Categorie
storia della religione

La missione cristiana: un'utopia fallita

In passato erano i missionari cristiani, oggi sono i predicatori del neoliberismo a non rispondere alle preoccupazioni dei popoli “di convertirsi”.

(Pubblicato su GralsWelt 66/2011)

Per secoli le Chiese d'Occidente hanno visto come loro compito diffondere gli insegnamenti cristiani in tutto il mondo. L'invito a farlo si trova nella Bibbia, ad esempio in Matt. 28, 18-20. Perciò il Risorto disse ai suoi discepoli:

“Ogni potere mi è stato dato in cielo e sulla terra. Andate dunque a tutti i popoli e fate miei discepoli tutti gli uomini; battezzali nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo e insegna a tutti a obbedire a ciò che ti ho comandato».  

Subito dopo la morte di Gesù sulla croce, iniziò l'opera missionaria dei suoi seguaci. Entro tre secoli, il cristianesimo si diffuse in tutto l'Impero Romano e oltre, in Abissinia e in India.

La successiva grande spinta per il lavoro missionario arrivò con il colonialismo. Ovunque i conquistadores portoghesi o spagnoli o altri conquistatori europei invasero terre straniere, erano accompagnati da sacerdoti e monaci. Questi si sentono chiamati a convertire gli ignoranti "pagani" d'oltremare al cristianesimo. Attraverso il battesimo e la fede in Gesù Cristo, i nativi dovevano essere redenti e salvati dal fuoco dell'inferno.

Durante il periodo coloniale, diverse chiese cristiane (evangeliche, cattoliche, ortodosse) e anche diversi ordini religiosi (dominicani e gesuiti) gareggiavano per le anime dei pagani e gareggiavano, a volte in modo brutto, tra loro.

Molti missionari hanno lavorato con le migliori convinzioni, hanno lavorato duramente, hanno sopportato difficoltà e non di rado hanno rischiato la vita al servizio della loro Chiesa. Non si può fare a meno di parlare con rispetto delle realizzazioni di alcuni missionari. (Cfr. "Breve, conciso, curioso" p. 254 "Utopia nella giungla"). Tuttavia, per lo più mancava la comprensione della cultura e delle tradizioni di coloro da convertire. A meno che non volessero separarsi dai loro vecchi riti, furono trattati come eretici e il loro patrimonio culturale e religioso distrutto. Ad esempio, quasi tutti gli scritti Maya furono bruciati, con grande dispiacere dei ricercatori moderni.

Anche l'insegnamento ben intenzionato nelle scuole missionarie - soprattutto nel 20° secolo - spesso non ha portato al successo sperato. Gli scolari più grandi che sapevano leggere spesso preferivano leggere Marx, Engels, Lenin e Mao piuttosto che la Bibbia. In questo modo, i missionari nei paesi in via di sviluppo hanno contribuito involontariamente alla diffusione delle idee comuniste.

Nella seconda metà del 20° secolo, il lavoro missionario cristiano si è in gran parte bloccato. È più probabile che l'Islam attiri nuovi credenti, per i quali predicatori aggressivi in molti paesi stanno facendo una massiccia campagna, mentre nella maggior parte degli stati islamici non è possibile alcuna diffusione di altre idee religiose.

L'arroganza sotto la maschera della filantropia
"L'operatore dei diritti umani, come il missionario, in realtà è spesso un nemico incorreggibile delle persone che si spaccia per amico, perché non ha né la fantasia sufficiente per comprenderne i reali bisogni né l'umiltà sufficiente per ascoltarne i bisogni, come se fossero il suo stesso. Allora, nella maschera della filantropia, appaiono arroganza, fanatismo, importunità e imperialismo».
Giorgio Santayan (6, pag. 249)

Un'occasione persa

In Sud America, nella seconda metà del XX secolo, il cristianesimo ha avuto l'opportunità di mettere in pratica seriamente i propri insegnamenti, e quindi di dare alla sua fede e al suo lavoro missionario contemporanei, nuovi impulsi al di là dell'America.

cattolico teologi della liberazione vedevano un compito per la loro Chiesa nella lotta contro la povertà, l'oppressione e l'ingiustizia. Il cristianesimo originario era soprattutto una religione dei poveri, degli oppressi, degli schiavi; un gruppo target che è riconoscibile nell'annuncio cristiano fino ad oggi (cfr. "Il fuoco del cristianesimo" in "Storia religiosa").

Nel XX secolo, tuttavia, le Chiese ufficiali non sono state in grado di prendere posizione contro la repressione statale e hanno praticato ufficialmente l'ingiustizia di quanto non lo fossero nel Medioevo. A quanto pare, la paura di perdere il proprio potere era più grande del coraggio di difendere i valori cristiani e, in casi estremi, anche di affrontare il martirio. Probabilmente mancava un secondo Francesco d'Assisi (1181-1226) e un papa che comprendeva le sue preoccupazioni.

