Categorie
Strane storie

Dei e oracoli – "vecchio cappello"?

(Pubblicato a dicembre 2014)

Il mondo dell'antichità, plasmato da dei e oracoli, sembra essere stato conquistato e superato oggi. Ma aveva un nucleo di verità - e siamo davvero molto più avanti oggi di quanto non fossimo allora, forse solo le forme sono cambiate?

Socrate e la Trascendenza

Se leggi gli scritti degli antichi filosofi, rimarrai sorpreso di scoprire che le persone colte, i filosofi, credevano anche nelle antiche divinità. Un classico esempio sarebbero le scuse di Socrate Platone. Motivato nel suo discorso di difesa (scuse) davanti all'Alta Corte di Atene Socrate il suo comportamento con l'oracolo di un dio. Gli antichi greci cercavano consigli su questioni di vita nei templi dei sacerdoti oracolari, il più famoso dei quali era a Delfi. (Vedere. "L'Oracolo di Delfi" in "Storia religiosa").

Un ammiratore di Socrate fu abbastanza audace da rovesciare l'oracolo di Delfi Socrate (470-399 a.C.) da chiedere durante la sua vita:
"Così ha chiesto se qualcuno fosse più saggio di me. Allora la Pizia disse che nessuno era più saggio».  (4, pag. 17).

Da quel momento in poi, è stata l'occupazione principale del Socratedi interrogare i suoi simili per scoprire se la divinità potesse essersi sbagliata. Si è scoperto che Socrate era più saggio o "sapiente" dei suoi concittadini in quanto, a differenza di molti altri, era consapevole dei limiti della sua conoscenza o "saggezza".

Immagina come Socrate - circondato da una folla di studenti e di ammiratori - confondeva i suoi concittadini con abili domande, non sorprende che non si sia fatto amare così facendo.

Uno dei suoi studenti era il brillante oratore e generale Alcibiade (451–404 aC). Questo era estremamente affascinante, intelligente come Odisseo e malvagio come Tersite[1]. Alcibiade era l'epitome del politico irresponsabile che pensa solo a se stesso. In questo modo contribuì al declino di Atene. Per il suo comportamento infido divenne la filosofia del suo maestro Socrate incolpato. Più recentemente, l'anziano filosofo è stato trascinato davanti alla corte per motivi politici[2] con accuse inverosimili[3].

Di fronte alla minaccia della pena di morte ricorse in appello Socrate al suo "Daimonion"[4], la sua voce interiore, che sentiva confermarsi nelle sue azioni. Credendo in questa maggiore intuizione che gli era stata data, si difese in un modo che fece infuriare ulteriormente i giudici. Dopo la sua condanna, ha incontrato coraggiosamente la morte.

Noi persone oggi abbiamo spesso problemi con una tale "credenza nella trascendenza" a cui difficilmente troviamo più accesso.

Una fede perduta

Oggi è comune spingere qualsiasi credenza in poteri superiori, esseri naturali[5], divinità nel regno della mitologia e della superstizione.

La fede in Dio o nell'immortalità dell'anima è una delle "certezze della fede", cioè la base degli insegnamenti religiosi, ma per l'uomo moderno spesso questo è solo un servizio a parole, difficilmente supportato da una vera convinzione.

Nei tempi antichi era diverso. La maggior parte delle persone, compresi i filosofi, piace Socrate e Platone, credevano negli dei, continuavano la vita dopo la morte, molteplici vite sulla terra, ecc. A quanto pare, le persone dell'antichità credevano in tutti i tipi di esseri naturali, piccoli e grandi, o i "capi degli elementi" indicati come "dei ” (Messaggio del Graal, conferenza “Götter – Olympus – Valhalla”) è ancora una certezza vivente. Anche a quel tempo, la maggior parte delle persone non vedeva alcun essere naturale e nemmeno gli dei, ma credevano in loro e cercavano modi per contattare poteri superiori negli oracoli.

Dietro la facciata degli dei umanizzati

Quando si leggono le saghe greche o germaniche degli dèi, si rimane stupiti di quanto queste divinità assomiglino agli esseri umani; con difetti, debolezze e persino vizi umani. Possono essere vere immagini di esseri superiori?

Se si depone la conoscenza del Messaggio del Graal "Alla luce della verità". Abd-ru-shin ci sono alcune prove che suggeriscono che dobbiamo presumere che questi dei dell'antichità esistano su due livelli distinti:

Da un lato, i livelli superiori, in cui grandi esseri agiscono potentemente come "leader degli elementi" nella costruzione e nel mantenimento della creazione. Queste sfere sono più fini, molto più alte del cerchio terrestre. Una volta, veggenti ben dotati erano in grado di indovinare questi esseri naturali elevati, forse anche di percepirli direttamente e riferire sui loro compiti e attività. Molti di questi resoconti di visionari molto diversi di millenni passati hanno poi fornito immagini diverse, presumibilmente contraddittorie.

