Categorie
storia/storia

Weimar non doveva fallire

(Pubblicato su GralsWelt 18/2001)

Le tensioni aumentano

Al Congresso di Vienna del 1815, dopo la sconfitta di Napoleone, i diplomatici europei crearono un cosiddetto equilibrio di potere che aveva lo scopo di dare al continente condizioni stabili ed evitare guerre.

L'unificazione delle province tedesche in uno stato comune (1871) e la successiva ascesa dell'impero tedesco in una grande nazione industriale sconvolsero questo equilibrio di potere.

Tali cambiamenti nell'importanza politica, economica e militare avevano regolarmente portato a conflitti armati nel corso della storia mondiale. Le guerre erano viste come una legittima "continuazione della politica con altri mezzi" (Clausewitz). Le armi nucleari hanno reso questi "altri mezzi", cioè conflitti militari su larga scala, irresponsabili per i diplomatici.

All'inizio del XX secolo gli interessi delle nazioni europee si scontrano: i francesi chiedono l'Alsazia-Lorena, annessa alla Germania nel 1871; I russi si spinsero sul Bosforo; L'Austria-Ungheria e la Russia (come Francia e Italia) avevano opzioni nei Balcani; L'Inghilterra, che tradizionalmente lottava per l'equilibrio politico nel continente, sentì lo svantaggio della concorrenza vittoriosa dell'industria tedesca, fu afflitta da crisi nelle sue colonie e vide la sua importanza diminuire; ecc. ecc. Per non parlare delle differenze tra le potenze coloniali d'oltremare.

La sfiducia reciproca ha determinato la politica e gli stati europei armati. Le tensioni interne si intensificarono nella Russia zarista e diedero origine ai timori di una rivoluzione, che circoli influenti volevano coprire con una guerra.

L'impero tedesco, a causa della diplomazia fallita e della goffaggine del suo imperatore dalla sciabola Guglielmo II (1849-1951, imperatore dal 1888 al 1918) aveva stretti legami politici con l'Austria-Ungheria, lo stato multietnico considerato una reliquia del Medioevo in tempi di esuberante coscienza nazionale.

Quando l'erede al trono d'Austria fu assassinato a Sarajevo il 28 giugno 1914, la conseguente corsa diplomatica tra Austria e Serbia scatenò una guerra mondiale Egon Friedell (1878-1938) come "la fine dei tempi moderni".

Il suicidio dell'Europa

La prima guerra mondiale è stata la principale calamità per l'Europa nel 20° secolo. Il nazionalismo esagerato, la gelosia della concorrenza, il sovraarmamento e l'incapacità di tutti i responsabili - non solo della Germania - lo hanno scatenato. Con l'ordine di pace che seguì la prima guerra mondiale, iniziò il declino dell'Europa dalla vetta del mondo e la fine del colonialismo. Trattati di pace ingiusti dettati dall'avidità e dall'odio (Versailles, St. Germain, Sèvres, Trianon, ecc.) stabilirono il corso della seconda guerra mondiale e provocarono problemi irrisolti fino ad oggi, ad esempio in Medio Oriente. Dopo la prima guerra mondiale, l'economia tedesca fu sconvolta dalla svalutazione della valuta di proporzioni senza precedenti e le richieste di riparazione impagabili delle potenze vittoriose imposero la povertà per generazioni. Una breve fase di ripresa dell'economia mondiale negli "anni venti d'oro" (gli "anni '20 d'oro") si concluse con la Grande Depressione del 1929, che fece precipitare anche i ricchi USA nella crisi più profonda dai tempi della guerra civile. La Germania, ancora sconvolta dalle conseguenze della guerra, fu gravemente scossa e si crearono le condizioni per il successo dell'estremismo di destra.

Chiunque cerchi qualcuno da incolpare per questa catastrofe dovrebbe studiare non solo gli articoli del Trattato di Versailles, di cui la Germania era l'unica responsabile, ma anche il primo ministro inglese David Lloyd George (1863-1945) guarda in alto:
"Più si leggono le memorie e i libri che sono stati scritti in diversi paesi sullo scoppio della guerra, più chiaramente ci si rende conto che nessuno degli uomini di spicco voleva davvero questa guerra. In qualche modo sono scivolati dentro, o meglio sono inciampati e inciampati dentro, per follia!

Nell'agosto del 1914 quasi nessuno sospettava cosa sarebbe successo. Perché la prima "guerra moderna" - la guerra civile americana con enormi perdite umane e terribili sofferenze della popolazione civile [1] - non servì da monito agli europei per mancanza di conoscenza. Così gli orrori di una guerra di massa condotta con tutti i mezzi tecnici si abbatterono sul vecchio continente, mentre ci si aspettava solo una breve e rapida "campagna degli armamenti".

Il corso della grande guerra

La prima cosa che lo stato maggiore tedesco voleva fare, seguendo il piano di Schlieffen, era rovesciare la Francia. Le truppe tedesche marciarono attraverso il Belgio neutrale, dopodiché l'Inghilterra dichiarò guerra alla Germania. L'attacco tedesco si fermò davanti a Parigi e ne seguì la temuta guerra su due fronti. Una vittoria sugli invasori russi a est nella battaglia di Tannenberg non cambiò le cose.