Così i teologi della liberazione furono diffamati come comunisti e messi da parte. Alcuni dei loro seguaci si disperarono per la loro chiesa e divennero estremisti violenti - ad esempio il novizio gesuita Michael Nothdurfter (1961-1990) dall'Alto Adige: deluso dalla sua chiesa, arrivò alle opinioni comuniste attraverso la teologia della liberazione e fu fucilato mentre prendeva ostaggi.

"L'uomo è dipendente e dipendente come mai prima d'ora"
"Dal 1989 viviamo in un ordine economico globalizzato unificato della tecnocrazia, che rivendica e stabilisce il controllo assoluto su spazio, tempo e creazione. La macchina, spinta dalla coazione a produrre di più, funziona, confermata da successi tecnologici di proporzioni inimmaginabili. È programmato per "di più" in termini di velocità, produttività, consumo e profitto per circa il venti per cento dell'umanità. Questo programma è più efficace e violento di tutti gli imperi storicamente comparabili con le loro torri babilonesi. All'interno della Grande Macchina, le persone non solo sono, come la vedeva Marx, "alienate" da ciò che potrebbero diventare, ma allo stesso tempo sono dipendenti e dipendenti come mai prima d'ora".
Dorotea Sole (10, pag. 241)

Promesse neoliberiste di salvezza

Nella seconda metà del 20° secolo, i missionari cristiani furono sostituiti da propagandisti che rappresentavano le idee neoliberiste con lo stesso pregiudizio ideologico come i missionari avevano un tempo i loro dogmi.

Tuttavia, non si tratta più di salvezza, ma di condizioni sociali (presumibilmente) ideali e prosperità economica. Un'utopia secolare prende il posto del paradiso spirituale una volta promesso nell'aldilà. L'atteso fallimento di questa utopia neoliberista e terrena non può quindi essere nascosto, a differenza delle promesse religiose del paradiso, che non sono applicabili.

Ancora una volta in tutto il mondo viene predicato che nella nuova era del capitalismo globale solo per tutti i popoli uno strada verso un futuro felice. E ancora è una via degli europei[io] e nordamericani. Economisti, operatori dello sviluppo e attivisti per i diritti umani hanno preso il posto dei missionari. La loro promessa di salvezza è la democrazia e un'economia liberale basata sul modello occidentale.
"Questa convinzione che l'umanità sia sulla soglia di una nuova era è di natura scientifica, ma è solo l'ultima varietà di credenze apocalittiche che risalgono all'antichità"., scrive Cohn Norman scrive nel libro "L'attesa della fine dei tempi" (3, pag. 9).

"Dignità e onore non contano più!"
«L'abolizione di tutte le regole, più precisamente la riduzione di tutte le regole alla legge del mercato, è l'opposto della libertà, cioè la sua illusione. Valori antiquati e aristocratici come la dignità, l'onore, la sfida, il sacrificio non contano più".
Jean Baudrillard (1929-2007) (13)

Dopo la Guerra Fredda

Durante la Guerra Fredda, il comunismo era un temuto concorrente dell'Occidente. Era necessario dimostrare al mondo che, ad esempio, l'"economia sociale di mercato" basata sul modello tedesco[ii] porta alla "prosperità per tutti" ed è chiaramente superiore all'approccio comunista.

Nella competizione tra i due sistemi politici era quindi vietato uno sfruttamento spietato dell'uomo e della natura nel senso di una "economia di libero mercato" neoliberista.

Dopo il fallimento del malgoverno bolscevico, il neoliberismo passò all'offensiva. Ora veniva propagandato che le condizioni ideali avrebbero dovuto verificarsi ovunque se fossero state introdotte solo la democrazia, un'economia di libero mercato e la libera circolazione delle merci e dei capitali, secondo il modello americano. Chi si opponeva a questa richiesta veniva diffamato come comunista, denunciato come una minaccia alla pace mondiale o annoverato nell'"asse del male".

Politologo americano Francesco Fukuyama (5) è del parere che "la fine della storia" è raggiunta quando la democrazia liberale si rivela "l'ultima forma umana di governo" applicato in tutto il mondo. Questa forma ideale di governo porterebbe le migliori condizioni di vita possibili per tutte le persone. (Vedere. "L'inizio del 21° secolo", in “Economia e affari sociali”).

