Categorie
storia della religione

Il mistero di Maria Maddalena

(Pubblicato su GralsWelt 51/2008)

Un emozionante thriller è diventato un bestseller mondiale e ha acceso discussioni storico-religiose: Dan Browns "Il codice da Vinci".

Il thriller avventuroso fu presto seguito da opere teologiche in diverse lingue che contenevano inesattezze storiche di marrone denunciare i thriller. Diverse affermazioni del bestseller vengono discusse, commentate e confutate. Viene quasi da pensare che non si tratti di una storia inventata, ma di un'opera scientifica.

Al centro delle discussioni c'è una domanda fortemente provocatoria per le chiese e molti cristiani, un sacrilegio che alcuni trovano quasi oltraggioso: Gesù ha avuto una relazione con una donna? Gesù era sposato?

Il Sacrilegio

Dan Browns Il Codice Da Vinci è un romanzo poliziesco sapientemente composto, composto da elementi noti che ora è stato anche trasformato in un film. Questi sono intrecciati in un nodo, che finalmente si dipana nel corso di una trama avvincente, dopo molti colpi di scena sorprendenti. Il lavoro non è davvero più avvincente di altri thriller di Marrone o altri autori di successo. Ma combina calci piazzati che sorprendono molti e affascinano quasi tutti.

“La consorte del Salvatore è Maria Maddalena. Ma Cristo l'amava più di tutti i discepoli e spesso la baciava sulla bocca. Gli altri discepoli furono offesi. Gli dissero: 'Perché li ami più di tutti noi?' Il Redentore rispose e disse loro: "Perché non vi amo come amo loro?"
                    Dal Vangelo di Filippo

Questi argomenti sono:

  • Riguarda Gesù, la figura più importante della storia occidentale.
  • Confonde molti è l'ipotesi provocatoria che Gesù Con Maria Maddalena era sposato e aveva figli. Questa affermazione non è affatto nuova. Il testimone chiave di questa speculazione è al giorno d'oggi Filippo, il cui vangelo è stato trovato solo nel 1945 a Nag Hammadi (Alto Egitto). Nella gnosi[io] e nel misticismo rosacrociano qualcosa di simile si tramanda da molto tempo, e si dice che anche Lutero ci credesse. (5, p. 152).
  • Secondo una tradizione molto antica e leggendaria, fuggì Maria Maddalena dopo la crocifissione. È quindi sbarcata nel sud della Francia, dove c'è ancora una processione a Les-Saintes-Maries-de-la-Mer (Santa Maria del Mare) per commemorare il suo sbarco. Presumibilmente portava con sé anche la coppa della comunione. Questo - o un altro antico calice di origine non chiara - è ora conservato nella Cattedrale di Valencia ("Il Calice di Cristo e la ricerca del Graal").
  • La chiesa afferma di conoscere i discendenti fisici di Gesù e si sforza di sopprimere la loro conoscenza.
  • La stirpe degli eredi di Gesù era quindi noto ai mitici Cavalieri Templari. Dopo la loro caduta, i Templari ricevettero questa conoscenza da una società segreta[ii] tramandato fino ai giorni nostri. discendenti di Gesùche sono vivi oggi sono protetti da questa società misteriosa.
  • Questa società segreta includeva celebrità come Leonardo Da Vinci e Isacco Newton, che hanno tramandato le loro conoscenze nascoste in forma criptata in simboli non comprensibili a tutti. Decodificare questi simboli criptici è uno dei compiti principali degli eroi dell'emozionante storia di Brown.
  • Unisciti come un moderno antagonista di questa società segreta Dan brown l'ordine laicale cattolico “Opus Dei”.
  • Il finale si svolge alla Rosslyn Chapel (a Roslyn vicino a Edimburgo), di cui chiunque sia interessato al misticismo templare ha sentito parlare.

Questi elementi costitutivi dell'azione possono essere trovati nella letteratura esoterica. Avere una grande porzione del materiale Lincoln/Baigent/Leigh (7) Pubblicato per la prima volta in inglese nel 1982. Dan brown si riferisce a Baigent nel suo thriller con l'anagramma "teabing", così come il nome saunarière, che svolge un ruolo in (7), appare.

