Categorie
storia/storia

Dalla terra della calma mattutina

(Pubblicato su GralsWelt 9/1998)

Corea, la "Terra della calma mattutina", è spesso paragonata alla Germania dai suoi residenti. Perché entrambi i paesi erano o sono ancora divisi a causa della seconda guerra mondiale.

Questa divisione del Paese è tanto più deprimente per i coreani, in quanto possono affermare che - almeno nell'ultimo millennio - le guerre non sono mai nate dal suolo coreano, ma che il piccolo Paese, incuneato tra vicini prepotenti, è stato solo forzato e ancora per diversificare per difendersi dagli attacchi dall'esterno.

Il nobile ama il valore interiore,
Il cattivo ama il terreno,
I nobili amano la legge.
La media cerca il favore.
CONFUCIO

Quando qui si parla di Corea, si intende soprattutto l'attuale Corea del Sud, che è ufficialmente chiamata la "Repubblica di Corea". Sappiamo poco di più del nord comunista del paese che è caduto nelle grinfie di una dittatura brutale che, con il suo "comunismo dell'età della pietra", sta rovinando l'economia del paese, opprimendo le persone e attualmente consegnando anche più di 20 milioni di sfortunati abitanti alla fame. Come sappiamo oggi, cinque decenni di dittatura socialista possono lasciare all'economia e alla psiche di un paese danni peggiori della seconda guerra mondiale.

Dopo la guerra di Corea (1950-1953), la Corea del Sud, un po' più piccola in termini di superficie, ma con una popolazione di 45 milioni due volte più grande del Nord, era un paese in gran parte distrutto, senza materie prime proprie, con molto agricoltura ad alta intensità di manodopera e piccola industria; è stato annoverato tra i paesi più poveri del mondo.

Oggi, la piccola e sovrappopolata Corea del Sud è il decimo paese industriale più grande della terra; si sta espandendo sui mercati mondiali e anche nella lontana Germania, i televisori e i dispositivi video coreani sono comuni nei supermercati tanto quanto le auto coreane per le strade. Motivo sufficiente per affrontare questo "miracolo economico" asiatico.

LA CULTURA DELLA COREA
La cultura coreana è stata ed è modellata dalle influenze cinesi, e ancora oggi i coreani amano sottolineare che la cultura sofisticata è arrivata dalla Cina alla Corea e da lì al Giappone.

Il pensiero di molti coreani, specialmente della generazione più anziana, è ancora modellato dai valori confuciani.
L'età continua a svolgere un ruolo importante nella vita sociale ed è difficile immaginare che una giovane coppia si sposi contro la volontà dei genitori.

Le religioni diffuse in senso occidentale sono il cristianesimo e il buddismo.
Circa il 30 per cento dei coreani si identifica come cristiano. La maggior parte di loro sono varie chiese protestanti, solo il tre per cento circa sono cattolici.
Il buddismo convince con il suo antico patrimonio culturale, ad esempio i suoi incantevoli templi, e di solito sembra poco appariscente in silenzio. La sua influenza - come quella del confucianesimo - va più in profondità di quanto un turista si renda conto nel trambusto della vita quotidiana, che è fortemente influenzata dall'America.

Sono stati conservati anche resti di antichissime usanze sciamaniche, di cui il visitatore di solito si accorge a malapena: la divinazione, l'esorcismo, gli oracoli fanno parte della cultura popolare tanto quanto la medicina tradizionale. (Vedere. "Sciamani in Corea' sotto 'Recensioni libri').
Quando una famiglia è sfortunata, ancora oggi viene consultato un geomante per verificare se la tomba di un antenato è nel posto sbagliato. Se necessario, l'antenato deve essere seppellito di nuovo per porre fine alla serie di sfortuna.

PASSATO DIFFICILE
Quando guardiamo alla storia coreana, troviamo un altro parallelo con la Germania: a noi tedeschi piace riferirci al Medioevo con il periodo d'oro della cultura europea sul suolo tedesco; I coreani di solito iniziano la loro storia con i "Tre Regni" (Shilla, Paekche, Koguryo), da cui sorse il primo regno coreano unificato nell'VIII secolo.

Il buddismo, che proveniva dalla Cina, acquisì influenza dal 4° secolo fino a diventare la religione di stato. Furono create le prime grandi opere d'arte - tra cui bellissimi templi, pagode e statue che sono ancora oggi conservate o ricostruite.

Ma anche le idee di Confucio trovarono accoglimento e nell'VIII secolo fu introdotto in Corea un esame di stato basato sul modello cinese.

