Categorie
storia della religione

La vista oltre la soglia

Pubblicato nel numero speciale Gralswelt 24
C'è una certezza nella vita di una persona: che il ciclo di vita terreno è limitato. Da un punto di vista fisico, gli esseri viventi sono sistemi instabili che devono essere mantenuti da un continuo apporto di energia. Cambiano costantemente e alla fine giungono alla loro inevitabile fine. La durata massima di un organismo vivente sulla terra è specifica per specie. Varia tra minuti per i microrganismi[1] e molti secoli in alcune specie vegetali. Questo ci porta a una domanda che, di tutte le forme di vita sulla terra, solo gli esseri umani chiedono: le cose continueranno dopo la mia morte fisica e, se sì, come?

Misterioso alla luce del giorno
Non può essere privato del velo della natura;
E ciò che potrebbe non rivelare alla tua mente,
Non conquistarla con leve e viti.
(Johann Wolfgang von Goethe)

Dove stiamo andando?

Le tre domande fondamentali religiose e filosofiche sono: da dove veniamo? Dove stiamo andando? Qual è il senso della nostra vita terrena?

Tutte le religioni offrono risposte che spesso sono annoverate tra le "verità religiose fondamentali". Ma credere a queste verità di base oggi spesso è solo un servizio a parole. Ad esempio, relativamente poche persone sono convinte che, nonostante la scomparsa del corpo fisico, il vero essere umano, la sua personalità spirituale, continuerà ad esistere. E chiunque creda nella "vita eterna" dell'anima umana o dello spirito umano non è ancora sicuro di come appariranno le cose laggiù, nell'altro mondo, e come le cose continueranno per loro personalmente.

Cosa ci succede dopo aver varcato la soglia nell'altro mondo, nei livelli dell'aldilà? Migliaia di anni fa, le persone ponevano le stesse domande che facciamo noi oggi, nell'era post-industriale del materialismo. Le risposte a questa domanda fondamentale dell'esistenza sono state e sono tuttora ricercate in un'ampia varietà di modi. Ma Dove si cercano queste risposte? Quali sono i modi per cogliere uno "sguardo oltre la soglia"?

La scienza della morte

Un ramo della scienza relativamente nuovo, la tanatologia, si occupa da diversi decenni dei processi al confine tra la vita e la morte (terrena), cioè al passaggio dell'anima umana - o in altre parole: la "sostanza" che è consapevole di coscienza - da questo mondo nell'aldilà.

Ad esempio, si stanno tentando di ottenere informazioni iniziali sull'aldilà attraverso resoconti di esperienze di pre-morte. Le esperienze di pre-morte sono esperienze di persone che erano temporaneamente morte clinicamente. Sebbene il loro cervello non mostrasse alcuna funzione in base alle misurazioni effettuate, percepivano l'ambiente circostante e, inoltre, elementi di un mondo ultraterreno. C'è una marea di pubblicazioni su esperienze di pre-morte o esperienze fuori dal corpo al confine tra la vita e la morte. Numerosi rapporti provenienti da diversi continenti sono stati raccolti, pubblicati e interpretati dalla IANDS (International Association for Near-Death Studies). Già nell'antichità autori come Pitagora e Platone riferivano di esperienze di pre-morte (4, p. 36).

Gli scienziati naturali di oggi hanno difficoltà ad accettare processi extra-materiali. Ciò include, tra le altre cose, le esperienze mentali di una persona clinicamente morta, che indicano la continuazione dell'esistenza dopo la morte terrena. Il fatto frequentemente osservato della chiarezza mentale e della consapevolezza in caso di perdita clinica di coscienza - ad esempio in coma o in caso di morte cerebrale diagnosticata[2] - non rientra nella nostra visione materialistica del mondo.

Si tenta quindi di interpretare tali impressioni come stati cerebrali speciali, come quelli che potrebbero essere causati da una mancanza di ossigeno. A seconda del proprio atteggiamento personale, tuttavia, l'individuo può certamente vedere la prova dell'esistenza di un aldilà nelle molte esperienze conosciute di pre-morte.

religioni

Quasi tutte le religioni insegnano concetti di essere dopo la morte, di paradiso, inferno e purgatorio, che, nonostante le loro differenze, hanno anche dei paralleli. Molte idee sull'aldilà sono persino sorprendentemente simili. Queste somiglianze provano solo i primi contatti culturali tra i popoli, o mostrano che sono processi naturali dell'essere umano, che – indipendentemente dall'etnia e dalla religione – avvengono allo stesso modo per tutti in tutto il mondo?

