Categorie
Strane storie

Il vero Robinson

All'epoca in cui andavo a scuola quasi tutti i bambini conoscevano il "Robinson Crusoe" di Daniel Defoe (ca. 1660-1731). Il libro ha avuto diverse edizioni, comprese versioni semplificate per bambini, e "Robinson" è diventato sinonimo di un eremita su un'isola deserta.
Il bestseller trovò imitatori e le "Robinsonades" - storie d'avventura su velieri, naufraghi e isole solitarie - divennero un genere letterario a sé stante. Ad esempio, l'ufficiale di marina inglese Frederick Marryat (1792-1848) fece arenare un'intera famiglia su un'isola solitaria nel suo "Sigismund Rüstig", dove dovettero farsi strada e persino difendersi dai nativi assetati di sangue.

Tuttavia, il "Robinson Crusoe" di Defoe non era una figura di pura fantasia, ma aveva un modello reale:

Alexander Selkirk (1676-1721)
Nato in Scozia, era un marinaio un po' selvaggio ed esperto che, ad es. B. prestò servizio come capitano di vela[1] su un certo numero di navi, compresi i corsari.
Nell'ottobre 1704 la sua nave sbarcò sull'"Isla Mas a Tierra" (nell'odierno arcipelago Juan Fernandez, a ovest del Cile nel Pacifico) per cercare acqua potabile. Non un'isola da scoprire, ma bellissima con forniture sufficienti per diversi residenti e molta acqua. Il clima è equilibrato tutto l'anno. Oggi vi abitano circa 600 persone, principalmente pescatori di gamberi.

Dopo l'atterraggio, si scoprì che lo scafo della nave era gravemente danneggiato dai proiettili di borragine[2]. Secondo Selkirk, la nave non poteva più raggiungere il porto successivo. Il capitano non era d'accordo con Selkirk, noto come Testacalda, e ne seguì una discussione, che terminò con Selkirk che fu lasciato solo sull'isola.
Questo probabilmente gli ha salvato la vita. Perché la nave era in realtà così gravemente danneggiata che presto si capovolse e la maggior parte dell'equipaggio annegò.

Il modesto equipaggiamento di Selkirk consisteva in un moschetto con munizioni, selce, del tabacco, vestiti di ricambio, un'accetta, una pentola e una Bibbia. Inoltre, c'era un coltello che ogni marinaio portava con sé.

Si è prima accampato sulla spiaggia, probabilmente in una grotta. In seguito trovò una bella sorgente dove poter costruire una capanna. I topi portati da una nave gli causarono problemi e lo infastidirono finché non riuscì ad addomesticare i gatti che erano sbarcati anche loro, che avrebbero poi potuto proteggerlo.

Sapeva usare molto abilmente le risorse dell'isola:
* C'erano crostacei sulla spiaggia, ma anche grandi e pericolosi leoni marini. In una laguna riuscì a catturare aragoste e pesci.
* Per fortuna nell'interno dell'isola sono state trovate delle capre, che fornivano carne, latte e pelli. A quel tempo, alcuni capitani abbandonarono alcune capre su isole deserte. Come disposizioni di emergenza per i naufraghi o come alimento aggiuntivo di benvenuto per le navi che sbarcano. Senza nemici naturali, queste capre di solito andavano d'accordo e si riproducevano.
* Selkirk conosceva anche le piante: trovò pastinache selvatiche con radici simili a carote, che fornivano verdure, oltre a ravanelli, erbe e bacche di pepe per integrare la sua dieta a base di carne. L'unica cosa che gli mancava davvero era il sale. Grazie alla sua dieta varia, rimase più sano di molti marittimi dell'epoca, che spesso soffrivano di scorbuto.
* Als seine Kleidung total verschlissen war, musste er sich mit selbst gebastelter Kleidung aus Ziegenfellen behelfen. Löcher konnte er wohl mit einem, später von Archäologen gefundenen Stechzirkel (ein für einen Segelmeister typisches Hilfsmittel) in die Felle stechen. Den Zwirn mussten Ziegen-Sehnen ersetzen. Schuhe wusste er nicht anzufertigen, nachdem die seinigen restlos abgetragen waren. Doch seine Füße waren inzwischen so mit Hornhaut bedeckt, dass er auf Schuhe verzichten konnte.
* Riuscì persino a forgiare un coltello dai cerchi di un barile trovato sulla spiaggia. Per fare questo, ha dovuto prima produrre carbone per un fuoco di fucina sufficiente. Era un artigiano versatile.

L'autosufficienza teneva Selkirk impegnato, ma la solitudine pesava su di lui. Per non deprimersi, leggeva spesso la Bibbia. Questo non solo racconta di un geloso dio della vendetta, che punisce severamente ogni trasgressione, ma contiene anche – soprattutto nel Nuovo Testamento – parole di speranza che possono dare forza interiore nel momento del bisogno.

Quando una nave spagnola sbarcò nel 1707, Selkirk dovette fuggire nell'entroterra e nascondersi. Gli spagnoli, che non tolleravano gli stranieri sul loro territorio, lo avrebbero trattato come un corsaro e avrebbero compiuto un processo breve ma brutale.

Il 2 febbraio 1709, il corsaro britannico Duke, che ancorò al largo dell'isola e prese Selkirk, portò in soccorso. Si unì all'equipaggio la cui nave, protetta da una lettera di marca[3], combatteva e saccheggiava i nemici in nome della Corona d'Inghilterra.

L'ex isolano tornò quindi in Inghilterra per un certo periodo nel 1711 con una certa fortuna come celebrità.
Fu quindi riportato in mare, dove morì come tenente a bordo di una nave da guerra britannica.

La sua avventura sull'isola fu resa ampiamente nota per la prima volta nel 1712 nel libro Cruising Voyage di Woods Rogers. In tempi recenti, gli archeologi hanno cercato tracce del suo soggiorno sulla sua isola, che da allora è stata ribattezzata "Alejandro Selkirk" in suo onore.

Note di chiusura:
[1] Il Sailing master era un marinaio esperto che era responsabile della navigazione. Un po' come il timoniere di oggi.
[2] Il trivellatore di navi (trivellatore di navi, Teredo Navalis) lebt in warmen bis gemäßigten Zonen im Salzwasser. Sie kann überall Schaden anrichten, wo geeignete Holzbauten im Wasser stehen. Durch Holzschiffe wurde sie weltweit verschleppt. Zum Glück gibt es den Schiffsbohrwurm nicht in der nicht sehr salzhaltigen, kühlen Ostsee. Sonst könnten wir die barocke Wasa von 1628 nicht in ihrem Museum in Stockholm bewundern.
Fu solo alla fine del XVIII secolo che le navi furono regolarmente dotate di lastre di rame, che proteggevano dal tarlo, ma non sempre duravano abbastanza a lungo.
[3] Tali corsari erano abbastanza simili ai corsari, tranne per il fatto che dovevano limitarsi a catturare navi dai paesi nemici.

Letteratura:
(1) Wikipedia “Alexander Selkirk”.
(2) "Stranded in Paradise", Der Spiegel, 2/2/2009, nel 300° anniversario del salvataggio di Alexander Selkirk.