Categorie
ecologia

Soggioga la terra

Cosa significa veramente amore per la natura, conservazione della natura, benessere degli animali?

(Pubblicato su GralsWelt 4/1997)

Chiunque sia seriamente interessato al benessere degli animali, che scopra l'amore per la natura e il mondo vegetale, si trova presto di fronte a domande cruciali: anche le piante e gli animali soffrono? Sono coscienti? O l'uomo, come insegna l'etica cristiana, ha davvero il diritto di sottomettere la terra perché dovrebbe essere l'unico essere con un'anima immortale? Sulle tracce dei termini amore per la natura, conservazione della natura e benessere degli animali, arriviamo al fondo della nostra visione del mondo antropocentrica.

Solo pochi decenni fa, il benessere e la conservazione degli animali erano campi per piccoli gruppi di idealisti i cui sforzi non erano considerati particolarmente importanti dalla maggior parte delle persone. È solo di recente che le preoccupazioni degli ambientalisti hanno ricevuto molta più attenzione pubblica: ogni quotidiano riporta il degrado delle foreste, i "buchi dell'ozono", l'inquinamento dell'acqua e dell'aria o la crescente estinzione di intere specie animali e vegetali. Perché sempre più segnalazioni di catastrofi ambientali spaventano i cittadini e presentano alle istituzioni responsabili problemi a cui difficilmente possono resistere.

Tuttavia, ciò che non è ancora cambiato è il nostro atteggiamento di fondo nei confronti della natura, la nostra errata opinione che l'intera terra sia stata creata a disposizione arbitraria dell'uomo; in breve: quell'atteggiamento sbagliato che in Occidente viene percepito come naturale e che viene chiamato “etica antropocentrica”.

L'etica antropocentrica

Quando si parla di "etica" in Occidente, diamo per scontato che tutto il pensiero, il volere e l'agire etici sono legati solo alle persone. Così, nel corso della storia, da questa etica si può ed è stato facilmente dedotto che il benessere umano ha sempre la precedenza su altri valori, ad esempio la priorità sul diritto alla vita delle piante e degli animali.

Anche quando si parla di conservazione della natura, il "benessere" delle persone è in primo piano, spesso nemmeno quello, ma solo i loro interessi finanziari.

Chi potrebbe osare seriamente chiedere una limitazione della popolazione mondiale o una riduzione del prodotto nazionale lordo per garantire la sopravvivenza di specie animali o vegetali minacciate di estinzione da queste restrizioni? Le argomentazioni degli ambientalisti vengono prese sul serio – anche se con riluttanza – solo quando possono indicare il legame tra natura sana e benessere umano.

Solo in casi eccezionali ci rendiamo conto che abitualmente ci concentriamo sempre sulle persone e solo sulle persone e con la coscienza pulita accettiamo la sofferenza degli animali per i bisogni di alcune o molte persone, ad esempio per le loro abitudini alimentari.

Il nostro principio "La vita è il bene supremo" vale naturalmente anche per la sola vita umana. Ad esempio, quando si parla di esperimenti sugli animali, si dice regolarmente: "Si tratta se, con l'aiuto di questi tentativi, un gran numero di persone può essere risparmiato dalla sofferenza".

Mettere in discussione questo principio probabilmente sembrerebbe persino disumano a molte persone. Secondo la credenza prevalente, la sofferenza degli animali ha poca importanza rispetto alla sofferenza degli umani. Per dirla in termini estremi, la vita è per noi uno Gli esseri umani più di tutte le piante e gli animali messi insieme.

Questa visione fortemente egoistica è supportata da due scuole di pensiero completamente diverse che altrimenti non vanno esattamente d'accordo: la religione e il materialismo.

L'etica cristiana

Nell'etica cristiana, la dottrina secondo cui solo gli esseri umani possiedono un'anima immortale e "ragionevole" e sono di conseguenza destinati ad essere il signore della terra è stata mantenuta fino ad oggi. Chi non conosce la tanto citata parola dell'Antico Testamento: “Siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra e soggiogatela, e dominate sui pesci del mare, sugli uccelli del cielo e su ogni essere vivente che striscia sulla terra”. (Genesi 1:28)

Certo, questo punto di vista “cristiano”, che sottolinea l'etica antropocentrica, non era adatto anche a offrire un contrappunto a punti di vista estremamente materialistici, come le ipotesi del filosofo Cartesio (1596 – 1650), che vedeva gli animali come insensibili automi riflessi, del tutto ignari delle sofferenze inflitte loro dall'uomo.