Le "Potenze centrali" (Germania e Austria-Ungheria) e la Turchia furono circondate da Russia, Francia, Inghilterra e dal 1915 anche dall'Italia, e alla fine dovettero combattere più di 30 stati nemici, incluso il Giappone. L'accesso alle risorse d'oltremare è stato bloccato per le potenze centrali, che erano impreparate a un blocco. Un'industria degli armamenti finora sconosciuta doveva essere costruita da zero.

Poi, nel 1917, la pace sembrava possibile. Le potenze centrali avevano sofferto terribilmente, la Francia era sull'orlo del collasso e c'era una rivoluzione in Russia.

Il presidente americano Woodrow Wilson (1856-1924) credette nella "ragione delle nazioni" e cercò di mediare sulla base della "pace senza vittoria"; intervenne anche il Papa. Ma i nazionalisti sciocchi giuravano ancora vittoria e impedivano una pace di compromesso reciprocamente accettabile.

Il Quartiermastro Generale Erich Ludendorff (1865-1937) era diventato l'uomo più importante del Reich tedesco, al quale il Kaiser non solo prestava servizio nel comando dell'esercito sotto il comando supremo nominale di Paul von Hindenburg (1847-1934) ebbe largamente mano libera. Anche la leadership politica è stata influenzata da Ludendorff, che credeva nella vittoria in Occidente dopo l'armistizio con la Russia. I negoziati di pace furono destinati al fallimento a causa delle esagerate richieste tedesche. Ad esempio, la Germania voleva annettere il Belgio; un requisito inaccettabile per l'Inghilterra. La Gran Bretagna non aveva tollerato la potenza navale sulla costa delle Fiandre per secoli e non si sarebbe tirata indietro ora!

La Germania era entrata in guerra convinta di essere stata attaccata in piena pace dai suoi nemici. Nel 1914, il suolo tedesco doveva essere difeso da avversità schiaccianti. Il nazionalismo tedesco accecato ha poi trasformato la guerra difensiva in una guerra di saccheggio nel 1917, ponendosi così dalla parte del torto in relazione al mondo.

Quando gli Stati Uniti entrarono finalmente in guerra, determinati a difendere la libertà e la democrazia, gli Alleati avevano il vantaggio militare ed economico.

Nell'estate del 1918, l'ultima grande offensiva tedesca fallì e il comando dell'esercito, che era stato così sicuro della vittoria settimane prima, dovette cercare un cessate il fuoco per salvare l'esercito tedesco. Quando il governo tedesco fece un'offerta di armistizio al presidente americano il 3 ottobre 1918, sulla base dei "14 punti" di Wilson, il margine di manovra politico fu sprecato. Gli alleati videro che la Germania era stata sconfitta; di conseguenza erano le loro condizioni, che rendevano impossibile per la Germania continuare la guerra dopo che i negoziati erano falliti. Una delegazione tedesca lo apprese l'8 novembre 1918, con loro orrore.

Più tardi hai quello rivoluzione in casa accusato della sconfitta. La rivoluzione iniziò a Kiel. La flotta d'alto mare rimase inattiva nei porti per la maggior parte della guerra, temendo un altro confronto con la flotta inglese dopo la più grande battaglia navale della storia (nello Skagerrak, 31 maggio 1916).

Ora che la guerra era ovviamente persa, il 24 ottobre 1918 il Naval War Staff ordinò un attacco di soccorso per l'esercito verso l'estuario del Tamigi; un insensato viaggio di morte che non poteva cambiare nulla. Le bandiere rosse sono state alzate a Kiel il 29 ottobre. I marinai si ammutinarono, si allearono con i lavoratori dei cantieri navali e formarono un consiglio di soldati in stile bolscevico. Il governo del Reich ha inviato i deputati socialdemocratici Gustav Noske (1868-1946), che in seguito riportò:

"La forza trainante, che si è affermata con elementare violenza, è stata questa: la faccenda è finita, e in quel momento non moriremo più, ma torneremo a casa dalle donne e dai bambini!"

Il 7 novembre, la rivoluzione raggiunse Monaco e la notte dell'8 novembre rovesciò la più antica monarchia tedesca, i Wittelsbach.

La maggior parte dei tedeschi voleva ancora salvare la monarchia, ma non il Kaiser Guglielmo II, perché era lui il responsabile della guerra e doveva andarsene. Ma esitò e fu sopraffatto dagli eventi: il 9 novembre fu indetto a Berlino uno sciopero generale. Per prevenire la rivoluzione bolscevica, chiamato Filippo Scheidemann (1865-1939) vide la Repubblica tedesca alle 14 da una finestra del Reichstag. Proclamato solo 2 ore dopo Karl Liebknecht (1871-1919) davanti al Palazzo di Berlino la "Repubblica socialista libera di Germania".

La sera del 9 novembre, l'ultimo cancelliere "imperiale", Principe Max di Baden (1867-1929) Gli affari di governo ai socialdemocratici Federico Eberto (1871-1925). La monarchia non poteva più essere salvata e l'imperatore non conosceva modo migliore che emigrare nei Paesi Bassi il 10 novembre.