A differenza del cristianesimo, alcune religioni - come il buddismo - hanno sviluppato idee dettagliate sul passaggio al mondo ultraterreno, sul soggiorno e sulla successiva rinascita[3]. Inoltre, in molti popoli e religioni esistono rituali che sostengono una persona morente quando lascia il proprio corpo terreno o che hanno lo scopo di facilitare i primi passi nell'aldilà dopo la morte.

Molti vorrebbero continuare a cercare, per saperne di più sul mondo ultraterreno, che ci è estraneo eppure così vicino, e in cui un giorno ci immergeremo. È possibile che questa sia una conoscenza antica a cui abbiamo appena perso l'accesso.

misteri

Quasi ogni religione ha i suoi misteri. Possono essere culti segreti che non sono accessibili a tutti. O di rivelazioni il cui contenuto superficiale è noto, ma la cui comprensione più profonda rimane un mistero per i più. Nell'antichità esistevano culti segreti come i Misteri Eleusini (5, p. 40). Si diceva che coloro che erano stati ammessi a questi dovessero vivere un'esperienza religiosa speciale.

Anche nel cristianesimo ci sono “misteri della fede” che sono stati rivelati ma non sono accessibili a interrogativi scettici. Questi misteri cristiani comprendono le dottrine della Trinità, dell'Incarnazione di Dio, della morte espiatoria vicaria di Gesù e dell'Eucaristia[4]. Entrarono a far parte della liturgia. Qui incontriamo il difficile equilibrio tra esperienza scientifica e religiosa, che da secoli minaccia di lacerare la teologia.

I misteri sollevano la questione fondamentale se esista una conoscenza privilegiata, una conoscenza che può essere vissuta solo in determinate circostanze e non automaticamente da tutti. Questo presupposto è anche alla base dei discorsi di guru, maestri o iniziati.

L'inaugurazione

Gli antichi culti misterici - ad esempio in Egitto e in Grecia - conoscevano un'"iniziazione" che presumibilmente consisteva nel far familiarizzare le persone con i regni più vicini dell'aldilà. Coloro che erano passati attraverso questi misteri, che sono stati molto apprezzati nel corso dei secoli, hanno avuto intuizioni nell'aldilà nella loro esperienza personale. Dopo di che, la vita dopo la morte è stata una certezza per lui. 

Iniziazione nel buddismo tibetano
Alexandra David-Néel (1868-1969), lei stessa addestrata come lama buddista, scrisse sull'argomento dell'iniziazione:
“I lamaisti partono dall'idea che il 'metodo' e l'abilità in generale giocano un ruolo importante. Oltre all'arte di vivere bene, bisogna anche comprendere l'arte di morire bene se non si vuole vivere male nell'aldilà.
Come iniziato, si sa cosa attende dopo la morte, e attraverso una profonda contemplazione si sono già sperimentati i sentimenti che accompagnano la morte. Pertanto, il distacco dal corpo non può né sorprendere né eccitare, e 'quello' che deve poi continuare il suo cammino, mentre ora entra nell'aldilà con coscienza sveglia, vagherà lungo strade ben note verso destinazioni ben note. (2, pag. 29)

In Asia, ad esempio, si dice che i lama tibetani che sono stati iniziati abbiano ancora familiarità con i processi coinvolti nel passaggio dal mondo terreno a quello ultraterreno (vedi riquadro).
Alcuni moderni circoli esoterici offrono un'iniziazione in Europa o in America, che vuole connettersi ai vecchi misteri o farli rivivere. La misura in cui ciò può essere raggiunto è discutibile. Tali moderni riti di iniziazione non sono solo legati agli antichi misteri. Si trattava di culti segreti, dei cui rituali si è tramandato poco, poiché ogni iniziato era obbligato a mantenere un rigoroso segreto. Scrittori come Apuleio (circa 125-170 dC) non potevano che dare cenni sulle loro esperienze iniziatiche[5]. Pertanto, le esperienze nell'aldilà, così come i rosacrociani e altre tradizioni occulte o magiche o insegnamenti asiatici confluirono anche negli sforzi moderni verso l'iniziazione a una conoscenza più profonda.

