Categorie
economia e affari sociali

globalizzazione dell'immoralità

(Pubblicato su Grail World 33/2004)

"Non creeremo un nuovo mondo
finché non avremo creato uomini nuovi”.
Henry Miller (1891-1980)

AREE ECONOMICHE GLOBALI
I politici non si stancano mai di assicurare che la globalizzazione del mondo è un processo inarrestabile e irreversibile che nessuno può fermare o addirittura ritardare. Come se ci fosse una visione umana, una credenza, un'ideologia, una regola, una misura che non potrebbe essere altrimenti. Apparentemente sviluppi inarrestabili – come abbiamo saputo in seguito – avrebbero potuto spesso andare in modo del tutto diverso. Avresti potuto decidere diversamente.

La creazione di grandi e grandi aree economiche è anche un concetto utopico scelto per la costruzione di un "mondo migliore". Finora, tutti questi approcci - religiosi, filosofici, politici, economici, ideologici - hanno fallito o sono andati molto al di sotto dei benefici promessi.

Le fiabe politiche sono persino inventate per giustificare i passi necessari sulla via privilegiata della globalizzazione, come l'affermazione che le guerre non sono più possibili all'interno di un'unione economica o di un'area monetaria unica – come gli stati dell'euro.

Per fortuna nessuno deve fare i conti con una guerra tra Francia e Germania, per esempio; ma non per il motivo che la stessa valuta si applica in entrambi gli stati. Perché una simile affermazione non è storica: la brutta guerra civile in Jugoslavia è scoppiata in un popolo che – a parte le religioni – apparteneva da secoli alla stessa cultura, parlava la stessa lingua e aveva una moneta unica. Le ribellioni nordirlandesi, curde, cecene o palestinesi non vengono rallentate vivendo nella stessa valuta dei loro oppressori reali o immaginari. E scoppiò la guerra civile americana anche se il Nord e il Sud avevano il dollaro.

L'affermazione che ogni singolo cittadino starà meglio nel corso della globalizzazione che senza di essa deve ancora essere confermata. Forse la concorrenza internazionale in parte rovinosa porta a prezzi più convenienti. Tuttavia, i prodotti più economici offrono un miglioramento della qualità della vita solo se la disoccupazione non aumenta drasticamente allo stesso tempo e la concorrenza globale non viene esercitata a scapito dell'ambiente. Resta da vedere chi saranno i vincitori della globalizzazione. Per il momento, la libera circolazione del denaro è particolarmente utile per gli speculatori valutari e la mafia, mentre il libero commercio mondiale è particolarmente utile per le grandi società attive a livello internazionale e il traffico di droga. Non bisogna aspettarsi troppo altruismo, spirito comunitario, responsabilità sociale da questi gruppi.

Gli stati nazionali, invece, vengono progressivamente depotenziati e le possibilità dei singoli governi, ad esempio quando si tratta di creare posti di lavoro, sono sempre più limitate. Anche il trasferimento di decisioni importanti a istituzioni sovranazionali non legittimate democraticamente ha poco a che fare con la tanto decantata democrazia.
Ma questo lavoro è meno interessato al lato politico della globalizzazione che a quello etico.

POLITICA NAZIONALE MONDIALE
Il 20° secolo, il secolo delle grandi guerre, ha portato come risultato positivo il superamento dell'idea di Stato nazione. A livello nazionale, gli stati nazione erano - almeno sulla carta - stati costituzionali; in politica estera il diritto internazionale applicato in teoria, in pratica prevaleva il diritto del pollice.

Dopo la seconda guerra mondiale iniziò un cambio di paradigma*). Il pensiero dello stato-nazione, combinato con l'imperialismo, il colonialismo, il nazionalismo e il razzismo, aveva fatto il suo corso. Almeno gli stati europei hanno riconosciuto che d'ora in poi le organizzazioni internazionali come l'UE, l'OCSE e l'ONU**) devono garantire la pace nel mondo con un pensiero transnazionale.

Per creare la base etica indispensabile per la cooperazione, il segretario generale dell'ONU Kofi Annan ha convocato un gruppo di venti “eminenti personalità”. Questi dovrebbero preparare una relazione sul dialogo delle culture su un nuovo paradigma delle relazioni internazionali. Questo manifesto è stato presentato il 9 novembre 2001 ed era intitolato 'Crossing the Divide' (2). La nuova visione politica del mondo dovrebbe sostituire la politica del potere e del prestigio con la comprensione, il riavvicinamento e la riconciliazione.

Alla fine del '900 si poteva essere fiduciosi: la Guerra Fredda era finita, la Terza Guerra Mondiale non c'era e il confronto tra le grandi potenze lasciò il posto alla cooperazione.

Ma poi il 21° secolo è iniziato con una devastante falsa partenza l'11 settembre 2001, quasi contemporaneamente alla presentazione del già citato Manifesto della Speranza delle Nazioni Unite. Dopo un'esplosione di odio fino ad allora inimmaginabile da parte del fanatismo religioso popolare, molte cose che prima erano state date per scontate hanno dovuto essere riconsiderate. Si spera che questo non si traduca in una duratura battuta d'arresto per l'attuazione di una politica interna mondiale umana.