All'ombra della sconfitta

La “Repubblica tedesca” proclamata da Scheidemann era in rovina. Sebbene nessun soldato nemico avesse conquistato il territorio tedesco, la guerra era persa. L'economia, segnata dalla guerra e dal blocco, era in rovina e un trattato di pace dettato dai vincitori, che faceva temere condizioni difficili, era imminente.

Dopo enormi sforzi su molti fronti e molte sofferenze e privazioni in patria, il popolo tedesco non poteva credere alla propria sconfitta.

Il panorama politico è aspro. Era soprattutto il più grande, il partito dei lavoratori, l'SPD, a credere nei vantaggi della democrazia. Ma dal 1917 questo era stato diviso in una parte moderata (SPD o MSPD = SPD a maggioranza) e USPD (Partito socialdemocratico indipendente). La causa era stata una disputa sull'approvazione dei crediti di guerra.

Il popolo mancava di consapevolezza democratica e comprensione dei vantaggi e degli svantaggi delle democrazie e molti desideravano ardentemente il vecchio ordine, l'imperatore e il re, la pace e la tranquillità.

La caduta della monarchia è stata una perdita? Due statisti inglesi di diversi schieramenti politici – Winston Churchill (1874-1965) e Ernest Bevin (1881-1951) - concordato dopo la seconda guerra mondiale che Hitler difficilmente sarebbe salito al potere in una Germania imperiale. E anche se l'avesse fatto, l'autorità di un monarca avrebbe potuto prevenire il peggio; perché anche la debole monarchia italiana riuscì finalmente a liberarsi del dittatore.

il conseguenze della guerra mondiale erano seri per l'Europa e il mondo:

I bolscevichi governavano la Russia. L'ideologia comunista, che mirava alla rivoluzione mondiale, divenne la speranza dei poveri del mondo.

Non c'erano più valori comuni tra gli stati d'Europa, anche all'interno dei suoi popoli e nazioni: democrazia e dittatura, libera economia ed economia pianificata collettiva, nazionalismo e internazionalismo, conservatorismo e pensiero progressista erano inconciliabilmente opposti e minacciavano di lacerare lo stato strutture a parte.

La Germania era internamente divisa tra la democrazia occidentale e la dittatura bolscevica; la sua giovane democrazia, nata dalla sconfitta, non amata e incompresa dalla popolazione, ha dovuto trovare nuovi modi per convincere il suo popolo. C'erano rivolte, rivolte, governi sovietici e propagandisti di sinistra che invocavano rivolte popolari e credevano che, seguendo il modello russo, un governo moderato di sinistra (in Russia Kerinsky) avrebbe dovuto essere seguito dai radicali (in Russia Lenin ) per completare la rivoluzione, se necessario con la forza. È stata una fortuna per la Germania che la maggioranza dei socialdemocratici aspirasse a una democrazia onesta, come prima Otto Brown (1872-1955) aveva detto in un commento al colpo di stato bolscevico del 5 gennaio 18:

“Il socialismo non può essere costruito su baionette e mitragliatrici. Se deve durare e durare, deve aprirsi modo democratico essere realizzato”.

Uno dei primi atti ufficiali di Federico Eberto era dunque l'appello alla pace e all'ordine. Ha trovato il sostegno dell'esercito. In una conversazione telefonica con Guglielmo Groener (1867-1939), successore del dimissionario Ludendorff, al nuovo governo fu assicurato l'appoggio dell'esercito, di cui aveva urgente bisogno.

Perché l'USPD, in particolare la sua ala sinistra radicale, la Spartacus League, voleva che la rivoluzione fosse completata e invocò la lotta rivoluzionaria. Alla sua testa erano con Rosa Lussemburgo (1871-1919) e Karl Liebknecht (1871-1919) due propagandisti carismatici. In molti luoghi scatenarono scioperi e rivolte, tanto che i governi socialdemocratici dovettero usare la forza delle armi contro gli spartachisti. Gli ufficiali delle forze dell'ordine schierati a questo scopo erano i Freikorps e l'esercito, entrambi più fedeli al Kaiser che con una mentalità democratica e difficilmente i portatori di armi costituzionali di cui una democrazia ha bisogno. La maggior parte delle persone voleva pace e tranquillità.

Nel dicembre 1918, un congresso del consiglio a Berlino decise di annunciare elezioni democratiche all'Assemblea nazionale per il 19 gennaio 1919. La strada per la democrazia parlamentare era chiara. Una rivolta di Spartaco a Berlino nel gennaio 1919, repressa, non poté cambiare nulla. Gli Spartachisti divennero leader Rosa Lussemburgo e Karl Liebknecht assassinato da amari ufficiali del Freikorps.

La difficile strada della democrazia

C'erano state le elezioni per l'Assemblea nazionale, e ora si trattava di dare una costituzione alla repubblica, mantenere l'unità dell'impero, proteggere il paese dai pericoli esterni, tenere a freno l'estremismo di destra e di sinistra e, ultimo ma non almeno i problemi economici soprattutto per far fronte all'inflazione.

L'Assemblea nazionale si è riunita a febbraio a Weimar, piuttosto che a Berlino in rivolta, e ha insediato un nuovo governo. divenne il primo primo ministro Filippo Scheidemann (1865-1931), il primo presidente del Reich Federico Eberto (1871-1925).