Esperienze mistiche personali

Come si ottiene un'esperienza interiore, mentale e spirituale più profonda? Le persone religiose o esoteriche vedono diversi possibili percorsi per il risveglio interiore:
• Vivere la natura (nessun entusiasmo per la natura)
• Elevato senso della vera arte
• Vivere una grave crisi interna
• Profondo e puro amore sentito
• Rituali religiosi spirituali
• preghiera
L'esperienza ha mostrato che tali approcci religiosi non sempre portano all'esperienza spirituale desiderata, all'esperienza religiosa, all'«illuminazione»[6]. Dipende molto dall'apertura del ricercatore, dalla sua disponibilità ad assorbire intuizioni superiori.

Poiché non è sempre possibile per tutti acquisire un antenato del mondo superiore in modo diretto, ad esempio attraverso l'apertura mentale al numinoso (santo, divino), alcuni gruppi vogliono forzare l'auspicata espansione della coscienza attraverso metodi occulti . Ricorrono anche a strumenti discutibili, a volte perversi, come quelli conosciuti da alcune religioni naturali.

Ma tali mezzi di coercizione si possono trovare anche nell'occultismo, a volte anche nelle religioni riconosciute: tecniche di respirazione, ritiri, estasi estatica, ipnosi, magia, negromanzia (necromanzia), culti sacrificali (crudeli), pendoli, droghe, magia sessuale, spiritualismo - ci sono innumerevoli Metodi per generare artificialmente i contatti desiderati nell'aldilà o l'esperienza interiore mancante. Con ciò, il ricercatore può mettersi su strade che lo portano fuori strada e che non sono affatto innocue (1).

Collegato in modo errato?

Le droghe (droghe)[7] hanno svolto un ruolo importante nelle religioni naturali come lo sciamanesimo o nei culti antichi. Si deve presumere che alcune idee religiose siano nate in tempi non scritti - forse anche sotto l'influenza di droghe che alterano la mente - e siano state scritte solo molto più tardi.

Un'eco spesso inosservata dell'antico significato cultuale delle droghe inebrianti si trova ancora oggi nelle alte religioni: ad esempio nell'uso rituale dell'incenso o dell'alcol (vino sacramentale). Si può presumere che alcune "impressioni dall'aldilà" - millenni fa come oggi - siano sorte in tali modi, ad esempio in stati di intossicazione psichedelica. Questi portano un'apparente "espansione della coscienza", ma nessuna impressione affidabile dall '"altro mondo". Le droghe colpiscono il cervello, possono produrre impressionanti "fuochi d'artificio" al suo interno, ma certamente non trasmettono immagini affidabili dallo spirituale.

È simile alle visioni che sorsero in estasi estatica. Secondo le affermazioni del Messaggio del Graal (1), sono soprattutto le proprie immagini mentali, ma anche quelle degli altri, ad avere un effetto sul veggente. Anche una festa cristiana deve probabilmente la sua origine a tali visioni[8].

In questi casi, il chiaroveggente in questione crede quindi di ricevere un'ispirazione superiore, perché non c'è quasi niente di più convincente per una persona che la conferma delle proprie opinioni. In effetti, tali veggenti si sono spesso smarriti nel vasto regno delle forme-pensiero umane che non possono offrire ulteriori spiegazioni. Erano "disconnessi" e scambiavano le immagini-pensiero umane per una saggezza superiore, fuorviati da "fantasmi" (forme-pensiero) o "demoni" (forme-sensazioni).

In singoli casi non è facile distinguere le autentiche intuizioni nell'aldilà dalle immagini distorte dell'immaginazione umana. Gli spiritisti quindi a volte discutono violentemente di "spiriti fuorviati", "spiriti bugiardi", "spiriti spettrali" o "spiriti impuri" che fuorviano i ricercatori. Rapporti su questo si possono trovare anche nella Bibbia (es. Marco 1:21-26).

Per trovare la propria strada in questo groviglio di insegnamenti religiosi e idee trascendenti, solo il proprio senso della verità può in definitiva fungere da bussola e da segnale affidabile, rappresentato da una rivelazione genuina.

Riconoscimento di mondi superiori

Non tutti possono essere un chiaroveggente, un visionario (dotato) che apre intuizioni nell'altro mondo. Questa è una buona cosa, perché una visione reale e alta richiede requisiti che solo pochi possono soddisfare.

