Categorie
economia e affari sociali

Un popolo orgoglioso raggiunge il potere mondiale

(Pubblicato su GralsWelt 65/2011)

Alla luce degli sviluppi in Cina, sorge la domanda se l'"economia di libero mercato" abbia ancora un futuro.
La competizione di domani inizia nelle scuole e nei college

Ho pensato di recente. Durante il mio esame sulla materia "dinamica dei veicoli" all'università, una ragazzina cinese ha scritto di gran lunga il miglior saggio. Un caso isolato che statisticamente non significa nulla nel mio piccolo gruppo di studenti? Quando l'ho raccontato a mia figlia, che insegna chirurgia in un'università e visita gli studenti per l'esame di stato, è arrivato il commento: "Chi altri?"

“In passato, l'Occidente ha distrutto la democrazia in altri paesi, in nome della democrazia. Ha derubato altri paesi della libertà - in nome della libertà. Violato i diritti umani dei paesi dell'Est – in nome dei diritti umani”.
Mo Luo, docente all'Accademia cinese delle arti (1, p. 78).

Cosa sta succedendo nel nostro paese densamente popolato, che non dispone di significativi giacimenti di materie prime, ma la cui industria ha prosperato in passato grazie all'affidabilità, alla diligenza e all'abilità?

È forse la tanto citata "etica confuciana" che fa avanzare i giovani asiatici meglio della nostra "società a soldi zero" nel "parco dei divertimenti democratico"? Oppure gli asiatici orientali – come credono loro stessi – hanno un QI più alto degli europei? Forse perché per secoli hanno dovuto imparare una scrittura molto complicata?

Ci siamo, la connessioneSS perdere in cima al mondo?

Durante la mia prima visita in Corea, ho notato che l'apprendimento è molto importante in Asia. L'etica confuciana tradizionale richiede dovere, diligenza e lealtà, e il suo ideale è il gentiluomo universalmente istruito e altamente istruito (solo di recente sono state incluse le donne). Di conseguenza, la disponibilità all'apprendimento degli asiatici orientali è notevole.

In Occidente si sente dire che i bambini – ad esempio in Cina, Giappone e Corea – sono sopraffatti a scuola in un'età troppo giovane. Questa pressione inaudita per esibirsi li avrebbe esauriti così tanto nella loro giovinezza che in seguito non avevano il potere innovativo. Se questa affermazione non è corretta, l'Europa e gli Stati Uniti affrontano tempi difficili.

"Esercitazione confuciana" contro il capitalismo privato occidentale

Viviamo in un'epoca in cui quasi nessun paese può rischiare una grande guerra. La distruzione da temere dalle moderne armi di distruzione di massa sarebbe così catastrofica che alla fine non farebbe alcuna differenza se la guerra fosse formalmente vinta o persa.

Invece, ci sono sempre più "guerre asimmetriche" più simili ad atti di terrorismo oa una rivolta popolare che a una guerra classica. Ecco perché le rivalità dei grandi stati ora si giocano nel campo dell'economia. Questo vale anche per la "battaglia per il mercato mondiale" tra Oriente e Occidente.

“Nell'autunno del 2004, per la prima volta nell'UE, i negozi cinesi locali sono stati saccheggiati nella città spagnola di Elche: il 16 settembre una folla inferocita ha preso d'assalto i negozi di scarpe cinesi, gettando la merce nelle strade e dando loro fuoco. Devi sapere che Elche è stata conosciuta per decenni come il centro della produzione di scarpe spagnola. Tuttavia, i produttori ora li hanno in gran parte trasferiti nella Cina a buon mercato, da dove provenivano non solo le scarpe economiche, ma anche i commercianti cinesi più agili che ci siano: residenti della città cinese orientale di Wenzhou, conosciuta in tutta la Cina come il popolo Wenzhou e per noti per il loro istinto per gli affari. Così hanno portato a casa loro stessi i prodotti dalla produzione che era stata modernizzata dall'outsourcing di Elche. Perché lasciare questa faccenda agli spagnoli?

È così che immagini un mondo che trema a causa della Cina? Forse. Probabilmente anche. Ma qualcos'altro pesa di più: un banco da lavoro messo in moto da diverse centinaia di miliardi di dollari non consuma solo manodopera a basso costo, giovane, flessibile, poco esigente, ma anche elettricità e materie prime, soprattutto petrolio».
Jörg M. Rodolfo (4, p. 145 segg.).

Al momento, il fulcro dell'interesse è il rapporto tra gli USA con i suoi “valori occidentali” e la Cina con la sua “esercitazione asiatica”. Finché l'Unione Europea divisa non avrà una voce politica comune, nessuna politica estera comune e nessuna economia coordinata, giocherà solo un ruolo minore in questa resa dei conti economica come un'appendice degli Stati Uniti.