Più tardi, sentimenti, pensieri e fantasie umane si sono occupati di queste figure divine, che probabilmente non erano state in grado di percepirle chiaramente da molto tempo. Così, a un livello vicino alla terra, sono sorte forme di pensiero o sensazioni create dall'uomo di questi "dèi". Tali immagini mentali furono poi a loro volta riprese dai sensitivi, che le modificarono ulteriormente, colmarono le lacune nella percezione con le proprie idee, fino alle descrizioni dei poeti. a Socrate Apparentemente, un certo numero di persone vedeva ancora - più o meno chiaramente - nelle visioni immagini (distorte) di divinità, e la loro fede negli esseri superiori divenne una certezza per loro personalmente.

La situazione non è molto diversa oggi con alcune idee religiose. Ad esempio nelle apparizioni Maria come Madre di Dio o Regina del Cielo, di cui i credenti ci parlano da secoli. Allora non è la stessa Regina Primordiale ad essere percepibile, di cui il Messaggio del Graal fornisce informazioni, ma tutt'al più - in rari casi eccezionali - la sua immagine radiante (spirituale). Nella maggior parte dei casi, è molto probabile che i veggenti vedano solo un'immagine distorta formata da pensieri e sensazioni umane. In singoli casi tali immagini potrebbero anche essere fotografate; il che indica il fatto che dovrebbe trattarsi solo di condensazioni legate alla materia e non di immagini di radiazioni spirituali elevate.

Comprovati sacerdoti oracoli e sibille

Il nome "Sibylle" è diventato sinonimo di veggente. In origine era probabilmente un nome proprio. Anche i romani pratici si riferivano agli oracoli e, ad esempio, consultavano i "Libri Sibillini" su questioni importanti. Si dice che questi libri profetici siano stati scritti dal Sibilla di Cuma al romano Re Tarquinio Prisco venduto.

I sacerdoti erano responsabili dell'interrogatorio dei libri degli oracoli. Quando nell'83 a.C. Quando una conflagrazione distrusse questi libri, il Senato romano non risparmiò alcuno sforzo nel mettere insieme una nuova raccolta di profezie sibilline da copie private e da scritti conservati nei templi greci dell'Asia Minore, che furono poi conservati a Roma nel Tempio di Apollo. Lì furono strettamente sorvegliati fino a quando non divennero generali cristiani stilico (366–408) all'inizio del V secolo come oracolo pagano.

Dal punto di vista odierno, gli oracoli e le interpretazioni delle scritture potrebbero aver invitato i sacerdoti coinvolti a commettere corruzione e frode. Ma spesso il consiglio dei sacerdoti deve aver resistito alla prova del tempo, poiché i grandi templi oracolari furono tenuti in grande considerazione per molti secoli.

Gioacchino Fernau dice: "È del tutto impossibile che il balbettio di Phytia abbia avuto una qualche influenza, o che ci fossero dei veri mistici tra i sacerdoti. Questo Collegio era un gabinetto di osservatori politici, un corpo di esperti di politica mondiale e maestri di psicologia, di cui un Collegio cardinalizio vaticano non è che una pallida ombra”. (1, pag. 145).

Gli oracoli fanno la storia

L'esempio più noto di oracoli che hanno fatto la storia risale agli anni 480/81 aC. Quando una forza persiana di gran lunga superiore invase la Grecia, le città greche chiesero consiglio all'oracolo di Delfi. L'oracolo fu devastante:
"Sfortunati! Fuggiti in capo al mondo, il rapido Ares butta tutto a terra. (1, pag. 146).

Ma gli Ateniesi non si accontentarono di questo detto. hanno effettuato un secondo oracolo più fiducioso. Questo ha parlato "Muri di legno"chi è lo stratega greco Temistocle (525-460 aC) seppe interpretare come navi, e datato "salame divino". Infatti, la flotta greca riuscì quindi a ottenere una vittoria decisiva sui persiani a Salamina. –

Cerca l'orientamento allora come adesso

L'interrogativo degli oracoli, che era comune a tutti i popoli antichi, è difficile per noi oggi da capire.

Ma dobbiamo ricordare che ancora oggi ci rivolgiamo ai libri sacri, come la Bibbia o il Corano, per problemi etici. Ad esempio, quando si tratta della questione dell'inizio e del significato della vita umana, che è oggetto di accesi dibattiti in relazione alla diagnostica pre-impianto[6]. Religioni diverse giungono a interpretazioni diverse qui, e gli scienziati naturali possono solo offrire ipotesi controverse.

Nel Medioevo, l'Europa cristiana credeva nell'intuizione superiore delle personalità spirituali. Così mi sono piaciuti i mistici Ildegarda di Bingen (1098–1179) o Brigida di Svezia (1302–1373) era tenuto in grande considerazione e le loro opinioni venivano prese sul serio da papi e re. il recluso Nicola della canna fumaria (1417–1487) con il suo intervento riuscì persino a prevenire l'imminente disintegrazione della Confederazione Svizzera. (5).

Talvolta, anche oggi, si desidera una personalità spirituale di tutto rispetto, apartitica, che, se necessario, potrebbe chiamare all'ordine i partiti politici in conflitto con una parola generalmente osservata e seria.