Mille anni fa sarebbe stata una grande sensazione se i discendenti di Gesù e Re Davide[iii] visse, fece e si dimostrò legittime pretese al soglio pontificio. Ancora oggi non mancherebbe di stupire se qualcuno potesse affermare in modo credibile di essere stato tra i suoi antenati Gesù fondare. Ma sarebbe una mostruosità, soprattutto per i fautori del celibato.

I lettori del messaggio del Graal sono consapevoli che il insegnare di Gesù è decisivo, non i dettagli della sua vita personale. Il suo parole rimane lo stesso sia che fosse sposato o meno.

La misteriosa Maria

Ce ne sono parecchi nel Nuovo Testamento Maria, a quel tempo uno dei nomi femminili più comuni: Maria di Betania (che Gesù unse, Gv 12), Maria Maddalena, Maria di Nazaret, Maria la madre di Giacomo (Matteo 27:56; Marco 16:1; Luca 24:10); e Maria la moglie di Cleopa. (Giovanni 19:25). Presumibilmente, il diverso Maria occasionalmente confuso.

Ad esempio, si applica Giacomo come fratello biologico di Gesù, quindi già due dei Maria sarebbe identico a meno che non lo si assuma Maria di Nazaret aveva una sorella con lo stesso nome, o Joseph nel primo matrimonio con un altro Maria era sposato.

Maria di Betania, che alcuni con Maria Maddalena equate (8, p. 377), devono essere stati ricchi se loro Gesù potrebbe ungere con olio di nardo del valore di 300 denari[IV].

Ci interessa qui uno Maria, una donna benestante della città portuale di Magdala sul Mar di Galilea. È concepibile che? Gesù era sposato con lei?

“Ai giorni di Gesù non c'era luogo in Giudea chiamato Magdala[v], ma un Magdolum in Egitto. Le antiche tradizioni popolari descrivono Maria Maddalena come una donna dalla pelle nera[vi]. Non vieni da Israele? Il Magdolum Egiziano è la loro patria? Allora Maria Maddalena non era ebrea. Il matrimonio di Gesù, venerato e soprannominato rabbino, con un non ebreo sarebbe stato una terribile violazione del tabù. Il matrimonio di Gesù, per il quale ci sono così tante prove circostanziali, è stato messo a tacere nel miglior modo possibile perché Maria Maddalena era assolutamente inaccettabile dal punto di vista del giudaismo ortodosso? (5, p. 156 segg.).

Per andare dritti al punto: allora non c'erano certificati di matrimonio. Per un possibile matrimonio di Gesù potrebbero esserci prove circostanziali.

La fonte più importante sulla vita di Gesù è il Nuovo Testamento. Questa è una raccolta di scritti religiosi relativi a Gesù e confessare la sua missione di Messia. I fatti storici rappresentano gli evangelisti, probabilmente nessuno di loro Gesù sapevo personalmente - non in primo piano.

Quindi è abbastanza sorprendente Maria Maddalena assegnava un ruolo importante anche nella comunità cristiana dominata dagli uomini: era una compagna del Signore che Gesù e ha sostenuto i suoi discepoli (finanziariamente).[vii], scoprì la tomba vuota e incontrò il Risorto.

I fatti storicamente verificati dalla vita del Maria Maddalena sono poveri:
“Lei è un esempio di errore produttivo. Cominciano già con il loro nome. Il suo vero nome era Maria di Magdala. Maddalena era una villa suburbana della città termale romana di Tiberiade. Questo è tutto ciò che sappiamo di lei. Ma le leggende crebbero e proliferarono intorno a lei, la pia immaginazione cominciò a combinarsi: Una località balneare romana, dove la dolce vita faceva parte del programma diurno e notturno, quello era il campo di lavoro ideale per un mercenario! Aveva forse - così si pensava - questa Maria esercitava il mestiere più antico del mondo? Ha usato la sua fortuna uccisa rapidamente per sostenere i discepoli? Non c'è una parola di questo nella Bibbia, ma è stata una fortuna che alcuni versetti prima in Luca[viii] parla di un peccatore che unse i piedi di Gesù. Non sappiamo nulla di più su questa signora, nemmeno il suo nome, ma la sua menzione è stata sufficiente per fondere Maria Maddalena con la peccatrice in una figura, cioè Maria Maddalena. (1a p. 386 segg.)