Di massima importanza nella competizione tra i due sistemi sono i volontà di esibirsi e il forza innovativa delle persone che qualità dei governi e il Accesso al materie prime scarse. Al momento i cinesi sembrano avere il vantaggio:

L'efficienza degli asiatici orientali è già stata discussa. In che misura siano anche innovativi è controverso.

Nella storia recente, importanti scoperte scientifiche e innovazioni tecniche sono giunte regolarmente da paesi con una cultura liberale, borghese e libere opportunità di sviluppo. Ma ci sono poche ragioni per sottovalutare un popolo che, fino al XV secolo, era leader mondiale nella tecnologia. Helmut Schmidt ha scritto nel suo libro "La vicina Cina":

“Secoli fa, rispetto all'Europa di allora, i cinesi determinavano un'enorme produttività di sviluppi tecnologici scientificamente fondati; è ipotizzabile che questo ritorni. In questo momento, hanno altre preoccupazioni oltre a quella di usurpare la leadership nello sviluppo tecnologico mondiale". (5, p. 309).

Il governo cinese appare unito al mondo esterno. Il loro regime autoritario a partito unico non conosce processi democratici, spesso lunghi e macchinosi. Decisioni chiare possono essere applicate in breve tempo, senza molto riguardo per l'opinione popolare. Difficoltà interne come i deficit nei diritti umani e nei sistemi sociali, gli squilibri tra poveri e ricchi e tra città e campagna, i danni ambientali e la drammatica distruzione della natura possono essere sorvolati da abili governanti fintanto che il popolo cinese, noto per la sua pazienza, avere la sensazione che le cose stiano andando le condizioni sono migliorate, la prosperità generale è aumentata.

Con riserve in valuta estera che ammontano a 2,6 trilioni di dollari, il "forziere di guerra" cinese è ben fornito per tutte le eventualità, mentre quasi tutti i paesi occidentali gemono a causa di livelli di debito insostenibili. In questo modo, la Cina può sostenere i paesi poveri ma ricchi di risorse – ad esempio in Africa – e quindi garantire l'accesso ai loro giacimenti di materie prime. Per i cinesi è un vantaggio economico il fatto che, come l'Occidente, non interferiscano negli “affari interni” e, ad esempio, non debbano pretendere il rispetto dei diritti umani.

In questo contesto, gli appelli ben intenzionati dei politici occidentali a migliorare la situazione dei diritti umani in Cina possono al massimo portare a correzioni estetiche. Perché la Cina comunista si sente forte e si prepara a battere la principale potenza occidentale, gli USA! Secondo le attuali previsioni, la produzione economica della Cina dovrebbe superare quella degli Stati Uniti tra il 2020 e il 2030.

Ciò significherebbe che il reddito pro capite degli attuali 1,3 miliardi di cinesi sarebbe ancora modesto rispetto agli standard occidentali. Ma il fattore decisivo, soprattutto per la sensibilità dei cinesi, è il trend. E questo attualmente parla per la Cina con la sua economia di grande successo. Le fabbriche cinesi non sono più focalizzate su prodotti economici. Dalla Cina, leader di mercato per televisori, lettori DVD e telefoni cellulari, ad esempio, arrivano sempre più prodotti high-tech con grandi prospettive per il futuro. L'industria cinese è particolarmente interessata alle tecnologie future come auto elettriche, celle solari, tecnologia ambientale, impianti eolici e simili.

Cina: un popolo orgoglioso sulla strada per diventare una potenza mondiale

Dopo la morte di Mao Zedong (1893-1976), che aveva lasciato il Paese in uno stato disastroso, Deng Xiaoping (1904-1997) poté avviare uno sviluppo sistematico dal 1978.

In primo luogo, ai contadini è stata data l'opportunità di trarre profitto personale dalle eccedenze prodotte. Poi sono seguite le "zone economiche speciali" in cui le compagnie straniere potevano stabilirsi. Hanno dovuto lavorare con partner cinesi, che hanno dato loro accesso alle moderne tecnologie.

Quasi tutte le società globali sono ora attive nella Repubblica popolare e forniscono gratuitamente il più recente know-how ai loro concorrenti dell'Asia orientale. Non c'è da stupirsi che la Cina sia riuscita a recuperare il ritardo tecnologico a un ritmo inimmaginabile e sia diventata competitiva a livello globale.

Al momento, la Cina ha già un prodotto interno lordo più elevato (5,745 miliardi di US$) rispetto al Giappone (5,391 miliardi di US$) e si colloca al secondo posto dietro agli Stati Uniti[io]. Nessuno dubita più che la Cina stia per diventare la prima potenza economica.

