Categorie
storia della religione

Religioni dell'Antichità II: EGITTO

(Pubblicato su GralsWelt 34/2004)

VITA PER MORTE?

"Non uscirai (= muori) da casa tua se non conosci il luogo dove giace il tuo corpo. Che il tuo luogo di riposo, dove desideri che il tuo corpo sia sepolto, sia noto, affinché tu possa essere sepolto... Adorna... la tomba che conterrà il tuo corpo”.
Da un antico testo egizio dello scriba Ani. (5, pag. 202).

TESTI RELIGIOSI DEGLI EGIZI
I miti egizi sono solitamente tramandati solo da scrittori antichi (es. Erodoto, Plutarco, Diodoro).
La letteratura religiosa d'Egitto comprende numerosi testi come inni agli dei, invocazioni, trasfigurazioni e, dal nuovo regno, anche preghiere. Furono progettati nei templi e adornarono le pareti delle tombe reali e in seguito anche di tombe private. Mancano determinazioni dogmatiche, tanto che non si può parlare di religione libraria. I più noti di questi testi sono:
Antico Regno: Testi delle Piramidi,
Regno di mezzo: testi della bara,
New Kingdom: Underworld Texts e il Libro dei Morti.
Gli studiosi di religione discutono i testi tradizionali. Gli esoteristi presumono che il contenuto dell'insegnamento più profondo fosse segreto e potesse essere trasmesso solo oralmente. Avremmo quindi a nostra disposizione solo i testi profani destinati al grande pubblico, che potrebbero essere più lontani dagli insegnamenti più profondi del sermone di un prete di villaggio dalle lezioni in un'accademia dei gesuiti.

L'EGITTO È QUALCOSA DI SPECIALE:

Nel clima arido del deserto, i manufatti di un'antica cultura si conservano meglio che altrove, ei reperti archeologici "nella sabbia" sono incomparabili per portata, materiale e valore ideale.

Tombe riccamente arredate, decorate con immagini e iscritte, raccontano la vita quotidiana di migliaia di anni fa, le credenze religiose e le prove che hanno atteso tutti i defunti nel loro viaggio nell'aldilà.

Tuttavia, ciò che gli esperti determinano dai numerosi templi, tombe, mummie, iscrizioni, manufatti dell'antico Egitto, per la comprensione religiosa della gente di quel tempo è strano: si ha l'impressione che la vita non fosse il fulcro della vita quotidiana, ma la morte; che la cosa più importante sulla terra non era la formazione delle condizioni di vita, ma la preparazione alla morte, all'altro mondo, all'essere dopo la morte.

"La vita è breve, la morte è lunga" era apparentemente la credenza degli antichi egizi; ed era necessario prepararsi a questa lunga, lunghissima esistenza dopo la morte. In quale altro modo capire che gli artigiani della "Valle dei Re", che costruivano tombe per l'élite nei giorni feriali, lavoravano alla propria tomba nei giorni festivi?

Dopo la morte, il cadavere di ogni egiziano i cui parenti potevano permetterselo doveva essere conservato e ospitato in una tomba che fosse il più permanente possibile, protetta dai ladri e conteneva tutte le attrezzature necessarie e utili per il viaggio nell'aldilà. Più una personalità influente, più grandiosa è la sua tomba, le decorazioni tombali, i corredi funerari. Questo culto della morte assunse proporzioni che difficilmente si trovano tra nessun altro popolo, anche se ancora oggi si considerano indispensabili magnifici monumenti funebri per personalità di spicco.

sopravvivenza dopo la morte

IL MITO DI OSIRIS
Osiride era il figlio maggiore del dio della terra Geb e della dea del cielo Nut, e quindi il legittimo erede del regno terreno, che governò con la moglie Iside. Fu un periodo felice che terminò bruscamente quando Seth, il fratello minore, uccise Osiride e smembrava il cadavere. Iside è andata alla ricerca delle parti del corpo, è stata in grado di metterle insieme e portarle in vita abbastanza a lungo da permettere a Osiride di generare Horus con lei.
Osiride ottenne l'immortalità e divenne il sovrano degli inferi, incluso il paradiso, suo figlio Horus il legittimo re.
Le immagini di culto mostrano Iside con il ragazzo Horus e un egiziano potrebbe ancora scoprire raffigurazioni corrispondenti in forme più moderne in molti luoghi oggi.
Il mito del dio morto (assassinato) e risorto è un'idea religiosa diffusa che compare, ad esempio, nella mitologia greca nella forma di Adone e Attis, nei miti germanici come Baldur.

Gli antichi egizi credevano nella vita dopo la morte sulla terra e avevano idee sul paradiso, ma a quanto pare non si aspettavano più vite sulla terra.

