Categorie
storia/storia

L'ultimo regno indù

(Pubblicato su GralsWelt 18/2001)

Delle 14 montagne della terra che superano gli 8.000 metri di altezza, otto - tra cui il Sagarmantha (Everest) a 8.848 metri - si trovano in tutto o in parte in Nepal, l'ultimo regno indù, un paese di circa 25 milioni di abitanti, un tempo paese dei Buddha, oggi un'attrazione per gli escursionisti.

Due placche continentali si scontrano nell'Asia centro-meridionale. Il subcontinente indiano colpisce la placca eurasiatica e spinge verso l'alto la catena montuosa più alta della terra: l'Himalaya. Geologicamente, questa giovane catena montuosa è ancora in movimento. Il subcontinente indiano continua a muoversi a una velocità di cinque centimetri all'anno, che è avvertita dai residenti delle regioni montuose in frequenti frane e terremoti intermittenti lungo le principali faglie. Qui, tra le pianure indiane, con le paludi infestate dalla malaria, e le vette più alte della terra, tra l'India e la Cina (Tibet) si trova che

Regno del Nepal.

L'intero paese è montuoso a parte una stretta striscia al confine meridionale con l'India, la pianura del Terai con le famose riserve di caccia. Alle latitudini tropicali del Nepal, patate e orzo sono coltivati a terrazzamenti su pendii ripidi fino a 4.000 m sul livello del mare. Le tribù che vivono qui, compresi i famosi sherpa, si sono adattate alla dura vita in alta montagna.

Un paese in isolamento

Chi arriva in aereo a Kathmandu, la capitale del Nepal, difficilmente si rende conto della lontananza della propria destinazione. L'aeroporto del quarto di milione di città non ha niente di speciale. Taxi, autobus, auto private aspettano i passeggeri. Nel traffico cittadino ci sono molte piccole motociclette e risciò a motore. Con i loro motori a due tempi, espellono nuvole blu dallo scarico che competono con il fumo diesel dei vecchi camion. Secondo quanto riferito, l'inquinamento atmosferico a Katmandu è secondo solo a Città del Messico.

Le prime impressioni di Kathmandu includono anche vecchie case di legno con intagli decorati in decomposizione, che vengono gradualmente sostituiti da strutture in cemento.

Kathmandu non è accessibile in treno. Le strade dall'India conducono su montagne relativamente non particolarmente alte, ma difficili da superare con gole ripide e profonde. Durante la stagione dei monsoni, tra giugno e settembre, queste strade sono spesso impraticabili per settimane. C'è anche una vecchia funivia dei primi anni del '900, costruita in epoca feudale per portare in paese le merci più indispensabili in qualsiasi momento, ma a costi orrendi. E la strada da nord, dalla Cina, conduce sulla catena montuosa più alta della terra, che può essere attraversata solo a pochi passi. Una strada dal Tibet, che non è sempre percorribile, conduce su un unico passo.

Importanti rotte commerciali attraversavano il Nepal un millennio e mezzo fa ei suoi abitanti si distinguevano come abili artigiani e abili mercanti. Il centro più importante è la valle di Kathmandu, che offre buone condizioni di insediamento e terreno fertile a 1.500 m sul livello del mare. Qui sorsero presto i primi regni, inclusa la dinastia dei Malla (1200-1769).

Un sovrano di Malla divise le sue terre tra i suoi figli, tre fratelli e una sorella nel 1482. A ciascuno fu assegnata una città nella valle di Kathmandu: Kathmandu, Baktapur, Lalitpur (ora Patan) e Banepa. Le rivalità tra queste casate principesche provocarono una competizione nelle arti per più di tre secoli. Perché tutti volevano possedere il più grande capitale.

