per eliminare la sgradita concorrenza inglese, i francesi cercarono di fissare i confini delle aree rivendicate. Dal momento che un commercio redditizio non può essere impedito da confini immaginari nella giungla, i conflitti erano inevitabili.

Nella prima parte di questa serie abbiamo parlato dei primi cruenti scontri tra bianchi e rossi. Seguirono altre battaglie, che interessarono quasi tutte le parti del New England già nel XVII secolo. Quando gli indiani combatterono contro i coloni inglesi, furono sostenuti dai francesi, che volevano assicurarsi le loro rivendicazioni coloniali e respingere gli inglesi. Ma anche questi avevano alleati indiani. Una lotta tra inglesi e francesi per la supremazia in Nord America sembrava inevitabile.

Pontiac (Oh-pahn-tee-yag, 1720-1769) e le prime "armi biologiche":
Il capo degli Ottawa, secondo i resoconti contemporanei di corporatura alta e potente e "aspetto grandioso e regale", era fermamente dalla loro parte durante la guerra in cui i francesi persero il Canada (la "guerra franco-indiana" del 1754-1760) .confessò il marchese Montcalm, morto difendendo il Quebec, era suo amico personale. Dopo la guerra perduta, Pontiac vide cose brutte in arrivo per gli indiani. Cercò di persuaderli ad agire come uno contro gli inglesi e sperava nel sostegno della Francia, che era ancora presente in Louisiana sul Mississippi.
Nel 1763 gli alleati di Ottawa, Huron, Delaware, Potawatomis, Shawnees e Miamis riuscirono a prendere otto dei dodici forti inglesi strategicamente importanti con attacchi a sorpresa. Tuttavia, hanno fallito in quello più importante, Fort Detroit, perché il raid pianificato è stato tradito. Qui dovettero impegnarsi in un lungo assedio; un modo di combattere che non si addiceva agli indiani. Detroit è stata liberata dopo settimane difficili. Per un po' gli indiani continuarono a molestare le guardie di frontiera con tattiche di guerriglia, ma poi molti guerrieri indiani persero la voglia di combattere e nel 1766 Pontiac fu costretto a fare la pace. Tre anni dopo fu assassinato da un indiano Peoria per inimicizia personale.
In questa guerra, in cui gli indiani furono accusati di tradimento e tradimento, anche gli inglesi non furono schizzinosi. Per ordine del comandante supremo, Lord Jeffrey Amherst (1717-1797), le armi biologiche furono usate deliberatamente per la prima volta contro i nativi americani.
Ad esempio, quando il Delawares chiese a Fort Pitt di arrendersi, l'ufficiale in comando rifiutò e offrì loro dei regali. Questi doni di Danaan erano un fazzoletto costoso e due coperte prese dai malati di vaiolo. L'ignaro Delaware ha accettato i regali. Poco dopo, molti di loro morirono di vaiolo.
Letteratura.
(1) Dillon, Richard H.: "Guerre indiane", Lechner, Limassol (Cipro), 1994.
(2) Eckert, Allan, W.: "The Conquerors", Bantam Books, New York, 1981.
(3) do.: "Wilderness Empire", Bantam Books, New York, k 1971.
(4) Oth, René: "The True Story of the Indians", Battenberg, Monaco, 1999.

Una dura guerra nella giungla

Le tensioni in Europa scoppiate nella Guerra dei Sette Anni (1756-63) ebbero un impatto anche all'estero. Le rivendicazioni territoriali francesi non solo ostacolarono il commercio inglese indiano, ma tagliarono anche il "New England" dall'entroterra. Non c'erano demarcazioni nette, come è prevedibile in un'area di foresta primordiale che è stata poco esplorata. Ma i francesi cercarono di assicurarsi le loro rivendicazioni territoriali con una catena di forti.

Spingendosi a est dal Mississippi e rivendicando l'intera Valle dell'Ohio, i New England si sentivano minacciati, soprattutto perché gli ufficiali francesi volevano catturare qualsiasi inglese che trovassero sul loro territorio. Così iniziò nel 1754 una lunga e dura guerra nella giungla, chiamata in America la "guerra franco-indiana".