Oracoli moderni

Consultazioni dei vari oracoli, interpretazioni di libri sacri, tentativi di contatto con esseri superiori, oroscopi astrologici, ecc. provengono da uno - consciamente o inconsciamente visione del mondo chiusa fuori con leggi immutabili.
In questa visione del mondo, tutto è connesso a tutto il resto e il più grande si riflette nel più piccolo. Apparentemente eventi minori - presagi, oracoli, ecc. - consentono di trarre conclusioni su contesti più ampi. Per dirla senza mezzi termini, si può sperimentare l'intero cosmo con le sue leggi uniformi in una goccia d'acqua.

religioni preferire (non sempre) l'idea di una creazione unitaria, sorretta da leggi immutabili, che hanno un effetto incrollabile nel più grande e nel più piccolo, in questo mondo e nell'aldilà.

Così facendo, l'idea comune di a arbitrariamente recitando Dio un po' di confusione. Presumibilmente permette che ciò che vuole accada, condanna o perdona chi vuole, e così facendo trasgredisce le sue stesse leggi a suo piacimento. L'uomo deve sentirsi impotente alla mercé di questa arbitrarietà divina, con poche possibilità di volgere il proprio destino personale in una direzione positiva.

Nonostante credenze simili, inclusa la fede in Dio, le varie denominazioni principali sono in contrasto tra loro o addirittura nemiche e quindi non sono in grado di trovare un denominatore comune quando si tratta di domande fondamentali sull'essere umani. Il legame legittimo tra causa ed effetto, tra decisione spirituale e conseguenza terrena o trascendente, tra karma e destino rimane un enigma insolubile per la maggioranza dei credenti.

I nostri approccio moderno alla natura avviene con l'ausilio di molte discipline scientifiche. Ogni facoltà ricerca il proprio campo speciale. Gli scienziati di diverse discipline spesso hanno difficoltà a comunicare tra loro e le loro previsioni si contraddicono a vicenda.

Con quasi ogni nuova scoperta, il mondo diventa più complicato e confuso[7]. Mancano lo sguardo d'insieme, le grandi visioni del futuro che un tempo i sacerdoti, poi i filosofi hanno voluto consegnare.

Le idee sul futuro dell'umanità e sul suo sviluppo, necessarie per decisioni di vasta portata, sono inevitabilmente piene di incongruenze e contraddizioni inconciliabili.

Che i saggi oracoli sacerdoti dell'antichità o i mistici medievali, con intuito e buon senso per il tempo e le sue esigenze, potrebbero consigliare i governanti in modo più affidabile dei moderni auspici con le loro previsioni scientificamente velate?

In ogni caso vale la seguente affermazione: Il miglior consiglio è inutile - allora come oggi - se i decisori non vogliono seguire i fatti per ragioni politiche!

Leggi anche l'articolo sotto "Storia religiosa". "Religioni dell'antichità I.

Letteratura:
(1) Fernau, Gioacchino, rose per Apollo, Herbig, Berlino, 1961.
(2) Gonick, Larry, La storia dei cartoni animati dell'Universo I, Doubleday, New York 1990.
(3) Agl, Sigfrido, L'apocalisse come speranza Droemer-Knaur, Monaco di Baviera, 1984.
(4) Platone, scuse, Reclam, Stoccarda, 1961.
(5) Enciclopedia Wikipedia, articolo "Niklaus von Flüe".

Note a piè di pagina:
[1] Tersite è una brutta figura nell'Iliade sotto ogni aspetto. Viene severamente rimproverato da Ulisse per la sua diatriba e colpito con lo scettro da Agamennone.
[2] Socrate predicò una filosofia che i circoli conservatori credevano avesse contribuito al declino di Atene. Ma non poteva essere accusato di questo "crimine politico" perché coperto da un'amnistia.
[3] La denuncia affermava: "Socrate fa il male e il male, esaminando le cose sotterranee e celesti, e correggendo il male e insegnando agli altri a fare lo stesso". (4, pag. 13).
[4] Nei tempi antichi, il Daimonion era visto come uno spirito guardiano personale o voce interiore di origine divina. In Socrate il daimonion si opponeva al logos (ragione). Il Daimonion riconosce quindi ciò che resta nascosto alla ragione.
[5] In Islanda si dice che più della metà delle persone creda negli esseri naturali, si dice che molti li vedano, e c'è persino un commissario elfo ufficiale.
[6] Nella diagnostica pre-impianto (PGD), gli embrioni fecondati artificialmente vengono sottoposti a esami biologici cellulari e genetici molecolari. I risultati del test determinano se l'embrione viene inserito nell'utero o scartato. Ciò solleva la questione se l'embrione sia già un essere umano, a cui le diverse religioni rispondono in modo diverso.
[7] La ricerca quasi proverbiale della formula del mondo (grande teoria unificata) o la scoperta della "particella di Dio" (bosone di Higgs) non rendono più chiaro il nostro mondo umano, in cui politica, ecologia, economia e finanza barcollano da crisi in crisi.