Categorie
economia e affari sociali

Cartagine: il primo stato capitalista?

(Pubblicato aprile 2014)

Già molto prima dell'età industriale, una città antica offriva un esempio di economia capitalista. L'economia avanzata di Cartagine assicurò grandi successi al potere commerciale, ma a costo di molte vite. Dopo la sua distruzione da parte dei romani, ne ripresero il modello di successo, ma ora stavano inesorabilmente cadendo a pezzi...

Antica New York
Anticamente il Nord Africa – dove all'epoca le foreste erano ancora abbondanti – era un'area agricola molto produttiva che rimase il granaio di Roma fino al V secolo d.C.
I Cartaginesi, chiamati "Punici" dai romani, avevano sviluppato un'agricoltura ben organizzata nelle aree dell'attuale Algeria, Libia, Marocco e Tunisia. Oltre alle coltivazioni si coltivavano olivi, vite, fichi e palme da dattero (8). Ottimi raccolti sono stati ottenuti con la coltivazione intensiva e l'irrigazione artificiale. Questi possedimenti cartaginesi erano molto più produttivi degli appezzamenti dei piccoli contadini romani. Per i romani, i nordafricani erano sgradevoli concorrenti nel commercio a lunga distanza.

Nel III secolo aC Cartagine, la "New York dell'antichità", si era sviluppata nel più grande impero commerciale del suo tempo grazie alla sua posizione geograficamente favorevole. Cartagine era la città più ricca e magnifica del Mediterraneo; molto più ricca di quanto non fosse stata Atene nel suo periodo di massimo splendore.
Il dominio della città-stato di Cartagine comprendeva le fasce costiere del Nord Africa e della Spagna, le città sul Mar Mediterraneo e un certo numero di isole. Il porto commerciale di Cartagine forniva il principale snodo per il commercio mediterraneo e l'interno del suo leggendario porto navale pesantemente schermato era uno dei suoi segreti meglio custoditi. Come tutte le città fenicie[i], la cosmopolita Cartagine era rinomata per la sua abilità marittima e soprattutto per i suoi abili mercanti che conoscevano ogni trucco. Le galee da guerra dei Fenici dominavano il Mediterraneo e le loro chiatte dominavano il commercio marittimo tra le Azzorre e le coste greche.
A Cartagine, essendo la più importante delle città fenicie, regnavano ricchi mercanti. La città-stato ha promosso il commercio e ha imposto monopoli commerciali.
Ad esempio, agli agricoltori delle Isole Baleari (Maiorca, Minorca, ecc.) è stato vietato la coltivazione di cereali. Vi si poteva produrre solo vino e olio. In compenso la coltivazione dell'olivo e della vite in Sardegna era vietata, pena la morte. Quindi queste isole dipendevano dalle forniture dei prodotti mancanti da parte dei Cartaginesi, che sapevano usare il loro monopolio (7, p. 48).
L'idea di costringere interi stati alla dipendenza economica mediante la forza militare e di trarne il proprio profitto non risale quindi in alcun modo al periodo del colonialismo moderno, emanato dall'Europa nel XV secolo.

guerra con Roma
A metà del III secolo aC, il crescente impero romano si scontrò con i Cartaginesi, che volevano impossessarsi dell'isola di Sicilia per fermare la pirateria da lì. A quel tempo, la Sicilia non faceva parte di Roma.
I conflitti armati che ne risultarono portarono a dure battaglie decisive per la leadership nella regione mediterranea, il cui esito ebbe un'influenza duratura sulla storia dei secoli successivi.
Cartagine perse la sua presa sulla Sicilia, che ora divenne romana, nella prima guerra punica (264–241 aC).
Quarant'anni dopo, dopo la seconda guerra punica, la "guerra di Annibale" (218-201 aC), Cartagine dovette rinunciare a tutti i suoi possedimenti fuori dall'Africa dopo una sconfitta decisiva. Di conseguenza, l'importanza politica dell'ex grande potenza si era notevolmente ridotta. Per Roma Cartagine non era più una minaccia militare.
Ma economicamente, la città-stato sconfitta si sviluppò presto così bene da poter competere con successo con i romani e suscitò la loro invidia.