Weimar è stata scelta per contrastare lo "spirito di Potsdam" con lo "spirito di Weimar", la città di Goethe.

Ma Potsdam non era un simbolo del militarismo e dell'obbedienza a cadaveri senz'anima per tutti i tedeschi. Milioni di persone hanno visto in Potsdam il simbolo di un passato in cui la lealtà incorruttibile e il principio di servire la causa, non per amore del denaro. La richiesta che lo spirito di Potsdam muoia quindi rischiava di dividere la nazione fin dall'inizio e di dare una spinta alle forze di destra. Anche la scelta dei colori nero/rosso/oro della rivoluzione del 1948 per la bandiera imperiale era per molti incomprensibile.

Per inciso, l'esito delle prime elezioni è stato una delusione per l'SPD, la forza democratica più forte. Raggiungeva solo 37 % e dipendeva dalla cooperazione con DDP (Partito democratico tedesco), CVP (Partito popolare cristiano, centro). Era stato scelto un processo elettorale molto democratico: scrutinio libero, uguale, segreto (per la prima volta anche per le donne) e un mandato ogni 60.000 voti, in modo che il numero dei deputati dipendesse dall'affluenza alle urne. Molti gruppi scissionisti sono entrati in parlamento e le coalizioni spesso sono diventate difficili in seguito.

Ma per ora, il governo aveva altre preoccupazioni. I primi mesi del 1919 furono più inquieti delle settimane di novembre e dicembre 1918. In molte parti del Reich ci furono scioperi, occupazioni di fabbriche ed edifici pubblici e nacquero persino repubbliche sovietiche di breve durata (Brema, Monaco). Ci volle un massiccio dispiegamento dell'esercito e del Freikorps per porre fine alla rivolta.

Come conseguenza di questa guerra civile, i sostenitori della repubblica parlamentare si sono trovati di fronte non solo alla veemente opposizione delle forze di destra, ma anche all'opposizione enfatica, persino ostile al sistema, dell'estrema sinistra. Nei primi mesi della giovane repubblica, la democrazia ha dovuto affrontare una doppia minaccia da destra e da sinistra, alla quale alla fine doveva soccombere.