In questo modo sono emerse tre città incantevoli che sono una tappa obbligata per ogni turista: Kathmandu, Baktapur e Patan. Si dice che non ci sia altro luogo sulla terra dove tanti tesori d'arte siano raccolti così vicini tra loro. Queste meravigliose città storiche sono ora in pericolo di decadenza. Gli edifici in legno con i loro intagli artistici, pesantemente utilizzati dalle piogge monsoniche e dall'aria inquinata, richiedono una manutenzione costante, che i poveri e sovrappopolati paesi in via di sviluppo non possono permettersi. La cultura speciale di un paese di confine, in cui le influenze dell'India, del Tibet e della Cina si sono unite per formare un armonioso stile nepalese, rischia di scomparire nonostante l'aiuto dell'UNESCO.

La frammentazione del paese nel XV secolo attirò principi predatori dalle montagne circostanti. Uno di questi alla fine ha prevalso. Dopo 25 anni di guerra, Prithvi Narayan Shah unì più di 60 stati e principati nemici sotto il suo governo nel 1769 e fondò la dinastia Shah, che regna ancora oggi.

Le conquiste continuarono sotto i suoi successori fino al 1814 quando si trovò faccia a faccia con la Compagnia inglese delle Indie orientali. Una guerra feroce, in cui i nepalesi dimostrarono le loro qualità combattenti, si concluse nel 1816 con un trattato che definiva i confini che esistono ancora oggi. In queste battaglie, gli inglesi fecero la prima conoscenza anche con i leggendari Gurkha, che poi prestarono servizio nell'esercito inglese durante la seconda guerra mondiale.

La terra di Buddha

Il Nepal, la terra sul cui suolo nacque Buddha 2.500 anni fa (a Lumbini nel Terai), da allora è stato un regno indù a lungo chiuso alle influenze straniere.

Nel 1846 ci fu un sanguinoso colpo di stato di un generale che assicurò a sé e alla sua famiglia il cosiddetto governo Rana fino al 1951. Poi la famiglia reale tornò al potere.

Fino al 1949, il Nepal era il più grande paese abitato inesplorato dagli europei. Nel 1950 i francesi poterono entrare nel Paese e il 3 giugno furono i primi ottomila a scalare l'Annapurna1 (8.091 m). Potrebbero seguire ulteriori spedizioni e un numero sempre crescente di escursionisti.

I partiti politici furono autorizzati a emergere sotto il re e nel 1991 una monarchia costituzionale sostituì il regno indù. Come prima, tuttavia, il re è adorato come l'incarnazione di Wishnu.

Oggi indù e buddisti convivono pacificamente in Nepal e molti nepalesi si sentono legati a entrambe le religioni. Ci sono persino templi dove sia gli indù che i buddisti celebrano i loro rituali. L'influenza sempre presente del buddismo tibetano crebbe dopo che il Dalai Lama fu costretto a fuggire dal Tibet nel 1959 e molti dei suoi seguaci lo seguirono in esilio in India e Nepal.

La popolazione, composta da decine di tribù diverse, appare pacifica e amichevole. Anche i Gurkha, temuti come guerrieri, sono persone simpatiche e ospitali quando li conosci meglio.

Il paese delle montagne più alte attira ogni anno centinaia di migliaia di turisti che vi trascorrono una vacanza tanto economica quanto esotica. Oltre ai palazzi reali, ai templi e agli stupa nella valle di Kathmandu, il trekking su vecchie rotte commerciali non adatte ai veicoli è un'attrazione. Lontano dai centri, ti senti trasportato nel medioevo e ti godi la vita semplice. Tuttavia, i turisti evitano la stagione delle piogge con le sue piogge tropicali, quando le sanguisughe aggressive si annidano tra gli alberi.

Molteplici sono le mete in vetta per gli alpinisti: dalla piattaforma panoramica facilmente accessibile a 3.000 m di quota, alle cime di 4.000 e 5.000 m che si possono scalare quasi facilmente, al massimo di quanto è alpinisticamente possibile.