Sembra che non potessero scrollarsi di dosso l'idea che la natura immateriale e spirituale della persona (il suo ka) potesse sopravvivere solo in stretta connessione, persino in dipendenza, dal suo cadavere. I loro sforzi per preservare il corpo attraverso l'imbalsamazione e per proteggerlo dalla decomposizione attraverso elaborati siti di sepoltura furono altrettanto grandi:

Poiché il ka del defunto ha vita eterna solo se trova una dimora permanente nel corpo preservato o in un'immagine immortale, i re, temendo che il loro corpo imbalsamato un giorno si disintegri, lasciano la loro immagine di pietra in una stanza segreta della piramide impostare." (7)

L'antico viaggio egizio nell'aldilà ci sembra altrettanto confuso:

"L'egiziano desiderava trascorrere la giornata al fresco della sua tomba, banchettando con le provviste che i suoi discendenti portavano alla tomba, o che la magia gli forniva... per venire al sole brigantino al calar della notte, per fermarli, per fare spazio ci vuole per attraversare l'orizzonte, e così passare in sicurezza negli inaccessibili e pericolosi regni dell'Aldilà... per dimorare lì nei Giardini di Osiride, o in qualche altro paradiso a piacimento, e trovare piacevoli passatempi... nel momento in cui il sole sorge preparandosi a lasciare questi incantevoli regni, che ancora una volta erano immersi nelle tenebre, per salire di nuovo sulla chiatta di Re, per attraversare su di essa l'orizzonte orientale e per tornare sulla terra con l'alba del giorno... e finalmente in la forma di un uccello con testa umana, come la tradizione concedeva alle anime per questo pellegrinaggio, in fretta di raggiungere la tomba”. (3, p. 47 segg.):

Il mondo degli dei

Gli antichi egizi avevano l'idea di un cosmo unificato e ordinato. Il corso del sole ha mostrato questo ordine, che ha trovato la sua personificazione nella dea del cielo Ma'at, la figlia del dio del sole.

Il popolo egiziano richiedeva immagini descrittive per il contenuto delle proprie convinzioni. Fu così che nacquero numerosi dei, che governarono il cosmo, operarono nella natura o nella società, o influenzarono la vita personale dell'individuo.

Ma queste figure divine probabilmente hanno avuto origine più da quello
Le credenze popolari (o una credenza molto più antica nei demoni?) non erano necessariamente "dei", ma piuttosto principi operativi dell'innominabile, indescrivibile:

"Le immagini degli dei non sono somiglianze di una divinità, così come i nomi nominano davvero l'innominabile, anche se avesse mille nomi." (2a pag. 8).

Anche le figure con teste di animali, a noi così estranee, non devono essere viste troppo unilateralmente:

“A molti dei viene assegnato un animale nella cui specie (nei tempi classici non nell'individuo) si manifesta la funzione e l'essenza della divinità. L'arte raffigura spesso questa divinità con corpo umano e testa di animale, come Horus con testa di falco, o Thoth, dio della scrittura e dell'aritmetica e inventore della scrittura, con testa di ibis, ma anche come un uccello di ibis.
La testa di animale denota una parte essenziale del numen, che si pensava non potesse essere espressa in modo così preciso e allo stesso tempo esauriente. (2a pag. 8).

All'inizio gli dei egizi erano per lo più divinità locali, forse a volte esseri naturali (deva), il cui culto era profondamente radicato nelle persone:

"Ma dietro le centinaia di dei c'è in definitiva un solo dio principale. Il grande dio del sole, che di per sé rimane sfuggente, santo e anonimo, si personifica in una vasta gamma di dèi, maschili e femminili. (6).

Come in altre religioni dell'antichità, le idee monoteistiche non erano sconosciute in Egitto, almeno nella classe superiore, e la classe spiritualmente dirigente ha cercato più e più volte di mettere ordine nella varietà delle idee religiose e di adattarle al loro monoteismo filosofico.

Il popolo, sostenuto dai sacerdoti, ha resistito alle riforme religiose e ha fallito, ad esempio Akhenaton (Amenophis IV, 1364-47 aC) Tentativo rivoluzionario di sostituire i vari dei e culti con un insegnamento monoteistico, anche per il forte legame del popolo con la tradizione. (3, pag. 59).

mediatore degli dèi

I templi erano i centri del culto degli dei. La sua parte più importante è Sekor, la cappella, il santo dei santi. Una stanza bassa e buia contenente un'immagine della divinità principale, che i sacerdoti sacrificavano e adoravano in un rituale quotidiano. I fedeli potevano avvicinarsi all'idolo solo nei giorni festivi, quando veniva portato fuori dal tempio, coperto di teli. Quindi tutti potevano pregare la divinità o farle domande. Risposte d'accordo o in disaccordo sono state mostrate nei movimenti dell'immagine.

Il più importante mediatore delle divinità era il faraone, che poteva interrogarle direttamente nel santo dei santi e riceveva da loro risposte che oggi possiamo solo spiegare come manipolazioni da parte del sacerdozio. Ogni visitatore dell'Egitto rimane colpito dalle grandi incisioni rupestri che si trovano su quasi tutti i templi, raffiguranti un faraone che si sacrifica a un dio, garantendo la protezione della divinità per il paese.

Dopo la sua morte, il faraone divenne "Osiride", che ora protegge il suo paese dall'aldilà. Nasce così il culto della personalità attorno al faraone, incomprensibile dal punto di vista odierno, quale indispensabile intercessore tra le divinità.

————————————————————————————————————–

LETTERATURA:
(1) Barnett, Mary: "Gods and Myths of Ancient Egypt", Gondrom, Bindlach, 1998.
(2) Brunner-Traudt, Emma/Brunner, Hellmut: "Osiride, Croce e Mezzaluna", Philipp von Zabern, Magonza, 1984.
(3) Drionton, Étienne: "Le religioni dell'antico Oriente", Pattloch, Aschaffenburg, 1963.
(4) Friedell, Egon: "Storia culturale dell'Egitto e dell'antico Oriente", DTV, Monaco, 1982.
(5) Morenz, Siegfried: "La religione egizia", W. Kohlhammer, Stoccarda, 1977.
(6) http://www.aegypten-rundreise.de/religion.htm.
(7) http://religion.orf.at/tv/lexikon/le_aegypten08.htm.