Chi osserva con attenzione un animale anche solo per poche ore può vedere che una simile visione non può essere corretta; ma quando si parla dei cosiddetti “benefici dell'uomo”, come – a titolo di esempio – il profitto della lobby agricola, sia la teologia cristiana che la filosofia occidentale sembrano pronte a negare alle emozioni emotive animali, la capacità di soffrire, e la possibilità di sviluppo spirituale; di eccezioni come Arthur Schopenhauer (1788 – 1860) o Albert Schweitzer (1875 – 1965) a parte.

Anche gli ultimi 150 anni di ricerca scientifica non hanno potuto cambiare molto da questo punto di vista - anche se è stato dimostrato che anche l'uomo è un prodotto dell'evoluzione e che alcune "cose umane" risultano essere ereditate dal regno animale .

Gli scienziati naturali riconoscono oggi che i 200 milioni di anni di sviluppo dei mammiferi, che hanno preceduto i 10 milioni di anni dello sviluppo dell'"homo sapiens", hanno lasciato tracce evidenti nella psiche umana. Ma la conclusione inversa sulla natura psicologica degli animali altamente sviluppati è ovviamente difficile.

"Gli animali soffrono e riempiono l'aria con i loro sospiri,
Le foreste cadono alla distruzione,
Le montagne saranno aperte e spogliate dei metalli che crescono nelle loro vene.
Ma il comportamento umano è pronto a lodare e onorare quelli
Che, con le loro azioni, causano i maggiori danni alla natura e all'uomo”.

Leonardo DA VINCI (1452-1519)

I rapporti dell'uomo con le creature

La debacle con la malattia bovina BSE (encefalopatia spongiforme) è stata la ragione per cui molti hanno ripreso a familiarizzare con le condizioni dell'allevamento intensivo.

Tenere i polli in scatole con l'impronta di un piatto da portata; maiali o vitelli ammassati insieme sulle grate; Foraggi per bovini a cui si mescolano pecore morte trasformate in farina o escrementi di pollo, che contengono ancora più proteine: tutto questo va sotto il titolo di “allevamento adatto alla specie”, e solo pochi sono depressi quando questi poveri esseri, come puri fattori di produzione, nella loro breve vita né un podere, né un prato, vedono ancora sole e cielo. Si tratta di aumentare la produzione di prodotti animali. Il bestiame dovrebbe ingrassare il più rapidamente possibile. Il loro ciclo di vita dalla nascita al macello deve essere breve e redditizio.

Davvero, l'agrobusiness sta facendo del suo meglio per rovinare i nostri appetiti. Ma lei si lamenta, chiedendo a gran voce sussidi e risarcimenti se il consumo di carne diminuisce.

I rapporti dell'uomo con la creatura che è impotente alla sua mercé possono davvero essere giustificati negando che l'animale abbia un'anima? O che si arriva addirittura ad affermare che questo ordine è quello inteso dal Creatore? Altrimenti non avrebbe creato un mondo in cui la preda cade in mano al predatore? Di conseguenza, secondo questa logica non detta, il peggiore e il più spietato dei predatori - che si fa chiamare "homo sapiens" - rischia di prendere tutto ciò che può ottenere.

Ma come dobbiamo comportarci davvero nei confronti dell'animale?

Finora è stato dimostrato che l'etica diffusa dell'uomo occidentale non era proprio favorevole a trattare le creature in modo responsabile. Di conseguenza, i gruppi di interesse più diversi si sentono ancora confermati nei loro rapporti spesso spietati con la natura vivente. Gli amanti della natura e degli animali trovano ancora difficile opporsi alla sperimentazione animale e all'allevamento di massa, e i politici di solito sono dalla parte dell'industria, per la quale gli animali sono solo "cose" che puoi logorare come animali da laboratorio e con loro si può, come "fattori di produzione", si alternano secondo i "vincoli".

Chiunque picchi brutalmente il proprio cane può essere perseguito come crudeltà verso gli animali; chiunque torturi migliaia di animali contribuisce alla ricerca o all'economia.