Rivoluzione in Baviera
Nel novembre 1918 ci fu una rivoluzione separata in quasi tutte le residenze. Dappertutto si formarono consigli di operai e soldati, presero il controllo delle strutture amministrative esistenti e formarono i propri governi. All'inizio non pensavano di subordinarsi alla lontana autorità centrale di Berlino. C'era quindi il pericolo di una scissione dell'impero, che doveva suscitare ancora una preoccupazione nel governo imperiale. Il caso più grave è stato quello della Baviera, che ha conosciuto uno sviluppo politico turbolento.
La Baviera cattolica acconsentì alla fondazione del Reich solo nel 1871 con il cuore pesante; le riserve sull'onnipotente Prussia protestante erano troppo radicate. Così la rivoluzione del 1918 suscitò tendenze separatiste che potevano sperare in un sostegno amichevole dalla Francia; perché i francesi volevano la secessione delle province del sud e del Reno dal Reich tedesco.
La rivoluzione bavarese iniziò il 7 novembre 1918 con una manifestazione per la quale a mia madre, che all'epoca aveva 16 anni, fu concesso un giorno libero dalla scuola. Le autorità comunali della città di Monaco hanno rilasciato i loro dipendenti per il pomeriggio. Intorno alle 15:00 circa 50.000 persone si sono radunate sul Theresienwiese. Mia madre temeva gli odiosi attacchi alla coppia reale, il "Millibauer" e il "Topfenresl". L'anarchico Erich Mühsam chiese - presumibilmente come il primo in Germania - "la deposizione delle dinastie e l'instaurazione di una libera Repubblica sovietica bavarese". Poi le marce marciarono attraverso la città e fino alle baracche; la maggior parte dei soldati ha optato per la rivoluzione. Tutti gli importanti edifici pubblici della città di Monaco sono stati occupati durante la notte.
il Re Luigi III. (1845-1921) fu sorpreso dalla rivoluzione. Sapeva certamente che la guerra era persa – suo figlio Rupprecht, che era il comandante al fronte, lo sapeva da molto tempo – e che la monarchia era in pericolo. Ma cosa poteva fare adesso per scongiurare il peggio?
Quindi fu formato un consiglio degli operai e dei soldati e l'8 novembre 1918, il suo primo presidente, Kurt Eisner (1867-1919) presentò il suo gabinetto socialista come nuovo primo ministro. Il nuovo governo può stabilirsi facilmente; i ministri del re, che nel frattempo erano fuggiti, che erano stati deposti dai rivoluzionari, nominarono perfino i loro successori ai loro posti. Eisner non è estremo e vuole risolvere i problemi pendenti in pace e tranquillità.
Il potere del nuovo governo non va lontano. Presto ci sono consigli di lavoratori e soldati ovunque, che il governo statale accetta solo con riluttanza. Eisner cade in discredito perché avrebbe parlato della colpa di guerra della Germania, ha denunciato il governo di Berlino come non abbastanza rivoluzionario e si batteva per una Baviera indipendente. Il 21 febbraio 1919 fu assassinato da un fanatico benpensante mentre si recava in parlamento, dove la sua abdicazione era imminente dopo una devastante sconfitta elettorale. Questo omicidio insensato diventa un faro per la sinistra Eisner stesso è considerato un martire.
Dopo questo omicidio, il potere passò ai consigli, che insieme ai partiti di sinistra (SPD, USPD e KPD) formarono un comitato d'azione ed elessero un "Consiglio centrale della Repubblica bavarese" per rilevare gli affari del governo. diventa il primo presidente Ernest Niekisch (1889-1967) dall'ala sinistra dell'SPD. Un "Congresso dei consigli dei lavoratori, dei soldati e dei contadini", riunitosi a Monaco di Baviera alla fine di febbraio, ha poi deciso il futuro politico della Baviera. Una proposta Erich Muehsams (1878-1934) quando fu proclamata la repubblica consiliare fu respinta e il potere fu trasferito al parlamento statale. Questo si è riunito il 17 e 18 marzo e ha imposto un governo John Hoffman (1867-1935) che non riuscì a prevalere.
Il campo di sinistra era diviso. Slogan e voci politiche sollevano i lavoratori che manovrano i leader del partito e la borghesia teme il bolscevismo. La notizia della proclamazione della Repubblica sovietica ungherese il 21 marzo ha colpito come una bomba. Per creare un fatto compiuto, la notte del 6 aprile fu proclamata la “Repubblica Sovietica Bavarese”. Il governo Hoffmann si trasferì a Norimberga e successivamente a Bamberga. Piace ai socialisti radicali o agli anarchici grave grande (1893-1939), Gustave Landauer (1870-1919) e Erich Muehsam (1878-1934) voleva prendere sul serio l'utopia di una società umana. Consideravano un vantaggio la mancanza di esperienza politica.
Nei giorni seguenti (7 e 8 aprile 1919), la Repubblica Sovietica fu proclamata in gran parte della Bayer, nella speranza di una rivolta di massa. Ma nella Baviera conservatrice, la risposta, soprattutto tra i contadini, è stata minima. Lo spavento anarchico sembrava essere finito quando, la notte della Domenica delle Palme, il 13 aprile, la "Forza di protezione repubblicana" guidata dai socialdemocratici ha occupato il palazzo di Wittelsbach e ha arrestato diversi membri del governo sovietico. La mattina successiva, invece, vi riuscirono milizie operaie formate spontaneamente, guidate da marinai e comunisti Rudolph Egelhofer (1896-1919) per respingere la controrivoluzione. Fu proclamata una seconda Repubblica sovietica, che ottenne anche un certo sostegno dalla classe operaia.
In realtà, la situazione di questa seconda repubblica sovietica era fin dall'inizio senza speranza. Confinato a Monaco, isolato dal resto del paese e minacciato dall'avanzata del Freikorps e delle unità dell'esercito. Ma i fanatici rivoluzionari speravano in un miracolo e non si arrendevano. A Dachau ottennero anche un piccolo successo militare.
Il 1° maggio, il Freikorps e le truppe governative hanno marciato a Monaco, incontrando poca resistenza. L'"Armata Rossa" Egelhofers si era sciolto e la maggior parte dei lavoratori ha voltato le spalle ai consigli. Purtroppo i "bianchi" vittoriosi hanno provocato sparatorie, anche come rappresaglia per i soldati dell'Armata Rossa che il 30 maggio hanno ucciso 2 soldati e 8 membri della Thule Society di destra. In totale ci sono stati almeno 600 morti, compresi landò e Egelhofer. Seguirono circa quattromila procedimenti penali, con dure pene inflitte a comunisti e anarchici.
Le repubbliche sovietiche hanno lasciato un trauma anticomunista nel popolo di Monaco. Anche quando era molto anziana, mia madre ricordava con disgusto gli "spartachisti da zaino" che vagavano per la città come predoni armati e spaventavano la borghesia. Mio nonno è diventato un membro attivo della "milizia dei residenti" per prevenire un altro colpo di stato. Entrambi hanno soppiantato il terrore anti-sinistra da destra; poiché il comunismo rappresentava un'ideologia diabolica per la cittadinanza e la chiesa, che giustificava ogni mezzo per combatterlo.
Nessuno può dire fino a che punto lo shock delle repubbliche sovietiche abbia portato a uno spostamento a destra nella già conservatrice Baviera, che ha alienato la Baviera dal Reich e successivamente Hitler, come un convinto anticomunista, ha facilitato la sua ascesa.
Visti in un contesto più ampio, gli insignificanti eventi rivoluzionari di Monaco sono eccezionalmente ben documentati con ampio materiale pittorico Heinrich Hoffman (1885-1957), poi fotografo personale quello di Adolf Hitlere altri fotografi erano quasi ovunque con le loro macchine fotografiche.
Letteratura:
Beyer, Hans "Rivoluzione in Baviera", VEB Deutscher Verlag der Wissenschaft, Berlino 1988.
Bosl, Karl "La Baviera in transizione", Oldenbourg, Monaco di Baviera 1969.
Herz, Rudolf/ Halfbrodt, Dirk "Revolution and Photography, Monaco di Baviera 1918/19", Dirk Nishen, Berlino 1988.
Neubauer, Helmut "Monaco e Mosca", Isar Verlag, Monaco di Baviera 1958.

