Categorie
storia della religione

Gesù era onnisciente?

Pubblicato in GralsWelt 45/2007

Quando chiedi a qualcuno qualcosa che non sa, o forse non può nemmeno sapere, la sua risposta a volte è una domanda scattante: "Sono io Gesù?"

Questa implicazione colpo per segno è che Gesù, in quanto Figlio di Dio, sarebbe stato onnisciente.

Era davvero lui?

Domande del sadduceo

Ad essere sincero, a volte faccio anche una domanda falsa, che è più per confondere l'altra persona che per ottenere una risposta:

Ogni poche settimane ricevo la visita di credenti biblici a cui piace parlare con me, anche se sanno da molto tempo che la mia comprensione della Bibbia è diversa dalla loro. Allora le chiedo B. dalla lingua in cui Mosè scrisse i Dieci Comandamenti (come principe egiziano probabilmente conosceva la scrittura egiziana, ma difficilmente la scrittura ebraica). O mi chiedo che lo Spirito Santo - che dovrebbe essere la Bibbia letteralmente dettato o ispirato: non sapevo quante volte il diametro di un cerchio rientra nella circonferenza di un cerchio (1 Re 7:23 ci dice che la circonferenza di un cerchio 3 volte purché il suo diametro).

Gesù avrebbe dovuto conoscere il numero di Ludolph? Il numero di Ludolph è il numero trascendente Pi = 3,14159... con infinite cifre dopo la virgola. Per un artigiano edile (LUI era un carpentiere o uno scalpellino) i 3 1/7 dell'antichità sarebbero stati abbastanza precisi. Come ingegnere, non mi è capitato spesso di aver bisogno di un valore più preciso di 3,14.

Sapeva Gesù che la terra è una sfera? Conosceva la circonferenza della terra, che era stata misurata in modo relativamente accurato per secoli?[io] (Potrebbe averlo imparato dai filosofi greci o romani; difficilmente dai rabbini ebrei).

Si sarebbe potuto chiedere a Gesù la distanza della luna dalla terra e quella della terra dal sole? (Gli antichi astronomi conoscevano entrambe le distanze solo in modo molto approssimativo).

Sono certo che LUI avrebbe rifiutato con estremo dispiacere tali domande, che non erano né utili né significative per i suoi obiettivi. Così come rifiutò le domande dei Sadducei[ii] è stato accolto in modo sprezzante.

Un'immagine moderna di Dio

Tutti hanno sentito dire che Gesù è il "Figlio di Dio"[iii] era.

Cosa significa questa filiazione di Dio?

Alcune religioni diffondono ancora oggi idee ingenue di un Creatore onnisciente. Si prende continuamente cura di ogni individuo (umano, animale e - vegetale?) e interviene nella sua opera di creazione per correggerla se necessario. Questo dio creatore si adatta alla comprensione medievale del governo. La sua immagine è quella di un re saggio che vede tutto, sa tutto, dirige tutto.

Il messaggio del Graal di Abd-ru-shin delinea un'immagine più generosa di Dio che corrisponde meglio alla nostra moderna comprensione del mondo:

La nostra meravigliosa creazione è quindi supportata da leggi eterne e perfette della natura o creazione, all'interno della quale tutti gli esseri possono svilupparsi. Queste sante leggi promuovono gli sviluppi verso l'alto e inibiscono gli sviluppi indesiderati. Sono sufficienti in sé e per sé per preservare e promuovere le creazioni di Dio. Gli interventi diretti del Creatore nella sua opera possono essere assunti solo in casi eccezionali estremamente rari, molto speciali. In nessun caso sono da aspettarsi atti arbitrari che si muovano al di fuori delle leggi naturali che emanano da Lui stesso.

Un'approssimazione a un'immagine di Dio più moderna - che in realtà è impossibile per la natura della materia - può darci l'idea di Dio come punto di partenza, origine di tutti gli esseri. Allora possiamo forse immaginare il Creatore come un gigantesco mare di fuoco, di dimensioni incomprensibili, che emette costantemente radiazioni. Questa emanazione di Dio contiene tutto, comprese le leggi, necessario per la formazione, lo sviluppo e il mantenimento di tutte le cose create.