Si parla della "prima età dell'oro" della cultura coreana nel regno di Shilla, la cui ex capitale Kyongju con i suoi siti storici è un'attrazione turistica molto visitata. Tuttavia, nel 935, l'Impero di Shilla morì per la propria debolezza. Gli successe l'impero "Koryo", che creò una seconda fioritura della cultura coreana in un'atmosfera di continue minacce interne ed esterne. Ad esempio, è così che è nato il più antico carattere tipografico stampato con caratteri mobili in metallo, ovvero nel XII secolo, cioè tre secoli prima di Gutenberg!

Nella "seconda età dell'oro" dell'impero Koryo (918-1392), confuciani e buddisti non andavano d'accordo; c'erano molte controversie. I Mongoli, che conquistarono e saccheggiarono gran parte della Corea nel XIII secolo, diedero il resto al regno diviso di Koryo e resero il paese soggetto a tributi.

Con il declino del potere mongolo nel XIV secolo, la Corea fu in grado di liberarsi dalla sovranità mongola, coordinare meglio le sue difese contro i pirati giapponesi ben organizzati e attuare la tanto necessaria riforma agraria. Le controversie religiose furono terminate dal riconoscimento del confucianesimo come etica di stato.

Durante questo periodo "Joseon" (1392-1897), che durò fino all'ascesa dell'Impero tedesco (1897-1910), cadde la "Terza età dell'oro" con conquiste culturali di cui il piccolo paese è ancora oggi orgoglioso:
· La scrittura sviluppata per ordine del re Sejong (regno 1418 – 1450): una scrittura alfabetica scritta e letta solo in Corea. Presumibilmente può essere appreso molto rapidamente ed è l'ideale per la lingua coreana.
· Nel 1442 fu inventato il pluviometro, reinventato in Europa solo 2 secoli dopo.
· Una notazione musicale per la musica coreana e cinese.
· Ultimo ma non meno importante, è nato l'orgoglio della Corea, le famose "Turtle Ships". Sono le prime navi corazzate di ferro e dotate di cannoni che hanno salvato la Corea da "Monitor" e "Merrimac" per più di 200 anni. (Nota: "Monitor" (Stati del Nord) e "Merrimac" (Stati del Sud) erano i nomi delle due corazzate che si combatterono nella guerra civile americana nel 1862 nella prima battaglia tra due cannoniere corazzate, che si concluse con un pareggio .)

Dobbiamo approfondire questo: nel 1592, la Corea rifiutò di invadere la Cina insieme al Giappone; per questo fu utilizzato dalle truppe del Toyotomi Hideyoshi di Shogun (1536-4598) invaso e saccheggiato. Soprattutto, gli artigiani furono deportati in Giappone dalla Corea in gran parte distrutta. Le "navi delle tartarughe" hanno portato la salvezza L'ammiraglio Yi Sunshin, che sconfisse le flotte giapponesi e tagliò i rifornimenti alle forze di terra. Così la Corea, già in gran parte occupata dai giapponesi, fu sostituita dal "Nelson coreano" - il 1598 come il noto inglese L'ammiraglio Lord Nelson (1758 – 1805) cadde in una battaglia decisiva – salvo.

Il paese devastato aveva poco tempo per riposarsi. Già nel 1636 fu coinvolto nei combattimenti tra Ming e Manchu in Cina; scelse la parte dei perdenti (i Ming) e fu costretto a sottomettersi ai Manciù come stato vassallo.

NESSUNO FA IL "BARBAR OCCIDENTALE"
Con il declino dell'impero cinese Manchu nel XVIII secolo, la Corea ha gradualmente riguadagnato la sua indipendenza; la popolazione aumentò e la situazione economica migliorò.

Ma ora la famiglia reale non voleva più sapere nulla dell'estero, da cui era venuta tanta miseria. Il commercio con la Cina e il Giappone poteva svilupparsi solo lentamente; La Corea divenne uno dei luoghi più inaccessibili per gli europei e fu derisa come il "Regno eremita". Di conseguenza, i contatti con l'Occidente sono rimasti bassi. Sebbene una nave olandese si incagliò in Corea nel 1627, il cui capitano fu nominato consigliere della corte reale, ulteriori contatti con l'Occidente furono limitati alle impressioni che le ambasciate coreane accreditate presso la corte imperiale cinese furono in grado di ottenere dagli europei che vi apparivano.

Quando le influenze occidentali non potevano più essere tenute completamente lontane dalla Corea, la famiglia reale ha reagito in preda al panico. All'inizio del XIX secolo furono fucilati alcune centinaia di cattolici che erano stati convertiti da un sacerdote proveniente dalla Cina. Sia in Cina che in Corea, i governanti hanno convenuto che gli insegnamenti occidentali stavano minando le credenze confuciane e mettendo in pericolo l'ordine sociale.

Per inciso, europei e americani erano visti come incarnati in culture subumane di gran lunga inferiori alla cultura asiatica. L'ostilità verso qualsiasi cosa straniera era così estrema in Corea che nel 1866 una nave americana si incagliò e l'equipaggio fu giustiziato.