Gli esponenti di questo "liberalismo messianico" possono certamente essere paragonati ai missionari. Entrambi - missionari e predicatori del neoliberismo - erano o sono fermamente convinti della correttezza delle loro ideologie e non ritengono necessario affrontare le esigenze specifiche - culturali, religiose ed economiche - dei popoli da convertire.

Dal momento che la (ancora) più forte potenza mondiale sta dietro ai feticisti del mercato, hanno ottenuto successo nello smantellamento delle barriere commerciali, nella deregolamentazione e nella globalizzazione. Queste misure hanno aiutato principalmente i paesi industrializzati, mentre i paesi poveri sono ancora in attesa della ripresa promessa.

Una cospirazione mondiale?

Da tutte le parti circolano teorie del complotto di ogni genere. Società segrete come i Massoni o gli Illuminati stanno pianificando il rovesciamento, il dominio (occulto) del mondo, usando mezzi diversi. Presumibilmente tali storie dell'orrore sono deliberatamente diffuse per distrarre dai veri approcci al dominio del mondo. Di fatto, un'economia capitalista, sostenuta dalla prima potenza occidentale, è già in procinto di assumere il “dominio del mondo”.:
“Sotto il Nuovo Ordine Mondiale, la politica estera degli Stati Uniti è determinata dai pianificatori militari del Dipartimento di Stato, del Pentagono e della CIA. Mantengono inoltre contatti con i rappresentanti dell'FMI[iii], la Banca mondiale e l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC). La burocrazia finanziaria internazionale di Washington, a sua volta, responsabile delle micidiali riforme economiche che sta imponendo al Terzo Mondo e alla maggior parte degli ex paesi che si affacciano a est, mantiene stretti legami con l'establishment finanziario di Wall Street.
I poteri alla base di questo sistema sono le banche globali e le organizzazioni finanziarie, il complesso militare-industriale, i giganti del petrolio e dell'energia, le società biotecnologiche e le potenti società dei media e delle comunicazioni con le loro notizie false e le palesi distorsioni degli eventi mondiali".
(2, p. 12; cfr. il riquadro "Monetarismo o diritti umani?" in "L'inizio del 21° secolo" in “Economia e affari sociali”).

"Guerra e libero mercato vanno di pari passo"
“All'alba del terzo millennio, guerra e “libero mercato” vanno di pari passo. In un certo senso, la guerra è il trattato di investimento multilaterale di ultima istanza. Sta distruggendo fisicamente ciò che non è stato ancora distrutto dalla deregolamentazione, dalla privatizzazione e dall'applicazione delle “riforme del mercato”. La colonizzazione militare diretta e l'istituzione di protettorati occidentali servono de facto allo scopo di offrire alle banche occidentali e alle multinazionali un accesso senza ostacoli ai mercati interessati, in modo che possano, come richiesto dalle normative dell'OMC, agire a livello globale così come in un mercato nazionale. L'odierna "diplomazia missilistica" ribadisce la diplomazia delle cannoniere usata per imporre il "libero commercio" nel 19° secolo".
Michel Chossudovsky (2, pag. 34)

Le rischiose transazioni finanziarie favorite da questo sistema economico neocapitalista hanno portato a turbolenze economiche, crolli bancari e fallimenti nazionali. L'economia globale oscilla tra boom e crash. Abili speculatori possono arricchirsi in entrambe le fasi. Se la speculazione rischiosa per massimizzare i profitti fallisce, allora i manager falliti cercano, a volte con successo, di trasferire le perdite sui contribuenti!

Quella che poi sembra a molti una cospirazione di solito non è altro che la conseguenza del sistema economico dominante e neocapitalista del mondo, che non vuole essere limitato da norme legali o linee guida etiche. I responsabili nelle banche e nella grande industria fanno quello per cui sono pagati: generare il massimo rendimento possibile!

Se, ad esempio, una società per azioni non mira al massimo rendimento, ma agisce in modo economicamente responsabile, pensa in modo sociale, tiene conto degli interessi dei suoi dipendenti e vuole garantire l'esistenza a lungo termine dell'azienda, allora i suoi azionisti devono sopportare un ritorno sul capitale inferiore. I prezzi delle azioni della società in questione scendono e la "società modello sociale" diventa un candidato per l'acquisizione. Prima o poi questa società verrà acquistata a buon mercato, avviata sulla "corsa giusta" con una nuova gestione o smantellata con profitto.

La resistenza sta crescendo

Come era prevedibile, si stanno formando forze opposte al sistema economico turbo-capitalista attualmente dominante. Tuttavia, meno dei partiti politici, il cui compito sarebbe contrastare gli sviluppi indesiderati. I contromovimenti provengono principalmente dalla società civile. Ci sono ONG (organizzazioni non governative, organizzazioni non governative) come Apollo Alliance, Attac, Greenpeace, iniziative dei cittadini, ecc. Qui i "veggenti senza potere" diffondono le loro idee alternative e cercano di conquistare un pubblico più ampio per nuove strade .