Questa immagine dinamica di Dio è inevitabilmente incompleta o addirittura sbagliata. Perché Dio è inconsistente; quindi non formato, mobile, non fisso, incomprensibile. HE è tutto e orsi Tutti possibilità del passato e del futuro secondo la legge della creazione per tutta l'eternità. Nessuna immagine umana, nessuna concezione terrena, nessuna forma essenziale, nessuna idea spirituale può eguagliare la sua vita Per rendere giustizia all'essere distante, in cui passato, presente e futuro sono un tutt'uno.

Chi era Gesù?

Un Figlio di Dio sulla terra sarebbe una persona in forma umana, che porta in sé una goccia del divino, inconsistente mare di fuoco; una scintilla divina che contiene tutto ciò che caratterizza Dio stesso. Quindi un tale emissario di luce è un'incarnazione della volontà di Dio, cioè un portatore delle leggi divine. È connesso allo spirito di verità e inseparabile da suo padre.

Questo rende necessariamente LUI onnisciente?

Gesù deve essere stato onnisciente?

Gesù - come parte del Dio vivente - viveva ed era nella legge di Dio modo.

LUI aveva la grande visione d'insieme della tessitura della creazione. LUI ha sperimentato le connessioni secondo le leggi della creazione. Ha percepito una cattiva condotta spirituale e terrena. Tutto ciò che era contrario alle leggi terrene e spirituali della creazione doveva essere percepito da lui come sbagliato. Infine, ma non meno importante, LUI riconosceva gli effetti finali di approcci sbagliati, sapeva dove portavano le strade sbagliate.

Gesù ha mediato Saggezza. LUI ha costruito ponti per condurre le persone fuori dalla loro comprensione limitata, legata al tempo, verso intuizioni più elevate, verso la vera conoscenza di Dio. Per farlo, LUI ha dovuto parlare la loro lingua - anche in senso figurato - per incontrarli al loro livello di comprensione. Per gli ebrei di quel tempo, la base da cui Gesù poteva condurli verso l'alto era l'Antico Testamento.

Ma non credo che lo sia Tutto quanto "sapevo". Che parlava tutte le lingue del mondo, conosceva tutte le religioni, conosceva tutte le piante e gli animali, padroneggiava tutti i mestieri, sapeva navigare le navi in tutti i mari, aveva tutta la conoscenza fattuale del suo tempo presente e futuro - giusto e sbagliato - a portata di mano, ecc.

In passato sarei stato minacciato di un processo per eresia per tali affermazioni, e anche oggi alcuni credenti si indigneranno. Posso solo chiedere a queste persone di pensarci in modo imparziale.

La veridicità dell'insegnamento di Gesù soffrirebbe se Gesù non conoscesse il numero Pi? Quante cifre decimali del numero trascendente di Ludolph avrebbe dovuto conoscere un messaggero divino? O la sua reputazione ne avrebbe risentito se non avesse saputo dire quali lingue scritte parlava Mosè?

La mia riverenza per un Figlio di Dio non diminuisce ma aumenta se credo che LUI non sarebbe stato sapendo tutto ma modo!

Perché la saggezza è più della conoscenza! La saggezza eterna sta al di sopra della conoscenza fattuale legata al tempo che nessuno può conoscere completamente.

Note di chiusura:
[io] Eratostene di Cirene (276-194 aC) stabilì che la circonferenza della terra fosse di 37.800 km. Il valore di oggi è di 40.000 km.
[ii] Le domande del sadduceo sono domande poste per mettere in imbarazzo la persona che viene posta. L'interrogante pensa di conoscere già la risposta. (Questa domanda trabocchetto è annotata, per esempio, in Matteo 22:24-30).
[iii] Per gli antichi, un figlio di Dio non era niente di speciale. Tutti i tipi di eroi, ad es. B. Eracle, erano figli di dèi, e un uomo antico avrebbe chiesto: “Il figlio quale di Dio?” Anche gli ebrei ortodossi si consideravano “figli di Dio”. Solo nel cristianesimo la filiazione di Dio divenne un concetto teologico importante.