La prima teoria del capitalismo?
Qualche tempo dopo la fine della seconda guerra punica, un'ambasciata romana si recò a Cartagine per colloqui politici. Uno dei senatori alla guida di questa delegazione era Marco Porcio Catone il Vecchio (234–149 aC). Come funzionario, si sforzò di preservare le antiche virtù romane. In privato possedeva una grande tenuta e rimase interessato all'agricoltura per tutta la vita. Ora ha trovato l'opportunità di studiare sul posto i metodi molto produttivi dell'agricoltura punica.
Nella biblioteca di Cartagine (poi completamente distrutta dai romani), Catone, con l'aiuto di un interprete, gli fece mostrare un'opera famosa, di cui già circolavano voci a Roma. Nel II secolo aC, lo scrittore punico Mago scrisse un'ampia enciclopedia agricola che non è sopravvissuta. Il suo contenuto ci è noto solo da citazioni di altri autori che lo hanno elogiato come il "padre dell'agricoltura".
Mago inizia nel suo lavoro «con l'acquisto dell'immobile. Proprio all'inizio del primo libro rivela di essere molto capitalista. Per lui, la terra, la pioggia e il sole sono solo forze con cui, con un po' di abilità, si possono produrre beni vendibili. La terra non è casa per Mago, e le piante, gli animali e il tempo non sono per lui un pezzo di natura, nel cui ciclo è serrato il destino dell'uomo; Per il cartaginese il contadino non è l'uomo radicato nella terra che è legato al cuore della sua fattoria: conosce solo la forza lavoro umana e animale per la coltivazione dei campi e degli orti. Le sue ricerche sono finalizzate all'uso più appropriato del lavoro: cerca di creare le basi scientifiche per una coltivazione della terra puramente capitalista, il cui fine ultimo è il più alto rendimento possibile del capitale speso. (7, pag. 47).

mezzi di produzione umana
Quindi Catone trovò l'opportunità di vedere di persona come funzionavano in pratica le teorie del Mago:
In un campo apparentemente infinito “il grano bruno-dorato ondeggia su steli corti e forti […] Una fila di diverse centinaia di schiavi di tutte le razze si muove lentamente contro il grano in piedi. Ciascuno di questi uomini e donne è armato con una falce affilata e un sacco. Al ritmo indicato da alcuni sorveglianti, tagliavano le spighe dagli steli e le mettevano nei sacchi. Dietro la prima fila di uomini e donne passa una seconda catena, che taglia la paglia vicino al suolo, e dietro di loro ballano dei flautisti, alla cui musica si deve fare il lavoro.
A volte le lunghe fruste di ippopotamo dei sorveglianti si abbattevano sulle loro schiene nude, marroni, nere e abbronzate. Maledizioni e urla risuonano poi attraverso i campi polverosi e luminosi della "Fabbrica del grano".
E queste lunghe file di schiavi sono legate insieme con cinghie di cuoio. Hanno solo la libertà di movimento sufficiente per fare il loro lavoro [...] Tutte queste centinaia di persone sui chilometri di campi della piantagione insieme formano un grande mietitore..." (7, pag. 49).

Cartagine non poteva più combattere guerre per ottenere schiavi dopo la seconda guerra punica. Il costante approvvigionamento di "materiale umano" richiesto dal suo modo di coltivare vacillò. Di conseguenza, l'agricoltura cartaginese altamente produttiva aveva un problema. Perché l'usura dei "mezzi di produzione umani" era grande.
Nella tenuta, uno schiavo poteva lavorare a pieno ritmo per al massimo una dozzina di anni, con un'aspettativa di vita di appena vent'anni. Nei laboratori, la durata di vita era più breve. Gli schiavi dei mulini potevano essere utilizzati di solito solo per quattro anni, e nelle miniere e sulle galee la manodopera si consumava ancora più rapidamente (7, p. 49)[2]. Gli schiavi recalcitranti venivano puniti crudelmente.

L'unico successo di Catone e la penitenza di Roma
"Il vecchio censore [5] influirono profondamente sulla storia romana. Per secoli la gente lo ha guardato come il tipico romano della repubblica: Cicerone [Nota: scrittore e oratore romano 106-43 a.C. AVANTI CRISTO] lo idealizzò nel suo de senecute; il suo pronipote[6] ha reincarnato la sua filosofia senza il suo umorismo; Marco Aurelio [Nota: imperatore romano 161-180 d.C.] lo ha preso come modello; Fronto [7] ha invitato i letterati latini a tornare alla semplicità e alla schiettezza del suo stile. Eppure la distruzione di Cartagine fu il suo unico vero successo. La sua campagna contro l'ellenismo fallì completamente; La letteratura, la filosofia, la retorica, la scienza, l'arte, la religione, i costumi, i costumi e l'abbigliamento erano sotto ogni aspetto soggetti all'influenza greca. Catone odiava i filosofi greci; suo famoso discendente [Nota: Catone il Giovane, vedi nota 6] si circondò di loro. La fede religiosa che aveva perso non sarebbe stata da lui rianimata e continuò a declinare. Soprattutto, tuttavia, la corruzione politica, che aveva combattuto così duramente in gioventù, crebbe e si approfondì man mano che gli uffici diventavano più redditizi man mano che l'impero si diffondeva; ogni nuova conquista rendeva Roma più ricca, più depravata, più spietata. Roma aveva vinto tutte le guerre tranne quella sociale in patria, e con la distruzione di Cartagine finì l'ultimo ostacolo alla lotta di classe. Ora, in cento amari anni di rivoluzione, Roma dovrebbe fare penitenza per aver conquistato il mondo”. Will Durant (2, p. 197 segg.). 