In Europa, eserciti di decine di migliaia di uomini si sono scontrati e hanno combattuto grandi battaglie che hanno cambiato solo leggermente la mappa europea. In America, lo schieramento di poche migliaia di soldati ha fatto la differenza tra vincere o perdere un'area più grande dell'Europa centrale. L'importanza di questi conflitti non è stata riconosciuta dai governi europei e le colonie sono state sostenute solo in modo inadeguato.

Fuori Inghilterra arrivarono generali che disprezzavano gli indiani e non prendevano sul serio le guardie di frontiera esperte nella guerra nella giungla. Un tipico esempio è Il generale Edward Braddock (1695-1755), che non ascoltò i consigli di esperti combattenti indiani e fece schierare le sue truppe come se fossero su un campo di battaglia europeo. Le sue giubbe rosse furono colte in un micidiale fuoco incrociato di canadesi e indiani che, nascosti dietro cespugli e alberi, non offrivano bersagli ai fucilieri inglesi. Braddock, tanto coraggioso quanto impenitente, perse due terzi dei suoi soldati e perì lui stesso.

Lungi dall'imparare da tali sconfitte, gli inglesi subirono ulteriori battute d'arresto, specialmente quando i francesi Marchese di Montcalm (1712-59) ricevette un eccellente comandante in capo che seppe adattarsi bene alla mentalità indiana.
Una debacle totale per l'Inghilterra potrebbe inizialmente essere l'agente indiano William Johnson (1715-1774) voltare le spalle. Riuscì a mettere gli Irochesi dalla parte degli inglesi e vinse due importanti battaglie. Per anni le fortune della guerra sono andate avanti e indietro, fino a quando la maggiore potenza economica e la popolazione del New England hanno finalmente ribaltato la bilancia. La presa di Montreal nel 1759 decise la guerra e nel trattato di pace del 1760 la Nuova Francia divenne inglese.
Gli spagnoli, troppo tardi per decidere di sostenere i francesi, persero la Florida in cambio di parti della Louisiana a ovest del Mississippi nel 1763.