Tuttavia, le polemiche non ci portano oltre. Per giungere a una posizione comune sulla questione della natura e della protezione degli animali, abbiamo innanzitutto bisogno di una base praticabile. Troveremo questo terreno comune solo quando finalmente riconosceremo che il nostro atteggiamento nei confronti dell '"ambiente" è meno una questione di benessere degli animali, questioni economiche o politiche e più una questione di visione del mondo; perché una prospettiva superiore è sempre inevitabile se si vuole cogliere un argomento serio, come lo è la domanda su cosa significhi veramente l'amore per la natura, la conservazione della natura e il benessere degli animali.

Senza l'esame della personale immagine interiore del mondo che ognuno di noi crea - consciamente o inconsciamente - non troveremo un rapporto sicuro con la natura, con gli animali e le piante.

Manfred Kybers La narrativa "Nachruhm" (vedi riquadro) è una narrazione stimolante, persino spaventosa, che tocca il nostro rapporto personale con le creature, la nostra responsabilità nei loro confronti. Chi li legge si trova di fronte a domande decisive:

Questa storia ha un background reale? Può avere qualcosa a che fare con la realtà (anche se non si tratta di stabilire se la rappresentazione Manfred Kybers è corretto in tutti i dettagli)? Questa storia – come molte fiabe e saghe che il suo stile ci ricorda – contiene forse anche verità?

Quindi può davvero essere che dobbiamo rendere conto delle nostre azioni nell'aldilà nell'aldilà? Che siamo responsabili di ogni nostro pensiero, ogni parola e ogni azione? Questa responsabilità dovrebbe estendersi oltre la nostra vita mortale? Può essere che le conseguenze delle nostre azioni debbano incidere su di noi - sia ancora sulla terra, sia nel cosiddetto "aldilà", o sia in una nuova vita, di nuovo qui sulla terra?

Se è così, allora dovrebbe essere la nostra prima e più importante preoccupazione osservare questa giustizia superiore onnicomprensiva, in modo da non farci prendere dalle conseguenze delle nostre azioni e dobbiamo essere scossi da questa giustizia. Ma prima di sapere perché viviamo e cosa dovremmo fare su questa terra, non saremo in grado di rispondere correttamente a nessuna domanda sulla vita.

La risposta alla domanda su cosa significhino realmente l'amore per la natura, la conservazione della natura e il benessere degli animali dipende molto dalla nostra visione del mondo: se solo vediamo la natura come un oggetto di sfruttamento; se crediamo di poter vivere e agire come se avessimo molti più pianeti in cui trasferirci dopo aver distrutto il nostro attuale pianeta natale, è tutto profondamente radicato in una certa visione del mondo, che, più coinvolta, ancora inconscia, è in contrasto sempre più netto con la realtà.

Come ci sentiamo nei confronti della natura?

Oggi, quando si tratta di questioni ideologiche, la maggioranza si affida agli insegnamenti scientifici e crede che tutti i problemi possano essere affrontati solo con metodi scientifici appropriati. Se qualcosa nella nostra società o anche nell'ambiente naturale non si sviluppa come desiderato, gli scienziati dovrebbero trovare il modo di porvi rimedio. Occorre aggiudicare contratti di ricerca, approvare leggi, ampliare la burocrazia e, soprattutto, mettere a disposizione i fondi necessari.

Se non è possibile tenere sotto controllo uno sviluppo pericoloso in questo modo; Se, ad esempio, il buco nell'ozono continua a crescere nonostante tutte le conferenze internazionali e le dichiarazioni di intenti politici, allora si è incomprensibili di fronte alle conseguenze del progresso, che nessuno ha voluto consapevolmente, ma che nessuno può più controllare .

L'uomo moderno pensa che tutto sia “dall'esterno”, cioè con l'intelletto per doverlo avvicinare con metodi scientifici.

La giustificazione di un tale approccio è fornita da costrutti di pensiero moderni e materialistici, che insegnano che il nostro mondo è nato solo per caso, che l'evoluzione della vita, compreso lo sviluppo umano, sarebbe di conseguenza un gioco d'azzardo senza senso e senza scopo.

E se si crede seriamente che l'intera armonia del cosmo sia il risultato di un cieco caso, è anche ovvio il pensiero che con un pensiero mirato e un'intensa ricerca si dovrebbero ottenere cose migliori di quanto l'imbarazzante, cieca possibilità della storia naturale sia stata in grado di fare .

Questo modo di pensare diffuso, che viene insegnato in quasi tutte le nostre scuole – anche se per lo più solo tacitamente – apre poi le porte a qualsiasi intervento sulla natura ea qualsiasi invasione delle sue forme di vita.