L'improvvisa fine di Cartagine...
La schiavitù non era un problema per il Catone romano. Tutti gli stati antichi erano più o meno basati sul lavoro schiavo a basso costo, che era anche la regola a Roma. E finché le guerre riuscite portavano un numero sufficiente di prigionieri, gli schiavi non mancavano.
Ciò che era nuovo per i romani era il coerente pensiero capitalista dei Cartaginesi e la loro ben organizzata coltivazione della terra. In qualità di esperto economista, capì rapidamente perché i Puni erano in grado di competere con così tanto successo con i romani. Il futuro era nelle grandi proprietà gestite dagli schiavi. I piccoli contadini della penisola italiana con le loro culture miste erano forse più a prova di crisi, ma non competitivi!
Tornato a Roma, Catone scrisse un libro su ciò che aveva vissuto a Cartagine "Di agricoltura" (1) nominato. Una copia di quest'opera potrebbe essere trovata presto in molti possedimenti romani. Le conclusioni che Catone trasse dalle sue osservazioni risuonano nelle orecchie di tutti gli studenti delle scuole superiori. D'ora in poi, ciascuno dei discorsi di Catone davanti al Senato si concludeva con la nota frase:
Ceterum censeo Carthaginem esse delendam (A proposito, penso che Cartagine debba essere distrutta).

Finora le milizie romane, costituite prevalentemente dalla popolazione contadina, avevano condotto principalmente guerre difensive. Ora seguivano la voce impetuoso di Catone.

La terza guerra punica (149-146 aC) fu la prima di molte incursioni romane che seguirono, che servirono esclusivamente gli interessi economici e di potere imperialisti di Roma.

Marco Porcio Catone non visse abbastanza per vedere l'annientamento di Cartagine nella terza guerra punica da lui compiuta. Ma è grazie alla sua influenza che il libro di testo di Magone, l'unica opera di tutta la letteratura punica, fu tradotto dai romani dopo la completa distruzione di Cartagine. Gli autori romani poi lo citarono molto.

...e la fine strisciante di Roma
Cartagine - ritenuto il primo stato capitalista "moderno" - fu fondata nel 146 a.C. conquistato in modo infido e crudele per invidia competitiva e completamente distrutto. Dopo di che, il potere romano vittorioso adottò i suoi metodi brutali di sfruttamento e perse le sue antiche virtù.
Anche l'economia romana subì pressioni a causa del continuo “consumo di schiavi”. Erano necessarie sempre più guerre per catturare schiavi o accedere ai mercati degli schiavi orientali.
Dopo la distruzione di Cartagine, centinaia di migliaia vennero in Italia come schiavi. Gli amministratori romani rilevarono i possedimenti dei Cartaginesi. E nell'anno della distruzione di Cartagine (146 aC), un esercito romano attaccò anche la ricca città greca di Corinto, la saccheggiò, la incendiò e portò via 100.000 schiavi.
L'antico capitalismo dipendeva da una fornitura permanente di "mezzi di produzione umani", che le guerre predatorie dovevano fornire!

Le guerre puniche ebbero conseguenze drammatiche per i contadini romani. La maggior parte dei legionari che avevano sconfitto Cartagine in tre guerre erano contadini. Il loro numero di sangue era alto.
Durante la seconda guerra punica Annibale devastò gran parte dell'Italia. Molti degli agricoltori liberi sono entrati in difficoltà economiche e hanno dovuto indebitarsi. Sempre più terreni agricoli divennero grandi proprietà nelle mani di poche famiglie. I nuovi proprietari seguirono gli insegnamenti del Mago cartaginese e produssero a buon mercato senza rivali attraverso il lavoro degli schiavi. Quella fu la fine dell'antico stato agricolo romano.
Gran parte dei contadini che un tempo fondarono Roma e poi la resero grande in dure lotte furono impoveriti dalle guerre. Spesso non avevano altra scelta che fuggire dal paese. Il risultante proletariato urbano crebbe e crebbe.