Vacche sante

Noi europei abbiamo spesso problemi con il culto indù delle mucche, praticato anche nel regno indù del Nepal. In India la popolazione cresceva già 2.000 anni fa e lo spazio per il bestiame, la cui carne non mangiano gli indù, stava diventando scarso. Pertanto, la più alta casta di bramini rese sacre le mucche per salvarle dall'estinzione. Nel corso del tempo si è sviluppato un culto attorno alla mucca. Ci sono sacerdoti indù che vedono nella mucca l'unica via di salvezza. Per loro, la mucca è un simbolo dell'induismo e più importante dell'essere umano. Ogni parte del corpo della mucca, a parte la coda, è considerata sacra perché si dice che sia la dimora di 300 milioni di dei. Bere latte di mucca dovrebbe renderti saggio e mantenerti pulito. Nella medicina ayurvedica, l'urina di mucca è un rimedio importante.

Ancora oggi in India e Nepal le mucche sono protette dallo stato e dalla religione. Si consiglia agli automobilisti di fare attenzione alle mucche che vagano indisturbate, anche su strade trafficate. Passare sopra una mucca minaccia in Nepal:

* Se il conducente è innocente, deve pagare per il funerale della mucca, che costa diversi mesi di stipendio per un normale salariato.

* Se l'autista è colpevole, rischia 15 anni di carcere.

Preferirei non guidare in questo paese con la circolazione a sinistra.

I problemi economici non possono essere ignorati. A causa della sua posizione remota, il Nepal, nonostante una lunga tradizione di artigianato e commercio, difficilmente può diventare un paese industriale per rifornire adeguatamente la popolazione in rapida crescita. Il turismo e l'industria possono alleviare le difficoltà economiche, ma aggravano la situazione ecologica.

Difficilmente un turista entra in una delle fabbriche dove più di 150.000 bambini, invece di andare a scuola, tessono tappeti per l'esportazione in condizioni disumane per uno stipendio ridicolo, secondo i progetti degli interior designer occidentali. La protezione dell'ambiente e la sicurezza sul lavoro più primitiva non sono qui considerate; perché le esportazioni, da cui i commercianti e i produttori guadagnano, hanno la priorità. Anche produrre le proprie materie prime non è più sufficiente. La lana, i prodotti chimici per la tintura vengono importati e la classica arte dei tappeti nepalesi sta scomparendo.

L'agricoltura nelle valli facilmente accessibili, come la valle di Kathmandu, perde costantemente campi preziosi a favore delle città in crescita.

La vita è dura nelle regioni montuose, difficili da coltivare, e mancano gli ausili tecnici per l'agricoltura e per la vita di tutti i giorni. L'eccessiva densità di popolazione impone uno sfruttamento eccessivo; ad esempio, viene utilizzato il doppio della quantità di legno che può ricrescere. Raccogliere legna da ardere e portare foglie e ramoscelli per nutrire il bestiame è un lavoro quotidiano di cui i bambini sono spesso responsabili.

asceti

Yogi (maestri di yoga), lama (sacerdoti buddisti tibetani), sadhu (mendicanti indù) hanno una reputazione leggendaria e nella letteratura vengono attribuite loro le più incredibili imprese magiche. Ho potuto osservare di persona al tempio di Pashupatinath, un importante santuario indù, che i Sadhu in Nepal possono essere molto resistenti. La guida alpina del Club Alpino Siggi Rottlingshöfer, da molti anni di stanza in Nepal, ci ha raccontato di uno yogi incontrato a 5.000 m di quota, nudo, solo cosparso di cenere, in piedi in un crepaccio. Sembra credibile quando leggi da Alexandra David-Neel come l'addestramento occulto renda possibile mantenere il corpo nudo al caldo nel freddo invernale sugli altipiani del Tibet (1, p. 182 s.).