I seguaci di questa moderna eresia tendono a rischiare molto, forse tutto, per far avanzare ulteriormente il progresso tecnico ed economico. Che si tratti di tecnologia nucleare o manipolazione genetica, le persone che credono in visioni materialistiche del mondo non eviteranno alcun rischio se solo promette profitto o ulteriore crescita economica.

Di anno in anno, tuttavia, diventa sempre più difficile proteggere dal collasso l'innaturale forma d'arte della nostra civiltà scientifica e tecnica. Gli interventi necessari per mantenere questo sistema puramente materialistico stanno diventando sempre più drastici e rischiosi; cresce il pericolo che questa torre babilonese costruita contro natura vada fuori controllo e si ribalti.

Nel campo della protezione dell'ambiente e della conservazione della natura, questo è chiaro da tempo; non solo qui, ma in realtà in tutte le attività umane. Quasi ovunque manca la cosa decisiva: la linea guida della conoscenza indispensabile della creazione.

Ma da dove cominciare? Se, ad esempio, in un dibattito parlamentare sulle leggi sulla conservazione della natura, si è fatto riferimento a tali fatti della creazione - indipendenti dall'opinione umana - come sono presentati in Manfred Kybers L'unica cosa che si può ottenere leggendo la storia animale in appendice è farsi ridicolizzare dall'opinione pubblica.

Dovrebbe essere ovvio per chiunque pensi logicamente che potrebbero esserci anche leggi naturali in materia di conservazione della natura, cioè circostanze immutabili che si basano tanto poco sulla legislazione degli stati quanto il sole risponde ai nostri desideri nei suoi effetti.

L'uomo ha dimenticato Dio

Come sarà il nostro futuro in queste condizioni? In ogni caso, una cosa è certa: i problemi della conservazione della natura non possono essere superati con le vecchie ricette, e tutti gli approcci che vogliono solo rimediare alle conseguenze degli errori umani senza riconoscerne le cause più profonde rimarranno sforzi infruttuosi.

Il futuro richiederà di più dagli stati e da ogni singolo essere umano che aggrapparsi alla visione del mondo materialistica e incentrata sull'uomo che ha portato allo sfruttamento e all'oppressione di altre creature.

UNlexander sennitsyn disse quanto segue più di un decennio fa: "Più di mezzo secolo fa, quando ero ancora un bambino, ho sentito le persone anziane spiegare i tremendi shock che affliggevano la Russia in quel momento: 'La gente ha dimenticato Dio, da qui arriva tutto questo...'

Se ora mi chiedessero di nominare brevemente la caratteristica più essenziale dell'intero 20° secolo, allora ancora una volta non troverei niente di più preciso e pesante di 'la gente ha dimenticato Dio...'

Siamo testimoni, sia essa la distruzione forzata o l'autodistruzione volontaria del mondo. L'intero 20° secolo sarà risucchiato nel vortice dell'ateismo e dell'autodistruzione. E questa caduta del mondo nel baratro ha indubbiamente caratteristiche globali, è indipendente dallo stato, dal sistema politico, dal livello economico e culturale, dalle peculiarità nazionali. (Il mondo n. 128 del 4 luglio 1983).

Non è solo tra gli ambientalisti che ci sono sempre più persone che sentono che la nostra civiltà si è sviluppata in modo errato. Stanno cercando modi per porre rimedio alla situazione, vogliono rallentare la distruzione della natura, abolire la sperimentazione animale o fermare altri sviluppi malsani. Ma nella loro ricerca incontrano altri che vogliono che il progresso continui come è stato e che non vogliono vedere che non possiamo continuare come siamo stati.

Le controversie sulle misure necessarie per garantire il futuro del nostro pianeta e la vita che si sviluppa su di esso di solito finiscono in modo abbastanza spiacevole e ogni gradita illuminazione può portare solo a un successo parziale finché manca la conoscenza indispensabile dell'intero sistema e delle sue leggi. Io chiamo questo sistema "la creazione".

Abbiamo già affermato che la maggior parte delle persone è attaccata a una visione materialistica del mondo. In questo contesto, un “materialista” sarebbe una persona che, per convinzione, considera preziosa ed essenziale solo la materia terrena. L'orizzonte di una tale persona non si estenderà quindi oltre la sua attuale vita sulla terra, e farà riferimento al regno della superstizione il riferimento a contesti di creazione di livello superiore che raggiungono anche l'aldilà. Tuttavia, le persone che la pensano in questo modo stanno attualmente dominando la scena politica ed economica globale.