La disperata paura di andare all'estero era rivolta anche a connazionali ben intenzionati: il Il geografo Kim Chong Ho ha lottato per due decenni di propria iniziativa per creare una mappa utilizzabile della Corea. Quando, dopo tante faticose escursioni in tutte le parti del paese, furono finalmente disponibili 22 francobolli di legno e poté essere stampata la mappa, dedicò una delle prime copie al governo; sicuro nell'aspettativa di trovare riconoscimento per la sua realizzazione unica e supporto nella stampa. Ma il reggente lo fece giustiziare (e fu nella seconda metà dell'Ottocento!) per "tradimento di segreti di stato agli stranieri" e le stampe furono bruciate.

LA COREA DIVENTA UNA COLONIA
Verso la fine del 19° secolo, russi e giapponesi perseguitarono la Corea, che viveva ancora in strutture feudali e confuciane. Questo ha ancora cercato di mantenersi "puro" dalle influenze straniere, dalla scienza e dalla tecnologia europee.

Alla fine, dopo le guerre contro Cina e Russia, il Giappone prevalse e fece della Corea prima un protettorato e poi una sua colonia nel 1910.

È iniziato il periodo di repressione violenta di tutto ciò che è coreano e di un tentativo di introdurre la lingua e la cultura giapponese con la forza. Si è arrivati così tanto che nel 1936 il mondo intero ha ricordato la vittoria olimpica dei "giapponesi". figlio di Kitei nella maratona il cui nome è Kee Chung Son ed è coreano. Nel 1988 è stato il conduttore della staffetta che ha portato la fiamma olimpica a Seoul.

Sicuramente il Giappone ha fatto molto per l'industrializzazione e l'espansione delle infrastrutture in Corea; non a causa dei coreani, ma come base per i giapponesi che aspirano a una grande potenza.

Ancora oggi, i coreani sono plasmati da un trauma di questo periodo: da un lato, ammirano come esemplari le conquiste economiche del loro vicino non amato; d'altra parte, le umiliazioni dell'occupazione sono ancora molto, molto profonde, e basta il minimo motivo per far salire le emozioni.

La fine della seconda guerra mondiale, la totale sconfitta del Giappone, non portò la piena liberazione della Corea; il paese era diviso. Una divisione che deve essere sentita tanto più amaramente perché la Corea – a differenza della Germania – non ha sensi di colpa di guerra e – come tante volte nella sua storia – si sente vittima di interessi stranieri.

Ma non è tutto: la mattina presto del 25 giugno 1950, truppe nordcoreane ben equipaggiate invasero il sud quasi indifeso per forzare la riunificazione delle due Coree sotto il dominio comunista. È iniziata una delle guerre più crudeli di questo secolo. I prigionieri americani furono brutalmente massacrati dai nordcoreani e i civili caddero vittime degli ordini di "sterminio del nemico di classe". Coloro che non riuscirono a fuggire in tempo furono assassinati a meno che non riuscissero a nascondersi oa fuggire nei boschi come partigiani.

Il fatto che la Corea del Sud sia stata salvata è grazie a un'azione delle Nazioni Unite avvenuta quando l'inviato sovietico ha lasciato il Consiglio di sicurezza per una disputa sulla Cina nazionale e non è stato in grado di porre il veto.

Non abbiamo bisogno di approfondire ulteriormente l'orribile storia della guerra di Corea; questo ha lo scopo di creare comprensione per le paure provate in Corea fino ad oggi per un vicino ostile che solo una generazione fa si è rivelato una bestia.

SORGERE DAL NULLA
Dopo la guerra di Corea, iniziò il miracolo economico coreano, prima lentamente e poi a una velocità mozzafiato, impressionando tutti coloro che visitano il paese e ne conoscono la storia. In diversi soggiorni più lunghi come consulente tecnico, ho potuto sperimentare in prima persona questa crescita economica sorprendentemente rapida.

Oggi in Corea del Sud incontriamo persone talentuose e laboriose che amano molto la loro patria e sono orgogliose delle loro tradizioni. Per i coreani è importante preservare quella che chiamano la loro cultura "unica". Questo sforzo assume spesso tratti che potremmo liquidare come "razzisti". Ad esempio, in Corea (come in Giappone) c'è poca simpatia per il matrimonio con uno straniero; perché i bambini di una tale unione si perdono facilmente nella loro stessa cultura.

Questo mostra quanta lingua e scrittura sono collegate.
Sia la Corea che il Giappone hanno la loro lingua e una scrittura speciale che non viene utilizzata da nessun'altra parte. Questo crea una sensazione di unione che un europeo o un americano non possono capire. Anche nell'enorme Cina, nonostante le diverse lingue, la parola e la scrittura comuni hanno un effetto unificante.
Le lingue e le scritture dell'Asia orientale, che sono difficili da imparare per gli stranieri, creano automaticamente gruppi separati che sentono la loro identità necessaria e tendono a isolarsi dagli stranieri.