I percorsi intrapresi da questi movimenti alternativi sono ardui e noiosi. I gruppi ei partiti costituiti sono difficili da convincere a ripensare, e la massa della popolazione, spesso informata in modo insufficiente o unilaterale dai media, ha bisogno di tempo per capire un problema che nessuno vuole spiegare loro chiaramente.

"Nessuno vuole un presidente messianico degli Stati Uniti!"
“Quello che nessuno vuole in Asia, America Latina o Africa: un presidente degli Stati Uniti messianico alla George W. Bush che crede di poter imporre il modello americano ad altri paesi su base uno a uno. Nel terzo mondo, molti sanno benissimo distinguere tra arroganza arrogante e sana fiducia in se stessi”.
Eric Follat (4, pag. 93)

Ciò è stato dimostrato, ad esempio, nel movimento ecologista, inizialmente vittima di bullismo da parte dell'establishment. Dovevano esserci azioni spettacolari da parte di Greenpeace e la fondazione di nuovi partiti che si battessero per l'indispensabile protezione dell'ambiente e della natura, necessità per la quale l'establishment non voleva vedere. Come logica conseguenza, come reazione al fallimento dei partiti affermati, i Verdi sono entrati in parlamento, lo spettro dei partiti è diventato più colorato e la formazione di un governo più difficile.

Ci sono alcune prove che questo percorso può ripetersi. Chi è al potere raramente è perspicace. Sarebbe bello se approfondissero un po' di più la storia.

La lotta americana per l'indipendenza, le rivoluzioni francese e russa, la guerra civile americana, la caduta della Repubblica di Weimar, la vittoria del maoismo in Cina: tutti questi sconvolgimenti rivoluzionari con conseguenze catastrofiche avrebbero potuto essere evitati se i responsabili avessero avuto un po' di comprenderli o reindirizzarli a riforme regolamentate in tempo utile; senza gravi perdite di vite e beni. Ma la lungimiranza non è mai stata una virtù eccezionale dei governanti.

Per il momento, abbiamo ancora la speranza che i democratici eletti dal popolo, che hanno giurato di servire il benessere del popolo, acquisiscano una visione migliore. Questi dovrebbero pensare più al bene comune che ai loro interessi di partito. Le alternative da evitare sarebbero il caos, il rovesciamento, la rivoluzione o addirittura la guerra, ovvero instabilità che non hanno quasi mai portato nulla di buono.

Letteratura:
(1) Brunnengräber/Klein/Walk, ONG nel processo di globalizzazione, Agenzia federale per l'educazione civica, Bonn 2005.
(2) Chossudovsky Michel, Global Brutal, Zweitausendeins, Francoforte 2002.
(3) Cohn Norman, L'attesa della fine dei tempi, Insel, Francoforte 1997.
(4) Der Spiegel, 30/2010.
(5) Fukuyama Francis, La fine della storia, Kindler, Monaco di Baviera 1992.
(6) Grey John, La politica dell'Apocalisse, Klett-Cotta, Stoccarda 2009.
(7) Heins Volker, Cittadini del mondo e patrioti locali, Centro statale bavarese per l'educazione politica, Monaco di Baviera 2002.
(8) Paczensky Gert von, Benedizione costosa, Goldmann, Monaco di Baviera 1991.
(9) Sinn Hans-Werner, Kasino-Kapitalismus, Econ Berlin 2009.
(10) Sölle Dorothee, Mysticism and Resistance, Piper, Monaco 1999.
(11) Steinart Gabor, Germania. La discesa di una superstar, Piper, Monaco di Baviera 2006
www…
Teologia della Liberazione:
http://de.wikipedia.org/wiki/Befreiungstheologie.
Critiche al capitalismo:
http://de.wikipedia.org/wiki/Kapitalismuskritik 
Note di chiusura:
[io] Intorno al 1900, l'Europa rappresentava il 25% della popolazione mondiale. Nel 2007, questa percentuale era ancora dell'11%. (9).
[ii] Sfortunatamente, dai tempi di Adenauer, il modello tedesco ha avuto un difetto di progettazione che minaccia di fallire. La "nave Germania" è attualmente quotata e rischia di capovolgersi se la rotta non viene decisamente invertita. Finora nessun partito politico ha avuto il coraggio di raccontare onestamente alla gente cosa sta succedendo (cfr Bibliografia 9).
[iii] CIA = Agenzia centrale di intelligence; FMI = Fondo Monetario Internazionale.