Nell'estate del 1919 fu approvata la "Costituzione di Weimar" contro i voti dell'opposizione, redatta da democratici convinti. Il governo rispondeva al parlamento e la possibilità di un referendum limitava l'autonomia parlamentare. Il capo dello Stato, eletto direttamente dal popolo, il Presidente del Reich, potrebbe in casi eccezionali prevalere sul Parlamento con decreti d'urgenza. Questo paragrafo 48 della Costituzione di Weimar doveva svolgere un ruolo dal 1930 in poi a cui nessuno poteva pensare nel 1919. Per il momento, l'impero sembrava organizzato secondo la costituzione.

Tuttavia, i paesi avevano meno libertà rispetto all'era imperiale. In paesi come la Baviera, con la sua lunga storia di Stato indipendente, la gente non volle accettare questo centralismo: il centro bavarese si separò dall'intero partito e in Baviera la “repubblica rossa” fu respinta. I riverberi di questo periodo hanno ancora un impatto oggi nella separazione tra CDU e CSU.

Il 13 marzo 1920 mostrò quanto fossero ostili le forze potenti nei confronti del nuovo stato Brigata Ehrhardt, marciò a Berlino e si sedette wolfgang cap (1858-1922) come Cancelliere. La Reichswehr è rimasta neutrale, perché "la Reichswehr non spara alla Reichswehr", come ha affermato il capo dell'ufficio generale delle truppe Hans von Seeckt (1866-1936) intendeva. Dopo 5 giorni, Kapp è dovuto fuggire perché i lavoratori hanno indetto uno sciopero generale ei dipendenti pubblici si sono rifiutati di collaborare. La reputazione della repubblica ne aveva risentito.

Il Trattato di Versailles

Il governo democratico appena costituito si trovò di fronte a innumerevoli problemi di ogni genere; Ma il peggio, che contribuì in modo decisivo al fallimento della prima democrazia tedesca, doveva ancora venire: il trattato di pace. Non ci si poteva aspettare nulla di buono da questo trattato, date le dure condizioni dell'armistizio, ma i fatti poi creati dagli Alleati superarono le previsioni dei peggiori pessimisti.

Il 18 gennaio 1919, un giorno prima che i tedeschi eleggessero la loro Assemblea nazionale, i rappresentanti delle potenze vincitrici si incontrarono a Versailles. La scelta del luogo era già simbolica, perché esattamente 48 anni fa Guglielmo I fu proclamato imperatore tedesco in questo luogo.

Inizialmente i tedeschi non furono ammessi ai negoziati; non potevano che sperare nel presidente americano e nella sua umanità, che aveva concepito obiettivi bellici accettabili nei suoi "14 punti". Ma Wilson non poteva competere con i diplomatici europei. Non solo la "Tigre" francese Georges Clemenceau (1841-1929) odiava e temeva i tedeschi; anche il primo ministro inglese David Lloyd George (1863-1945) aveva condotto una campagna elettorale nel dicembre 1918 con lo slogan "Hang the Kaiser".

I cittadini di entrambi i paesi - Inghilterra e Francia - erano ancora sotto l'impressione di una propaganda di guerra piena di odio che vedeva nei tedeschi l'unico colpevole di tutte le sofferenze degli ultimi anni. Senza dimenticare che gli Alleati non sarebbero sopravvissuti alla guerra senza l'aiuto degli USA. Ora gli alleati erano immensamente indebitati con gli Stati Uniti e sentivano che era giusto che i tedeschi ripagassero questo debito.

Il 7 maggio 1919, ai delegati tedeschi fu presentato un trattato praticamente completo di 440 articoli e ai negoziatori tedeschi furono concessi 14 giorni per sollevare obiezioni. In un duro scambio di note si ottengono solo alcune piccole semplificazioni, e in Germania si parla presto solo del "Dittato di Versailles", i suoi umilianti paragrafi soprattutto Hitler ha fornito munizioni per i suoi discorsi di propaganda per un decennio.

In base al trattato, intrisa di falsa giustizia, la Germania perse un decimo della sua popolazione - circa la metà dei quali erano madrelingua tedeschi - un ottavo della sua terra, la maggior parte del suo minerale di ferro e una notevole quantità del suo carbone. Tutti i brevetti tedeschi sono stati incassati. Valori incommensurabili che non venivano nemmeno calcolati perché servivano solo a compensare vecchie ingiustizie.

Naturalmente, la Germania perse anche le sue colonie, che non avevano mai portato molto; ma non perché vinta, ma perché i tedeschi, con la loro barbarie, si erano mostrati indegni dei possedimenti coloniali. Il fatto che altre nazioni si fossero addossate molte più colpe nelle loro politiche coloniali – basti pensare al Congo – non ha giocato alcun ruolo per i finti vincitori della giustizia.

Intorno alla Germania, i nazionalisti polacchi, cechi e slovacchi hanno potuto realizzare il sogno del proprio stato, iniziato purtroppo con l'oppressione dei tedeschi che ora vivono sul loro territorio.