Maria Maddalena e Gesù

Ci sono prove evidenti a sostegno dell'affermazione che Gesù e Maddalena fossero una coppia?

  • Ancora e ancora si aprirà Leonardo Da Vinci cena a cui si fa riferimento. Quello nel dipinto a destra di Gesù apostoli seduti – per lo più John chiamato - quindi porta chiaramente tratti femminili e potrebbe essere il compagno di Gesù.
  • Vi sono altre raffigurazioni dell'Ultima Cena in cui si può vedere una figura femminile: ad esempio un'opera del pittore barocco francese Filippo di Champaigne (1602-1674) e una rappresentazione dell'Ultima Cena nella poco conosciuta chiesa di Kirchbrack nel Weserbergland. A Kirchbrack, oltre ai 12 apostoli, si vede chiaramente una donna (come il 13° apostolo?). (5, p. 123 segg.). Nella poco appariscente chiesa parrocchiale "Santi Giacomo e Filippo" a Pianezzo vicino a Bellizona (Svizzera) sono presenti addirittura due apostole su una raffigurazione dell'Ultima Cena! (13, p. 163 segg.)
  • Gesù era chiamato "Rabbi" (maestro), e un rabbino a quei tempi era solitamente (ma non necessariamente) sposato.
  • Lo Sposalizio di Cana, di cui la maggior parte dell'attenzione è riservata solo al miracolo di trasformare l'acqua in vino, può essere facilmente descritto come lo Sposalizio di Gesù spiegare. (5, p. 150).
  • Vari apocrifi[ix] vangeli[X] – non solo quello di Filippo – parlano di un rapporto intimo tra Gesù e Maria Maddalena. Quanto poco noi della vita Gesù lo so davvero, mostra il teologo Barbara Thiering. (9). Sulla base dei rotoli di Qumran disegna una descrizione della vita, del compito e del lavoro di Gesù. Per loro z. B. certo che Gesù era sposato e che sopravvisse anche alla sua crocifissione.

Forse lo era Maria Maddalena anche da Gesù assunta come ereditiera che doveva continuare il suo lavoro. Gli apostoli, specialmente la "donna che odia" (5, p. 165) Peter, presumibilmente si risentì del ruolo dominante di una donna e ignorò la sua pretesa di leadership. Quindi era solo logico che nei vangeli la posizione preminente del Maria Maddalena Sebbene non potesse essere del tutto nascosto, il suo vero significato era oscurato.

Quindi c'è effettivamente spazio per la speculazione. Innumerevoli libri trattano della vita di Gesù e i suoi seguaci. Continuano a spuntare nuove interpretazioni. Scopriremo mai con certezza com'era veramente?

La Divina Donna

Come si sarebbe sviluppato il cristianesimo con un'importante figura femminile al timone? Difficilmente per la chiesa violenta dominata dagli uomini che è diventata la religione mondiale più importante.

Sotto il dominio maschile, il cristianesimo primitivo si divise in vari gruppi giudeo-cristiani e pagano-cristiani come Ebionite, Paulaner, Marzionite ("Il più grande di tutti gli eretici"), o vari gnostici cristiani ("Battaglia tra luce e oscurità") ecc., alcuni dei quali erano violentemente in contrasto.

La setta più spietata, la misogina e oppressiva Paulaner, ha prevalso. Il loro sponsor più importante – Costantino I (Imperatore 306-337) - era un tiranno criminale che ad es. B. dopo il suo ritorno dal Concilio di Nicea (326) fece assassinare la moglie e il figlio maggiore. (3, p. 244). Questo vergognoso imperatore è glorificato dalle chiese fino ad oggi[xi], mentre Nerone - un criminale di calibro simile - è condannato. Questo per quanto riguarda l'obiettività della storiografia ecclesiastica.