Conoscenza della Nuova Creazione

quando Alexander Zoenitsyn vede le cause delle catastrofi del 20° secolo nella perdita della fede in Dio, va aggiunto che possiamo rendere giustizia a tutte le questioni della vita, compreso ciò che è veramente la natura e l'amore umano, se ci occupiamo ulteriormente, cioè familiarizzare anche con le connessioni non materiali.

Ciò include, prima di tutto, la conoscenza che il mondo è stato creato. Dobbiamo abbracciare la consapevolezza che anche la nostra terra appartiene a una creazione sublime. Lei, la terra, è una minuscola parte di un'opera divina, della vera grandezza di cui i più potenti telescopi che scrutano il cosmo danno solo un vago barlume.

Questo universo si evolve sotto leggi perfette sostenute dalla volontà eterna del perfetto Dio Creatore. L'obiettivo principale e più importante di ogni essere umano è riconoscere queste leggi di Dio o della natura per allinearsi con esse. L'amore per la natura, la conservazione della natura, il benessere degli animali risulteranno quindi necessariamente da questo atteggiamento di base.

C'è molto di più nelle leggi della natura rispetto alle leggi della fisica e della chimica. Le leggi della creazione includono, per esempio, le leggi della vita che governano in modo assoluto la nostra esistenza personale in questo mondo così come nell'aldilà. Un'umanità che vuole vivere felicemente sul proprio pianeta deve cercare, riconoscere e obbedire a queste leggi superiori.

Dobbiamo anche osservare queste leggi globali della vita quando abbiamo a che fare con la natura: non è sufficiente classificare la vita vegetale e animale e fingere che la terra sia nostra proprietà, anche nostra schiava, con la quale possiamo fare ciò che vogliamo.

Il nostro atteggiamento verso la terra che conosciamo e i suoi esseri animati è modellato dalla nostra comprensione di queste leggi della vita che sono radicate nella natura. Questi ci mostrano anche il posto degli esseri umani e degli animali nella natura.

Quello che inizialmente era solo un fastidio si è trasformato in distruttivo in tutto ciò che pensa e fa, ovunque si trovi.

Si è posto al di sotto di tutte le creature.

Se prima conoscete a fondo la natura, dalla quale vi siete allontanati da tempo, allora è possibile che diventiate di nuovo persone che vivono nella volontà di Dio di creare e quindi raccogliere salute attraverso la natura per un lavoro gioioso e costruttivo sulla terra, che solo può aiutare lo spirito alla sua necessaria maturità!

Abd-ru-shin

vegetale, animale e umano

Noi umani siamo creature piene di contraddizioni. Da un lato, insegniamo che anche l'uomo è emerso come prodotto dell'evoluzione dal regno animale ed è di conseguenza vicino al mondo animale. D'altra parte, trattiamo l'animale come una pura "cosa" e gli neghiamo un'anima.

Per ottenere una migliore comprensione delle connessioni, la posizione dell'uomo e degli animali in natura dovrebbe prima essere chiarita. Cominciamo dalle piante, gli esseri viventi primari da cui dipendono tutti gli altri. Le piante sono indubbiamente vive, hanno le funzioni di assunzione di cibo - metabolismo - crescita - riproduzione che sono tipiche di tutta la vita organica e quindi differiscono fondamentalmente dalla materia cosiddetta "morta".

Anche nella pianta più semplice, un'influenza aggiuntiva crea un ordine superiore a quello che i soli processi chimici e fisici noti della sola materia "morta" sono in grado di fare. Un principio ordinatore superiore è ovviamente all'opera anche nella pianta più semplice, si trova su un livello di esistenza più alto di tutte le cose inanimate. Questo corroborante flusso di potere può essere descritto come "forza vitale" (vis vitalis), "essere interiore" o anche come "anima vegetale".

Con gli animali incontriamo qualcosa di più della "vis vitalis", cioè già una "coscienza dell'esistenza". Questo è più o meno pronunciato e indica che l'animale ha un'"anima". L'anima animale individuale viene reclutata da una "anima di gruppo".

Il termine "anima di gruppo" significa che ogni animale riceve una particella o una "goccia" per la vita sulla terra da una specie di creazione da cui emergono molte anime animali simili, che si assomigliano come una goccia di pioggia somiglia a un'altra. Dopo la morte dell'animale, la sua anima si fonde di nuovo nell'anima del grande gruppo. Ogni anima porta ciò che ha sperimentato nell'anima del gruppo e, a sua volta, contribuisce al suo sviluppo. Se vuoi un'immagine, puoi immaginare l'anima del gruppo come una nuvola da cui escono gocce, che iniziano un ciclo sulla terra, dopo di che rientrano nella nuvola.