Nel corso della storia, la potenza economicamente più potente è diventata regolarmente anche la più importante potenza politica e militare. È diverso questa volta? Riusciranno gli Stati Uniti fortemente indebitati a mantenere il loro vantaggio negli armamenti a lungo termine? In ogni caso, non sarà facile per gli Stati Uniti d'America, che dalla seconda guerra mondiale sono la prima potenza economica e militare mondiale, accontentarsi del secondo posto!

Dopo molti disordini caotici nel 19° e 20° secolo, i cinesi sono tornati ad essere un popolo orgoglioso. Guardi indietro a una cultura molto antica con 5000 anni di storia a scacchi. I cinesi non hanno ancora dimenticato le umiliazioni inflitte loro da europei o giapponesi nel XIX e XX secolo.

Un cinese che veste occidentale, ha studiato negli USA, utilizza tecnologie e sistemi economici occidentali nel suo Paese non è automaticamente un sostenitore della filosofia illuminista o un democratico convinto.

Oggi la Cina è disposta e probabilmente in grado di conquistare il posto che merita nella società mondiale come nazione più grande, e per molto tempo anche più innovativa e colta.

“L'opinione pubblica in Germania, essenzialmente il giornalismo tedesco, i mass media, ma anche i politici tedeschi, tendono a lasciare che l'America suggerisca che la Cina e la tendenza al rialzo cinese rappresentano un pericolo per noi. In realtà, i problemi economici che noi tedeschi e noi europei abbiamo meno a che fare con la Cina che con sviluppi indesiderati di cui siamo responsabili. Se un concorrente è un po' meglio di noi in un campo, significa prima di tutto che abbiamo sbagliato qualcosa o fatto qualcosa di sbagliato. Serve a poco evocare la pericolosità dell'avversario e creare così uno scontro che aggrava ancora di più la situazione".
Helmut Schmidt (5, p. 297).

L'esperimento dell'"economia di mercato" è finito?

In Cina, il “capitalismo dei quadri” determina lo sviluppo economico del Paese. Piani enormi, progetti di costruzione giganteschi possono essere realizzati senza molta resistenza, anche contro la volontà di una parte della popolazione. I dittatori - come in Unione Sovietica, per esempio - possono eludere decisioni autocratiche sbagliate.

I governi democraticamente controllati, d'altra parte, sono vincolati da vincoli politici di partito e spesso possono raggiungere solo compromessi a metà. Nelle democrazie occidentali domina l'economia di libero mercato, lasciando a ciascun partecipante al mercato la facoltà di decidere cosa e dove investire e produrre. I progetti più grandi devono essere oggetto di critiche pubbliche e possono essere ritardati o addirittura impediti da obiezioni di ogni tipo.

Quindi abbiamo davanti a noi un esperimento interessante: è l'"economia di libero mercato" che trova sempre e ovunque i modi migliori e più redditizi che servono maggiormente il bene comune? Oppure, almeno nel caso di un paese emergente, il controllo intelligente del governo può portare avanti gli sviluppi con maggiore successo?

il Scuola di Chicago con molti vincitori di premi Nobel, tra cui il popolare Milton Friedman (1912–2006), ha predicato per decenni la superiorità del libero mercato, del settore privato su tutte le altre forme di economia. La privatizzazione delle società statali era considerata all'ordine del giorno. Durante la Guerra Fredda, questo era l'atteggiamento accettato, "politicamente corretto". Nel frattempo sono sorti i primi dubbi. Anche i politici cominciano a rendersi conto che uno stato non dovrebbe abbandonare i servizi di base essenziali di acqua, elettricità, gas, trasporti pubblici, fognature, smaltimento dei rifiuti e così via.

È un peccato che Milton Friedman - il grande guru delle privatizzazioni - non possa più essere inviato in un viaggio attraverso l'Inghilterra sulle ferrovie inglesi privatizzate, e poi in un viaggio svizzero sulle ferrovie statali svizzere!

La Cina farà di meglio?

“I cinesi stanno facendo pressioni perché devono creare posti di lavoro nel proprio Paese. Questa tendenza aumenterà. Questo sta lentamente cominciando a rendersi conto degli europei. Ciò vale anche per la Polonia e la Repubblica ceca. Ma poiché la Cina è un grande paese, la concorrenza sarà altrettanto grande. Questa domanda occuperà le relazioni tra l'UE e la Cina in futuro. D'altra parte, le domande su cosa si può vendere in Cina, se le armi dovrebbero essere vendute lì o come la Cina diventerà una democrazia passeranno in secondo piano. Si tratterà principalmente di posti di lavoro. La nostra posizione non è comoda. "
Helmut Schmidt (5, p. 187).