Dal tempo di Costantino proviene l'unica storia cristiana sopravvissuta dei primi secoli, scritta da Eusebio di Cesarea (ca. 260-340, vescovo di Cesarea dal 313), fortemente influenzato dalle opinioni del suo autore. I critici della Chiesa lo vedono come un intruglio propagandistico pieno di mezze verità e bugie. (3, pag. 244)[xii]. Non sorprende che in questo lavoro in dieci volumi di un dotto vescovo Maria Maddalena non riceve attenzione.

Probabilmente fuso nel tempo Maria Maddalena, Maria di Nazaret, e altre immagini storiche e mitiche di alta femminilità, come antiche divinità o la "Grande Madre" ("Il culto della Grande Madre") a una costruzione teologica, la "Madre di Dio", che è venerata come la Regina del Cielo e forma un piccolo equilibrio al puro governo maschile nelle chiese.

Letteratura:
(1) Barthel Manfred, Cosa c'è veramente nella Bibbia, Econ, 2001.
(2) Brown Dan, Il Codice Da Vinci, Gustav Lübbe, Bergisch Gladbach, 2005.
(3) Burstein Dan, La verità sul Codice Da Vinci, Goldmann, Monaco, 2004.
(4) Deschner Karlheinz, La falsa fede, Heyne, Monaco, 1995.
(5) Langbein Walter-Jörg, Il codice da Vinci e le sante donne, Aufbau, Berlino 2004.
(6) Lehmann Johannes, Il segreto del rabbino J., Rasch und Röhrig, Amburgo, 1985.
(7) Lincoln/Baigent/Leigh, Il Santo Graal e i suoi eredi, Gustav Lübbe, Bergisch Gladbach, 1982.
(8) Schwarz Günther e Jörn, Il Vangelo di Gesù, Ukkam, Monaco, 1993.
(9) Thiering Barbara, Gesù di Qumran, Gütersloher Verlagshaus, Gütersloh, 1993.
(10) http://de.wikipedia.org/wiki/Maria_Magdalena (con illustrazioni)
(11) http://www.heiligenlexikon.de/Biographien/Maria_Magdalena.html (con immagini)
(12) http://www.zfd.de/ZDFde/inhalt/16/0,1872,2279152,00.html (con immagini)
(13) Luc Bürgin "Lessico della storia proibita", Kopp, Rottenburg, 2018.
Note di chiusura:
[io] Gnosi = conoscenza, cognizione. Termine per varie attività religiose dei primi secoli.
[ii] Questa società segreta sarebbe il "Prieuré de Sion" che (7) riportò in dettaglio. È considerata l'invenzione di uno scrittore del XX secolo.
[iii] Ad esempio, in Matt. 1:1-17 è data la genealogia di Gesù, cioè nel paterno Linea!
[IV] Al momento della nascita di Cristo, un operaio o un legionario guadagnava 1 denaro al giorno. Con ciò avrebbe potuto mantenere una famiglia con un posto dove vivere, cibo e vestiti. Plinio (23-79) cita 300 denari come prezzo per una bilancia (327,5 g) del miglior unguento. (8, pag. 377 e http://www.brd-euros.de/allgemeines/muenzgeschichte.htm.)
[v] Il villaggio di Magdala (a circa 10 km da Cafarnao?) è incluso in mappe del I secolo allegate ad alcune Bibbie, sebbene la sua posizione ed esistenza siano controverse. (Cfr. ad esempio la traduzione standard del Catholic Bible Institute, Stoccarda, 1980).
[vi] Se vuoi, puoi presumere che Maria Magdalena dalla pelle scura sia il modello per la Madonna Nera. Tuttavia, la Madonna Nera è spesso vista come il successore della Madre Terra, a meno che il colore scuro non sia attribuito all'invecchiamento e alla fuliggine delle candele.
[vii] Luca 8, 2-3.
[viii] Luca 7.37.
[ix] Gli Apocrifi non erano inclusi nel canone biblico.
[X] Ad esempio il “Vangelo di Maria”, cfr. 3, p. 202.
[xi] Nelle chiese armena, greca e russa Costantino è considerato un santo.
[xii] Un altro argomento contro la serietà di Eusebio come storico è che dopo la morte di Costantino scrisse una biografia apertamente partigiana di questo imperatore.