Per quanto bella e importante sia la politica interna mondiale delle Nazioni Unite, che si spera di successo, per preservare la pace, ha ancora bisogno di qualcos'altro: l'etica degli affari.

LO SVILUPPO DELL'ECONOMIA
L'economia oscilla spesso tra gli estremi: libertà e coercizione, boom e crollo.

Dopo lunghi secoli, in cui si badava poco ai rapporti economici, e il compito dell'economia consisteva soprattutto nel procurare i fondi necessari alla casa principesca per raggiungere i suoi obiettivi (spesso dispendiosi), gli scienziati svilupparono nel corso anche teorie economiche più serie dell'Illuminismo.

Dall'economia classica del 18° secolo emerse l'idea del libero scambio, l'idea di concorrenza senza ostacoli, che si diffuse nel 19° secolo principalmente dall'Inghilterra e dagli USA e trovò un massiccio sostegno politico - fino alla Guerra dell'Oppio** *) .

Tuttavia, l'economia liberale non è stata in grado di offrire le benedizioni promesse. Invece di uno sviluppo uniforme, oscillò tra boom e crollo, piena occupazione e rovina. Il divario di ricchezza tra ricchi e poveri è cresciuto e la dipendenza dei poveri è aumentata. Le guerre sono state alimentate piuttosto che prevenute dall'economia liberale.

La Grande Depressione del 1929 portò discredito al liberalismo e l'economia controllata dallo stato ebbe una ripresa: in diverse varietà, dal capitalismo di stato bolscevico all'economia controllata degli stati nazionalisti al "New Deal" di Roosevelt****).

Dopo la seconda guerra mondiale si fronteggiarono due sistemi politici, ma anche due economici: "libertà o socialismo".

In molti paesi del mondo il socialismo era la speranza dei poveri; l'Occidente potrebbe vincere solo se aggiungesse una componente sociale all'idea di un'economia liberale e sfrenata: un'"economia sociale di mercato", poiché divenne un modello per un'economia prospera nella Repubblica Federale, all'insegna del motto "prosperità per tutto". L'economia aveva molte libertà; ma lo Stato fissava dei limiti (legge sulla concorrenza, formazione di cartelli, controllo delle fusioni, ecc.) e si prendeva cura del bene comune (disoccupazione, assicurazione pensionistica e sanitaria, sicurezza sociale, sindacati liberi, ecc.).

Poi il blocco comunista è crollato e la libera impresa sembrava aver trionfato. Gli economisti così come i politici lo hanno propagato e propagandato come l'unico sistema giusto, come un modello per il mondo. Chi vuole sapere che entrambi i sistemi – capitalismo e socialismo – si basano sugli stessi modelli di pensiero: il materialismo. (Vedere. "L'intelligenza ticchetta a sinistra")

Il compito ora era quello di liberare l'economia di mercato da tutti i ceppi che la legislazione sociale le aveva imposto durante la Guerra Fredda, di introdurre la concorrenza globale e di dare piena libertà all'imprenditorialità. Allora la povertà scomparirebbe e tutti vivrebbero meglio, sempre meglio.

PERCHE' LA GLOBALIZZAZIONE?
Dopo la scomparsa senza lamentele del bolscevismo, l'economia occidentale si è sentita l'indiscussa vincitrice nel concorso delle ideologie. Nessun'altra economia potrebbe competere con l'"economia di libero mercato". Era giunto il momento di implementare questa forma di economia nel mondo: sotto la parola chiave "globalizzazione".

Tuttavia, questa globalizzazione è il risultato di una compulsione: a rigor di termini, la cosiddetta "libera economia" è estremamente non libera, perché è sottoposta a una pressione insopportabile: la costrizione a crescere! Vale a dire per la crescita materiale.

La continua crescita economica è considerata essenziale, nonostante il fatto che tale crescita sia impossibile da sostenere su un pianeta limitato con risorse limitate! (cfr. "Il dilemma dell'interesse", in “Economia e affari sociali”).

Nei paesi ricchi la domanda è satura e non è più prevedibile un'ulteriore crescita della scala desiderata; quindi devi “uscire nel mondo”. Ciò che è iniziato con il colonialismo - la sicurezza delle fonti di materie prime e dei mercati di vendita all'estero - sarà continuato dalla globalizzazione. Il mondo intero diventa il campo di gioco delle grandi corporazioni, che possono così mantenere per decenni l'assurda e alla lunga insostenibile crescita dell'economia fino a quando il consumo di risorse, la crescita della popolazione, l'inquinamento ambientale e la distruzione dell'ambiente portano alla catastrofe: dopo noi il diluvio!

Ma a quanto pare solo i pessimisti (come me) che ostacolano il progresso con la loro "filosofia della salopette arretrata" pensano alla protezione dell'ambiente e alla conservazione delle risorse. Un economista impegnato per il progresso, invece, deve rendere omaggio alla follia della crescita e sapere che ci sono 1,2 miliardi di persone in Cina, ad esempio, che – per vivere “umanamente” secondo gli standard americani – hanno bisogno di almeno 500 milioni di automobili (in Germania ce ne sono 40 milioni). Che mercato da aprire! E fallo ora, prima che arrivino gli altri! È meglio che non si chieda se l'ambiente può ancora sopportare tali oneri aggiuntivi.