Presumo che l'evoluzione terrena della vita animale sia connessa con lo sviluppo dell'anima di gruppo. Questo assorbiva le molteplici esperienze delle gocce dell'anima che tornavano sempre dalla terra, si rafforzava, si sviluppava e gradualmente formava diversi stadi di maturità. Questa evoluzione non deve essere ancora finita.

Quindi è assolutamente corretto quando si parla di animali "superiori", che non solo hanno una struttura corporea più differenziata, un cervello più potente, ma anche un'anima più sviluppata. I nostri animali domestici vengono reclutati da specie animali così altamente sviluppate (che ora preferiamo chiamare "animali da fattoria" e trattare di conseguenza).

Il nucleo tonificante dell'essere umano, d'altra parte, proviene da un livello di creazione diverso rispetto all'anima animale. Mentre questo ha un nucleo "essenziale", l'uomo ha un nucleo "spirituale". A differenza dell'anima di gruppo, il nucleo spirituale dell'essere umano è già un individuo all'inizio del suo sviluppo, dotato della capacità di prendere decisioni, unita alla responsabilità delle decisioni prese.

Nella natura della nostra terra possiamo quindi distinguere le seguenti fasi, che si costruiscono l'una sull'altra nello sviluppo:

Inanimato: la cosiddetta "materia morta"
animato: pianta
animato con anima: animale
animato di spirito: umano

Nell'animale si può riconoscere un compagno dall'anima che può provare sofferenza, paura, gioia, affetto. Animali altamente sviluppati "educano" i loro figli e, se necessario, si sacrificano anche per la loro prole; non sono inferiori agli umani quando si tratta di "amore materno", per esempio.

Abbiamo quindi tutte le ragioni per trattare l'animale – senza il quale non potremmo nemmeno vivere sulla terra – con il rispetto che è dovuto a un simile a cui, come noi, sono stati assegnati diritti di vita e opportunità di sviluppo su pianeta Terra dal Creatore.

Chiunque entri in contatto con gli animali, che si tratti di un cagnolino, di un maiale da riproduzione o di un animale da laboratorio, deve rendersi conto di avere a che fare con un essere vivente, il risultato di miliardi di anni di abusi fisici e mentali. Evoluzione.

Il modo in cui trattiamo questi simili consente di trarre conclusioni sullo stato intellettuale e culturale della nostra civiltà. Chiunque pensi di avere il diritto "per bilanciare tra la sofferenza dell'uomo e la sofferenza degli animali", deve essere consapevole della sua responsabilità verso il Creatore.

Chiunque lascia che gli animali soffrano per vanità, avidità o altri sforzi meno nobili non sarà in grado di nascondersi dietro il loro finto amore per l'umanità dall'inevitabile interazione delle leggi divine.

La seguente storia Manfred Kybers può servire come monito a non prendere troppo alla leggera ciò che potrebbe capitarci in giusta compensazione dopo la nostra morte. Saremo quindi in grado di uscire dalle leggi e dai regolamenti terreni, dalle opinioni di chiese, filosofi e comitati etici altrettanto poco quanto saremo in grado di parlare dell'opinione diffusa attualmente prevalente.

Sarebbe auspicabile che prevalesse in generale la conoscenza di base della vita dopo la morte, della connessione tra i pensieri e le azioni umane e del loro destino. Quindi ci sarebbero attori più responsabili che non hanno bisogno di regolamenti o controlli per trattare anche piante e animali in un modo di cui non hanno nulla di cui vergognarsi.

fama postuma

La cerimonia funebre presso la bara del famoso anatomista e preside dell'Istituto di Fisiologia della vecchia università si è rivelata un commovente omaggio degli ambienti accademici ai meriti del grande defunto...

Il sacerdote aveva appena terminato il suo intervento, che aveva commosso tutti profondamente: «Era un uomo esemplare e uno studioso esemplare», ha concluso, «era uno perché era l'altro, perché essere un grande ricercatore è essere un grande persona. Siamo alla bara di un uomo molto grande, con afflizione nelle nostre anime perché ci è stato portato via. Ma in nessun modo dovremmo piangere e lamentarci; perché questo grande morto non è morto, vive e ora sta davanti al trono di Dio nel pieno splendore di tutta la sua vita frenetica, come dice la Scrittura: Si riposano dalle loro opere e le loro opere le seguono!"