Ma il resto di noi ha ancora opzioni, in modo naturale, senza tutoraggio artificiale! – per raggiungere un'esperienza del trascendente: nel corso della sua vita, ognuno ha esperienze che gli mostrano che il pensiero, la mente, non è tutto. Ci sono esperienze mentali che vanno molto più in profondità e vanno oltre.

Inoltre, la maggior parte delle persone - di solito in situazioni di emergenza - entra in contatto con esseri naturali o anche con coloro che sono stati separati più volte nella loro vita, che li avvertono o li incoraggiano. In letteratura si possono trovare innumerevoli resoconti di tali esperienze; spesso sotto la parola chiave "angelo custode". Se lasci che tali esperienze affondino, ottieni l'immagine di un mondo nascosto ai nostri occhi, ma altamente vivo al di là del terreno. La vita dopo la morte terrena può così diventare una certezza per la persona.

Si può basarsi su queste modeste esperienze personali su piccola scala e trarre ulteriori conclusioni: se c'è un mondo al di là in cui sono all'opera gli spiriti umani e gli esseri naturali, allora ci si può aspettare che ci siano ancora aree superiori e più fini al di sopra i livelli trascendenti della creazione che ci mentono. Inoltre, non è lontano il pensiero che al di sopra degli esseri naturali che occasionalmente intuiamo, sentiamo, sentiamo, ci siano altri esseri superiori come "capi degli elementi" (1), simili alle divinità antiche. Dopo un'ulteriore estrapolazione, alla fine emerge un'idea molto antica di umanità: L'idea di un dio supremo.

Note di chiusura:
[1] Nel caso di organismi unicellulari (batteri), la durata massima della vita non può essere ben definita. Poiché si riproducono per divisione, sono "potenzialmente immortali" a meno che non si voglia vedere la divisione come la fine del ciclo vitale.
[2] Sul controverso criterio di morte "morte cerebrale" si veda GralsWelt n. 72/2012, p. 30.
[3] Ad esempio nel "Libro tibetano dei morti" (Walter-Verlag Solothurn, 1994), che mostra somiglianze con il "Libro egizio dei morti".
[4] Eucaristia = ringraziamento. Il focus è sulla consacrazione, di cui il Concilio di Trento (1545-1563) ha affermato che nel sacramento dell'Eucaristia dopo la consacrazione del pane e del vino «Nostro Signore Cristo, vero Dio e uomo, è veramente, realmente ed essenzialmente presente a somiglianza di quelle cose visibili (pane e vino)». (3, p. 149).
[5] L '"Asino d'oro" di Apuleio, molto apprezzato dagli esoteristi, risale al tardo periodo dei culti misterici ed è scritto in uno stile allegro che manca della serietà un tempo rigida dei culti misterici.
[6] Nel Buddismo Zen, l'illuminazione viene definita conoscenza della natura universale dell'esistenza. Ciò corrisponde presumibilmente all'esperienza dell'unità dei mistici occidentali, l'"unio mystika".
[7] Da un punto di vista storico-culturale, ogni popolo aveva i suoi speciali intossicanti, la cui tipologia dipendeva dalla disponibilità regionale (cfr. Grail World n. 67/2011, "L'uomo violento", riquadro “Geografia degli intossicanti”).
[8] La festa del Corpus Domini (Corpus Christi = Corpo del Signore) nacque dalle visioni della corista agostiniana Juliana von Mont Cornillon dal 1208 in poi.

Letteratura:
(1) Abd-ru-shin, Alla luce della verità, Grail Message, casa editrice Grail Message Foundation, Stoccarda o.J.
(2) David-Néel Alexandra, Saints and Witchers, Brockhaus, Wiesbaden 1981.
(3) Schema di fede, Kösel, Monaco di Baviera 1980.
(4) Hagl Siegfried, The Gap between Science and Truth, Casa editrice della Graal Message Foundation, Stoccarda 1986.
(5) Hagl Siegfried, Spreu und Weizen, Gralsverlag, Purgstall 2003.
www…
Esperienza extracorporea:
de.wikipedia.org/wiki/Ausserkörperliche_Erfahrung.
www.das-weisse-pferd.com/99_24/nahtoderlebnisse.html.
Esperienza di pre-morte in rete e. v.:
http://www.netzwerk-nahtoderfahrung.org/.
Thanato TV