Il peggio erano le riparazioni. Iniziarono con la consegna immediata di navi, locomotive, cavi, ecc., e per decenni hanno gravato sul Reich di pagamenti insopportabili. Queste rovinose umiliazioni erano giustificate con l'unica responsabilità della Germania per la guerra, che non era esplicitamente dichiarata nel trattato, ma era confermata da una nota di Clemence. Nel complesso, questo contratto è andato anche all'allora non proprio filo-tedesco Lloyd George troppo lontano quando ha detto: "Ora abbiamo un trattato che ci garantisce la guerra tra vent'anni".

Un'ondata di indignazione attraversò la Germania; anche il più benevolo non potrebbe semplicemente accettare un contratto del genere. Il governo Scheidemann si dimise e le fazioni dell'Assemblea nazionale reagirono aspramente. Ma gli Alleati rimasero irremovibili. Poiché una ripresa della guerra era fuori questione, c'era solo la scelta tra accettare il trattato o invadere le truppe alleate.

Il governo Gustav Bauer (1870-1944) dovettero accettare la loro situazione impotente e ottenere l'approvazione dell'Assemblea nazionale del "trattato vergognoso". ministro degli Esteri Herman Mueller (1876-1931) e Ministro dei trasporti e coloniale Giovanni Bell (1868-1949) firmato a Versailles il 28 giugno 1919. I perspicaci sostenitori della firma, tra cui Matteo Erzberger (1875-1921) furono da allora in poi diffamati dalla destra come "politici di adempimento".

La battaglia della Ruhr

Non appena il trattato di pace è stato firmato, è iniziata la lotta contro il trattato e gli uomini che lo hanno firmato. C'era povertà e inflazione nel paese e scoppiarono rivolte che dovettero essere represse sanguinosamente. L'onere delle riparazioni era pesante.

Quando la Germania rimase indietro nelle consegne agli Alleati (mancavano alcuni carichi ferroviari di pali del telegrafo e carbone), il Primo Ministro francese se ne andò Raymond Poincaré (1860-1934) cinque divisioni francesi invadono la Ruhr l'11 gennaio 1923; Il Belgio ha seguito con una divisione mentre l'Inghilterra ha tenuto a bada. Con voluto Poicare ottenere ciò che i tedeschi presumibilmente non volevano consegnare.

In Germania la gente era indignata; nella comune volontà di difendersi dai ricatti, il popolo mostrava un'unanimità che non si vedeva dal 1914. Presidente dell'impero Eberto e il governo del Reich proclamò la “resistenza passiva”. Industria, ferrovie e traffico si sono fermati. Ci furono rappresaglie, sanguinosi incidenti, espulsioni di massa, omicidi ed esecuzioni. A tutte le manifestazioni politiche sarebbe stato "Giù le mani dalla zona della Ruhr" e dalla Francia riecheggiava: "La cagna tedesca sta ancora combattendo!".

La resistenza passiva ha portato a un vicolo cieco e ha causato costi insopportabili a lungo termine. Difficilmente si potevano imporre aumenti delle tasse vista l'emergenza generale, e quindi l'unica strada da percorrere era far funzionare le macchine da stampa. Il Reichsmark cadde nel baratro; il 1 agosto 1923 il dollaro valeva già oltre un milione di marchi del Reich.

Il 12 agosto il governo di Guglielmo Cuno (1876-1933) a favore di Gustav Streseman (1878-1929) abdica.

"È giusto dire che la Grande Depressione, a causa del suo impatto sul comportamento umano, è stato finora l'evento più importante del secolo, almeno per gli americani".   John Kenneth Galbraith, 1975.

I "ruggenti anni Venti".

Nei ricordi del dopoguerra si parla degli "anni venti d'oro". In questo decennio, tra il 1920 e il 1930, l'Europa si riprende lentamente dalle ferite della guerra, l'arte e la cultura fioriscono. Molti sviluppi, i cui effetti si possono ancora sentire oggi, come l'ascesa dell'industria cinematografica, iniziarono in quel momento. Anche il Reich tedesco, pesantemente gravato dalle conseguenze della guerra e dalle riparazioni, conobbe un breve (apparente) periodo di massimo splendore.

Questo, in retrospettiva sentimentale, periodo felice almeno per la classe superiore e gli intellettuali, finì bruscamente con il crollo del mercato azionario del 1929, che inaugurò la più drastica crisi economica globale fino ad oggi.

Questo è stato preceduto da un boom azionario che ha incoraggiato molti speculatori a speculare su azioni con leva. Le banche hanno prontamente concesso prestiti che sembravano sostenuti da azioni. Finché i prezzi delle azioni sono aumentati più rapidamente dei tassi di interesse sui prestiti, è stato un buon affare. Ma nessun boom dura per sempre; quando i prezzi aumentavano eccessivamente, ogni volta seguiva una "correzione". Negli Stati Uniti, il calo dei prezzi iniziò il 24 ottobre 1929 (un giovedì "nero"), che si espanse in un terrificante calo dei prezzi il "martedì nero" del 29 ottobre.