Da un punto di vista europeo, questo "razzismo" si è rivelato addirittura un vantaggio per l'economia giapponese: quando il boom economico degli anni '70 e '80 ha portato a una carenza di lavoratori in Giappone, l'industria non ha voluto e non poteva cadere di nuovo sui lavoratori ospiti. Così sono stati costretti a prendere presto misure di razionalizzazione, che li hanno portati - almeno temporaneamente - ai vertici del mondo in termini di tecniche di razionalizzazione e utilizzo di robot industriali: nel 1996 erano 650.000 i robot industriali nel mondo, di cui 60 % sono stati installati in Giappone.

Nel frattempo, l'aumento dei salari in Corea (oggi più o meno al livello del Portogallo o dell'Irlanda, non più lo status di paese in via di sviluppo) stanno ora costringendo alla razionalizzazione e i prodotti ad alta intensità salariale sono stati da tempo esternalizzati a paesi a basso salario. Gli alti costi di manodopera non sono affatto evidenti solo in Germania!

COREA DEL SUD E DEL NORD A CONFRONTO (dati intorno al 1995):
Popolazione (milioni): Corea del Sud 45/ Corea del Nord 20.
Prodotto nazionale lordo in miliardi US-$: Sud 484/ Nord 9,6.
Prodotto nazionale lordo pro capite negli Stati Uniti-$: Sud: 10.700 / Nord: 481.
Crescita economica in %: Sud 7,1/Nord – 30
Spese per la difesa nel % del prodotto nazionale lordo: Sud 3,1/ Nord 26

Alcuni dei numeri sulla Corea del Nord non sono stime molto affidabili!
In Corea del Nord, il prodotto nazionale lordo è in costante calo negli ultimi sei anni; Nel 1995 erano operativi solo 30 stabilimenti %.
Il commercio estero della Corea del Sud era 126 volte quello della Corea del Nord nel 1995 e da allora le cifre della Corea del Nord potrebbero essere peggiorate.
Tuttavia, la rigida dittatura comunista della Corea del Nord possiede armi biologiche e chimiche oltre alla capacità di produrre armi nucleari.
Le esportazioni della Corea del Nord sono costituite quasi interamente da armi, inclusi jet da combattimento e missili MIG.

La drastica svalutazione del won all'inizio del 1998 non ha finora portato alcun sollievo evidente, poiché una crisi finanziaria sta paralizzando l'economia. La causa è la corruzione e l'intreccio tra il governo, le banche e le grandi multinazionali (chiamate cheabol) che hanno investito sconsideratamente.

La popolazione è profondamente delusa dalla rabbia per la battuta d'arresto, che ha già portato a licenziamenti di massa. D'altra parte, le "virtù confuciane" hanno dimostrato il loro valore in questa crisi quando i cittadini coreani hanno donato 165 tonnellate d'oro nel gennaio 1998 per salvare il loro paese dall'insolvenza.

Nonostante tutta la delusione per il fallimento dei responsabili, i coreani rimangono un popolo laborioso ed energico che cercherà di assorbire le battute d'arresto in un'offensiva di esportazione. Può superare le incertezze del presente, affrontare di nuovo il futuro con coraggio e continuerà a credere nell'importanza presente e futura della sua cultura unica.

Il più grande problema irrisolto rimane la riunificazione delle due Coree, che le persone del sud temono: le esperienze con l'unità tedesca sono estremamente deludenti.

La Corea del Nord è in uno stato molto peggiore di quanto non sia mai stata la Germania dell'Est; il sud non è efficiente come l'economia della Germania occidentale. Se in Germania abbiamo già problemi con l'integrazione di 17 milioni di cittadini dei nuovi stati federali (con una popolazione dei vecchi stati federali di 65 milioni), come si suppone che 45 milioni di sudcoreani creino un paese più grande con una popolazione di più di 20 milioni??
Si cercano consigli utili!

Ma non è ancora così lontano. Non si può dire se e quando le due Coree saranno unificate; presumibilmente molto dipenderà dalla leadership cinese, che può tenere la Corea del Nord o lasciarla cadere.

Fino ad allora, la Corea del Sud continuerà a lavorare diligentemente, migliorare l'economia, fare progressi politici e cercare di mitigare le turbolenze sociali e ambientali inevitabili in uno sviluppo così rapido.

Auguriamo il meglio ai coreani, che ora sono stranieri amichevoli e disponibili, che ho imparato ad apprezzare in diversi soggiorni più lunghi come consulente tecnico, e al loro paese panoramico ed esotico!