Tutti tacevano, commossi, e nessuno si accorse che il sacerdote aveva apparentemente dimenticato una piccola cosa, e cioè che il grande morto, che ora doveva stare davanti al trono di Dio, aveva passato tutta la sua vita in piedi per la convinzione che non c'era a tutti Dio darebbe. Ma tali sciocchezze vengono solitamente dimenticate negli elogi.

Allora il rettore dell'università si alzò in piedi con la catena d'oro dell'ufficio al collo e pronunciò calde parole di necrologio per il suo famoso collega con voce commovente: "Era sempre un ornamento della nostra vecchia alma mater e un ornamento della scienza, per al quale ha dedicato tutta la sua esistenza un esempio per noi e per tutti coloro che verranno dopo di noi, perché il suo nome risplenderà per sempre a lettere d'oro sulle tavole di marmo della cultura umana. In un momento solenne e solenne posso solo cogliere alcune delle sovrabbondanza della sua mente, solo indicare come ha accumulato instancabilmente prove dopo prove in innumerevoli esperimenti sugli animali. È inconcepibile quali prospettive senza precedenti aprano questi fatti medici completamente nuovi all'umanità sofferente e alla scienza in quanto tale.

Al nostro grande defunto non mancava un ricco riconoscimento, come possiamo affermare con gratitudine, gli furono concessi onorevoli segni di favore anche dalla più alta autorità," - tutti gli occhi erano rivolti con stupore al cuscino di velluto con le medaglie, che pesava un poche sterline - "Sì, poco prima della sua morte fu felicissimo di essere nominato al Real Secret Medical Council con il titolo di eccellenza, un onore che tutta la nostra università ha sentito come tale con lui. Per quanto ricca fosse la sua fama, la sua fama postuma sarà ancora più ricca per sempre, e noi, che piangiamo la sua perdita, vogliamo concedergli che ora riposa dal suo lavoro, che può passeggiare felicemente sul prato di Asphodelos con il grande spiriti di tutti i tempi quando le sue opere lo esaltarono, e così anch'io posso chiudere con le parole del mio oratore spirituale: E le loro opere le seguono!”

Tutti erano pieni di riverenza, in parte per la scienza europea e in parte per il titolo di eccellenza. Il Rettor Magnificus aveva solo trascurato la sciocchezza che la scienza europea chiama il prato di Asphodelos una favola e sostiene che i grandi spiriti del passato si sono dissolti in sostanze chimiche. Ma queste sono sciocchezze, ed è prerogativa dell'educazione moderna usare una parola greca per qualcosa a cui non si pensa più.

Il morto era stato lì tutto il tempo. Si sentiva come se non fosse cambiato molto. Ricordava solo di aver visto un bagliore molto luminoso, poi tutto era tornato alla normalità e a malapena sapeva di essere morto. Tutto in lui era più leggero, niente più pesantezza e nessuna grossolana materialità. Lo colse un grande stupore: dopotutto c'era vita dopo la morte, la vecchia scienza era giusta e quella nuova era sbagliata. Ma era più bello così e lo tranquillizzava molto, anche se all'inizio era un po' tormentato che non potesse più parlare con nessuno, che nessuno dei suoi familiari o colleghi si accorgesse di quanto fosse vicino a loro. Tuttavia, è stato confortante sentire come veniva celebrato e che la gente aveva parlato con tanta sicurezza del trono di Dio e del prato di Asphodelos. Certo – mancavano i titoli e le medaglie, non sembravano più tangibili. Ma non era ancora lui il grande studioso, il famoso ricercatore? Non diceva: e le loro opere li seguono?

Adesso era solo, i contorni della stanza si scurivano e si offuscavano nell'assenza di spazio. Era molto tranquillo, solo in lontananza la vecchia canzone svaniva, appena udibile: Quando ci spostiamo a Salem, la città delle strade dorate...

Ciò accadrebbe ora, forse presto. Una grande tensione lo riempì; ma in questa tensione c'era qualcosa di paura, qualcosa di indicibile, una grande domanda ansiosa che lo riempiva completamente. Era anche diventato così buio che non si vedeva più nulla.