Le azioni depositate a garanzia non coprivano più i prestiti dopo il calo del prezzo; le banche hanno chiesto indietro i loro fondi. Le azioni sono state vendute in preda al panico. I prezzi sono diminuiti e sono diminuiti; speculatori frivoli fallirono.

Ed ecco i fatti:
L'indice azionario del New York Times è passato da 134 alla fine del 1924 a 449 nell'estate del 1929; ovvero più del triplo in meno di 5 anni. Nel luglio 1932 questo indice si attestava a 58, poco più di un ottavo del massimo! Il settore immobiliare non è andato diversamente; temporaneamente sono scesi a un decimo del livello del 1929.

Temendo i fallimenti bancari, molti investitori hanno ritirato i loro depositi in contanti; metà delle banche americane fallì e il denaro affidato loro dai clienti andò perso.

Questo incidente non è stato limitato agli Stati Uniti. A causa dell'interdipendenza monetaria (l'economia europea, in particolare quella tedesca, era largamente sostenuta dai prestiti degli USA), l'economia europea e quindi mondiale è caduta in una profonda crisi. Fallimenti aziendali, licenziamenti, liquidazioni, tagli alla produzione, calo dei prezzi e tagli salariali hanno dominato gli eventi in tutto il mondo e le masse di disoccupati sono esplose.

Nel 1932 ci fu guerra civile in Cina, guerra in Sud America, guerra del petrolio in Asia Minore. La produzione industriale ei prezzi alla produzione erano diminuiti drasticamente e c'erano disoccupati ovunque (quasi 7 milioni in Germania, 13 milioni negli Stati Uniti).

Bisognava trovare una via d'uscita da questo mondo di depressione!

Oggi l'opinione è che questa crisi del mercato azionario, che di solito si verifica dopo il surriscaldamento, non deve aver portato a una crisi economica. I capi di governo responsabili hanno pensato in modo troppo restrittivo e non hanno agito in modo coordinato.

Il cancelliere tedesco Heinrich Bruning (1885-1970) va riconosciuto il merito di voler mostrare al mondo quanto fossero irrealizzabili le richieste di riparazione del Trattato di Versailles. Ma anche Herbert Hoover (1874-1964), il 31° Presidente degli Stati Uniti, non aveva rimedio alla depressione nel suo ricco paese. Sia Hoover che Brüning hanno dovuto lasciare i loro posti.

Negli Stati Uniti era il gennaio 1933 Franklin D. Roosevelt (1882-1945) Presidente. Ha messo a disposizione fondi statali sotto la voce "new deal" e ha lanciato una serie di misure per rilanciare l'economia in crisi[2].

In Germania, la crisi del 30 gennaio 1933 ha aiutato Adolf Hitler (1889-1945) alla carica di Cancelliere del Reich. Gli esperti consigliarono a Hitler un programma simile a quello osato da Roosevelt. Tuttavia, con la differenza che il "Terzo Reich" investì principalmente in armamenti, mentre negli USA erano previsti investimenti civili.

L '"economia di libero mercato", che presumibilmente oscilla tra boom e crollo, è caduta in discredito in tutto il mondo. Seguì un periodo in cui i controlli sui cambi, le tariffe elevate e le quote ostacolarono il commercio mondiale. Per raggiungere questo obiettivo è stata utilizzata la cooperazione bilaterale. Le economie totalitarie, come quelle dell'URSS o della Germania nazista, potevano sentirsi vendicate dalla crisi provocata dalla libera economia, e anche la politica dell'"asse Berlino-Roma" era in linea con i tempi.

Note di chiusura:
[1] Cfr. in "Kurz, giusto, kurios" pagina 446 "La schiavitù è finita, il razzismo è rimasto".
[2] Nel 1936, John Maynard Keynes (1883-1946) pronunciò la teoria economica mancante della "spesa in disavanzo".
Letteratura:
(1) Ambrosius, Gerold "Storia sociale ed economica dell'Europa nel XX secolo", CH Beck, Monaco di Baviera 1986.
(2) Eyck, Erich "Geschichte der Weimarer Republik", Eugen Rentsch, Erlenbach-Zurich/Stuttgart 1954.
(3) Fernau, Joachim "Deutschland, Deutschland über alles...", Gerhard Stalling, Oldenburg 1952.
(4) Friedell, Egon "Kulturgeschichte der Neuzeit", C.H. Beck, Monaco 1931.
(5) Galbraith, John K. "Geld", Droemer-Knaur, Monaco 1976.
(6) Krummacher, F.A.; Wucher, Albert "Die Weimarer Republik", R. Löwit, Wiesbaden 1965.
(7) Mann, Golo "Deutsche Geschichte im 19. Und 20. Jahrhundert", Fischer, Frankfurt 1962
(8) Schulz, Gerhard "Weimarer Republik", Ploetz, Freiburg/Würzburg 1987.
(9) Schulze, Hagen "Die. I tedeschi e la loro nazione, volume 4 Weimar", Severin & Siedler, 1982.
(10) Senf, Bernd "Der Nebel um das Geld", Gauke, Lütjenburg 1987.
(11) Sethe, Paul Deutsche Geschichte", Heinrich Scheffler, Frankfurt a.M. 1960.
(12) Zierer, Otto "Neue Weltgeschichte" vol. III, Fackel, Stoccarda n.d.