Recentemente è stata scientificamente esaminata anche la capacità di uno yogi di rallentare le sue funzioni vitali nel sonno catalettico e di sopravvivere in una bara ermetica (2, p. 81). I maestri asiatici dell'occulto sembrano avere abilità sconosciute in Occidente. Nella letteratura di riferimento, tuttavia, non dovrebbero mancare le esagerazioni. Nessuno, ad esempio, è stato in grado di dimostrare fino ad oggi il leggendario "trucco della corda indiana", sebbene la regina Vittoria d'Inghilterra (1819-1901) offrisse per esso un prezzo di 2.000 sterline, e un mago inglese 5.000 sterline, un italiano addirittura 10.000 sterline per la dimostrazione di questo robot. Un viaggiatore in Nepal di solito incontrerà solo i cosiddetti "sadhu professionisti" che non sono altro che mendicanti che abusano dell'immagine dell'asceta.

Nella maggior parte delle abitazioni rurali, per cucinare vengono utilizzate primitive stufe di terracotta e non c'è nemmeno il camino. Nelle capanne fumose, i bambini in particolare contraggono malattie respiratorie. Le scuole, gli ospedali e le altre strutture sociali sono sottosviluppati perché mancano ovunque i capitali per le infrastrutture più necessarie. Ad esempio, grandi regioni sono inaccessibili ai veicoli. I trekker si divertono a fare trekking sui sentieri di muli e yak per giorni o settimane, facendo affidamento sull'elicottero in caso di emergenza. Tuttavia, aprire un paese senza strade è problematico.

Certamente ci sono anche approcci ecologici positivi, come l'"Annapurna Conservation Area Project" (ACAP) attorno all'insediamento modello di Ghandrung. Le aziende internazionali stanno lavorando ai miglioramenti più necessari, come la costruzione di servizi igienici e il rimboschimento delle foreste himalayane, ma è difficile sperare in un successo a lungo termine su un ampio fronte.

Le previsioni per il paese montuoso di una bellezza paesaggistica unica con la sua amabile gente non possono essere particolarmente favorevoli: il progresso faticosamente conquistato, ad esempio nella costruzione di piccole centrali idroelettriche, viene annullato dall'alluvione della popolazione in continua crescita. Si teme che la popolazione possa raddoppiare nuovamente nei prossimi 30-40 anni. Dopotutto, viviamo in un'epoca in cui una popolazione in rapida crescita è più un peso che creare la vera ricchezza del Paese. Anche nei paesi sviluppati il versetto biblico "...un lavoratore vale il suo salario" (Luca 10:7) a volte suona come una presa in giro.

La vita della popolazione troppo numerosa diventa poi ancora più difficile in alta quota, e sopravvivere nelle città sovraffollate senza rete fognaria, elettricità e acqua insufficienti deve diventare un compito quasi impossibile per molti.

Letteratura sul Nepal:

Choegyal, Lisa. "Nepal", RV Reise- und Verkehrsverlag, Berlino, 1993.

Massonaud, Chantal: "Nepal", in "Asia", Benedikt Taschen Verlag, Colonia, 1994.

Nelles Guida "Nepal", Nelles Verlag, Monaco di Baviera 1995.

Letteratura sugli “Asceti asiatici”:

(1) David-Neel, Alexandra: "Santi e Witchers", Brockhaus, Wiesbaden, 1981.

(2) Raum & Zeit numero 93/1991, pagina 81

(3) Zwerenz, Gerhard: "Magia, fede nelle stelle, spiritualismo", Fischer, Francoforte, 1974.

Addendum 2015:

Sfortunatamente, il povero Nepal ha colpito all'inizio del 21° secolo grandi disastri:

* Nel giugno 2001 c'è stato un sanguinoso crimine all'interno della famiglia reale che ha ucciso il re Birendra Bir Bikram Shah. Inizialmente gli successe suo fratello. Ma il regno non poteva riprendersi da questo.

Ci furono rivolte dei maoisti e una sanguinosa guerriglia con numerosi morti. Nell'aprile 2007, uno sciopero generale ha costretto il re a dimettersi. Il Nepal è diventato una repubblica. Il regno indù non esiste più.

* Nell'aprile 2015, il Nepal è stato colpito da un forte terremoto. Ci sono stati più di 8.600 morti e gravi danni alle strutture storiche. Il Nepal povero e sovrappopolato difficilmente può permettersi di ripristinarli da solo.