In armonia con la natura?
Non solo da quando il "Discorso del capo Seattle" (1, p. 85 segg.), la cui autenticità è più che discutibile, è diventato una pubblicazione di culto del movimento ecologico, gli indiani sono considerati modelli di comportamento ecologico. Presumibilmente non hanno lasciato che nulla andasse sprecato, utilizzato le loro risorse con moderazione e vissuto in armonia con la natura. Anche la "regola delle sette generazioni" degli Irochesi è considerata esemplare. Afferma che ogni decisione dovrebbe essere presa in modo tale che possa durare per sette generazioni senza effetti negativi.
Sfortunatamente, questa immagine romantica dell'indiano ecologico non è sostenibile.
La critica più aspra viene da Paul Martin, un paleontologo americano che vede i nativi americani responsabili dell'estinzione di molte specie animali verso la fine del Pleistocene, circa 11.000 anni fa:
“La fama del nobile selvaggio, figlio della natura che visse in un giardino dell'Eden incontaminato fino alla scoperta del Nuovo Mondo da parte degli europei, è evidente falso, poiché prima di Colombo la distruzione della fauna, se non degli habitat, era maggiore che in qualsiasi momento successivo". (2, pag. 29).
Martin ritiene che non siano state le influenze ambientali a causare questa "estinzione del Pleistocene", ma l'immigrazione di cacciatori di selvaggina grossa. I grandi animali che vivevano in America non avevano esperienza con i nemici umani e potevano quindi essere massacrati in massa da loro. Mammut, mastodonti, elefanti, varie specie di bradipi giganti sono scomparsi oltre a cavalli, cammelli e molti altri.
Le tesi di Martin sono controverse.
Ma il fatto che gli indiani non abbiano sempre agito ecologicamente può essere visto anche in un "Patrimonio mondiale dell'UNESCO":
Nello stato canadese dell'Alberta, vicino a Fort Macleod (vicino a Lethbridge), si trova il "Head-Smashed-In Buffalo Jump", che dimostra i metodi di caccia degli indiani precolombiani. Per circa 6.000 anni guidarono mandrie di bufali su una scogliera; una "caccia allo schianto" poiché era gestita anche dai cacciatori europei dell'età della pietra. Con questo metodo di caccia dispendioso furono massacrati molti più animali di quanti ne potessero utilizzare la tribù indiana nel loro vicino accampamento sul fiume Bad Man. Soprattutto perché non un solo membro del branco doveva scappare; i cacciatori nutrivano l'idea che gli animali sopravvissuti avrebbero avvertito altri bisonti.
La scogliera da cui il bisonte corse a cadere in una fuga precipitosa scatenata dagli indiani delle Grandi Pianure è alta oggi dieci metri. Ai suoi piedi, i resti di migliaia di animali caduti nel corso di migliaia di anni torreggiano alti dodici metri.
Ci sono altri famosi "salti di bufalo" che sono stati sfruttati eccessivamente allo stesso modo; ad esempio nel Montana il "Madison Buffalo Jump" sulla I-90 tra Butte e Bozeman.
Gli "Anasazi" (gli "Antichi", indiani precolombiani) costruirono insediamenti rupestri in Colorado, il più famoso dei quali era "Mesa Verde".[2] è. Avevano una cultura altamente sviluppata che stava per diventare una cultura elevata. Poi, nel XIII secolo, abbandonarono improvvisamente i loro insediamenti. Secondo una recente ricerca, avevano causato il cambiamento climatico disboscando le foreste. Due decenni quasi senza pioggia hanno causato il collasso dell'agricoltura. I contadini Anasazi divennero cannibali e alla fine dovettero lasciare la loro terra.
Dopo aver acquisito cavalli e armi da fuoco, gli indiani delle pianure svilupparono un nuovo modo di vivere nelle Grandi Pianure e divennero quasi interamente dipendenti dalle mandrie di bufali. Non hanno pensato a proteggere le scorte. Erano dell'opinione che queste "mandrie del Grande Spirito" provenissero dagli inferi come un dono inesauribile per gli indiani:
"Gli indiani sono grandiosi per un secolo e mezzo durante il periodo in cui vagarono liberamente nella prateria e non furono molestati dalle rivendicazioni sulla terra dei coloni bianchi, cioè 1700-1850 spendaccione stato. Sperperavano grandi quantità di merci che i mercanti fornivano loro, come barili di polvere nera, perché godevano del rumore delle esplosioni e delle nuvole di polvere. Sono stati i primi cacciatori di bufali, ad abbattere intere mandrie a centinaia e migliaia solo per poter fornire le ambite lingue di bisonte ai commercianti. Hanno spazzato via castori e lontre nelle valli fluviali molto prima che bande di cacciatori di pelli andassero a caccia di pellicce nelle pianure erbose (dovevano andare sulle Montagne Rocciose). I Brule Sioux, ad esempio, che nel 1800 trovarono l'intera valle del White River densamente ricoperta di alberi di pioppi neri americani, alimentarono con noncuranza la dolce corteccia dell'albero di pioppi neri americani ai loro innumerevoli cavalli durante l'inverno per dieci anni, in modo che tutti questi alberi morissero e che White La valle del fiume si era già insabbiata dopo altri dieci anni.
Capitò allo stesso Brule Sioux già nel 1830 di aver sterminato i bisonti nei loro terreni di caccia e di dover andare alla ricerca di nuove mandrie, che poi sgozzarono con la stessa disattenzione per le pelli ambite dai commercianti e - ovviamente - di gran lunga i più grandi lasciano marcire parte della carne. (4, pp. 76/77).
L'uso negligente del fuoco da parte dei nativi americani (di cui anche i cacciatori bianchi sono responsabili) ha portato a incendi nelle foreste e nelle praterie, distruggendo un gran numero di selvaggina e la già scarsa popolazione di alberi nelle valli fluviali.
Letteratura:
(1) Gruhl, Herbert: "Saranno felici...", Erb, Düsseldorf, 1984.
(2) Krech III, Shepard: "The Ecological Indian", WW Norton, New York, 1999.
(3) Martin Paul S.: "Pleistocene Overkill", Storia naturale 76 (dicembre 1967), pp. 32s.
(4) Stammel, HJ: "Finché l'erba cresce e l'acqua scorre", DVA, Stoccarda, 1976.