GLOBALIZZAZIONE DELL'IMMORALISMO
Le grandi società attive a livello internazionale producono da tempo dove la produzione è più economica; scegliere la sede della propria azienda dove vengono sostenute le tasse più basse e, con l'aiuto dei massimi esperti, saper superare in astuzia le normative statali; generalmente legale ma non sempre eticamente inattaccabile. Perché la competizione "dura", che è rovinosa per i deboli, costringe presumibilmente a misure brutali che a volte appaiono come una ricaduta nel colonialismo o addirittura come una moderna forma di schiavitù. I fedeli cristiani dovrebbero riconoscere in questo l'espressione di un principio luciferino.

Questa globalizzazione dell'immoralità include anche l'uso rigoroso delle risorse della terra. Non è raro che paesi economicamente deboli con risorse preziose siano costretti a ricoprire il ruolo di fornitori di materie prime sfruttati senza pietà. Il fatto che le cosiddette "élite" dei paesi sottosviluppati non siano meno responsabili di questo saccheggio dei poveri dei clienti ben finanziati nei paesi industrializzati non è una scusa per il loro comportamento non etico.

Sono quindi urgentemente necessari standard di etica economica applicabili a livello internazionale prima che la concorrenza assoluta porti alla povertà la maggior parte dei lavoratori (soprattutto i meno qualificati) e così tante aziende devono rinunciare che rimangono solo cartelli ben finanziati che dividono il mercato tra loro e distruggono la diversità culturale che è cresciuta nel corso di migliaia di anni con i loro prodotti standardizzati.

Anche un'economia totalmente globalizzata sarà soggetta a crisi. Come si può osservare in natura, i biotopi sono tanto più stabili quanto più sono composti, mentre le monocolture diventano instabili. Allo stesso modo, molte aree economiche più piccole possono far fronte complessivamente meglio a recessioni o disastri naturali rispetto a un'ipereconomia totalmente interconnessa.

L'etica cristiana, di cui in Occidente piace parlare senza applicarla, difficilmente potrà affermarsi in tutto il mondo. Ma al di là delle diverse culture e religioni, deve essere possibile trovare un modo per concordare standard minimi.

Tutte le alte religioni hanno un'immagine dell'uomo che vieta l'inganno e l'oppressione degli altri esseri umani e protegge i beni culturali. Chiunque prenda sul serio la Dichiarazione dei diritti umani delle Nazioni Unite dovrebbe accettare alcuni capisaldi dell'etica aziendale: divieto di lavoro minorile a fini commerciali, limitazione dell'orario di lavoro giornaliero o settimanale, salari che consentano un reddito ragionevole (secondo le condizioni locali), assicurazione sanitaria e pensionistica, regole per l'Osh. Se i requisiti minimi umani non possono essere applicati in un mondo che ha maggiori possibilità tecniche, economiche e politiche che mai, bisognerà interrogarsi sulle buone intenzioni dei decisori.

Attualmente, gli standard (se ce ne sono) sono molto distanti in diverse regioni del mondo e non è raro che i vecchi egoismi blocchino la strada verso un ordine economico mondiale etico. Ma questa strada va trovata se la nostra terra non vuole affrontare un periodo di vertenze sindacali, rivolte per il cibo, sommosse, guerre civili e attentati terroristici a causa di squilibri sociali intollerabili.*****)

Note di chiusura: 
*) Paradigma = visione del mondo (scientifica).
**) UE = Unione Europea, OCSE = Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, ONU = Nazioni Unite
***) Guerra dell'oppio = cfr. "Cina II Cina e Occidente", in "Cronologia".
****) New Deal = il programma del 32° Presidente degli Stati Uniti per stimolare l'economia americana in crisi attraverso varie misure del governo.
*****) Semplificando leggermente si può dire che gli 80 % delle persone che vivono nei paesi più poveri hanno a disposizione circa 20 % dei prodotti realizzati; mentre i 20 % delle persone che vivono nei paesi ricchi hanno 80 % della ricchezza generata. Quindi, in media, una persona nel mondo industrializzato ha 16 volte il reddito di una persona nel mondo in via di sviluppo. Nonostante l'aiuto allo sviluppo, questo squilibrio è costantemente aumentato negli ultimi decenni.

Letteratura:
(1) Brinkmann, Carl: "Storia economica e sociale", Vandenhoeck & Ruprecht, Gottinga, 1953.
(2) "Bridges to the Future", Manifesto delle Nazioni Unite, Fischer, Francoforte 2001.
(3) Chossudovski, Michael: "Globally brutal", duemilauno, Francoforte, 2002.
(4) Fischer, Wolfram: "Espansione - Integrazione - Globalizzazione", Vandenhoeck & Ruprecht, Gottinga, 1998.