Oggi non è più concepibile un'economia mondiale senza la Cina. Nessuna grande azienda può fare a meno del mercato cinese e della cooperazione con i partner cinesi. Quante aziende si rammaricano di essersi lasciate ricattare e di aver pagato un prezzo troppo alto per entrare nel mercato cinese: l'obbligo di trasferire tecnologia? Con il quale potrebbero aver avviato una deindustrializzazione dei loro paesi d'origine e persino scavato la propria fossa nel lungo periodo! Ma cosa pensa il manager decenni avanti!

Oggi sempre più aziende americane, europee e giapponesi sono costrette a produrre in Cina non solo per il mercato cinese ma anche per il mercato mondiale per motivi di costo. Con il risultato di un progressivo declino del settore industriale nei tradizionali paesi industrializzati.

Libertà democratica o centralismo moderato?

Noi occidentali siamo convinti che il nostro sistema di valori occidentale e liberale, modellato dalla filosofia dell'Illuminismo, soddisfi al meglio i desideri e le esigenze delle persone.

Tutti gli altri sistemi di governo – siano essi autocrazia, dittatura, regime di partito unico fascista o comunista, monarchia, oligarchia o teocrazia – sono falliti, o – come nel caso del turbo-capitalismo – stanno per fallire. Secondo un'opinione ampiamente espressa, a lungo termine non può esserci stato stabile senza democrazia.

Al momento stiamo tutti assistendo a un esperimento su larga scala che viene portato avanti a spese di miliardi di persone - noi compresi: la lotta per il dominio economico del mondo tra il capitalismo dei quadri dell'Est e le democrazie occidentali. Entrambi i sistemi di governo presentano punti deboli: ad esempio nella riduzione della burocrazia, della corruzione, dei diritti umani, della gestione sostenibile, della conservazione della natura, della criminalità organizzata, della guerra di trincea dei partiti politici, dei sistemi sociali, della protezione dell'ambiente, della giustizia distributiva, ecc., che devono correggere se vogliono sopravvivere nella competizione globale. Non si può escludere che questa guerra economica sarà decisa sul campo di battaglia ecologico piuttosto che economico.

La “fine della storia” propagandata prematuramente da Francis Fukuyama (2) è ancora lontana. A suo avviso, dopo la caduta della cortina di ferro, il liberalismo in forma di democrazia e di economia di mercato dovrebbe prevalere in tutto il mondo. Nessuno sa ancora quale sistema avrà più successo e offrirà al suo popolo le migliori condizioni di vita: la democrazia propagata dall'Occidente – che non di rado si lacera – con la sua “libertà”, che spesso è intesa solo come libertà dei mercati; o un centralismo moderato con un controllo economico mirato nel rispetto dei diritti umani, forse simile a un assolutismo illuminato[ii], come una volta in Europa, ma integrato da un controllo democratico appropriato?

Forse c'è anche una componente religiosa (fanatica) da giocare in questo dibattito.

Il nostro futuro sarà emozionante! Speriamo non sia troppo eccitante, perché - come diceva mio padre nel Terzo Reich - "non è bello vivere in tempi eccitanti".

Leggi anche questo „China III“

Letteratura:
(1) Der Spiegel, 1/2011, pag.72 seg.
(2) Fukuyama Francis, La fine della storia, Kindler, Monaco di Baviera 1992.
(3) Brain Wolfgang, Challenge China, Fischer, Francoforte 2005.
(4) Rudolph Jörg-M., Quando la Cina arriva nel mondo, Centro statale dell'Assia per l'educazione civica, Wiesbaden 2005.
(5) Schmidt Helmut, Neighbor China, Econ, Berlino 2006.
www…
La "Scuola di Chicago":
http://de.wikipedia.org/wiki/Chicagoer_Schule.
Situazione ambientale in Cina:
http://de.wikipedia.org/wiki/Umweltsituation_in_der_Volksrepublik_China.
Capitalismo dei quadri:
http://de.wikipedia.org/wiki/Volksrepublik_China#Kader-Kapitalismus.

Note di chiusura:
[io] Il prodotto interno lordo degli USA è di 14.624 miliardi di US$, quello della Germania, che è al quarto posto nel mondo, 3.306 miliardi di US$ (secondo la "Süddeutsche Zeitung" del 15 febbraio 2011). Le cifre relative alla popolazione sono: Cina: 1350 milioni, USA: 291 milioni, Giappone: 130 milioni, Germania: 82 milioni.
[ii] I rappresentanti più noti dell'assolutismo illuminato furono Federico II di Prussia (Re 1740-1786), Caterina la Grande di Russia (Imperatrice 1729-1796), Maria Teresa d'Austria (Arciduchessa 1740-1780), Giuseppe II (Sacro Romano Impero Imperatore della nazione tedesca 1765-1790).