L'occasione è stata sprecata

Für die Indianer war dieses Ende des „Franzosen- und Indianerkrieges“ eine Katastrophe. Wie stets waren sie unter sich zerstritten, und beide Kriegsparteien hatten ihre verbündeten Indianer. Eigentlich hätten alle Indianer auf der Seite Frankreichs stehen müssen. Denn die katholischen Franzosen kamen mit den Indianern gut aus. Die französischen Herrschaftsgebiete waren dünn besiedelt, und die Zuwanderung aus Europa so gering, dass die Indianer den Landhunger von Neusiedlern nicht fürchten mussten. Die englischen Protestanten waren hingegen kaum bereit, Indianer als Mitmenschen zu akzeptieren, und die Grenzer wollten sie vertreiben. Neuengland war vergleichsweise dicht besiedelt, und es kamen laufend Neusiedler, die Land suchten, besonders Indianerland. So war abzusehen, dass die „Grenze“ sich auch weiterhin nach Westen verschieben würde.

Sia i francesi che gli indiani avevano sperperato una grande opportunità: a Versailles nessuno aveva riconosciuto l'importanza di questa guerra ai “confini del mondo”. La Nuova Francia ricevette troppo poco sostegno e un'amministrazione coloniale incompetente fu autorizzata ad arricchirsi spudoratamente. Secondo Eckert (3, p. 730), una profonda autorità sulla storia della frontiera del XVIII secolo, la corruzione fu in definitiva la causa della perdita del Canada a causa dei francesi.

Gli indiani non potevano convincersi a unire le forze e sostenere i francesi con determinazione. Una vittoria francese avrebbe potuto rendere il loro destino più favorevole per alcuni decenni. I francesi, meno affamati di terra, avrebbero accolto i loro alleati dopo aver vinto la guerra e avrebbero dato loro uno spazio di vita ragionevole. Spesso emissari francesi avevano segnalato questi fatti agli indiani, avvertendoli del "pericolo inglese" e pregandoli di combattere dalla parte della Francia. Ma come sempre, le vecchie faide tribali ostacolavano gli indiani, o le amicizie con l'uno o l'altro uomo bianco, oppure potevano essere corrotti con doni e promesse da una parte o dall'altra, senza pensare alle loro possibilità a lungo termine di sopravvivenza.

Le tribù indiane che un tempo si erano insediate nelle regioni vicino alla costa erano già decimate, sfollate, sterminate. Un destino simile attendeva ora gli indiani dei boschi a ovest dei monti Appalachi. Avrebbero potuto evitare questo destino crudele? Presumibilmente avevano su di loro da Montezuma[1] sentito l'avvertimento inviato sotto forma di un "wampum nero" (5, p. 87) ed espellere o uccidere qualsiasi uomo bianco che è entrato nelle loro terre?

Forse avrebbero potuto ritardare la loro fine, ma fermare la conquista del Nord America era impossibile. La pressione dei nuovi coloni provenienti dall'Europa e delle loro tecnologie molto superiori era troppo grande.

Note di chiusura:
[1] Montezuma = il sovrano dell'impero azteco (assassinato nel 1520), che fu conquistato da Hernando Cortez (1485-1547) nel 1520/21.
[2] Mesa Verde = oggi parco nazionale sulla US-160 a sud-ovest di Cortez (Colorado)
Letteratura:
(1) Cooke, Allistair: "Storia d'America", Pawlak, Herrsching, 1975.
(2) Dillon, Richard, H.: "Guerre indiane", Lechner, Limassol (Cipro), 1994.
(3) Eckert, Allan, W.: "Wilderness Empire", Bantam Books, New York, 1971.
(4) Stammel, HJ: "Indiani", Bertelsmann, Gütersloh, 1977.
(5) Steuben, Fritz: "Tecumseh - Shining Star", Franckh'sche Verlagshandlung, Stoccarda, 1965.