Poi si fece luce e un angelo si fermò davanti a lui. Quindi c'era anche quello. Allora ci sarebbe anche un Dio ei molti morti che erano vivi, e la Gerusalemme spirituale. Com'era bello tutto! Ma l'angelo sembrava serio e molto triste.

"Dove stai andando?" chiese.

"In paradiso"

"Vieni!" disse l'angelo.

Grandi cancelli bui si aprirono silenziosamente ed entrarono in una stanza molto illuminata. Le pareti erano rosso sangue e innumerevoli animali mutilati si accovacciavano e piagnucolavano sul pavimento. Stesero le membra tagliate verso il morto e lo guardarono con occhi accecati e morti. Sempre più lontano, nell'imprevedibile, la tua linea si allungava. «Ecco le puttane a cui hai tagliato fuori vivi i piccoli. Non avevi figli che amavi? Quando i tuoi figli moriranno e cercheranno il loro padre in paradiso, ti troveranno qui. È il paradiso che ti sei creato. Ecco i gatti il cui udito hai distrutto sotto orribili torture. Dio ha dato loro un udito così acuto che è un miracolo della creazione. Non sentirai niente di più. Ecco le scimmie e i conigli che hai accecato. Non hai visto il sole per tutta la vita? Ora non vedrai altro che quegli occhi accecati e morti. Devo guidarti oltre? È una lunga, lunga fila”.

«È orribile», disse il morto.

"Lo è," disse l'angelo.

«Allora tutti questi animali sopravvivono?» chiese il morto.

"Tutti questi animali vivono con Dio", disse l'angelo, "non puoi andarci perché stanno davanti a te e ti accusano, non ti lasceranno passare. Quello che vedi qui sono le loro precedenti riflessioni, sono le tue opere e stanno con te. Sperimenterai tutti i tormenti su di te finché non rinascerai sulla terra per espiare. È una strada lunga e triste. Ma non saranno i tuoi soli compagni, ne hai un altro, guarda chi sta davanti a te in mezzo a tutte le tue opere!

Il morto alzò lo sguardo e vide un orribile fantasma con un volto umano, in una veste ricoperta di sporcizia e sangue, e con in mano un coltello. "Questa è la cosa più orribile che abbia mai visto", disse il morto, e fu preso da un orrore che non aveva mai provato prima. "Chi è questa bestia? Devo sempre guardarlo?"

"Lo sei," disse l'angelo.

«Ma la scienza?» domandò ansioso il morto «non l'ho servita io? Non sono io uno dei grandi spiriti, anche se ho commesso queste azioni?”

"I grandi spiriti erano fratelli degli animali e non carnefici", disse l'angelo, "avrebbero voltato le spalle a te se tu avessi osato arrampicarti su di loro. Ma non puoi avvicinarti a lei. Eri uno zero e non un grande spirito. Sapevi anche che eri un idiota, sapevi che non saresti venuto in mente nulla, ed è per questo che hai commesso tutti questi abomini per vanità, sperando che il caso potesse svelare alcuni dei misteri della natura per te se potessi torturare Poi venne la brama di omicidio, la rabbia del sovrano delle piccole anime. vedi tutto questo? Puoi vederlo chiaramente nel tuo riflesso, ha registrato fedelmente tutti i movimenti. Resta con lui, lava il suo vestito insanguinato e sporco finché non diventa bianco come la neve! Possono volerci mille anni, forse di più. Resta con lui perché non puoi sfuggirgli. È il tuo compagno e queste creature mutilate di Dio sono il tuo paradiso”.

"È tutto vero", disse il morto, "ma anche se pensavo e agivo così, non promuovevo comunque la conoscenza? La scienza non mi sosterrà dopo tutto?"

"Una conoscenza attraverso il crimine?" chiese l'angelo. “La scienza una volta aveva conoscenza quando era un tempio. Voglio mostrarti come appare la tua scienza oggi.» Una brutta luce gialla lampeggiò e il morto vide uno sciocco seduto che costruiva castelli di carte con le mani insanguinate. Una folata d'aria li fece cadere, ma lo sciocco continuò a costruire.

"È tutto?" chiese il morto, aggrappandosi alla veste dell'angelo per chiedere aiuto.

"Questo è tutto", disse l'angelo, "la tua scienza non insegna anche che non c'è Dio, non c'è punizione e non c'è vita dopo la morte? Devo andare ora. resta nel tuo paradiso!”

Manfred Kyber
Tratto da: "Collected Animal Stories", Christian Wegner Verlag, Amburgo, p.188 f.