L'abuso di potere e la corruzione divennero la regola tra coloro che erano al potere. Roma era sulla via del "declino morale tardo romano", spesso denunciato, che raggiunse il suo primo culmine sotto Nerone (37–68 d.C.).

Catone di tutti i popoli, un tempo fedele custode delle antiche virtù romane, diede un contributo decisivo alla caduta del tradizionale modo di vivere contadino e al decadimento delle antiche usanze!

Il ricordo della romantica vita di campagna in un'epoca in cui una presunta virtuosa Roma che lottava per la giustizia si preparava a conquistare il mondo divenne presto oggetto di glorificazione poetica. Come scrisse il grande poeta Virgilio (70-19 aC) al tempo dell'imperatore Augusto:
"I contadini sarebbero felicissimi, / Se potessero impossessarsi dei propri beni! / Poiché tienili lontani dal rumore delle armi / La vita in abbondanza fa prosperare tutti i giusti, la terra!“ 

Il Senato romano era dominato dagli oligarchi[3], ricchi mercanti e grandi proprietari terrieri che ignoravano rigorosamente gli interessi del popolo. Nonostante le proteste e persino le rivolte dei plebei[4], i governanti riuscirono a imporsi con astuzie e violenze.
Roma sprecò ogni legittimità morale per le sue conquiste e - nonostante i suoi successi tecnici e organizzativi - divenne un'immagine nemica per il resto del mondo.
Qualcuno vede un parallelo con i giorni nostri?

Il lavoro degli schiavi ha bloccato il progresso?
Una questione molto discussa è se il lavoro schiavo a basso costo abbia rallentato lo sviluppo tecnico degli antichi romani. In effetti, avevano già molte delle conoscenze che più di un millennio dopo portarono alla svolta scientifica e tecnica nel Rinascimento e soprattutto in epoca barocca.

Perché i romani non hanno inventato la polvere da sparo e la macchina a vapore? Avrebbero potuto salvare il loro impero con i cannoni? Era più conveniente ed economico lasciare lavorare gli schiavi piuttosto che sviluppare macchine costose?

Probabilmente non sarà mai possibile rispondere a tali domande oziose. Ma sembra indiscutibile che l'eccessiva economia schiavista abbia gettato il seme per la caduta di Roma e abbia contribuito al trionfo del cristianesimo. 

Note di chiusura:
[1] Fenicia, la "Terra della Porpora Rossa", era l'antico nome di un tratto di costa della costa mediterranea siriana. Dalle città di Tiro, Sidone, Berytos e Biblos, mercanti fenici fondati intorno al 1200 a.C. aC colonie commerciali nel Mediterraneo e oltre, di cui Cartagine divenne la più importante.
[2] Una durata media della vita di 19 anni per gli schiavi e 32 anni per i romani liberi è stata calcolata da lapidi latine con informazioni sull'età. I nati morti e i bambini piccoli deceduti non vengono presi in considerazione, per cui l'effettiva aspettativa di vita media era ancora più bassa. (4, pag. 6).
[3] Oligarchia = forma di governo in cui il potere statale è nelle mani di una piccola cricca, che è venuta al potere per origine e ricchezza, non per prestazioni.
[4] Plebei = nello stato romano, il ceto medio e basso che non apparteneva ai nobili (la nobiltà).
[5] Censore = alto funzionario della Repubblica Romana. Tra l'altro era responsabile delle stime fiscali.
[6] Marco Porcio Catone il Giovane (95-46 aC), avversario di Cesare.
[7] Marco Cornelio Frontone (100–170 d.C.), grammatico, retore e giurista.

Letteratura:
(1) Catone, Marcus Porcius, A proposito di Ackerbau, Franz Steiner, Wiesbaden 2005.
(2) Durant, Will, Storia culturale dell'umanità, Volume 7, Edizioni Rencontre, Lausanne n.d.
(3) Huss, Werner, Karthago, CH Beck, Monaco 1990.
(4) Krenkel, Werner A., Tecnologia nell'antichità, Vandenhoeck & Ruprecht, Gottinga 1994.
(5) Schumacher, Leonhard, Slavery in Antiquity, CH Beck, Monaco 2001.
(6) Virgilio, Landleben, Artemis, Monaco, 1987.
(7) Zierer, Otto, Dalla servitù alla libertà, Das Bergland Buch, Salisburgo 1979.
(8) http://de.wikipedia.org/wiki/Karthago.
(9) http://de.wikipedia.org/wiki/History_Carthage.
(10) http://de.wikipedia.org/wiki/Marcus_Portius_Cato.